Climax Climax

Focus

Gaspar Noé presenta Climax: “non ritengo questo film scioccante”

Pubblicato

il

Nella splendida cornice della Fondazione Prada di Milano, Gaspar Noé ha incontrato la stampa per presentare il suo Climax, che arriverà nelle sale italiane il 13 giugno, distribuito da Mial Vision ed Europictures. Il film, che ha per protagonista Sofia Boutella, è ambientato a metà degli anni ’90, ed è incentrato su un gruppo di ballerini impegnati in dure prove all’interno di un edificio abbandonato. Complici l’alcool e la droga, ben presto gli animi si surriscaldano, trasformando la danza e la festa in un vero e proprio incubo.

Nei momenti iniziali di Climax, Gaspar Noé mostra le copertine delle VHS di alcune celeberrime pellicole, come Il diritto del più forte, Possession, Salò o le 120 giornate di SodomaVibroboy, Suspiria, Angst ed Eraserhead.

Il regista ha così commentato questa scelta:

Questo è l’unico momento autobiografico del film, un elenco dei titoli che sono in qualche modo parte del mio universo. Con questa scelta ho evitato di mettere nei titoli di coda quelli che sono i film e i libri che intorno agli anni ’80 mi hanno se non ispirato, condizionato. Un po’ come la dedica a coloro che ci hanno fatto, che non si riferisce solo ai parenti, ma anche a registi e professori che hanno contribuito alla nostra formazione.

Noé si è poi concentrato sul simbolismo di Climax, offrendo un’interessante chiave di lettura per gli eventi del film:

I due ballerini di colore dicono che c’è qualcosa di bizzarro. Si riferiscono alle bandiere a ai simboli che sono dentro questa scuola. Ci sono molte croci, quindi su suppone che sia un posto dove si ritrovano movimenti di estrema destra e anche segni di qualcosa che si è tenuto lì. I ballerini rappresentano la Francia contemporanea, sono interessati e allo stesso tempo preoccupati dall’ambiente intorno a loro.

Il regista si è successivamente concesso una digressione sulla genesi e sulle riprese di Climax:

Non ho scritto praticamente nulla. Se prendi delle persone e le fai essere ciò che vogliono davanti alla macchina da presa, diventano ancora di più di quello che sono. A parte Sofia Boutella e Souheila Yacoub, ho scelto ballerini non attori. A tutti i ballerini ho detto semplicemente di cercare di essere loro stessi. Era importante che ci fossero due attrici, perché quando i personaggi raggiungono uno stato psicotropo, la loro capacità di interpretare questa cosa ha influenzato anche le altre. Preferisco fare un film fisico e vivo, piuttosto che un rituale.

In Climax esiste uno stretto legame fra il lasciarsi andare e la morte, che Noé ha così commentato:

La morte è parte della vita. Se non si avesse paura di morire, la vita sarebbe noiosa. Se si gode il momento, perché potremmo ammalarci, è evidente che l’atto sessuale rappresenti un modo per sentirsi vivi, ma questa vitalità è sempre legata in qualche modo alla morte. Del resto non c’è nulla di più noioso che andare a un matrimonio e nulla di più interessante che andare a un funerale, perché il matrimonio è pieno di rituali, mentre il funerale è molto più vero. Un film senza la presenza della morte sarebbe noioso.

Il regista ha poi parlato dei problemi di censura per Climax:

Effettivamente Climax non ha subito tagli, nemmeno in certi paesi particolarmente rigidi come la Turchia, ma è stato vietato a 12, 16 e 18 anni. Un film con cui invece ho avuto problemi è stato Love, perché in quel film si vede il pene, il che è ancora un problema. Si possono fare vedere persone sgozzate o mitragliate, ma non si può fare vedere un pene. Anche gli argomenti di tipo religioso diventano sempre più problematici.

Noé ha in seguito parlato del consumo di droga e alcool, tema centrale di Climax:

Nessuno si è drogato o ha bevuto alcolici. Nel film c’è un bambino che nella finzione ha bevuto come tutti gli altri, ma il fatto che lui pesi 30 chili e beva quella bevanda ha un effetto su di lui ancora più devastante. C’è anche una differenza dal punto di vista sessuale in questo senso, perché le donne tendenzialmente pesano meno degli uomini, per cui sono più sensibili alle medesime quantità di alcool. Anche gli uomini che pesano meno sentono maggiormente gli effetti dell’alcool. Climax in questo senso è anche una pubblicità progresso, forse un po’ radicale.

Climax

Il cineasta ha poi analizzato le sue scelte musicali:

Ho scelto molti brani musicali della metà degli anni ’80, che ascoltavo io quando ballavo. Non abbiamo potuto mettere tre brani perché abbiamo avuto problemi con le case. A uno di questi abbiamo dovuto rinunciare per un problema morale: i titolari dei diritti non volevano che questa canzone fosse associata a un film sulla droga. Abbiamo cercato versioni strumentali, perché non volevamo che il cantato interferisse con i ballerini. Anche Angie l’abbiamo fatta registrare, non è la versione dei Rolling Stones.

Come nei suoi film precedenti, anche in Climax c’è un insolito utilizzo dei titoli di testa e di coda, che Noé spiega in questo modo:

Io detesto i titoli di coda, perché dalla metà degli anni ’70 si è generata l’abitudine di fare titoli di coda interminabili, quindi lo spettatore non esce più dalla sala col film ancora dentro di sé, ma con questi titoli dove ci sono tutti i mestieranti. Una volta si leggeva nei titoli “musica di Beethoven”, oggi invece per ogni brano ci sono 10 righe, compreso chi l’ha composto e la casa discografica. Questa cosa uccide il film, perciò io metto i titoli, che sono comunque dovuti, ma non alla fine. Non ho mai visto film che ce li hanno a metà, forse uno di Jean-Luc Godard (Cura la tua destra…), che l’ha messo a un certo punto del film, come una pausa dopo la quale si rientra nell’atmosfera del film. A parte Godard, ci sono tante altre persone che si sono divertite coi titoli.

Noé ha concluso l’incontro con la stampa parlando del suo stile particolarmente crudo e di quale messaggio intende veicolare con esso:

Quando faccio un film, non penso necessariamente allo spettatore. In questo caso, il senso era fare un film sulla danza, con danzatori che sono messi in una situazione particolare. Non ritengo questo film scioccante. Io ho amato Eraserhead, Possession, Querelle de Brest, ma in questo caso il senso era fare un film su una situazione in qualche modo divertente, che non doveva scioccare nessuno. Quando ho presentato Climax ai selezionatori di Cannes, io volevo fare un film come Stanley Kubrick o Dreyer, ma mi sono reso conto che avevo fatto nuovamente un’opera strana, perché dall’esterno mi attaccano questa etichetta. Bisogna inoltre ricordare che un film non è un’opera di una sola persona, ma di altre persone che vogliono anche divertirsi, e questo è il risultato. Forse se una volta farò un film su un ospedale psichiatrico, farò un film serio.

Pubblicità

Disney+

Disney+: tutte le nuove uscite in arrivo a febbraio 2022

Pubblicato

il

Disney+

Mese decisamente promettente quello di febbraio per Disney+. La piattaforma streaming proporrà infatti ai propri abbonati un progetto particolarmente atteso, cioè Pam & Tommy, miniserie con Lily James e Sebastian Stan incentrata sulla clamorosa diffusione via internet di un sextape con protagonisti la diva di Baywatch Pamela Anderson e il marito Tommy Lee, batterista dei Mötley Crüe. I primi tre episodi della miniserie saranno disponibili su Disney+ a partire dal 2 febbraio.

Altre novità di punta per il prossimo mese sono sicuramente The French Dispatch di Wes Anderson e The King’s Man – Le origini di Matthew Vaughn, film che arrivano entrambi in streaming a brevissima distanza dal passaggio in sala. Da segnalare inoltre l’ingresso in catalogo della terza stagione di What We Do in the Shadows, serie comedy/horror basata sull’omonimo cult di Taika Waititi. Di seguito, l’elenco completo di quello che vedremo nelle prossime settimane su Disney+.

Tutto quello che vedremo a febbraio su Disney+

Pam & Tommy

Photo by: Erin Simkin/Hulu

2 febbraio

  • Pam & Tommy (serie originale, stagione 1 primi 3 episodi)
  • Topolino – La casa del divertimento (serie originale, stagione 1 – 4 nuovi episodi)
  • Bob’s Burgers (serie non originale, stagione 10)
  • Black-Ish (serie non originale, stagione 7)

4 febbraio

  • L’ascesa dei ricordi (film non originale)

9 febbraio

  • Puppy Dog Pals (serie non originale, stagione 4, nuovi episodi)
  • Grown-Ish (serie non originale, stagione 3)

16 febbraio

  • The French Dispatch (film non originale)
  • Blackpink –Il film (film non originale)
  • What We Do in the Shadows (serie non originale, stagione 3)
  • Peppa Pig (serie non originale, stagione 8)

18 febbraio

  • Il meraviglioso inverno di Topolino (speciale animato originale)

21 febbraio

  • The Walking Dead (serie non originale, stagione 11, seconda parte)

23 febbraio

  • La Famiglia Proud: più forte e orgogliosa (serie originale, stagione 1)
  • The King’s Man – Le origini (film non originale)
  • I Griffin (serie non originale, stagione 18)
  • PJ Masks (serie non originale, stagione 5, 4 nuovi episodi)

25 febbraio

  • No Exit (film originale)
  • Mr. & Mrs. Smith (film non originale)
Continua a leggere

Focus

Netflix: tutte le nuove uscite che vedremo a gennaio 2022

Pubblicato

il

Netflix

Netflix inaugura il 2022 con il ritorno di tre serie particolarmente amate dal pubblico, cioè Ozark (quarta stagione), After Life e Snowpiercer (entrambe al terzo ciclo di episodi). Fra i reality, spazio alla terza stagione di Too Hot to Handle, mentre fra i film originali in arrivo sulla piattaforma spicca il dramma storico Monaco: sull’orlo della guerra. Di seguito, l’elenco completo di quello che vedremo a gennaio su Netflix.

Tutto ciò che vedremo a gennaio 2022 su Netflix

After Life

1 gennaio

  • Incastrati (serie originale, stagione 1)
  • Manifest (serie non originale, stagioni 1-3)
  • The Big Bang Theory (serie non originale, stagione 12)
  • The Good Doctor (serie non originale, stagione 4)
  • Sicario (film non originale)
  • Operazione amore (serie non originale, stagione 3)
  • Superstore (serie non originale, stagione 6)
  • Nessuno come noi (film non originale)
  • Love etc. (film non originale)
  • Passengers – Mistero ad alta quota (film non originale)
  • Percy (film non originale)
  • The Reader – A voce alta (film non originale)
  • Orders to Kill (film non originale)
  • Restless Natives (film non originale)
  • The Conquest of Everest (film non originale)
  • The Cruel Sea (film non originale)
  • Le Diable Par La Queue (film non originale)
  • Convoy (film non originale)
  • Intruder (film non originale)
  • The Iron Maiden (film non originale)
  • Così come sei (film non originale)
  • Amici come prima (film non originale)
  • Se son rose… (film non originale)
  • S.W.A.T.: Sotto assedio (film non originale)
  • Ti presento Sofia (film non originale)
  • 12 Soldier (film non originale)

2 gennaio

  • For Life (serie non originale, stagione 1)

3 gennaio

  • Bad Boys for Life (film non originale)

4 gennaio

  • Action Pack – Squadra in azione (serie animata originale, stagione 1)

5 gennaio

6 gennaio

  • The Club (serie originale, stagione 1 parte 2)
  • El Paramo – terrore invisibile (film originale)
  • Uncle Drew (film non originale)

7 gennaio

  • Mother/Android (film originale)
  • Una festa esagerata (film non originale)
  • Puoi baciare lo sposo (film non originale)
  • Classe Z (film non originale)
  • Hype House (serie non originale, stagione 1)

10 gennaio

  • Undercover (serie originale, stagione 3)
  • I magnifici sette (film non originale)

11 gennaio

  • L’origine du monde (film originale)

12 gennaio

  • How I Fell in Love With a Gangster (film originale)

13 gennaio

  • The Journalist (serie originale, stagione 1)
  • Brazen (film originale)
  • Photocopier (film originale)

14 gennaio

  • After Life (serie originale, stagione 3)
  • Archive 81 – Universi alternativi (serie originale, stagione 1)
  • The House (serie animata originale, stagione 1)
  • Riverdance – L’avventura animata (film originale)
  • El comediante (film originale)

18 gennaio

  • DOTA: Dragon’s Blood: Book (serie anime originale, stagione 2)

19 gennaio

  • Too Hot to Handle (reality originale, stagione 3)
  • Viaggi prelibati: Messico (docuserie originale, stagione 1)

20 gennaio

  • Il trattamento reale (film originale)
  • Midnight Asia: Mangia · Balla · Sogna (docuserie originale, stagione 1)

21 gennaio

  • Ozark (serie originale, stagione 4)
  • Monaco: sull’orlo della guerra (film originale)

25 gennaio

  • Snowpiercer (serie originale, stagione 3)
  • Neymar – Il caso perfetto (miniserie originale)

27 gennaio

  • Soy Georgina (serie originale, stagione 1)

28 gennaio

  • Getting Curious with Jonathan Van Ness (serie originale, stagione 1)
  • La donna nella casa di fronte alla ragazza dalla finestra (serie originale, stagione 1)
Continua a leggere

Focus

Disney+: tutte le nuove uscite in arrivo a gennaio 2022

Pubblicato

il

Eternals

Disney+ inaugura il 2021 con tanti prodotti di qualità, particolarmente attesi dagli abbonati alla piattaforma. È sicuramente questo il caso di Eternals, che dopo il convincente riscontro in sala si prepara a conquistare altri spettatori in streaming, sfruttando magari il traino del nuovo capitolo del Marvel Cinematic Universe Spider-Man: No Way Home. Un altro film da poco passato al cinema pronto al debutto in piattaforma è Antlers – Spirito insaziabile, horror di Scott Cooper prodotto da Guillermo del Toro. Importanti arrivi anche per quanto riguarda le serie televisive, con il debutto della serie animata Marvel’s Hit-Monkey e di Queens – Regine dell’Hip Hop. A partire dal 19 gennaio faranno poi capolino nel catalogo di Disney+ i nuovi episodi de Il mondo secondo Jeff Goldblum, spassosa docuserie con protagonista la star di Hollywood. Infine, segnaliamo l’arrivo di First Wave, toccante documentario targato National Geographic sulla prima drammatica ondata di COVID-19 a New York.

Tutto quello che vedremo a gennaio su Disney+

Disney+

Disney+

5 gennaio

  • Antlers – Spirito insaziabile (film non originale)
  • Big Sky (serie originale, stagione 2)
  • Station 19 (serie non originale, stagione 5)
  • The Chi (serie non originale, stagione 5)
  • Better Things (serie non originale, stagione 2)
  • T.O.T.S. Trasporto Organizzato Teneri Supercuccioli (serie non originale, stagione 2)

7 gennaio

  • Full Monty (film non originale)
  • L’altra faccia del pianeta delle scimmie (film non originale)

12 gennaio

  • Eternals (film non originale)
  • 9-1-1 (serie non originale, stagione 5)
  • Mayans M.C. (serie non originale, stagioni 1-3)
  • A casa di Raven (serie non originale, stagione 4)

14 gennaio

  • The Real Queens of Hip-Hop: The Women Who Changed the Game (speciale non originale)
  • Pearl Harbor (film non originale)

19 gennaio

  • Queens – Regine dell’Hip Hop (serie originale, stagione 1)
  • Il mondo secondo Jeff Goldblum (serie originale, stagione 2 nuovi episodi)
  • Pepper Ann (serie non originale, stagione 3)

21 gennaio

  • Jojo Rabbit (film non originale)
  • The First Wave (film non originale)

26 gennaio

  • Marvel’s Hit-Monkey (serie originale, stagione 1)
  • Big City Greens (serie non originale, stagione 2)

28 gennaio

  • Downtown (film non originale)
Continua a leggere
Pubblicità