Cannes 2020: i film che avrebbero partecipato al festival

Cannes 2020: i film che avrebbero partecipato al festival

Anche se Cannes 2020 non si terrà nel modo in cui siamo abituati a intendere un festival, il delegato generale Thierry Frémaux ha voluto comunque annunciare i film che avrebbero preso parte alla manifestazione. Un totale di 56 titoli, che potranno comunque fregiarsi nei materiali promozionali dell’etichetta Cannes 2020, ma saranno presentati nel corso di altre manifestazioni o debutteranno direttamente in sala. Nell’attesa di capire se il festival collaborerà con altre entità come Venezia, possiamo quindi capire come si sarebbe svolta la manifestazione, che fra i vari titoli avrebbe ospitato anche The French Dispatch di Wes AndersonÉté 85 di François Ozon e il nuovo film Pixar Soul.

La selezione di Cannes 2020

The French Dispatch

I fedeli

  • The French Dispatch, di Wes Anderson
  • Été 85, di François Ozon
  • True Mothers, di Naomi Kawasi
  • Lover’s Rock, di Steve McQueen
  • Mangrove, di Steve McQueen
  • Druk – Another Round, di Thomas Vinterberg
  • ADN, di Maïwenn
  • Last Words, di Jonathan Nossiter
  • Heaven: To the Land of Happiness, di IM Sang-soo
  • El olvido que seremos, di Fernando Trueba
  • Peninsula, di Sang-ho Yeon
  • In the Dusk, di Sharunas Bartas
  • Des hommes, di Lucas Belvaux
  • The Real Thing, di Koji Fukada

I nuovi arrivati

  • Passion simple di Danielle Arbid
  • A Good Man di Marie Castille Mention-Schaar
  • Les Choses qu’on dit, les choses qu’on fait di Emmanuel Mouret
  • Souad, di Ayten Amin
  • Limbo, Ben Sharrock
  • Rouge di Farid Bentoumi
  • Sweat, di Magnus von Horn
  • Teddy, di Ludovic e Zoran Boukherma
  • February, di Kamen Kalev
  • Ammonite, di Francis Lee
  • Un médecin de nuit, di Elie Wajeman
  • Enfant terrible, di Oskar Roehler
  • Nadia, Butterfly, di Pascal Plante
  • Here We Are, di Nir Bergman

Film collettivo

  • Septet: The Story of Hong Kong, di Ann Hui, Johnnie To, Tsui Hark, Sammo Hung, Yuen Woo-Ping, Patrick Tam e Ringo Lam

Le opere prime di Cannes 2020

  • Falling, di Viggo Mortensen
  • Pleasure, di Ninja Thyberg
  • Slalom, di Charlène Favier
  • Casa de antiguidades (Memory House), di Joao Paulo Miranda Maria
  • Broken Keys, di Jimmy Keyrouz
  • Ibrahim, di Samir Guesmi
  • Beginning (Au commencement), di Dea Kulumbegashvili
  • Gagarine, di Fanny Liatard e Jérémy Trouilh
  • 16 printemps, di Suzanne Lindon
  • Vaurien, di Peter Dourountzis
  • Garçon chiffon, di Nicolas Maury
  • Si le vent tombe (Should The Wind Fall), di Nora Martirosyan
  • John and The Hole, di Pascual Sisto
  • Striding into The Wind (Courir au gré du vent), di Wei Shujun
  • The Death of Cinema and My Father Too, di Dani Rosenberg

I documentari

  • The Billion Road, di Dieudo Hamadi
  • The Truffle Hunters, di Michael Dweck e Gregory Kershaw
  • 9 jours à Raqqa, di Xavier de Lauzanne

Le commedie di Cannes 2020

  • Antoinette dans les Cévennes, di Caroline Vignal
  • Les Deux Alfred, di Bruno Podalydès
  • Un triomphe, di Emmanuel Courcol
  • L’Origine du monde, di Laurent Lafitte
  • Le Discours, di Laurent Tirard

I film d’animazione di Cannes 2020

  • Aya to Mayo, di Goro Miyazaki
  • Flee, di Jonas Poher Rasmussen
  • Josep, di Aurel
  • Soul, Pete Docter

Marco Paiano

Marco Paiano

Fondatore di Lost in Cinema e collaboratore per N3rdcore. Amo il cinema in ogni sua forma, anche quelle meno riuscite. La prendo come viene.