Ammonite: Saoirse Ronan parla delle scene di sesso con Kate Winslet

Ammonite: Saoirse Ronan parla delle scene di sesso con Kate Winslet

Nel corso di un’intervista concessa a ET Online, Saoirse Ronan ha parlato diffusamente di Ammonite, il film che la vede protagonista insieme a Kate Winslet di una tormentata storia d’amore (qui la nostra recensione). La giovane attrice irlandese, già 4 volte candidata all’Oscar, ha parlato del suo rapporto con la collega:

Ci eravamo incontrate più volte in passato a festival, feste e cose del genere e abbiamo sempre portato avanti un proficuo rapporto. Essendo io la più giovane delle due, ammiro qualcuno come lei, la carriera che ha avuto e quanto sia una lavoratrice, perché lavora veramente molto, molto duro. Lei per me è stata incredibilmente di supporto, anche prima di fare Ammonite. Kate è sempre stata dalla mia parte. L’idea che lei sia Rose in Titanic esce dalla finestra quando la incontri. Mi sono sempre sentita molto rilassata con lei, e penso che in questo modo si faccia il lavoro migliore.

Saoirse Ronan sulle scene di sesso in Ammonite

Saoirse Ronan si è poi concentrata sulle scene di sesso in Ammonite, e su come ha interagito con Kate Winslet:

Sono stato molto fortunata, perché non mi sono mai sentita eccessivamente nervosa durante le scene di sesso. Per me sono completamente tecniche. Non è come una scena di baci, in cui stai davvero baciando qualcuno. È puramente tecnica e coreografata. Le ho sempre viste così, il che penso sia probabilmente un buon modo per farle.

In termini di scena di sesso tra due donne, noi due abbiamo naturalmente preso l’iniziativa. Sappiamo cosa ci piace, davvero, e abbiamo avuto una conversazione aperta su questo. Abbiamo parlato della progressione da una scena di sesso a quella successiva e di come i personaggi dovevano fare un ulteriore passo avanti ogni volta. Essere in grado di condurre la conversazione e portarla nella direzione in cui ci sentivamo a nostro agio è stato meraviglioso. Ed è stato divertente! È stato davvero divertente dire “Beh, che ne dici di questo? E se lo fai?”. Penso che sia stata una nuova esperienza per entrambe.

Marco Paiano

Marco Paiano