Andrew Jack Andrew Jack

News

Andrew Jack: l’attore di Star Wars morto a causa del Coronavirus

Pubblicato

il

Il Coronavirus non risparmia neanche la galassia di Star Wars. Purtroppo, poche ore fa si è spento Andrew Jack, che ricordiamo come interprete nella trilogia sequel di Star Wars (nella parte del membro della Resistenza Caluan Ematt) e soprattutto come dialect coach di molte star e di disparati film. Secondo quanto riportato da TMZ, Andrew Jack è morto martedì mattina in un’ospedale fuori Londra a causa delle complicazioni sviluppate dopo il contagio al COVID-19. Per via delle misure di sicurezza prese nella stragrande maggioranza delle nazioni, l’attore è morto lontano dalla moglie, bloccata in quarantena in Australia, e non potrà ricevere un degno funerale.

Andrew Jack: una vita al servizio del cinema

Fino a poche settimane fa, Andrew Jack è stato attivo in campo cinematografico con la sua attività di dialect coach. L’ultima sua attività è stata per The Batman di Matt Reeves, ma recentemente abbiamo potuto apprezzare la sua professionalità in Avengers: Endgame e Men in Black: International, in cui ha assistito Chris Hemsworth, e nella già citata trilogia sequel di Star Wars, in cui, oltre alla breve apparizione su schermo, è stato fondamentale per il suo apporto al personaggio di John Boyega, con il quale ha lavorato in particolare sull’accento.

Jack si è dedicato al cinema a partire dagli anni ’80, apportando il suo contributo nei dialoghi a pietre miliari come Indiana Jones e l’ultima crociata (non accreditato), L’ultimo dei Mohicani, la trilogia de Il Signore degli Anelli, Batman Begins e La promessa dell’assassino. Ha supportato nel loro lavoro grandi interpreti, fra cui Viggo Mortensen, Christian Bale, Robert Downey Jr, Hugh Jackman e Ken Watanabe. Ci lascia oggi all’età di 76 anni, per colpa di una pandemia che sta mettendo in ginocchio l’intero pianeta. Il suo contributo nella realizzazione delle storie che abbiamo conosciuto e amato non sarà però mai dimenticato.

News

Natalie Portman e Julianne Moore nel nuovo film di Todd Haynes

Pubblicato

il

Natalie Portman

Natalie Portman e Julianne Moore saranno le protagoniste del nuovo film di Todd Haynes May December. A dare la notizia è l’Hollywood Reporter, che riporta anche che il film sarà messo sul mercato nel corso del prossimo Cannes Marche. May December sarà realizzato sulla base di una sceneggiatura di Samy Burch, e vedrà Todd Haynes e Julianne Moore insieme per la sesta volta. Il film inizia 20 anni dopo una famigerata storia d’amore scandalistica tra Gracie Atherton-Yu e suo marito Joe, mentre i loro gemelli stanno per diplomarsi al liceo. Quando l’attrice di Hollywood Elizabeth Berry comincia a trascorrere del tempo con la famiglia per capire meglio Gracie, che interpreterà in un film, le dinamiche familiari si dipanano sotto la pressione dello sguardo esterno. Le riprese avranno luogo nel 2022, e Natalie Portman sarà coinvolta anche nel ruolo di produttrice.

Natalie Portman e Julianne Moore protagoniste di May December

Julianne Moore in Lontano dal paradiso di Todd Haynes

Questa la dichiarazione di Haynes sul suo prossimo progetto:

Ciò che mi ha attratto così tanto dell’eccezionale sceneggiatura di Samy Burch è stato il modo in cui ha affrontato argomenti potenzialmente instabili con una sorta di pazienza osservativa che ha permesso di esplorare i personaggi della storia con una sottigliezza non comune.

Todd Haynes sarà alla prossima edizione del Festival di Cannes con il suo documentario The Velvet Underground, dedicato al celebre gruppo rock. Julianne Moore è invece protagonista de La storia di Lisey, miniserie targata Apple TV+ diretta da Pablo Larraín e basata sull’omonimo romanzo di Stephen King. Natalie Portman ha da poco terminato le riprese di Thor: Love and Thunder, nuovo capitolo del Marvel Cinematic Universe diretto da Taika Waititi in cui riprenderà il suo ruolo di Jane Foster. Non mancheremo di tenervi aggiornati sugli ulteriori sviluppi di questo interessante progetto.

Continua a leggere

Focus

Chaos Walking: in home video il film con Daisy Ridley e Tom Holland

Pubblicato

il

Chaos Walking

Dal 9 giugno è disponibile nei principali store fisici e online l’edizione home video di Chaos Walking, nuovo film di Doug Liman forte di un cast di stelle del calibro di Daisy RidleyTom HollandMads MikkelsenDemián BichirCynthia ErivoNick JonasKurt SutterDavid Oyelowo.

Siamo di fronte a un classico young adult di genere distopico, sulla scia dei vari Hunger Games e Divergent, in cui i giovani protagonisti del Marvel Cinematic Universe e di Star Wars si trovano in un cupo futuro lontano dalla Terra, dove le donne sono state decimate e i pensieri dei superstiti prendono forma in una strana nuvola colorata, chiamata Rumore. Il giovane protagonista Todd (Holland) si trova ad avere per la prima volta a che fare con una donna quando sul pianeta di Nuovo Mondo arriva Viola (Ridley), che diventa però oggetto delle attenzioni dello spietato sindaco del luogo Prentiss, interpretato da Mads Mikkelsen. Todd deve quindi cercare di mettere in salvo Viola, e nel farlo scopre che le cose non stanno esattamente come crede.

Chaos Walking: le edizioni home video
Chaos Walking

Chaos Walking arriva in home video in due edizioni targate Eagle Pictures. Quella DVD contiene le tracce audio italiana e inglese in Dolby Digital 5.1, oltre a circa 54 minuti di contenuti extra. L’edizione Blu-Ray può invece contare su un audio DTS HD MASTER 5.1 e su ben 140 minuti di contenuti extra. Quest’ultima edizione è certamente preferibile, in quanto ci permette di toccare con mano il notevole lavoro fatto sugli effetti speciali, in particolare sul Rumore che contraddistingue il distopico Nuovo Mondo di Chaos Walking. Decisamente efficace anche il comparto sonoro, che permette un’esperienza ancora più immersiva, soprattutto nelle sequenze più concitate.

I contenuti extra

Entrambe le edizioni contengono una traccia audio con il commento del regista, in versione non sottotitolata. Doug Liman è anche il protagonista de Il rumore del regista, filmato di circa 17 minuti in cui scopriamo i segreti della genesi e della lavorazione del film. Abbiamo poi La fonte del silenzio, in cui Daisy Ridley offre il suo punto di vista sulla lavorazione di Chaos Walking e in particolare sui reshoot che si sono resi necessari nel 2019, due anni dopo le riprese principali. Ne I cittadini di Prentisstown, anche gli altri interpreti del film dicono la loro sulla realizzazione di questo imponente progetto, dal budget totale di circa 100 milioni di dollari. I pensieri interiori si sofferma invece sulla trilogia letteraria di Patrick Ness, coinvolto anche nella realizzazione del film, in qualità di co-sceneggiatore.

Ne L’approccio visivo al film, il direttore della fotografia Ben Seresin commenta le sue scelte, regalandoci un interessante spaccato della lavorazione dietro a un grande progetto nel panorama dell’intrattenimento contemporaneo. Con i filmati I compositori commentano la scena FarbranchI compositori commentano la scena Attacco alla città, gli autori della colonna sonora Marco Beltrami e Brandon Roberts parlano invece del lavoro che hanno svolto su alcune scene chiave del film. In esclusiva per l’edizione Blu-Ray di Chaos Walking, troviamo infine ben 43 minuti di scene tagliate, con e senza commento, che c aiutano a comprendere le numerose scelte, talvolta anche dolorose, che è necessario fare in fase di montaggio.

Dal 9 giugno, potete acquistare il DVD o il Blu-ray di Chaos Walking a questo link su Amazon.

Continua a leggere

Netflix

Generazione 56K: il trailer della serie Netflix dei The Jackal

Pubblicato

il

Netflix ha pubblicato il trailer e la locandina di Generazione 56K, nuova serie italiana prodotta da Cattleya – parte di ITV Studios – e realizzata in collaborazione con The Jackal – gruppo Ciaopeople – che sarà disponibile dal 1° luglio 2021 su Netflix in tutti i 190 paesi in cui il servizio è attivo.

Amori fuori tempo e amicizie inossidabili, tra il desiderio di diventare adulti e il coraggio di inseguire i propri sogni. Nel trailer di Generazione 56K possiamo dare un un primo sguardo al ritratto, ricco di contraddizioni, della generazione dei Millennial, travolta – alle soglie dell’adolescenza – dall’arrivo di Internet negli anni Novanta. Una generazione che oggi vede nella tecnologia un elemento indispensabile nella propria vita: offre velocità, connessioni e infinite possibilità. Orientarsi in questa varietà di opzioni non è però sempre facile. Gustiamoci quindi il trailer, sulle nostalgiche note di Come mai degli 883, inno degli amori di un’intera generazione.

Generazione 56K: il trailer della serie

Ambientata tra Napoli e Procida, Generazione 56K è una serie di genere comedy basata su un’idea originale di Francesco Ebbasta e da lui scritta insieme a Costanza Durante, Laura Grimaldi e Davide Orsini, che ne è anche head writer. Dietro la macchina da presa dei primi 4 episodi Francesco Ebbasta, mentre Alessio Maria Federici firma la regia dei restanti 4. Questa la sinossi della serie:

Al centro della storia Daniel e Matilda, che si conoscono da giovanissimi e s’innamorano da adulti, e che, insieme agli amici di sempre, Luca e Sandro, sono il simbolo della Generazione del Modem 56K. Daniel e Matilda vivono una relazione che rivoluzionerà il loro mondo e li costringerà a fare i conti con il passato e quella parte più pura e vera di se stessi che, in modi opposti, hanno dimenticato. Tutti gli episodi della serie intrecciano costantemente due linee temporali, due punti di vista, due fasi della stessa storia d’amore e di amicizia che parte nel 1998 e continua fino ai giorni nostri.

Daniel e Matilda sono interpretati rispettivamente da Angelo Spagnoletti e Cristina Cappelli, nella loro versione adulta, e da Alfredo Cerrone e Azzurra Iacone in quella da ragazzini. Protagonisti della serie anche due componenti dei The Jackal nel ruolo degli amici storici di Daniel: Gianluca Fru è Luca e Fabio Balsamo è Sandro, rispettivamente interpretati, nella loro versione da bambini, da Gennaro Filippone e da Egidio Mercurio. Nel cast troviamo anche Biagio Forestieri (Napoli Velata) nei panni di Bruno, Claudia Tranchese (Sotto il sole di RiccioneGomorra la serie 4 stagione) in quelli di Ines, Federica Pirone in quelli di Cristina. Elena Starace interpreta Raffaella e Sebastiano Kiniger dà volto a Enea. In conclusione, ecco il poster ufficiale di Generazione 56K.

Generazione 56K

Continua a leggere
Pubblicità