Torino Film Festival 2020 Torino Film Festival 2020

Eventi

Torino Film Festival 2020: un evento dalla doppia anima

Pubblicato

il

Oggi si è tenuta la conferenza stampa di presentazione del Torino Film Festival 2020, in cui sono state annunciate le linee guida di un’edizione di svolta di questa gloriosa manifestazione. Come annunciato qualche mese fa, il festival avrà infatti una doppia anima: quella fisica tradizionale e una nuova, interamente online. Grazie a una sala virtuale di 500 posti, realizzata in collaborazione con MyMovies.it, sarà possibile vedere tutti i film in concorso e assistere a tutti gli eventi collaterali, come le conferenze stampa, le masterclass, le attività didattiche e numerosi contributi video. Ad aprire il Torino Film Festival 2020 sarà l’anteprima italiana di The Truffle Hunters, docufilm diretto e prodotto da Michael Dweck e Gregory Kershaw, con la produzione esecutiva di Luca Guadagnino.

La Stella della Mole diventa ufficialmente il simbolo del Torino Film Festival, dal momento che darà il nome al premio per i vincitori del concorso.

Torino Film Festival 2020: l’edizione della svolta

Il direttore del Torino Film Festival 2020 Stefano Francia di Celle in una foto di Maurizio Pisani

«L’edizione di quest’anno avrà questa doppia anima. All’apertura verso il web si affiancherà un forte e rinnovato legame con le realtà cinematografiche e culturali locali. Il mio obiettivo è di declinare i contenuti del festival anche in luoghi insoliti, coinvolgendo interlocutori e pubblici nuovi, alla (ri)scoperta di quello che Torino può dare. 12 punti, 12 luoghi che, disegnando la mappa del festival, evocano le 12 punte della Stella della Mole, il dodecaedro protagonista della nuova identità visiva della manifestazione», ha dichiarato il direttore del Torino Film Festival 2020 Stefano Francia di Celle.

Dello stesso avviso Enzo Ghigo, presidente del Museo Nazionale del Cinema: «Siamo consapevoli che si tratta di un grande cambiamento, che però tiene il passo con i tempi. Il cinema nasce per essere fruito in sala, è quello il suo posto, ma le nuove tecnologie ci permettono di arrivare ovunque, moltiplicando la forza comunicativa della settima arte. È con questo spirito che il TFF sbarca online, senza rinunciare alle sue origini, quando si chiamava ancora Cinema Giovani, trattando molti temi tra cui giustizia sociale e inclusione, visti attraverso l’occhio creativo di giovani cineasti».

In attesa di ulteriori dettagli, sono state confermate le seguenti masterclass:

  • Imprevedibile Stefania, con Stefania Sandrelli e Andrea Occhipinti, a cura di Massimo Sordella
  • Spedizione torinese, con Aleksandr Sokurov e i suoi allievi, a cura di Alena Shumakova
  • La natura nel cinema, con Giorgio Diritti e Paolo Pejrone, a cura di Gian Luca Favetto
  • Formare le nuove generazioni di filmmaker e attivisti, con Mohsen Makhmalbaf, a cura di Fedra Fateh e Vahid Rastgou
  • Cinema e uguaglianza sociale per un mondo più giusto e sostenibile, con Waad Al Kateab e Taghi Amirani, a cura di Fedra Fateh
  • Women in film: le voci in evoluzione delle donne nel cinema, ospiti in via di definizione, a cura di Fedra Fateh
Pubblicità

Eventi

RomaFF16: a Quentin Tarantino e Tim Burton il Premio alla Carriera

Pubblicato

il

Quentin Tarantino

RomaFF16 comincia a scaldare i motori, e lo fa col botto. Come si apprende dal sito ufficiale della manifestazione, la Festa del Cinema di Roma 2021 tributerà il suo prestigioso premio alla carriera a due monumenti viventi del cinema, i registi statunitensi Quentin Tarantino e Tim Burton. I due cineasti si concederanno anche il pubblico dell’evento, che si terrà dal 14 al 24 ottobre presso l’Auditorium Parco della Musica, in due incontri ravvicinati a loro dedicati.

Quentin Tarantino e Tim Burton a RomaFF16

RomaFF16

Questa la dichiarazione di Quentin Tarantino sul Premio alla Carriera che riceverà a RomaFF16:

C’è stato un momento della mia vita in cui guardavo qualsiasi film italiano. E ho dedicato gli anni migliori della mia carriera a realizzare la mia versione di questi film. Per questi motivi ricevere il Premio alla Carriera alla Festa del Cinema di Roma è fantastico (in italiano nel testo inglese, ndr)!

Queste invece le parole di Tim Burton:

È davvero speciale per me ricevere questo riconoscimento dalla Festa del Cinema di Roma. Federico Fellini, Mario Bava e Dario Argento sono stati importanti fonti di ispirazione nella mia vita. Ritirare questo premio a Roma, un luogo che amo, una città che ti fa sentire protagonista del tuo stesso film, è per me molto emozionante.

Protagonista di un altro incontro ravvicinato della Festa del Cinema di Roma 2021, che avrà come Direttore Artistico Antonio Monda, affiancato da un Comitato di Selezione composto da Richard Peña, Giovanna Fulvi, Alberto Crespi, Francesco Zippel e Valerio Carocci, sarà la scrittrice londinese Zadie Smith, una delle voci più potenti e acute della sua generazione. Il suo primo romanzo Denti bianchi è divenuto immediatamente un caso letterario mondiale. La retrospettiva della sedicesima edizione della Festa, a cura di Mario Sesti, sarà dedicata invece ad Arthur Penn, uno degli autori più amati e rappresentativi della storia della Settima Arte.

Continua a leggere

Eventi

Dune di Denis Villeneuve sarà presentato a Venezia 78

Pubblicato

il

La Mostra del Cinema di Venezia cala il primo importante asso per la prossima edizione della manifestazione. Come si apprende dal sito ufficiale della Biennale, Dune di Denis Villeneuve sarà presentato fuori concorso, in prima mondiale, a Venezia 78. Prodotto da Warner Bros. Pictures e da Legendary Pictures, Dune è l’attesissimo adattamento per il grande schermo dell’omonimo, influente romanzo di fantascienza del 1965 di Frank Herbert. Il film sarà proiettato venerdì 3 settembre 2021 nella Sala Grande del Palazzo del Cinema al Lido di Venezia.

Dune è interpretato da un cast stellare composto da Timothée Chalamet, Rebecca Ferguson, Oscar Isaac, Josh Brolin, Stellan Skarsgård, Dave Bautista, Sharon Duncan Brewster, Stephen McKinley Henderson, Zendaya, Chang Chen, David Dastmalchian, con Charlotte Rampling, Jason Momoa e Javier Bardem.

Dune sarà presentato in prima mondiale a Venezia 78

Dune

Denis Villeneuve ha diretto Dune e ha scritto la sceneggiatura insieme a Jon Spaihts ed Eric Roth, basata sul romanzo omonimo scritto da Frank Herbert. Il film è prodotto da Mary Parent, Denis Villeneuve, Cale Boytere Joe Caracciolo, Jr. I produttori esecutivi sono Tanya Lapointe, Joshua Grode, Herbert W. Gains, Jon Spaihts, Thomas Tull, Brian Herbert, Byron Merritt e Kim Herbert. Questa la sinossi ufficiale del film:

Viaggio mitico ed emozionante di un eroe, Dune narra la storia di Paul Atreides, giovane brillante e dotato di talento, nato per andare incontro a un destino più grande della sua immaginazione, che deve raggiungere il più pericoloso pianeta dell’universo per assicurare un futuro alla sua famiglia e al suo popolo. Mentre forze malvage combattono per l’esclusivo possesso della più preziosa risorsa esistente sul pianeta — una spezia capace di liberare tutte le potenzialità della mente umana — solo coloro i quali sapranno sconfiggere le proprie paure sopravviveranno.

Continua a leggere

Eventi

Cannes 2021, i film in concorso. L’Italia presente con Nanni Moretti

Pubblicato

il

Cannes 2021

Cannes 2021 comincia a prendere forma. Sono infatti stati annunciati i titoli in concorso e fuori concorso che saranno presentati durante la prossima edizione della manifestazione. Fra i tanti lavori degni di nota, spiccano sicuramente Annette di Leos Carax, che sarà anche il film d’apertura, Benedetta di Paul Verhoeven, The French Dispatch of the Liberty, Kansas Evening Sun di Wes Anderson e Tre piani di Nanni Moretti, unico film italiano in concorso. Niente da fare invece per altri titoli che secondo i rumor avrebbero potuto fare parte di Cannes 2021, fra cui citiamo The Power of the Dog di Jane Campion e la nuova fatica di Paul Thomas Anderson Soggy Bottom. Vediamo cosa ci aspetta.

The French Dispatch

Concorso – Cannes 2021

  • Annette di Leos Carax (film d’apertura)
  • Benedetta di Paul Verhoeven
  • Bergman Island di Mia Hansen-Løve
  • Doraibu mai kā di Ryūsuke Hamaguchi
  • A feleségem története di Ildikó Enyedi
  • Flag Day di Sean Penn
  • La Fracture di Catherine Corsini
  • France di Bruno Dumont
  • The French Dispatch of the Liberty, Kansas Evening Sun di Wes Anderson
  • ha’Derech di Nadav Lapid
  • Haut et fort di Nabil Ayouch
  • Hytti nro 6 di Juho Kuosmanen
  • Les Intranquilles di Joachim Lafosse
  • Lingui di Mahamat-Saleh Haroun
  • Memoria di Apichatpong Weerasethakul
  • Nitram di Justin Kurzel
  • Les Olympiades di Jacques Audiard
  • Petrovy v grippe di Kirill Serebrennikov
  • Qahremān di Asghar Farhadi
  • Red Rocket di Sean Baker
  • Titane di Julia Ducournau
  • Tout s’est bien passé di François Ozon
  • Tre piani di Nanni Moretti
  • Verdens verste menneske di Joachim Trier

Un Certain Regard – Cannes 2021

  • After Yang di Kogonada
  • Blue Bayou di Justin Chon
  • Bonne Mère di Hafsia Herzi
  • Bağlılık Hasan di Semih Kaplanoğlu
  • La civil di Teodora Ana Mihai
  • Delo di Aleksej Alekseevič German
  • Dýrið di Valdimar Jóhansson
  • Freda di Gessica Généus
  • Let It Be Morning di Eran Kolirin
  • Un monde di Laura Wandel
  • Moneyboys di C. B. Yi
  • Noche de fuego di Tatiana Huezo Sánchez
  • Razžimaja kulak di Kira Kovalenko
  • Rehana Maryam Noor di Abdullah Mohammad Saad
  • De uskyldige di Eskil Vogt
  • Women Do Cry di Mina Mileva e Vesela Kazakova

Fuori concorso – Cannes 2021

  • Aline di Valérie Lemercier 
  • BAC Nord di Cédric Jimenez
  • Bisangseon-eon di Han Jae-rim
  • De son vivant di Emmanuelle Bercot
  • Stillwater di Tom McCarthy
  • The Velvet Underground di Todd Haynes (documentario)

Première – Cannes 2021

  • Cette musique ne joue pour personne di Samuel Benchetrit
  • Cow di Andrea Arnold
  • Dangsin eolgul ap-eseo di Hong Sang-soo
  • Evolution di Kornél Mundruczó
  • Jane par Charlotte di Charlotte Gainsbourg
  • JFK: Through the Looking Glass di Oliver Stone (documentario)
  • Mothering Sunday di Eva Husson
  • Serre-moi fort di Mathieu Amalric
  • Tromperie di Arnaud Desplechin
  • Val di Ting Poo e Leo Scott

Proiezioni speciali

  • Babyn Yar. Context di Serhij Volodymyrovyč Loznycja (documentario)
  • Black Notebooks di Shlomi Elkabetz
  • O marinheiro das montanhas di Karim Aïnouz
  • The Year of the Everlasting Storm di Jafar Panahi, Anthony Chen, Malik Vitthal, Laura Poitras, Dominga Sotomayor, David Lowery e Apichatpong Weerasethakul

Proiezione di mezzanotte

  • Oranges sanguines di Jean-Christophe Meurisse
Continua a leggere
Pubblicità