BAFTA 2020: trionfo di 1917, la lista completa dei vincitori

BAFTA 2020: trionfo di 1917, la lista completa dei vincitori

Poche ore fa sono stati consegnati i BAFTA 2020, prestigiosi riconoscimenti assegnati dalla The British Academy of Film and Television Arts al meglio dell’industria cinematografica inglese e americana e fortissimo indicatore in chiave Oscar, che saranno invece consegnati nella notte fra il 9 e il 10 febbraio. A dominare su tutti è 1917, che si porta a casa ben sette premi, fra cui quelli riservati al miglior film, al miglior film britannico e al miglior regista. Gloria anche per Parasite, che conquista il premio per il miglior film non in lingua inglese e per la migliore sceneggiatura originale. Ormai definiti i dominatori delle categorie attoriali, con Joaquin Phoenix, Renée Zellweger, Laura Dern e Brad Pitt che portano a casa gli ennesimi premi. Vediamo nel dettaglio chi ha conquistato i BAFTA 2020 (in grassetto i vincitori).

BAFTA 2020: tutti i vincitori

BAFTA 2020

BAFTA 2020 al miglior film

Miglior film britannico

  • 1917 (Sam Mendes)
  • Bait (Mark Jenkin)
  • I due Papi (Fernando Meirelles)
  • Alla mia piccola Sama (Waad al-Kateab ed Edward Watts)
  • Rocketman (Dexter Fletcher)
  • Sorry We Missed You (Ken Loach)

Miglior film in lingua straniera

Miglior documentario

  • Diego Maradona (Asif Kapadia)
  • Apollo 11 (Todd Douglas Miller)
  • The Great Hack – Privacy violata (Karim Amer e Jehane Noujaim)
  • Alla mia piccola Sama (Waad al-Kateab ed Edward Watts)
  • Made in USA – Una fabbrica in Ohio (Steven Bognar e Julia Reichert)

Miglior debutto di un regista, sceneggiatore o produttore britannico

  • Mark Jenkin, Kate Byers e Lynn Waite – Bait
  • Waad al-Kateab ed Edward Watts – Alla mia piccola Sama
  • Álvaro Delgado-Aparicio – Retablo
  • Alex Holmes – Maiden
  • Harry Wootliff – Only You

Miglior film d’animazione

  • Shaun, vita da pecora: Farmageddon – Il film (Will Becher e Richard Phelan)
  • Frozen II – Il segreto di Arendelle (Jennifer Lee e Chris Buck)
  • Toy Story 4 (Josh Cooley)
  • Klaus – I segreti del Natale (Sergio Pablos)

Miglior regista

Miglior attore protagonista

  • Taron Egerton (Rocketman)
  • Adam Driver (Storia di un matrimonio)
  • Joaquin Phoenix (Joker)
  • Jonathan Pryce (I due papi)
  • Leonardo DiCaprio (C’era una volta a… Hollywood)

Migliore attrice protagonista

  • Jessie Buckley (A proposito di Rose – Wild Rose)
  • Scarlett Johansson (Storia di un matrimonio)
  • Saoirse Ronan (Piccole donne)
  • Charlize Theron (Bombshell)
  • Renée Zellweger (Judy)

Miglior attore non protagonista

  • Tom Hanks (Un amico straordinario)
  • Anthony Hopkins  (I due Papi)
  • Al Pacino (The Irishman)
  • Joe Pesci (The Irishman)
  • Brad Pitt (C’era una volta a… Hollywood)

Migliore attrice non protagonista

Miglior sceneggiatura originale

  • Noah Baumbach (Storia di un matrimonio)
  • Bong Joon-ho e Han Jin-won (Parasite)
  • Rian Johnson (Cena con delitto – Knives Out)
  • Quentin Tarantino (C’era una volta a… Hollywood)
  • Susanna Fogel, Emily Halpern, Sarah Haskins e Katie Silberman (La rivincita delle sfigate)

Miglior sceneggiatura non originale

  • Greta Gerwig (Piccole donne)
  • Todd Phillips e Scott Silver (Joker)
  • Anthony McCarten (I due Papi)
  • Steven Zaillian (The Irishman)
  • Taika Waititi (Jojo Rabbit)

Migliore fotografia

  • Jarin Blaschke (The Lighthouse)
  • Roger Deakins (1917)
  • Rodrigo Prieto (The Irishman)
  • Phedon Papamichael (Le Mans ’66 – La grande sfida)
  • Lawrence Sher (Joker)

Migliore montaggio

  • The Irishman (Thelma Schoonmaker)
  • Le Mans ’66 – La grande sfida (Andrew Buckland e Michael McCusker)
  • C’era una volta a… Hollywood (Fred Raskin)
  • Jojo Rabbit (Tom Eagles)
  • Joker (Jeff Groth)

Migliore scenografia

  • Dennis Gassner e Lee Sandales (1917)
  • Mark Friedberg e Kris Moran (Joker)
  • Barbara Ling e Nancy Haigh (C’era una volta a… Hollywood)
  • Bob Shaw e Regina Graves (The Irishman)
  • Ra Vincent e Nora Sopková (Jojo Rabbit)

Migliore colonna sonora

Migliori effetti speciali

  • Avengers: Endgame (Matt Aitken, Dan DeLeeuw, Russell Earl e Daniel Sudick)
  • 1917 (Greg Butler, Dominic Tuohy e Guillaume Rocheron)
  • The Irishman (Leandro Estebecorena, Nelson Sepulveda-Fauser, Stephane Grabli e Pablo Helman)
  • Star Wars: L’ascesa di Skywalker (Roger Guyett, Neal Scanlan, Patrick Tubach e Dominic Tuohy)
  • Il re leone (Andrew R. Jones, Robert Legato, Elliot Newman e Adam Valdez)

Miglior sonoro

  • Le Mans ’66 – La grande sfida (David Giammarco, Paul Massey e Steven A. Morrow)
  • Rocketman (Matthew Collinge, John Hayes, Mike Prestwood Smith e Danny Sheehan)
  • Joker (Todd Maitland, Tom Ozanich e Dean Zupancic)
  • Star Wars: L’ascesa di Skywalker (David Acord, Andy Nelson, Christopher Scarabosio, Stuart Wilson e Matthew Wood)
  • 1917 (Mark Taylor e Stuart Wilson)

Migliori costumi

  • Judy (Jany Temime)
  • Piccole donne (Jacqueline Durran)
  • C’era una volta a… Hollywood (Arianne Phillips)
  • The Irishman (Sandy Powell e Christopher Peterson)
  • Jojo Rabbit (Mayes C. Rubeo)

Miglior trucco e acconciatura

  • Bombshell (Vivian Baker, Anne Morgan e Kazuhiro Tsuji)
  • 1917 (Naomi Donne)
  • Joker (Kay Georgiou e Nicki Ledermann)
  • Rocketman (Lizzie Yianni Georgiou)
  • Judy (Jeremy Woodhead)

Miglior casting

  • C’era una volta a… Hollywood (Victoria Thomas)
  • Joker (Shayna Markowitz)
  • Storia di un matrimonio (Douglas Aibel e Francine Maisler)
  • The Personal History of David Copperfield (Sarah Crowe)
  • I due Papi (Nina Gold, Javier Braier, Barbara Giordani, Francisco Vedovati, Gabriel Villegas)

Miglior cortometraggio britannico

  • Learning to Skate In a Warzone (If You’re a Girl), di Carol Dysinger
  • Azaar (Myriam Raja)
  • Goldfish (Hector Dockrill)
  • Kamali (Sasha Rainbow)
  • The Trap (Lena Headey)

Miglior cortometraggio d’animazione britannico

  • Grandad was a romantic (Maryam Mohajer)
  • In Her Boots (Kathrin Steinbacher)
  • The Magic Boat (Naaman Azhari)

Miglior stella emergente

  • Micheal Ward
  • Awkwafina
  • Kaitlyn Dever
  • Kelvin Harrison Jr.
  • Jack Lowden

Marco Paiano

Marco Paiano

Fondatore di Lost in Cinema e collaboratore per N3rdcore. Amo il cinema in ogni sua forma, anche quelle meno riuscite. La prendo come viene.