La donna che visse due volte: curiosità del film di Alfred Hitchcock

La donna che visse due volte: curiosità del film di Alfred Hitchcock

La donna che visse due volte (Vertigo il titolo originale) è un film del 1958 diretto da Alfred Hitchcock, tratto dal romanzo D’entre les morts. James Stewart e Kim Novak sono i protagonisti di questo capolavoro che dopo più di 60 anni non ha perso il suo vigore, un film che è ancora oggi una pietra miliare del cinema di tutti i tempi. Un noir onirico che non ebbe grande fortuna al suo debutto, che non venne compreso né dal pubblico né dalla critica, poiché probabilmente era troppo all’avanguardia per il suo tempo.

Il maestro del brivido attraverso La donna che visse due volte racconta una storia particolare su un agente che soffre di acrofobia. John Ferguson si trova costretto a lasciare il suo impiego in polizia a causa della sua fobia del vuoto e delle vertigini che gli impediscono di compiere adeguatamente il suo lavoro. Un giorno viene avvicinato da un suo amico che gli chiede un favore personale, ovvero pedinare la moglie poiché crede che abbia gravi problemi psichici: secondo lui Madeleine, durante la giornata, cade in uno stato di totale incoscienza in cui sembra essere posseduta dallo spirito di un’altra donna, Carlotta Valdes, sua bisnonna morta suicida un secolo prima.

John è molto dubitante del reale aspetto di possessione di cui il marito è fermamente convinto, ma pur incredulo comincia a seguire Madeleine scorgendo in lei delle particolarità, delle anomalie nelle quali resta intrappolato fino a rimanerne inevitabilmente affascinato. Ferguson, ormai rapito dall’infelice donna, si troverà inaspettatamente travolto da un vortice di tragedie, sparizioni e incertezze che lo porteranno quasi al limite della pazzia.

Curiosità del capolavoro di Alfred Hitchcock

La donna che visse due volte

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lucia Tedesco

Scrittrice compulsiva. Appassionata di Cinema, Filosofia e Politica.