Suspiria Suspiria

Focus

Suspiria: genesi e curiosità sul film di Dario Argento

Pubblicato

il

Dopo avervi proposto la nostra recensione del capolavoro di Dario Argento Suspiria, abbiamo deciso di approfondire gli aspetti più nascosti di questa pietra miliare dell’horror. In questo articolo ci concentriamo quindi sulla genesi del progetto e sulle tante curiosità che si celano dietro questo lavoro del maestro italiano. Un utile esercizio per comprendere meglio le tante sfumature di un’opera suggestiva e inafferrabile, ma anche un insieme di tante possibili piste con le quali orientarsi all’interno dei vari risvolti del racconto.

Le tre madri
Suspiria

Suspiria è il primo capitolo della cosiddetta trilogia de Le tre madri, che comprende anche Inferno e La terza madre. Questo titolo nasce dal romanzo Suspiria De Profundis di Thomas de Quincey, da cui Argento ha tratto anche le enigmatiche figure delle “Nostre Signore del Dolore” su cui si basa la trilogia, cioè Mater Lacrimarum, Mater Suspiriorum e Mater Tenebrarum, rispettivamente signore della lacrime, dei sospiri e delle tenebre.

Suspiria: da bambine a ragazze

Come abbiamo già evidenziato nella nostra recensione, inizialmente Dario Argento voleva per protagoniste delle bambine di circa 12 anni. Dopo la ferma opposizione della produzione, il regista ha scelto di alzare l’età di Susy e delle sue compagne a circa 20 anni, evitando così di inserire delle minorenni in un contesto particolarmente violento. Gli elementi più fanciulleschi della sceneggiatura non sono però stati eliminati, quindi per tutta la durata di Suspiria assistiamo a dialoghi particolarmente sciocchi e infantili, proprio perché scritti per bambine. Argento ha inoltre deciso di spostare le maniglie delle porte più in alto del dovuto, in modo da ricreare la difficoltà nell’apertura delle porte, tipica dei bambini.

La scelta di Jessica Harper

Suspiria

Dario Argento sostiene in un’intervista di avere scelto Jessica Harper per la parte di Susy dopo averla ammirata a teatro nel musical Hair e al cinema ne Il fantasma del palcoscenico di Brian De Palma. Il regista fu colpito soprattutto dal portamento elegante della ragazza e dalla sua voce potente, nonostante il fisico minuto. Nel suo sito ufficiale, Daria Nicolodi dichiara che il ruolo di Susy era scritto appositamente per lei, ma ha dovuto rinunciarvi in quanto la distribuzione americana pretese un’attrice statunitense come protagonista.

Biancaneve e i sette nani

Biancaneve e i sette nani

Una delle maggiori influenze per Suspiria è certamente il classico Disney Biancaneve e i sette nani, che turbò profondamente il piccolo Dario Argento. Il regista ha chiesto al direttore della fotografia Luciano Tovoli di vedere ripetutamente questo film e di cercare di restituirgli il medesimo cromatismo (impresa riuscita grazie a una delle ultime pellicole Kodak da 30-40 ASA a bassa sensibilità). I punti di contatto fra le due opere sono diversi, come la presenza di una strega malvagia o il veleno dato alla protagonista. Il riferimento visivo più evidente è però il pavone che Susy incontra nel corso del suo faccia a faccia con Helena Markos, estremamente somigliante a quello che è posto sul trono della regina Grimilde.

Escher Strasse

Suspiria

Un’altra chiara influenza per Suspiria, come abbiamo già evidenziato nella nostra recensione, è l’opera dell’artista olandese Maurits Cornelis Escher, omaggiato già nei primissimi minuti con l’indirizzo in cui Susy deve recarsi, Escher Strasse. Escher, noto per le sue architetture impossibili, è uno dei fili conduttori del film, che a sua volta è contorto e criptico, ma allo stesso tempo rigoroso e sfarzoso. All’interno dell’ufficio di Madame Blanche, troviamo poi un altro riferimento all’artista. L’architettura dipinta sul muro, che fa da cornice ai fondamentali tre iris che consentono a Susy di trovare la via per il nascondiglio delle streghe, sembra infatti uscita da uno dei memorabili dipinti di Escher.

I cameo di Dario Argento in Suspiria

Suspiria cameo Dario Argento

Suspiria Dario Argento cameo

Dario Argento compare chiaramente almeno due volte nel suo Suspiria. Quando Susy è sul taxi, nei primi minuti del film, possiamo vedere brevemente la faccia del regista riflessa sul vetro, impegnata in quello che sembra un urlo. Argento compare anche più avanti nel corso del film, più precisamente durante l’inseguimento che si conclude con la morte di Sarah. Mentre il personaggio interpretato da Stefania Casini fugge, vediamo brevemente il regista di spalle, vestito con un mantello nero.

Oltre a queste due apparizioni, possiamo essere certi del fatto che, come in tutte le opere del regista italiano, quando compare una mano coperta da un guanto, intenta a uccidere il malcapitato o la malcapitata di turno, quella è una mano di Dario Argento. È inoltre del cineasta la voce che sentiamo sui titoli di testa, che ci introduce al racconto.

Suspiria e il nazismoSuspiria

Anche se Suspiria è ambientato a Friburgo, diverse riprese degli esterni si sono svolte a Monaco. Due luoghi storici della città sono legati alla morte di Daniel, il pianista cieco interpretato da Flavio Bucci. Poco prima del suo assassinio, da parte del suo stesso cane guida, Daniel esce dalla birreria Hofbräuhaus, dirigendosi poi verso la celeberrima Königsplatz. Questi due luoghi sono collegati in maniera sinistra al Terzo Reich. Fu proprio nella birreria che Adolf Hitler tenne uno dei suoi primi comizi, dando il via alla sua tragica ascesa nel panorama politico tedesco. Fu invece a Königsplatz che avvennero numerosi raduni nazisti, fra cui uno dei famigerati roghi dei libri.

Scegliendo queste due location, Dario Argento ha implicitamente collegato questi due luoghi simbolo della nascita e della perpetrazione del male alla sua storia, che indaga proprio sull’essenza stessa della malvagità.

Gli attori di Suspiria

Suspiria

Come per tutte le opere di Dario Argento, le scelte fatte dal regista sugli interpreti sono particolarmente interessanti. Il primo personaggio che incontra Susy è un vero e proprio portafortuna di Argento, cioè Fulvio Mingozzi, presente in tutti i suoi film fino a Phenomena. Mingozzi interpreta il tassista che accompagna la protagonista all’Accademia di danza, ruolo che avrà anche nel successivo capitolo della trilogia delle madri Inferno. Mingozzi non è però l’unica vecchia conoscenza di Argento in Suspiria. Il bambino che interpreta l’inquietante Albert è infatti Jacopo Mariani, indelebilmente scolpito nella mente dei cinefili per la sua interpretazione del piccolo Carlo in Profondo rosso, e in particolare per la sua memorabile immagine con un coltello insanguinato.

La scelta di Joan Bennett per il ruolo di Madame Blanche fu invece dettata dalla stima che Argento nutre per il cinema di Fritz Lang, per il quale la Bennett era stata una sorta di attrice feticcio. La performance in Suspiria è stata anche l’ultima prova sul grande schermo della Bennett.

La colonna sonora di Suspiria

Suspiria

La suggestiva colonna sonora dei Goblin presenta alcune particolarità. La più bizzarra è probabilmente l’utilizzo accanto a sonorità synth di uno strumento noto come bouzouki, simile al nostro mandolino. Questo strumento è greco, e fu fortemente voluto da Dario Argento come collegamento al personaggio della Mater Suspiriorum Helena Markos, a sua volta di origini greche. L’accompagnamento musicale è inoltre arricchito da bisbigli e grida pressoché incomprensibili, emesse proprio dal leader dei Goblin Claudio Simonetti per rendere la colonna sonora ancora più terrorizzante.

Il filo spinato

Suspiria

La scena della morte del personaggio di Sarah ha creato alcuni problemi all’attrice Stefania Casini. La stanza che nel film è piena di filo spinato, in realtà era riempita con semplice filo di ferro. All’interprete non furono però date particolari istruzioni sulla modalità di accesso alla stanza. La Casini rimase quindi realmente impigliata nel filo di ferro, procurandosi diverse escoriazioni sulla pelle.

Helena Markos

Secondo quanto riportato da Jessica Harper, a interpretare (non accreditata) la Mater Suspiriorum Helena Markos fu un’anziana ex prostituta trovata in un ospizio di Roma. A dare la voce alla strega fu invece la co-sceneggiatrice Daria Nicolodi, che compare anche brevemente in aeroporto accanto a Susy, all’inizio di Suspiria. Alla nonna della Nicolodi Yvonne Loeb si deve inoltre il soggetto del film. La donna ha infatti raccontato di essere fuggita da un istituto artistico nel momento in cui si è accorta che l’accademia fungeva in realtà da copertura per una vera e propria scuola di magia nera.

La pantera nel finale di Suspiria

Suspiria

Fra i più bizzarri avvenimenti del finale di Suspiria c’è sicuramente l’esplosione di una piccola pantera di porcellana. Questa immagine deriva da un sogno di Daria Nicolodi, in cui all’interno di una stanza buia comparivano una strega invisibile e una vera pantera, che finiva per esplodere. Sempre a proposito di pantere, la scena in piscina con protagoniste Susy e Sarah è un chiaro omaggio a una sequenza analoga di un altro memorabile horror, Il bacio della pantera di Jacques Tourneur.

Suspiria Giappone

Suspiria ebbe un’accoglienza trionfale in Giappone, diventando in breve tempo uno dei film italiani più amati nel paese del Sol Levante. Il successo fu tale da spingere molte sale cinematografiche a distribuire anche il precedente film di Argento Profondo rosso. Nonostante le due opere siano totalmente scollegate fra loro dal punto di vista della trama, Profondo rosso fu distribuito in Giappone con il titolo サスペリア PART2, cioè Suspiria Parte II.

La celebre scrittrice giapponese Banana Yoshimoto è una grande appassionata di Suspiria, e nel tempo ha anche stretto un rapporto di amicizia con Dario Argento. Queste le parole della scrittrice sull’opera del regista italiano:

Da piccola mi sono sempre sentita diversa, pensavo di essere pazza ed ero terribilmente sola. Verso i quattordici anni però ho visto Suspiria e tutto il mondo che avevo nella mia mente era lì, in quei colori e quelle immagini. Capii che non ero più sola. Forse se non avessi visto quel film, e non fossi uscita dal mio cerchio di solitudine, avrei finito per uccidermi.

Le citazioni a Suspiria

L’impatto di Suspiria nell’immaginario collettivo è misurabile anche con le innumerevoli citazioni dell’opera di Dario Argento in altri film. Senza considerare il remake targato Luca Guadagnino, per definizione omaggio al film di Argento, molti lungometraggi, soprattutto di genere, hanno infatti riferimenti più o meno evidenti a Suspiria. Un altro maestro italiano del cinema di genere, Lucio Fulci, ha citato più volte questo film nelle sue opere. Il riferimento più evidente è senz’altro l’inquadratura degli occhi al buio in Quella villa accanto al cimitero, ma sono espliciti anche gli omaggi in …E tu vivrai nel terrore! L’aldilà (un personaggio sbranato da un cane) e ne Lo squartatore di New York (una scena ricorda quella della morte di Pat in Suspiria).

Particolarmente gustosi anche gli omaggi fatti da Wes Craven in Scream (il personaggio di Drew Barrymore impiccato) e in Scream 4 (un DVD del film ben visibile e una menzione esplicita), quello di Nicolas Winding Refn in The Neon Demon (il particolare utilizzo dei colori primari) e quello di Gaspar Noé in Climax (una delle VHS visibili nei primi minuti è di Suspiria). Uscendo dal genere, Suspiria viene citato esplicitamente anche in Juno e, per ammissione dello stesso regista Edgar Wright, in una scena nel finale del suo Baby Driver – Il genio della fuga, più precisamente quando Jon Hamm è nella macchina della polizia.

Pubblicità

Focus

Piattaforme streaming: Prime Video tallona Netflix in Italia secondo JustWatch

Pubblicato

il

Amazon

Il celebre portale JustWatch, guida internazionale per lo streaming che ogni mese aiuta più di 20 milioni di persone a trovare i loro contenuti preferiti sulle principali piattaforme, ha pubblicato le statistiche di utilizzo relative al secondo trimestre del 2021. Lo stesso sito aveva delineato un quadro abbastanza chiaro dell’utilizzo delle piattaforme streaming in Italia nei primi tre mesi dell’anno, con Netflix poco più avanti di Amazon Prime Video, seguiti a distanza da Disney+. A quanto pare, la battaglia fra le due principali piattaforme streaming è sempre più accesa nel secondo trimestre del 2021: Netflix ha infatti perso una piccola quota di utenti, arretrando fino al 29% del totale, con Prime Video che invece è sempre stabile al 28%. A guadagnare dallo stallo di Netflix è Disney+, che in pochi mesi passa dal 13% al 15% del totale, con la prospettiva di avvicinare sempre di più i propri principali competitor.

Piattaforme streaming: Amazon Prime Video sempre più vicino a Netflix per gli utenti italiani

Piattaforme streaming

Come avevano evidenziato anche i dati dello scorso trimestre, alle altre piattaforme streaming rimangono le briciole. Now e TimVision sono ancora appaiate al quarto posto nelle preferenze degli utenti, ma la loro quota passa dal 7% al 6% del totale. Stabile al sesto posto Infinity, fermo al 4% di utilizzo per gli utenti italiani. Tutte le altre piattaforme complessivamente arrivano al 12%. Chiaro segnale di una competizione sempre più serrata fra le varie piattaforme, da cui passa molto del futuro dell’intrattenimento. In questa piccola ma non indifferente fetta di utilizzo delle piattaforme streaming c’è anche Apple TV+, che nonostante alcuni suoi popolari prodotti, come The Morning Show, Mythic Quest e La storia di Lisey, fatica ancora a entrare nel cuore degli appassionati.

Piattaforme streaming

Continua a leggere

Focus

Netflix: tutte le nuove uscite che vedremo a luglio 2021

Pubblicato

il

A Classic Horror Story

In arrivo un altro mese importante per Netflix, con tante nuove uscite, sia fra le produzioni originali, sia per quanto riguarda le acquisizioni. Da non perdere in particolare due produzioni italiane, cioè Generazione 56K, nuova serie dei The Jackal, e A Classic Horror Story, film horror diretto da Roberto De FeoPaolo Strippoli. Da non perdere inoltre i ritorni seriali Netflix di Atypical (quarta stagione), Virgin River (terza stagione), Sky Rojo (seconda stagione) e Come vendere droga online (in fretta), con la sua terza stagione. Grande attesa anche per la trilogia horror Fear Street, i cui capitoli saranno pubblicati con cadenza settimanale, e Masters of the Universe: Revelation, serie animata sviluppata da Kevin Smith. Di seguito, l’elenco completo delle uscite di luglio su Netflix.

Tutto ciò che vedremo a luglio 2021 su Netflix

Netflix

1 luglio

  • Generazione 56k (serie originale, stagione 1)
  • Young Royals (serie originale, stagione 1)
  • Audible (film originale)
  • Labyrinth – Dove tutto è possibile (film non originale)
  • Dynasty Warriors (film originale)
  • E poi c’è Katherine (film non originale)
  • Leatherface (film non originale)
  • Lo specialista (film non originale)
  • Non aprite quella porta (film non originale)
  • The Legend of Zorro (film non originale)
  • Turistas (film non originale)
  • Legends of Tomorrow (serie non originale, stagione 5)
  • Quarantine Tales (serie non originale, stagione 1)
  • Weathering with You (film non originale)
  • Mobile Suit Gundam Hathaway (film non originale)
  • Mobile Suit Gundam: The Origin (serie non originale, stagione 1)
  • Pokémon Journeys (serie animata non originale, stagione 1)
  • Star Blazers 2202 (serie non originale)

2 luglio

  • Mortale (serie originale, stagione 2)
  • Fear Street Parte 1: 1994 (film originale)
  • Haseen Dillruba (film originale)
  • The 8th Night (film originale)
  • In vacanza su Marte (film non originale)
  • Big Timber – I taglialegna (reality originale, stagione 1)

4 luglio

  • We The People – Alla scoperta della democrazia americana (serie originale, stagione 1)
  • All Mine (serie originale, stagione 1)

6 luglio

  • I Think You Should Leave with Tim Robinson (serie non originale, stagione 2)

7 luglio

  • Cat People (documentario originale)
  • I migliori amici dell’uomo (serie originale, stagione 2)
  • Major Grom: il medico della peste (film originale)
  • La guerra dei vicini (serie originale, stagione 1)
  • Pantano (serie originale, stagione 2)

8 luglio

  • Elize Matsunaga: c’era una volta un crimine (serie originale, stagione 1)
  • Resident Evil: Infinite Darkness (anime originale)

9 luglio

  • Fear Street Parte 2: 1978 (film originale)
  • Atypical (serie originale, stagione 4)
  • Virgin River (serie originale, stagione 3)
  • The Water Man (film originale)
  • Biohacker (serie originale, stagione 2)
  • Ridley Jones (serie originale, stagione 1)
  • L’estate passata (film originale)
  • La cuoca di Castamar (serie originale, stagione 1)
  • Lee Su-geun: The Sense Coach (stand-up comedy originale)
  • Come diventare tiranni (serie documentario originale, stagione 1)

11 luglio

  • Croce e delizia (film non originale)

13 luglio

  • Naomi Osaka (documentario originale)
  • The Good Doctor (film non originale)
  • The Good Doctor (serie non originale, stagioni 1-2-3)

14 luglio

  • A Classic Horror Story (film originale)
  • Rete privata: chi ha ucciso Manuel Buendía? (film originale)
  • Heist: rapine incredibili (serie originale, stagione 1)
  • Guida alla famiglia perfetta (film originale)

15 luglio

  • Non ho mai… (serie originale, stagione 2)
  • Beastars (serie anime originale, stagione 2)
  • InuYasha (serie non originale, stagione 6)

16 luglio

  • In poche parole (serie documentario originale, stagione 3)
  • Fear Street Part 3: 1666 (film originale)
  • Deep (film originale)

21 luglio

  • Trollhunters: L’ascesa dei Titani (film originale)
  • Sexy Beasts (serie originale, stagione 2)

23 luglio

  • Sky Rojo (serie originale, stagione 2)
  • Masters of the Universe: Revelation Parte 1 (serie originale)
  • L’ultima lettera d’amore (film originale)
  • Fidanzati per caso (film originale)
  • Blood Red Sky (film originale)
  • Kingdom: Ashin of the North (speciale originale)

27 luglio

  • Come vendere droga online (in fretta) (serie originale, stagione 3)

28 luglio

  • Glow Up (serie originale, stagione 3)
  • Tattoo Redo: nuova vita ai tatuaggi (serie originale, stagione 1)

29 luglio

  • Resort to Love – All’amore non si sfugge (film originale)

30 luglio

  • Outer Banks (serie originale, stagione 2)
  • L’ultimo mercenario (film originale)
  • Centaurworld: Il mondo dei centauri (serie originale, stagione 1)
  • John DeLorean: mito e magnate (documentario originale)
Continua a leggere

Focus

Amazon Prime Video: tutte le uscite in arrivo a luglio 2021

Pubblicato

il

Amazon Prime Video si appresta a regalarci un luglio bollente dal punto di vista delle nuove uscite. Già il 2 luglio, potremo infatti vedere l’attesissimo action sci-fi La guerra di domani, con protagonista Chris Pratt. Appuntamento invece al 15 luglio per la seconda stagione di El Cid, che anticipa un trittico di film colmi di star hollywoodiane. A questo proposito, segnatevi in agenda Boss Level (19 luglio), adrenalinico action con protagonisti Frank Grillo, Mel Gibson e Naomi Watts, il revenge movie con Kate Beckinsale Jolt e Gunpowder Milkshake, con Karen Gillan e Lena Headey. Di seguito, un approfondimento sulle uscite di luglio di Amazon Prime Video, seguito dall’elenco completo di quello che ci aspetta nelle prossime settimane.

La guerra di domani: dal 2 luglio su Amazon Prime Video

Amazon Prime Video

In La guerra di domani (The Tomorrow War), il mondo rimane sotto shock quando un gruppo di viaggiatori nel tempo arriva dal 2051 per portare un messaggio urgente: di lì a trent’anni la razza umana sarà sul punto di perdere una guerra globale contro una letale specie aliena. L’unica speranza per sopravvivere è che soldati e civili del presente vengano trasportati nel futuro e si uniscano alla battaglia. Tra le reclute c’è l’insegnate di liceo e padre di famiglia Dan Forester (Pratt). Determinato a salvare il mondo per la sua giovane figlia, Dan si unisce a una brillante scienziata (Yvonne Strahovski) e al padre, da cui si era allontanato (J.K. Simmons), nella disperata impresa di riscrivere il destino del pianeta.

Diretto da Chris McKay e scritto da Zach Dean il film è prodotto da David Ellison, Dana Goldberg, Don Granger, Jules Daly, David Goyer, Adam Kolbrenner, gli executive producer sono Rob Cowan, Chris Pratt, Brian Oliver, Bradley J. Fischer. Il cast è composto da Chris Pratt, Yvonne Strahovski, J.K. Simmons, Betty Gilpin, Sam Richardson, Edwin Hodge, Jasmine Mathews, Ryan Kiera Armstrong, Keith Powers.

Blackout Love: dal 9 luglio su Amazon Prime Video

Blackout Love

Valeria è una donna che ha capito tutto della vita. Colleziona un uomo dopo l’altro, senza mai guardarsi indietro. Allena una squadra femminile di pallavolo e, oltre alle regole del gioco, alle ragazze insegnate come comportarsi in amore per essere indipendenti ed evitare di soffrire. Quando nella sua vita torna Marco, l’unico che le ha fatto registrati la guardia e le ha rovinato l’esistenza, Valeria decide che è arrivato il momento di vendicarsi. Ma non facile come crede… Una commedia non romantica, divertente e graffiante, dove le certezze saranno il posto ai sentimenti. Di Francesca Marino, con Anna Foglietta e Alessandro Tedeschi.

Demon Slayer: il treno Mugen, dal 13 luglio su Amazon Prime Video

Demon Slayer: il treno Mugen

Tanjiro e il suo gruppo hanno completato la riabilitazione presso la Villa delle Farfalle quando un corvo del legame annuncia loro la prossima missione, devono raggiungere il treno Mugen, dove oltre 40 persone sembrano essere scomparse in un brevissimo periodo di tempo.

Tanjiro e Nezuko, insieme a Zenitsu e Inosuke, si uniscono a uno dei più potenti spadaccini della squadra ammazzademoni, il Pilastro delle Fiamme Rengoku Kyojuro! Il gruppo si troverà ad affrontare il demone a bordo del treno Mugen, lanciato a folle velocità sui binari della disperazione più assoluta… Precipitando così in un sogno infinito!

El Cid: dal 15 luglio su Amazon Prime Video

El Cid

La seconda stagione di El Cid riparte dalla morte del re Fernando, i cui figli Sancho, Alfonso e García regnano rispettivamente Castiglia, León e Galizia. Ruy ora è cavaliere – a un passo dall’essere un vero eroe – ma dovrà prendere alcune decisioni molto difficili. Amina o Jimena? Sancio o Alfonso? Lealtà o gloria? Pace o guerra? Battaglie, amore, politica, intrighi, tradimento, morte e lotte di potere forniscono un ricco sfondo per la seconda stagione di El Cid, che racconta l’odissea nella vita reale di Rodrigo Diaz de Vivar: un eroe e una leggenda, accusato dai suoi nemici di essere un traditore.

Jaime Lorente (Ruy) ancora una volta interpreta il ruolo di uno dei personaggi più famosi della storia di Spagna. Per continuare la sua leggenda potrà contare sulla partecipazione di Elia Galera, Juan Echanove, Alicia Sanz, Francisco Ortiz, Jaime Olías, Lucía Guerrero, Lucía Díez, Nicolás Illoro, Juan Fernández, Pablo Álvarez, Emilio Buale, Dani Albaladejo, Rodrigo Poisón, David Castillo, Alfons Nieto, Sara Vidorreta, Adrián Salzedo e Álvaro Rico. Inoltre, il cast è completato da Hamid Krim, Sarah Perles, Zohar Liba, Adil Koukouh, Angel Bonanni, Samy Khalil e Amparo Alcaraz.

Making The Cut: dal 16 luglio su Amazon Prime Video

Amazon Prime Video

Nuova location. Nuovi designer. Stesso grande stile. Making the Cut è ancora in missione per cercare il prossimo grande fashion brand internazionale. Nella seconda stagione ai presentatori Heidi Klum e Tim Gunn si uniranno i giudici Winnie Harlow, supermodella di fama mondiale, e la fashion pop icon e Direttore Creativo di Moschino Jeremy Scott. In più, altri giudici faranno visita durante questa stagione, tra cui Prabal Gurung e Shiona Turini.

La seconda stagione, girata a Los Angeles, celebra questa città rinomata per l’ospitare alcune delle persone e degli eventi più importanti del mondo della moda. Dai red carpet calcati dalle star allo street style all’avanguardia, la scena fashion di Los Angeles sarà una cornice perfetta per la seconda stagione di Making the Cut.

Mentre la pandemia continua ad avere un forte impatto sull’industria della moda, gli stilisti stanno cercando nuovi modi per crearsi una clientela e far crescere la loro attività. A unirsi alla seconda stagione sarà un variegato gruppo di 10 talentuosi imprenditori e stilisti da tutto il mondo, pronti a portare i loro brand emergenti uno step più in alto e diventare il nuovo fenomeno mondiale. Il vincitore della serie riceverà un milione di dollari da investire nella sua attività, l’opportunità di vendere una collezione tramite l’Amazon Fashion Store e una mentorship con Amazon Fashion.

Alla fine di ogni episodio, edizioni limitate dei look vincenti di ciascuna sfida saranno subito disponibili per l’acquisto in esclusiva nello store Making The Cut di Amazon Fashion.
Gli executive producer della serie sono Sara Rea, Page Feldman, Heidi Klum, Tim Gunn e Jennifer Love ed è prodotta da Hello Sunshine e Amazon Studios.

La fashion competition series in otto episodi sarà disponibile con due nuovi episodi a settimana, per culminare con un’epica sfilata nel finale di stagione del 6 agosto 2021.

Boss Level: dal 19 luglio su Amazon Prime Video

Amazon Prime Video

Costretto a rivivere in continuazione il giorno della propria morte, l’ex agente delle forze speciali, Roy Pulver, (Frank Grillo – Come ti ammazzo il Bodyguard 2, Beyond Skyline ) scopre degli indizi che portano a un progetto governativo segreto che potrebbe risolvere il mistero dietro a questo loop temporale cui sembra essere condannato. In una corsa contro il tempo, Pulver deve dare la caccia al colonnello Ventor (Mel Gibson), il potente capo del programma governativo che tiene in ostaggio la sua ex moglie (Naomi Watts) e minacciare la vita di suo figlio, mentre degli abili e spietati assassini gli danno la caccia impedendogli di scoprire la verità e salvare la sua famiglia.

L’action star Frank Grillo torna al cinema con un grande film d’azione ispirato al mondo del gaming che ricorda le atmosfere adrenaliniche e ad alto voltaggio di Crank. Il film è diretto da Joe Carnahan e vede nel cast Frank Grillo, Mel Gibson, Naomi Watts.

Jolt: dal 23 luglio su Amazon Prime Video

Jolt

Jolt narra la storia di Lindy, una donna bellissima, sprezzante e ironica con un doloroso segreto: a causa di un raro disturbo neurologico che la affligge da tutta la vita, le accade a volte di essere presa da impulsi omicidi rabbiosi che può controllare solo dandosi una scossa elettrica tramite uno speciale dispositivo a elettrodi. Incapace di trovare amore e intimità in un mondo che teme la sua bizzarra patologia, si fida finalmente di un uomo abbastanza a lungo da innamorarsene, per poi trovarlo assassinato il giorno successivo.

Con il cuore spezzato e piena di rabbia, Lindy parte in una missione di vendetta per trovare l’assassino, mentre la polizia è sulle sue tracce come principale sospettata del crimine. Con Kate Beckinsale, Bobby Cannavale, Jai Courtney, Laverne Cox, David Bradley, Ori Pfeffer e con Susan Sarandon e Stanley Tucci. Il film è diretto da Tanya Wexler e scritto da Scott Wascha.

Gunpowder Milkshake: dal 28 luglio su Amazon Prime Video

Gunpowder Milkshake

Sam (Karen Gillan) aveva solo 12 anni quando sua madre, Scarlet (Lena Headey), una sicaria di élite, è stata obbligata ad abbandonarla. Sam è stata cresciuta da The Firm, la spietata associazione per cui lavorava la madre. Ora, 15 anni dopo, Sam ha seguito le orme della madre ed è diventata una killer spietata. Ha talento, è efficiente e fedele.

Ma quando un lavoro ad alto rischio non va come pianificato, Sam deve scegliere tra il continuare a prestare i suoi servizi a The Firm o proteggere la vita di un’innocente bambina di 8 anni, Emily (Chloe Coleman). Con un bersaglio sulla schiena, Sam ha solo una possibilità di sopravvivere: ritrovare la madre ed unirsi a lei e alle sue pericolosissime compagne, The Librarians (Michelle Yeoh, Angela Bassett e Carla Gugino).

Amazon Prime Video: l’elenco completo delle uscite di luglio 2021

Amazon Prime Video

1 luglio

  • District 9 (film non originale)
  • Il diario di Bridget Jones (film non originale)
  • Che pasticcio, Bridget Jones! (film non originale)
  • Bridget Jones’ Baby (film non originale)
  • Now You See Me – I maghi del crimine (film non originale)
  • Cinquanta sfumature di grigio (film non originale)
  • The Karate Kid – Per vincere domani (film non originale)
  • Karate Kid II – La storia continua… (film non originale)
  • Karate Kid III – La sfida finale (film non originale)
  • Karate Kid 4 (film non originale)
  • Birdman o (L’imprevedibile virtù dell’ignoranza) (film non originale)
  • Basic Instinct (film non originale)
  • La forma della voce (film non originale)
  • Assassin’s Creed (film non originale)
  • Il primo cavaliere (film non originale)
  • Hell (film non originale)
  • Total Recall – Atto di forza (film non originale)
  • 4 Blocks (serie non originale, stagione 1)

2 luglio

8 luglio

  • 10 giorni senza mamma (film non originale)

9 luglio

  • Manchester By the Sea (film non originale)
  • Ben Is Back (film non originale)
  • Blackout Love (film Amazon Exclusive)

13 luglio

  • Demon Slayer: il treno Mugen (film Amazon Exclusive)

15 luglio

  • The Witch – Vuoi ascoltare una favola? (film non originale)
  • Proximity (film non originale)
  • El Cid (serie Amazon Original, stagione 2)

16 luglio

  • Seberg – Nel mirino (film non originale)
  • Wake of Death – Scia di morte  (film non originale)
  • Making The Cut (show Amazon Original, stagione 2)

19 luglio

  • Boss Level (film Amazon Exclusive)

22 luglio

  • Romans (film non originale)

23 luglio

  • Jolt (film Amazon Original)

25 luglio

  • L’uomo sul treno (film non originale)

26 luglio

  • Bleach (serie non originale, stagione 4)

28 luglio

  • Gunpowder Milkshake (film Amazon Exclusive)

Film in scadenza

  • Favolacce: fino al 9 luglio
  • 1917: fino al 22 luglio
  • The Rhythm Section:  fino al 22 luglio
  • Il ladro di giorni: fino al 29 luglio

Serie in scadenza

  • X-files: fino al 6 luglio
  • Sons of Anarchy: fino al 14 luglio
  • 24: fino al 31 luglio
Continua a leggere
Pubblicità