Quentin Tarantino Quentin Tarantino

Focus

Quentin Tarantino intervista John Milius: due leggende a confronto

Pubblicato

il

Sul sito del New Beverly Cinema, di proprietà di Quentin Tarantino, si trovano diversi scritti di inestimabile valore per i cinefili, fra cui le imperdibili recensioni scritte dal regista americano. Fra i tanti articoli, vale la pena soffermarsi su uno in particolare: l‘intervista concessa nel 1982 da John Milius a Tarantino, che ai tempi era in procinto di compiere 20 anni. Una vera e propria lezione di cinema, in cui l’allievo Tarantino si confronta ad armi pari con il maestro Milius, dimostrandogli tutto il suo amore ma riservandogli anche qualche stilettata, come una motivata critica al suo esordio dietro la macchina da presa Dillinger.

Sorprendentemente, il capolavoro di Milius Un mercoledì da leoni non viene nemmeno citato durante il colloquio (ma Tarantino ha scritto una recensione sul film), mentre trova spazio un’ampia disamina su L’uomo dai 7 capestri, diretto da John Huston sulla base di una sceneggiatura dello stesso Milius, piuttosto critico sul lavoro dietro alla macchina da presa del collega.

Fra le pieghe dell’intervista, si possono però notare alcune suggestioni che Tarantino ingloberà nel suo cinema. Proprio L’uomo dai 7 capestri, che Tarantino descrive a Milius come la sua sceneggiatura preferita, sarà citato per due volte nella filmografia del cineasta americano: la prima in Pulp Fiction, con il fittizio passo biblico Ezechiele 25:17 che ha diverse analogie con uno recitato da Anthony Perkins nella sopracitata pellicola; l’altra, ancora più esplicita, in C’era una volta a… Hollywood, con il tema principale de L’uomo dai 7 capestri Miss Lily Langtry che risuona nel finale dell’ultima fatica di Tarantino. Lo stesso regista svela inoltre che la battuta “Essere leali è molto importante” di Pulp Fiction gli è stata suggerita proprio da Milius in questa intervista di 12 anni prima, che trovate tradotta nelle righe successive.

Quentin Tarantino e John Milius: la traduzione dell’intervista

John Milius

John Milius in un’intervista

Questa intervista con lo sceneggiatore e regista John Milius è stata fatta quando avevo vent’anni (e si vede). L’ultimo film che aveva realizzato in quel momento era Conan il barbaro. Ho solo chiamato la sua assistente dicendole che stavo scrivendo un libro, e lei mi ha organizzato un’intervista con lui. L’ho incontrato due volte per l’intervista. La prima volta è stata nel suo ufficio alla Paramount. La seconda volta è stata sul set del film Fratelli nella notte, che lui stava producendo. Mi ha detto che non voleva Gene Hackman come protagonista, voleva James Arness!

In seguito, sono diventato amico di Big John. All’inizio del 1995, prima degli Academy Awards, sono andato a caccia di anatre con John Milius, Steven Spielberg e Robert Zemeckis. John e io ci siamo seduti in un nascondiglio tutto il giorno, sorseggiando whisky da una boccetta, parlando di film e sparando alle code piumate delle anatre. Questa è solo una parte. Un giorno scriverò di più.

Allievo e maestro a confronto

L’uomo dai 7 capestri

Quentin Tarantino: Per cominciare, vorrei che tu sapessi che la sceneggiatura de L’uomo dai 7 capestri è in assoluto la mia preferita.

John Milius: Accidenti, grazie. Anche a me piace molto. Spero che tu abbia letto la mia sceneggiatura. La sceneggiatura è molto meglio del film.

Quentin Tarantino: Hai ricevuto il credito esclusivo della sceneggiatura, ma ti ho sentito dire nelle interviste che John Huston ha rovinato la tua sceneggiatura.

John Milius: Beh, mi ha fatto riscrivere tutto. Ma poi mi ha detto che voleva che facessi questo e quello, soprattutto per disattenzione.

Quentin Tarantino: Se lo avessi diretto tu, in che modo sarebbe stato diverso?

Milius: Sarebbe stato molto diverso! Il film è una specie di versione povera di Butch Cassidy, o qualcosa del genere. Penso che soffra una mancanza di coinvolgimento, sicuramente. Non è né carne né pesce. Adoro Paul Newman, penso che sia un attore meraviglioso, ma non credo che fosse la scelta migliore per il ruolo del giudice Roy Bean. E ancora e ancora. Tutti i personaggi, tutte le persone che recitano piccole parti nel film, piccoli cameo e altre cose. L’aspetto del film non è mai stato del tutto giusto per me. C’è un tono nel film che non funziona. Odio dirlo, ma sembra un western di Beverly Hills. C’è un sentimento che originariamente non c’era. Nella sceneggiatura, è un film molto più forte.

Quentin Tarantino: Nella sceneggiatura, è un tipo di western sangue e fegato, molto sporco.

John Milius: Era un film molto duro.

L'uomo dai 7 capestri

Stacy Keach ne L’uomo dai 7 capestri

Quentin Tarantino: Nel film ci sono tutti questi cameo, queste star che entrano in scena.

John Milius: Sì, tutta quella roba era nella sceneggiatura, narrata da questi personaggi. C’era una quantità eccezionale di umorismo nella sceneggiatura originale. Più umorismo di quanto non ci sia nel film. Ma aveva ancora un sentimento paragonabile a quello di un film di Sergio Leone.

Quentin Tarantino: Una specie di C’era una volta il West?

John Milius: Sì, più vicino di quanto lo sia il film. Il buono, il brutto e il cattivo sarebbe probabilmente un buon esempio.

Quentin Tarantino: Quando la maggior parte della gente pensa a te, pensa al signor Macho (soprannome dato al regista per la sua predilezione per personaggi e tematiche particolarmente virili, ndr).

John Milius: (ridendo) Non è una cosa terribile?

Quentin Tarantino: Ogni volta che un critico recensisce uno dei tuoi lavori, prima di proferire parola sul film, ti chiama Mr. Macho.

John Milius: Sanguinario, o qualcosa del genere.

Quentin Tarantino: Quando Time Magazine ha recensito Conan il barbaro, era Time o Newsweek, si è riferito a te come il Peck’s Bad Boy della USC.

Milius si lascia andare a una fragorosa risata.

Conan il barbaro

Arnold Schwarzenegger in Conan il barbaro

Milius: Non mi dispiace essere Peck’s Bad Boy! Mi piace molto più di Mr.Macho. Sono stato chiamato da Andrew Sarris un barbaro di talento. Ma non credo di poter mantenere quel titolo dopo Conan il barbaro.

Tarantino: Una deviazione rispetto a questo, ne L’uomo dai 7 capestri, è che il giudice è estremamente romantico. Il modo in cui parla di Lily Langtry (la famosa attrice teatrale che ama a distanza), poi la scena nel deserto con Maria Elena (Victoria Principal). Le chiede cosa vuole, e lei risponde: “Vorrei una scatola che quando la apri suona una canzone”. Lui dice: “Vuoi dire un carillon? Oppure ti prenderò un organo a canne”. Quindi le canta The Yellow Rose of Texas. È vecchio e irascibile, ma a suo modo anche romantico ed eloquente.

Milius: Sono un romantico senza speranza! Questo è ciò che sono, sopra ogni altra cosa! I miei film sono pieni di romanticismo spiccio.

Tarantino: L’ultima scena, in cui Lily Langtry legge la lettera scritta dal giudice, è semplicemente bellissima.

Milius: Era molto meglio nella sceneggiatura. Perché nella sceneggiatura lui ritorna e c’è questo grande scontro a fuoco. Non è un fantasma, come nel film. Quello che torna è un vecchio uomo sconfitto. E sua figlia è nei guai con tutti i nuovi elementi in città, rappresentati meglio nella sceneggiatura. Molto più realistici e dettagliati. C’è un brutto elemento nella città. A differenza del film, non è questa ragazza tosta che spara a tutti. Lui torna, e lei non sa mai che è lui. Da solo, questo vecchio ubriaco scende, spazza via quei ragazzi e viene ucciso. Rimane solo Tector.

Quentin Tarantino

La scena finale di C’era una volta a… Hollywood, accompagnata dal brano Miss Lily Langtry, uno dei temi principali de L’uomo dai 7 capestri

Quentin Tarantino: Il personaggio di Ned Beatty?

John Milius: Sì. Viene lasciato in vita e capisce che era lui. Lo mette in una bara di legno di pino, e il giorno dopo, o quello dopo ancora, arriva Lily Langtry in città. La bara viene messa sul treno mentre legge la lettera (ride da solo). Ricordo che c’è qualcosa che amo in lei che legge la lettera mentre due ragazzi discutono sull’eventualità di mettere la bara sul treno al caldo, perché puzzerà. Si chiedono se inserirlo nella parte posteriore del treno o in quella anteriore (ride).

Lui è l’eroe del film, e loro si lamentano di come puzzerà quando si decomporrà, dovranno preoccuparsi del suo odore. Lei sta leggendo la lettera su come staranno insieme e contemporaneamente vediamo il riflesso nella finestra di loro che spingono la bara sul treno. Poi se ne vanno insieme. Lui non la incontra mai, ma quando alla fine lascia la città che ha creato, parte con Lily Langtry. È una scena molto potente, con una lacrima che le esce dagli occhi. Ma la cosa bella è che la figlia non sa mai che suo padre è tornato.

Quentin Tarantino: Non saprei. La loro conversazione nel film è una scena così bella.

John Milius: Si incontrano, ma lui non le dice di essere suo padre. Le dice solo che era uno degli sceriffi di suo padre.

Quentin Tarantino: Quindi gli sceriffi non tornano?

John Milius: No. Gli sceriffi sono spariti da tempo. Li spazza via da solo. E dice a sua figlia: “Ho solo cavalcato con lui. Tuo padre era un uomo eccezionale. Non come me. Non mi sono mai sentito all’altezza di tuo padre”. Scena molto, molto, molto potente.

Dillinger, scritto e diretto da John Milius

Quentin Tarantino: Ti descrivi come un romantico senza speranza. Ma per me la parte di Dillinger che non funziona è quella centrale, quando Dillinger (Warren Oates) e Billie Frechette (Michelle Phillips) vanno via insieme. L’intero montaggio romantico di loro due nella barca a remi, o che camminano nei boschi, dava l’impressione che tu non ci avessi messo davvero il cuore dentro. Tuttavia, più avanti nel film, durante le grandi riprese, Billie Frechette afferra una Tommy Gun e inizia a far saltare gli uomini del governo, dando a Dillinger la copertura di cui ha bisogno, urlando: “Corri, Johnny, corri!”. Questo sì che è romantico!

John Milius: Beh, la lealtà è sempre una qualità che ammiro nelle persone. Essere leali è molto importante. (NOTA: anni dopo uso questa precisa frase in Pulp Fiction). È molto facile innamorarsi l’uno dell’altro. È molto facile essere rapiti dalle idee. Ma riuscire o non riuscire a rimanere fedele è una prova di chi sei. Quando dai la tua parola è molto importante, è una prova morale con se stessi, sul mantenere o meno la lealtà.

Quentin Tarantino: Warren Oates rappresentava davvero Dillinger com un vero uomo degli anni Trenta, portato alle sue circostanze attraverso il clima dei tempi. Tuttavia, mi chiedo se un personaggio più d’azione si sarebbe adattato meglio ai tuoi scopi. Un attore come William Smith. Puoi credere che Michelle Phillips ucciderebbe chiunque per salvare William Smith. Non Warren Oates.

Quentin Tarantino

Una celeberrima scena di Pulp Fiction

John Milius: Warren è sempre stato uno dei miei attori preferiti. Volevo che Warren fosse il giudice.

Quentin Tarantino: Pensavo volessi Lee Marvin.

John Milius: Sì, ho pensato anche a lui. Ma inizialmente volevo fare un film a basso budget. Volevo che fosse il mio primo film e che spendessimo meno di quanto abbiamo effettivamente speso per Dillinger. Girato in Spagna. In qualche piccola città malsana, con avanzi di Sergio Leone e con Warren come giudice. Penso che Warren sarebbe stato meraviglioso in quel ruolo. Qualcosa di assolutamente fantastico. Come Dillinger è stato molto bravo. Ma forse William Smith sarebbe stato un Dillinger più dinamico. Warren ha davvero interpretato bene quella parte.

Quentin Tarantino: Visto che l’abbiamo citato, lasciami dire che il tuo casting di William Smith nei panni del padre di Conan è geniale. Quando vivevo nel Tennessee con mia nonna, ero in quinta elementare, adoravo andare al cinema, ma non c’erano sale nella nostra città. Avevamo solo un drive-in, il South Clinton Drive-In. Fatta eccezione per i film del sud, come McKlusky, metà uomo metà odio e Un duro per la legge, non davano mai film nuovi. Di solito erano film d’exploitation. Ma film d’exploitation di alcuni anni prima. Quindi molti film di biker. In gran parte interpretati da William Smith. Mitch, Gli angeli pestano duro, Un mucchio di bastardi.

John Milius: Adoro Un mucchio di bastardi. È quello dove vanno in Vietnam?

Quentin Tarantino: Sì.

John Milius: Grande ispirazione per Apocalypse Now.

Quentin Tarantino: Davvero? Un mucchio di bastardi?

John Milius: Sì, motociclisti in Vietnam, surfisti in Vietnam, stessa idea. Ho scritto un intero pezzo su Film Comment su come i motociclisti siano incompresi. Ho scritto che in Easy Rider Peter Fonda e Dennis Hopper sono morti per i peccati di William Smith.

Apocalypse Now

Apocalypse Now, scritto da John Milius

Quentin Tarantino: William Smith è il mio attore preferito. Di solito interpreta i cattivi. Ma mi piacerebbe vederlo recitare parti più eroiche. Penso che sia come Charles Bronson negli anni sessanta. Come Bronson, penso che potrebbe fare la transizione da cattivo a eroe.

John Milius: Non ci sono dubbi.

Quentin Tarantino: Ecco perché ero entusiasta di vederlo recitare una parte eroica in Conan il barbaro, e non solo un barbaro cattivo che Conan uccide.

John Milius: Sì, adoro la sua scena nel film. Adoro quando tiene il suo grande discorso all’inizio. The riddle of steel. Non è molto, ma lo adoro. E il fatto che ha combattuto valorosamente per il villaggio contro l’orda. Ed è stato fatto da un branco di rottweiler! Ci volevano dei rottweiler per far cadere William Smith (ride)!

Quentin Tarantino: Hai prodotto Hardcore per Paul Schrader?

John Milius: Sì. Una sceneggiatura meravigliosa che si è rivelata un film schifoso. Incolpo la direzione di Paul per questo.

Quentin Tarantino: Ho sentito che ad un certo punto sembrava che dovesse esserci Warren Beatty nel ruolo di George C. Scott. E assurdamente doveva essere la moglie di Beatty a scappare per fare film porno, invece della figlia?

John Milius: È stato imbarazzante vedere Beatty sedurre Paul come una ragazza, cercando di convincerlo.

Quentin Tarantino: Schrader ha detto che gli hanno fatto cambiare il finale rispetto a quello che aveva scritto.

John Milius: (sbuffa) Nessuno gli ha fatto cambiare nulla, ha fatto esattamente quello che voleva.

Quentin Tarantino: Adoro il suo film Rolling Thunder.

John Milius: L’ha scritto per me come regista.

Quentin Tarantino: (sorpreso) Davvero?

John Milius: Ha scritto la sceneggiatura, me l’ha data e ha detto: questo è il tuo film.

Quentin Tarantino: Perché non l’hai fatto?

John Milius: Oh, non lo so. Non pensavo di voler fare qualcosa di così cupo in quel momento.

Quentin Tarantino: Ho intervistato il regista John Flynn, e ha detto che la sceneggiatura di Schrader era infilmabile.

John Milius: No, era fantastica. Era una buona sceneggiatura, con delle cose meravigliose. Paul al suo meglio.

Pubblicità

Focus

Piattaforme streaming: Prime Video tallona Netflix in Italia secondo JustWatch

Pubblicato

il

Amazon

Il celebre portale JustWatch, guida internazionale per lo streaming che ogni mese aiuta più di 20 milioni di persone a trovare i loro contenuti preferiti sulle principali piattaforme, ha pubblicato le statistiche di utilizzo relative al secondo trimestre del 2021. Lo stesso sito aveva delineato un quadro abbastanza chiaro dell’utilizzo delle piattaforme streaming in Italia nei primi tre mesi dell’anno, con Netflix poco più avanti di Amazon Prime Video, seguiti a distanza da Disney+. A quanto pare, la battaglia fra le due principali piattaforme streaming è sempre più accesa nel secondo trimestre del 2021: Netflix ha infatti perso una piccola quota di utenti, arretrando fino al 29% del totale, con Prime Video che invece è sempre stabile al 28%. A guadagnare dallo stallo di Netflix è Disney+, che in pochi mesi passa dal 13% al 15% del totale, con la prospettiva di avvicinare sempre di più i propri principali competitor.

Piattaforme streaming: Amazon Prime Video sempre più vicino a Netflix per gli utenti italiani

Piattaforme streaming

Come avevano evidenziato anche i dati dello scorso trimestre, alle altre piattaforme streaming rimangono le briciole. Now e TimVision sono ancora appaiate al quarto posto nelle preferenze degli utenti, ma la loro quota passa dal 7% al 6% del totale. Stabile al sesto posto Infinity, fermo al 4% di utilizzo per gli utenti italiani. Tutte le altre piattaforme complessivamente arrivano al 12%. Chiaro segnale di una competizione sempre più serrata fra le varie piattaforme, da cui passa molto del futuro dell’intrattenimento. In questa piccola ma non indifferente fetta di utilizzo delle piattaforme streaming c’è anche Apple TV+, che nonostante alcuni suoi popolari prodotti, come The Morning Show, Mythic Quest e La storia di Lisey, fatica ancora a entrare nel cuore degli appassionati.

Piattaforme streaming

Continua a leggere

Focus

Netflix: tutte le nuove uscite che vedremo a luglio 2021

Pubblicato

il

A Classic Horror Story

In arrivo un altro mese importante per Netflix, con tante nuove uscite, sia fra le produzioni originali, sia per quanto riguarda le acquisizioni. Da non perdere in particolare due produzioni italiane, cioè Generazione 56K, nuova serie dei The Jackal, e A Classic Horror Story, film horror diretto da Roberto De FeoPaolo Strippoli. Da non perdere inoltre i ritorni seriali Netflix di Atypical (quarta stagione), Virgin River (terza stagione), Sky Rojo (seconda stagione) e Come vendere droga online (in fretta), con la sua terza stagione. Grande attesa anche per la trilogia horror Fear Street, i cui capitoli saranno pubblicati con cadenza settimanale, e Masters of the Universe: Revelation, serie animata sviluppata da Kevin Smith. Di seguito, l’elenco completo delle uscite di luglio su Netflix.

Tutto ciò che vedremo a luglio 2021 su Netflix

Netflix

1 luglio

  • Generazione 56k (serie originale, stagione 1)
  • Young Royals (serie originale, stagione 1)
  • Audible (film originale)
  • Labyrinth – Dove tutto è possibile (film non originale)
  • Dynasty Warriors (film originale)
  • E poi c’è Katherine (film non originale)
  • Leatherface (film non originale)
  • Lo specialista (film non originale)
  • Non aprite quella porta (film non originale)
  • The Legend of Zorro (film non originale)
  • Turistas (film non originale)
  • Legends of Tomorrow (serie non originale, stagione 5)
  • Quarantine Tales (serie non originale, stagione 1)
  • Weathering with You (film non originale)
  • Mobile Suit Gundam Hathaway (film non originale)
  • Mobile Suit Gundam: The Origin (serie non originale, stagione 1)
  • Pokémon Journeys (serie animata non originale, stagione 1)
  • Star Blazers 2202 (serie non originale)

2 luglio

  • Mortale (serie originale, stagione 2)
  • Fear Street Parte 1: 1994 (film originale)
  • Haseen Dillruba (film originale)
  • The 8th Night (film originale)
  • In vacanza su Marte (film non originale)
  • Big Timber – I taglialegna (reality originale, stagione 1)

4 luglio

  • We The People – Alla scoperta della democrazia americana (serie originale, stagione 1)
  • All Mine (serie originale, stagione 1)

6 luglio

  • I Think You Should Leave with Tim Robinson (serie non originale, stagione 2)

7 luglio

  • Cat People (documentario originale)
  • I migliori amici dell’uomo (serie originale, stagione 2)
  • Major Grom: il medico della peste (film originale)
  • La guerra dei vicini (serie originale, stagione 1)
  • Pantano (serie originale, stagione 2)

8 luglio

  • Elize Matsunaga: c’era una volta un crimine (serie originale, stagione 1)
  • Resident Evil: Infinite Darkness (anime originale)

9 luglio

  • Fear Street Parte 2: 1978 (film originale)
  • Atypical (serie originale, stagione 4)
  • Virgin River (serie originale, stagione 3)
  • The Water Man (film originale)
  • Biohacker (serie originale, stagione 2)
  • Ridley Jones (serie originale, stagione 1)
  • L’estate passata (film originale)
  • La cuoca di Castamar (serie originale, stagione 1)
  • Lee Su-geun: The Sense Coach (stand-up comedy originale)
  • Come diventare tiranni (serie documentario originale, stagione 1)

11 luglio

  • Croce e delizia (film non originale)

13 luglio

  • Naomi Osaka (documentario originale)
  • The Good Doctor (film non originale)
  • The Good Doctor (serie non originale, stagioni 1-2-3)

14 luglio

  • A Classic Horror Story (film originale)
  • Rete privata: chi ha ucciso Manuel Buendía? (film originale)
  • Heist: rapine incredibili (serie originale, stagione 1)
  • Guida alla famiglia perfetta (film originale)

15 luglio

  • Non ho mai… (serie originale, stagione 2)
  • Beastars (serie anime originale, stagione 2)
  • InuYasha (serie non originale, stagione 6)

16 luglio

  • In poche parole (serie documentario originale, stagione 3)
  • Fear Street Part 3: 1666 (film originale)
  • Deep (film originale)

21 luglio

  • Trollhunters: L’ascesa dei Titani (film originale)
  • Sexy Beasts (serie originale, stagione 2)

23 luglio

  • Sky Rojo (serie originale, stagione 2)
  • Masters of the Universe: Revelation Parte 1 (serie originale)
  • L’ultima lettera d’amore (film originale)
  • Fidanzati per caso (film originale)
  • Blood Red Sky (film originale)
  • Kingdom: Ashin of the North (speciale originale)

27 luglio

  • Come vendere droga online (in fretta) (serie originale, stagione 3)

28 luglio

  • Glow Up (serie originale, stagione 3)
  • Tattoo Redo: nuova vita ai tatuaggi (serie originale, stagione 1)

29 luglio

  • Resort to Love – All’amore non si sfugge (film originale)

30 luglio

  • Outer Banks (serie originale, stagione 2)
  • L’ultimo mercenario (film originale)
  • Centaurworld: Il mondo dei centauri (serie originale, stagione 1)
  • John DeLorean: mito e magnate (documentario originale)
Continua a leggere

Focus

Amazon Prime Video: tutte le uscite in arrivo a luglio 2021

Pubblicato

il

Amazon Prime Video si appresta a regalarci un luglio bollente dal punto di vista delle nuove uscite. Già il 2 luglio, potremo infatti vedere l’attesissimo action sci-fi La guerra di domani, con protagonista Chris Pratt. Appuntamento invece al 15 luglio per la seconda stagione di El Cid, che anticipa un trittico di film colmi di star hollywoodiane. A questo proposito, segnatevi in agenda Boss Level (19 luglio), adrenalinico action con protagonisti Frank Grillo, Mel Gibson e Naomi Watts, il revenge movie con Kate Beckinsale Jolt e Gunpowder Milkshake, con Karen Gillan e Lena Headey. Di seguito, un approfondimento sulle uscite di luglio di Amazon Prime Video, seguito dall’elenco completo di quello che ci aspetta nelle prossime settimane.

La guerra di domani: dal 2 luglio su Amazon Prime Video

Amazon Prime Video

In La guerra di domani (The Tomorrow War), il mondo rimane sotto shock quando un gruppo di viaggiatori nel tempo arriva dal 2051 per portare un messaggio urgente: di lì a trent’anni la razza umana sarà sul punto di perdere una guerra globale contro una letale specie aliena. L’unica speranza per sopravvivere è che soldati e civili del presente vengano trasportati nel futuro e si uniscano alla battaglia. Tra le reclute c’è l’insegnate di liceo e padre di famiglia Dan Forester (Pratt). Determinato a salvare il mondo per la sua giovane figlia, Dan si unisce a una brillante scienziata (Yvonne Strahovski) e al padre, da cui si era allontanato (J.K. Simmons), nella disperata impresa di riscrivere il destino del pianeta.

Diretto da Chris McKay e scritto da Zach Dean il film è prodotto da David Ellison, Dana Goldberg, Don Granger, Jules Daly, David Goyer, Adam Kolbrenner, gli executive producer sono Rob Cowan, Chris Pratt, Brian Oliver, Bradley J. Fischer. Il cast è composto da Chris Pratt, Yvonne Strahovski, J.K. Simmons, Betty Gilpin, Sam Richardson, Edwin Hodge, Jasmine Mathews, Ryan Kiera Armstrong, Keith Powers.

Blackout Love: dal 9 luglio su Amazon Prime Video

Blackout Love

Valeria è una donna che ha capito tutto della vita. Colleziona un uomo dopo l’altro, senza mai guardarsi indietro. Allena una squadra femminile di pallavolo e, oltre alle regole del gioco, alle ragazze insegnate come comportarsi in amore per essere indipendenti ed evitare di soffrire. Quando nella sua vita torna Marco, l’unico che le ha fatto registrati la guardia e le ha rovinato l’esistenza, Valeria decide che è arrivato il momento di vendicarsi. Ma non facile come crede… Una commedia non romantica, divertente e graffiante, dove le certezze saranno il posto ai sentimenti. Di Francesca Marino, con Anna Foglietta e Alessandro Tedeschi.

Demon Slayer: il treno Mugen, dal 13 luglio su Amazon Prime Video

Demon Slayer: il treno Mugen

Tanjiro e il suo gruppo hanno completato la riabilitazione presso la Villa delle Farfalle quando un corvo del legame annuncia loro la prossima missione, devono raggiungere il treno Mugen, dove oltre 40 persone sembrano essere scomparse in un brevissimo periodo di tempo.

Tanjiro e Nezuko, insieme a Zenitsu e Inosuke, si uniscono a uno dei più potenti spadaccini della squadra ammazzademoni, il Pilastro delle Fiamme Rengoku Kyojuro! Il gruppo si troverà ad affrontare il demone a bordo del treno Mugen, lanciato a folle velocità sui binari della disperazione più assoluta… Precipitando così in un sogno infinito!

El Cid: dal 15 luglio su Amazon Prime Video

El Cid

La seconda stagione di El Cid riparte dalla morte del re Fernando, i cui figli Sancho, Alfonso e García regnano rispettivamente Castiglia, León e Galizia. Ruy ora è cavaliere – a un passo dall’essere un vero eroe – ma dovrà prendere alcune decisioni molto difficili. Amina o Jimena? Sancio o Alfonso? Lealtà o gloria? Pace o guerra? Battaglie, amore, politica, intrighi, tradimento, morte e lotte di potere forniscono un ricco sfondo per la seconda stagione di El Cid, che racconta l’odissea nella vita reale di Rodrigo Diaz de Vivar: un eroe e una leggenda, accusato dai suoi nemici di essere un traditore.

Jaime Lorente (Ruy) ancora una volta interpreta il ruolo di uno dei personaggi più famosi della storia di Spagna. Per continuare la sua leggenda potrà contare sulla partecipazione di Elia Galera, Juan Echanove, Alicia Sanz, Francisco Ortiz, Jaime Olías, Lucía Guerrero, Lucía Díez, Nicolás Illoro, Juan Fernández, Pablo Álvarez, Emilio Buale, Dani Albaladejo, Rodrigo Poisón, David Castillo, Alfons Nieto, Sara Vidorreta, Adrián Salzedo e Álvaro Rico. Inoltre, il cast è completato da Hamid Krim, Sarah Perles, Zohar Liba, Adil Koukouh, Angel Bonanni, Samy Khalil e Amparo Alcaraz.

Making The Cut: dal 16 luglio su Amazon Prime Video

Amazon Prime Video

Nuova location. Nuovi designer. Stesso grande stile. Making the Cut è ancora in missione per cercare il prossimo grande fashion brand internazionale. Nella seconda stagione ai presentatori Heidi Klum e Tim Gunn si uniranno i giudici Winnie Harlow, supermodella di fama mondiale, e la fashion pop icon e Direttore Creativo di Moschino Jeremy Scott. In più, altri giudici faranno visita durante questa stagione, tra cui Prabal Gurung e Shiona Turini.

La seconda stagione, girata a Los Angeles, celebra questa città rinomata per l’ospitare alcune delle persone e degli eventi più importanti del mondo della moda. Dai red carpet calcati dalle star allo street style all’avanguardia, la scena fashion di Los Angeles sarà una cornice perfetta per la seconda stagione di Making the Cut.

Mentre la pandemia continua ad avere un forte impatto sull’industria della moda, gli stilisti stanno cercando nuovi modi per crearsi una clientela e far crescere la loro attività. A unirsi alla seconda stagione sarà un variegato gruppo di 10 talentuosi imprenditori e stilisti da tutto il mondo, pronti a portare i loro brand emergenti uno step più in alto e diventare il nuovo fenomeno mondiale. Il vincitore della serie riceverà un milione di dollari da investire nella sua attività, l’opportunità di vendere una collezione tramite l’Amazon Fashion Store e una mentorship con Amazon Fashion.

Alla fine di ogni episodio, edizioni limitate dei look vincenti di ciascuna sfida saranno subito disponibili per l’acquisto in esclusiva nello store Making The Cut di Amazon Fashion.
Gli executive producer della serie sono Sara Rea, Page Feldman, Heidi Klum, Tim Gunn e Jennifer Love ed è prodotta da Hello Sunshine e Amazon Studios.

La fashion competition series in otto episodi sarà disponibile con due nuovi episodi a settimana, per culminare con un’epica sfilata nel finale di stagione del 6 agosto 2021.

Boss Level: dal 19 luglio su Amazon Prime Video

Amazon Prime Video

Costretto a rivivere in continuazione il giorno della propria morte, l’ex agente delle forze speciali, Roy Pulver, (Frank Grillo – Come ti ammazzo il Bodyguard 2, Beyond Skyline ) scopre degli indizi che portano a un progetto governativo segreto che potrebbe risolvere il mistero dietro a questo loop temporale cui sembra essere condannato. In una corsa contro il tempo, Pulver deve dare la caccia al colonnello Ventor (Mel Gibson), il potente capo del programma governativo che tiene in ostaggio la sua ex moglie (Naomi Watts) e minacciare la vita di suo figlio, mentre degli abili e spietati assassini gli danno la caccia impedendogli di scoprire la verità e salvare la sua famiglia.

L’action star Frank Grillo torna al cinema con un grande film d’azione ispirato al mondo del gaming che ricorda le atmosfere adrenaliniche e ad alto voltaggio di Crank. Il film è diretto da Joe Carnahan e vede nel cast Frank Grillo, Mel Gibson, Naomi Watts.

Jolt: dal 23 luglio su Amazon Prime Video

Jolt

Jolt narra la storia di Lindy, una donna bellissima, sprezzante e ironica con un doloroso segreto: a causa di un raro disturbo neurologico che la affligge da tutta la vita, le accade a volte di essere presa da impulsi omicidi rabbiosi che può controllare solo dandosi una scossa elettrica tramite uno speciale dispositivo a elettrodi. Incapace di trovare amore e intimità in un mondo che teme la sua bizzarra patologia, si fida finalmente di un uomo abbastanza a lungo da innamorarsene, per poi trovarlo assassinato il giorno successivo.

Con il cuore spezzato e piena di rabbia, Lindy parte in una missione di vendetta per trovare l’assassino, mentre la polizia è sulle sue tracce come principale sospettata del crimine. Con Kate Beckinsale, Bobby Cannavale, Jai Courtney, Laverne Cox, David Bradley, Ori Pfeffer e con Susan Sarandon e Stanley Tucci. Il film è diretto da Tanya Wexler e scritto da Scott Wascha.

Gunpowder Milkshake: dal 28 luglio su Amazon Prime Video

Gunpowder Milkshake

Sam (Karen Gillan) aveva solo 12 anni quando sua madre, Scarlet (Lena Headey), una sicaria di élite, è stata obbligata ad abbandonarla. Sam è stata cresciuta da The Firm, la spietata associazione per cui lavorava la madre. Ora, 15 anni dopo, Sam ha seguito le orme della madre ed è diventata una killer spietata. Ha talento, è efficiente e fedele.

Ma quando un lavoro ad alto rischio non va come pianificato, Sam deve scegliere tra il continuare a prestare i suoi servizi a The Firm o proteggere la vita di un’innocente bambina di 8 anni, Emily (Chloe Coleman). Con un bersaglio sulla schiena, Sam ha solo una possibilità di sopravvivere: ritrovare la madre ed unirsi a lei e alle sue pericolosissime compagne, The Librarians (Michelle Yeoh, Angela Bassett e Carla Gugino).

Amazon Prime Video: l’elenco completo delle uscite di luglio 2021

Amazon Prime Video

1 luglio

  • District 9 (film non originale)
  • Il diario di Bridget Jones (film non originale)
  • Che pasticcio, Bridget Jones! (film non originale)
  • Bridget Jones’ Baby (film non originale)
  • Now You See Me – I maghi del crimine (film non originale)
  • Cinquanta sfumature di grigio (film non originale)
  • The Karate Kid – Per vincere domani (film non originale)
  • Karate Kid II – La storia continua… (film non originale)
  • Karate Kid III – La sfida finale (film non originale)
  • Karate Kid 4 (film non originale)
  • Birdman o (L’imprevedibile virtù dell’ignoranza) (film non originale)
  • Basic Instinct (film non originale)
  • La forma della voce (film non originale)
  • Assassin’s Creed (film non originale)
  • Il primo cavaliere (film non originale)
  • Hell (film non originale)
  • Total Recall – Atto di forza (film non originale)
  • 4 Blocks (serie non originale, stagione 1)

2 luglio

8 luglio

  • 10 giorni senza mamma (film non originale)

9 luglio

  • Manchester By the Sea (film non originale)
  • Ben Is Back (film non originale)
  • Blackout Love (film Amazon Exclusive)

13 luglio

  • Demon Slayer: il treno Mugen (film Amazon Exclusive)

15 luglio

  • The Witch – Vuoi ascoltare una favola? (film non originale)
  • Proximity (film non originale)
  • El Cid (serie Amazon Original, stagione 2)

16 luglio

  • Seberg – Nel mirino (film non originale)
  • Wake of Death – Scia di morte  (film non originale)
  • Making The Cut (show Amazon Original, stagione 2)

19 luglio

  • Boss Level (film Amazon Exclusive)

22 luglio

  • Romans (film non originale)

23 luglio

  • Jolt (film Amazon Original)

25 luglio

  • L’uomo sul treno (film non originale)

26 luglio

  • Bleach (serie non originale, stagione 4)

28 luglio

  • Gunpowder Milkshake (film Amazon Exclusive)

Film in scadenza

  • Favolacce: fino al 9 luglio
  • 1917: fino al 22 luglio
  • The Rhythm Section:  fino al 22 luglio
  • Il ladro di giorni: fino al 29 luglio

Serie in scadenza

  • X-files: fino al 6 luglio
  • Sons of Anarchy: fino al 14 luglio
  • 24: fino al 31 luglio
Continua a leggere
Pubblicità