Better Call Saul: per Giancarlo Esposito, la serie finirà con la stagione 6

Better Call Saul: per Giancarlo Esposito, la serie finirà con la stagione 6

Dopo il rinvio della quinta stagione della serie al 2020, oggi arriva un’altra potenziale brutta notizia per gli appassionati di Better Call Saul, dall’illustre voce dell’apprezzatissimo interprete di Gus Fring Giancarlo Esposito. Nel corso di un’intervista con Collider, l’attore di origini italiane ha infatti ipotizzato che la sesta stagione dello show sarà anche l’ultima. Se questa notizia fosse confermata, rimarrebbero così solo altre due stagioni con le quali esplorare l’affascinante universo di Breaking Bad, oltre al già annunciato film basato sulla serie.

Better Call Saul sulle orme di Breaking Bad
Better Call Saul

Parlando del futuro di Better Call Saul, Esposito si è espresso in questi inequivocabili termini: “Ci saranno sei stagioni. Questo sembra il modo migliore per concludere questo show”. Secondo l’interprete, questa scelta ricalcherebbe in un certo senso il percorso di Breaking Bad, che si è conclusa nel 2013 dopo ben 62 episodi. “Se pensiamo al modello di Breaking Bad, in quel caso il creatore dello show Vince Gilligan aveva detto che sarebbe durata cinque stagioni e cinque anni, che sono poi diventati sei perché l’ultimo ciclo di episodi è stato diviso in due distinte annate”, ha poi proseguito Esposito.

Interrogata dall’Hollywood Reporter sulla vicenda, l’emittente via cavo AMC che produce lo show ha evitato qualsiasi tipo di commento. Secondo un’attendibile fonte della stessa testata americana, non ci sarebbe ancora una data di conclusione precisa e irrevocabile per Better Call Saul. Anche se non sappiamo ancora quando si concluderà la serie, possiamo dire con certezza che stiamo viaggiando a passo sempre più spedito verso la conclusione della storia. Con le riprese della quinta stagione cominciate da poche settimane, non ci resta quindi che attendere i prossimi sviluppi di una serie che è entrata fin da subito nel cuore degli orfani di Breaking Bad, conferendo un intenso e toccante arco narrativo allo spregiudicato avvocato Jimmy McGill, conosciuto anche come Saul Goodman.

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Marco Paiano

Fondatore di Lost in Cinema e collaboratore per Cinematographe - Film Is Now ed Empire Italia. Amo il cinema in ogni sua forma, anche quelle meno riuscite. La prendo come viene.