Christopher Plummer è morto: addio a una leggenda di Hollywood

Christopher Plummer è morto: addio a una leggenda di Hollywood

All’età di 91 anni, è morto Christopher Plummer, attore canadese che ha scritto la storia di cinema e teatro grazie alle sue interpretazioni in opere come Tutti insieme appassionatamente, L’uomo che volle farsi re, Insider – Dietro la verità, Beginners (grazie al quale ha conquistato il suo unico Oscar) e i recenti Tutti i soldi del mondo e Cena con delitto – Knives Out. A dare la notizia è Variety, che specifica anche che il decesso dell’attore è avvenuto nella sua casa in Connecticut. Al momento, non si conoscono le cause della morte del celebre attore. Questa la dichiarazione di Lou Pitt, amico e agente di Christopher Plummer:

Chris era un uomo straordinario che amava e rispettava profondamente la sua professione con grandi maniere all’antica, umorismo autoironico e la musica delle parole. Era un tesoro nazionale che apprezzava profondamente le sue radici canadesi. Attraverso la sua arte e la sua umanità, ha toccato tutti i nostri cuori e la sua vita leggendaria durerà per tutte le generazioni a venire. Sarà per sempre con noi.

Christopher Plummer: l’attore canadese ci lascia all’età di 91 anni

Nato a Toronto il 13 dicembre 1929, nipote del Primo Ministro canadese John Abbott, Plummer si dedica alla recitazione già durante i primi anni quaranta, cominciando poi la carriera teatrale a Broadway. Dopo alcune apparizioni in televisione, nel 1958 debutta a Hollywood in Fascino del palcoscenico di Sidney Lumet, in cui condivide lo schermo con interpreti del calibro di Henry Fonda e Susan Strasberg. Comincia così una carriera nel cinema lunga oltre 60 anni, che lo porta nel corso del tempo a interpretare ruoli iconici come quello del capitano Von Trapp nel musical Tutti insieme appassionatamente, quello di Eddie Chapman in Agli ordini del Führer e al servizio di Sua Maestà e Sherlock Holmes in Assassinio su commissione.

La sua espressività e la sua duttilità portano Christopher Plummer ad adattarsi a ogni ruolo e a diverse atmosfere, permettendogli di tratteggiare mirabilmente un personaggio anche con pochi minuti a disposizione, cosa che gli accade con maggiore frequenza in età avanzata. Molti dei più grandi interpreti del dopoguerra hanno calcato i set accanto a lui: a Robert Redford (Lo strano mondo di Daisy Clover) a Sophia Loren (La caduta dell’Impero romano), da Orson Welles (Edipo Re) a Sean Connery (L’uomo che volle farsi re), fino ad arrivare a Tom Hanks (La retata), Jack Nicholson (Wolf – La belva è fuori), Denzel Washington (Malcolm X e Inside Man) e Al Pacino (Insider – Dietro la verità).

Attore di sicuro affidamento e di indefessa professionalità, anche alla soglia dei 90 anni viene scelto per ruoli chiave come il Jean Paul Getty di Tutti i soldi del mondo, in cui sostituisce Kevin Spacey a poche settimane dall’uscita del film, e Harlan Thrombey di Cena con delitto – Knives Out, figura centrale nella trama di questo spassoso giallo.

Marco Paiano

Marco Paiano