Golden Globe 2024 Golden Globe 2024

News

Critics’ Choice Awards 2024: tutti i premi della serata

Pubblicato

il

Poche ore fa, nella cornice del Fairmont Century Plaza Hotel di Los Angeles, sono stati assegnati i Critics’ Choice Awards 2024, premi dedicati al meglio del cinema e della televisione del 2023. A dominare per il cinema è stato Oppenheimer, che ha conquistato molti dei premi più ambiti, con la sorprendente eccezione del premio come migliore attore protagonista, andato a Paul Giamatti per la sua performance in The Holdovers – Lezioni di vita. Buon riscontro anche per Barbie, che porta a casa i riconoscimenti per la migliore sceneggiatura originale e alcuni premi tecnici, mentre il trofeo per la migliore attrice va a Emma Stone per Povere creature!.

Per quanto riguarda le serie, a farla da padrona sono nuovamente Succession, The Bear e Lo scontro, che dominano le rispettive categorie. Premiate anche Elizabeth Debicki per il suo lavoro in The Crown e Meryl Streep per la sua partecipazione a Only Murders in the Building. Di seguito, l’elenco completo dei vincitori e delle vincitrici dei Critics’ Choice Awards 2024, segnalati in grassetto.

Critics’ Choice Awards 2024: i premi per il cinema

Critics' Choice Awards 2024


Miglior film

  • Oppenheimer di Christopher Nolan
  • American Fiction di Cord Jefferson
  • Barbie di Greta Gerwig
  • Il colore viola di Blitz Bazawule
  • The Holdovers – Lezioni di vita di Alexander Payne
  • Killers of the Flower Moon di Martin Scorsese
  • Maestro di Bradley Cooper
  • Past Lives di Celine Song
  • Povere creature! di Yorgos Lanthimos
  • Saltburn di Emerald Fennell


Miglior regista

  • Christopher Nolan – Oppenheimer
  • Bradley Cooper – Maestro
  • Greta Gerwig – Barbie
  • Yorgos Lanthimos – Povere creature!
  • Alexander Payne – The Holdovers – Lezioni di vita
  • Martin Scorsese – Killers of the Flower Moon

Migliore attore protagonista

  • Paul Giamatti – The Holdovers – Lezioni di vita
  • Bradley Cooper – Maestro
  • Leonardo DiCaprio – Killers of the Flower Moon
  • Colman Domingo – Rustin
  • Cillian Murphy – Oppenheimer
  • Jeffrey Wright – American Fiction


Miglior attrice protagonista

  • Emma Stone – Povere creature!
  • Lily Gladstone – Killers of the Flower Moon
  • Sandra Hüller – Anatomia di una caduta
  • Greta Lee – Past Lives
  • Carey Mulligan – Maestro
  • Margot Robbie – Barbie


Miglior attore non protagonista

  • Robert Downey Jr. – Oppenheimer
  • Sterling K. Brown – American Fiction
  • Robert De Niro – Killers of the Flower Moon
  • Ryan Gosling – Barbie
  • Charles Melton – May December
  • Mark Ruffalo – Povere creature!


Migliore attrice non protagonista

  • Da’Vine Joy Randolph – The Holdovers – Lezioni di vita
  • Emily Blunt – Oppenheimer
  • Danielle Brooks – Il colore viola
  • America Ferrera – Barbie
  • Jodie Foster – Nyad – Oltre l’oceano
  • Julianne Moore – May December


Critics’ Choice Awards 2024: miglior giovane interprete

  • Dominic Sessa – The Holdovers – Lezioni di vita
  • Abby Ryder Fortson – Are You There, God? It’s Me, Margaret
  • Ariana Greenblatt – Barbie
  • Calah Lane – Wonka
  • Milo Machado-Graner – Anatomia di una caduta
  • Madeleine Yuna Voyles – The Creator


Critics’ Choice Awards 2024: miglior cast corale

  • Oppenheimer
  • Air – La storia del grande salto
  • Barbie
  • Il colore viola
  • The Holdovers – Lezioni di vita
  • Killers of the Flower Moon


Miglior sceneggiatura originale

  • Greta Gerwig e Noah Baumbach – Barbie
  • Samy Burch – May December
  • Alex Convery – Air – La storia del grande salto
  • Bradley Cooper e Josh Singer – Maestro
  • David Hemingson – The Holdovers – Lezioni di vita
  • Celine Song – Past Lives


Miglior sceneggiatura non originale

  • Cord Jefferson – American Fiction
  • Kelly Fremon Craig – Are You There, God? It’s Me, Margaret
  • Andrew Haigh – Estranei
  • Tony McNamara – Povere creature!
  • Christopher Nolan – Oppenheimer
  • Eric Roth e Martin Scorsese – Killers of the Flower Moon


Critics’ Choice Awards 2024: miglior fotografia

  • Hoyte van Hoytema – Oppenheimer
  • Matthew Libatique – Maestro
  • Rodrigo Prieto – Barbie
  • Rodrigo Prieto – Killers of the Flower Moon
  • Robbie Ryan – Povere creature! (Poor Things)
  • Linus Sandgren – Saltburn


Critics’ Choice Awards 2024: miglior montaggio

  • Jennifer Lame – Oppenheimer
  • William Goldenberg – Air – La storia del grande salto (Air)
  • Nick Houy – Barbie
  • Yorgos Mavropsaridis – Povere creature! (Poor Things)
  • Thelma Schoonmaker – Killers of the Flower Moon
  • Michelle Tesoro – Maestro


Migliori costumi

  • Jacqueline Durran – Barbie
  • Lindy Hemming – Wonka
  • Francine Jamison-Tanchuck – Il colore viola
  • Holly Waddington – Povere creature!
  • Jacqueline West – Killers of the Flower Moon
  • Janty Yates e David Crossman – Napoleon


Miglior scenografia

  • Sarah Greenwood e Katie Spencer – Barbie
  • Suzie Davies e Charlotte Diricks – Saltburn
  • Ruth De Jong e Claire Kaufman – Oppenheimer
  • Jack Fisk e Adam Willis – Killers of the Flower Moon
  • James Price, Shona Heath e Zsuzsa Mihalek – Povere creature!
  • Adam Stockhausen e Kris Moran – Asteroid City


Miglior colonna sonora

  • Ludwig Göransson – Oppenheimer
  • Jerskin Fendrix – Povere creature!
  • Michael Giacchino – La società della neve
  • Daniel Pemberton – Spider-Man: Across the Spider-Verse
  • Robbie Robertson – Killers of the Flower Moon
  • Mark Ronson e Andrew Wyatt – Barbie


Critics’ Choice Awards 2024: miglior canzone

  • I’m Just Ken – Barbie
  • Dance the Night – Barbie
  • Peaches – Super Mario Bros. – Il film
  • Road to Freedom – Rustin
  • This Wish – Wish
  • What Was I Made For? – Barbie


Miglior trucco e acconciatura

  • Barbie
  • Il colore viola
  • Maestro
  • Oppenheimer
  • Povere creature!
  • Priscilla


Critics’ Choice Awards 2024: migliori effetti speciali

  • Oppenheimer
  • The Creator
  • Guardiani della Galassia Vol. 3
  • Mission: Impossible – Dead Reckoning – Parte uno
  • Povere creature!
  • Spider-Man: Across the Spider-Verse


Miglior film commedia

  • Barbie di Greta Gerwig
  • American Fiction di Cord Jefferson
  • Bottoms di Emma Seligman
  • The Holdovers – Lezioni di vita di Alexander Payne
  • Fidanzata in affitto di Gene Stupnitsky
  • Povere creature! di Yorgos Lanthimos


Miglior film straniero

  • Anatomia di una caduta di Justine Triet (Francia)
  • Godzilla Minus One di Takashi Yamazaki (Giappone)
  • Perfect Days di Wim Wenders (Giappone)
  • La società della neve di J. A. Bayona (Spagna)
  • La Passion de Dodin Bouffant diTrần Anh Hùng (Francia)
  • La zona d’interesse di Jonathan Glazer (Regno Unito)


Migliore film animato

  • Spider-Man: Across the Spider-Verse di Joaquim Dos Santos, Kemp Powers e Justin K. Thompson
  • Il ragazzo e l’airone di Hayao Miyazaki
  • Elemental di Peter Sohn
  • Nimona di Nick Bruno e Troy Quane
  • Tartarughe Ninja – Caos mutante di Jeff Rowe
  • Wish di Chris Buck e Fawn Veerasunthorn


Critics’ Choice Awards 2024: i premi per la televisione


Miglior serie drammatica

  • Succession
  • The Crown
  • The Diplomat
  • The Last of Us
  • Loki
  • The Morning Show
  • Star Trek: Strange New Worlds
  • Winning Time – L’ascesa della dinastia dei Lakers (Winning Time: The Rise of the Lakers Dynasty)


Migliore attore protagonista in una serie drammatica

  • Kieran Culkin – Succession
  • Tom Hiddleston – Loki
  • Timothy Olyphant – Justified: City Primeval
  • Pedro Pascal – The Last of Us
  • Ramón Rodríguez – Will Trent
  • Jeremy Strong – Succession


Miglior attrice protagonista in una serie drammatica

  • Sarah Snook – Succession
  • Jennifer Aniston – The Morning Show
  • Aunjanue Ellis – Justified: City Primeval
  • Bella Ramsey – The Last of Us
  • Keri Russell – The Diplomat
  • Reese Witherspoon – The Morning Show


Miglior attore non protagonista in una serie drammatica

  • Billy Crudup – The Morning Show
  • Khalid Abdalla – The Crown
  • Ron Cephas Jones – Truth Be Told
  • Matthew Macfadyen – Succession
  • Ke Huy Quan – Loki
  • Rufus Sewell – The Diplomat


Migliore attrice non protagonista in una serie drammatica

  • Elizabeth Debicki – The Crown
  • Nicole Beharie – The Morning Show
  • Sophia Di Martino – Loki
  • Celia Rose Gooding – Star Trek: Strange New Worlds
  • Karen Pittman – The Morning Show
  • Christina Ricci – Yellowjackets


Migliore serie commedia

  • The Bear
  • Abbott Elementary
  • Barry
  • La fantastica signora Maisel (The Marvelous Mrs. Maisel)
  • Poker Face
  • Reservation Dogs
  • Shrinking
  • What We Do in the Shadows


Miglior attore in una serie commedia

  • Jeremy Allen White – The Bear
  • Bill Hader – Barry
  • Steve Martin – Only Murders in the Building
  • Kayvan Novak – What We Do in the Shadows
  • Drew Tarver – The Other Two
  • D’Pharaoh Woon-A-Tai – Reservation Dogs


Miglior attrice in una serie commedia

  • Ayo Edebiri – The Bear
  • Rachel Brosnahan – La fantastica signora Maisel (The Marvelous Mrs. Maisel)
  • Quinta Brunson – Abbott Elementary
  • Bridget Everett – Somebody Somewhere
  • Devery Jacobs – Reservation Dogs
  • Natasha Lyonne – Poker Face


Migliore attore non protagonista in una serie commedia

  • Ebon Moss-Bachrach – The Bear
  • Phil Dunster – Ted Lasso
  • Harrison Ford – Shrinking
  • Harvey Guillén – What We Do in the Shadows
  • James Marsden – Jury Duty
  • Henry Winkler – Barry


Critics’ Choice Awards 2024: miglior attrice non protagonista in una serie commedia

  • Meryl Streep – Only Murders in the Building
  • Paulina Alexis – Reservation Dogs
  • Alex Borstein – La fantastica signora Maisel (The Marvelous Mrs. Maisel)
  • Janelle James – Abbott Elementary
  • Sheryl Lee Ralph – Abbott Elementary
  • Jessica Williams – Shrinking


Miglior miniserie TV

  • Lo scontro (Beef)
  • Daisy Jones & The Six
  • Fargo
  • Compagni di viaggio (Fellow Travelers)
  • Lezioni di chimica (Lessons in Chemistry)
  • Love & Death
  • A Murder at the End of the World
  • A Small Light


Critics’ Choice Awards 2024: miglior film TV

  • Quiz Lady
  • The Caine Mutiny Court-Martial
  • Finestkind
  • Mr. Monk’s Last Case: A Monk Movie
  • Nessuno ti salverà
  • Reality


Critics’ Choice Awards 2024: miglior attore protagonista in una miniserie o film TV

  • Steven Yeun – Lo scontro (Beef)
  • Matt Bomer – Compagni di viaggio (Fellow Travelers)
  • Tom Holland – The Crowded Room
  • David Oyelowo – Lawmen – La storia di Bass Reeves (Lawmen: Bass Reeves)
  • Tony Shalhoub – Mr. Monk’s Last Case: A Monk Movie
  • Kiefer Sutherland – The Caine Mutiny Court-Martial


Migliore attrice protagonista in una miniserie o film TV

  • Ali Wong – Lo scontro (Beef)
  • Kaitlyn Dever – Nessuno ti salverà
  • Brie Larson – Lezioni di chimica
  • Bel Powley – A Small Light
  • Sydney Sweeney – Reality
  • Juno Temple – Fargo
  • Carla Gugino – La caduta della casa degli Usher


Miglior attore non protagonista in una miniserie o film TV

  • Jonathan Bailey – Compagni di viaggio (Fellow Travelers)
  • Taylor Kitsch – Painkiller
  • Jesse Plemons – Love & Death
  • Lewis Pullman – Lessons in Chemistry
  • Liev Schreiber – A Small Light
  • Justin Theroux – White House Plumbers


Miglior attrice non protagonista in una miniserie o film TV

  • Maria Bello – Beef
  • Billie Boullet – A Small Light
  • Willa Fitzgerald – La caduta della casa degli Usher (The Fall of the House of Usher)
  • Aja Naomi King – Lessons in Chemistry
  • Mary McDonnell – The Fall of the House of Usher
  • Camila Morrone – Daisy Jones & The Six


Critics’ Choice Awards 2024: miglior serie animata

  • Scott Pilgrim – La serie
  • Bluey
  • Bob’s Burgers
  • Harley Quinn
  • Star Trek: Lower Decks
  • Young Love


Miglior serie straniera

  • Lupin
  • Bargain
  • The Glory
  • The Good Mothers
  • The Interpreter of Silence
  • Mask Girl
  • Moving


Critics’ Choice Awards 2024: miglior Talk Show

  • Last Week Tonight with John Oliver
  • The Graham Norton Show
  • Jimmy Kimmel Live!
  • The Kelly Clarkson Show
  • Late Night with Seth Meyers
  • The Late Show with Stephen Colbert


Critics’ Choice Awards 2024: miglior speciale comico

  • John Mulaney: Baby J
  • Alex Borstein: Corsets & Clown Suits
  • John Early: Now More Than Ever
  • Mike Birbiglia: The Old Man and the Pool
  • Trevor Noah: Where Was I
  • Wanda Sykes: I’m an Entertainer

Home Video

Eagle Pictures: le novità home video di marzo 2024

Pubblicato

il

Eagle Pictures

Marzo sarà un mese particolarmente ricco di uscite targate Eagle Pictures, in grado di accontentare tutti i gusti i cinefili. Cinecomic, classici, nuovi film di maestri del cinema e serie animate che hanno segnato l’infanzia di molti collezionisti di oggi: scopriamo insieme cosa ci aspetta.

The Marvels dal 6 marzo in home video grazie a Eagle Pictures

Dal 6 marzo sarà disponibile The Marvels di Nia DaCosta, edito nei formati DVD, Blu-Ray, 4K e in una esclusiva Steelbook, sempre in 4K. Per il sito Film&More è inoltre previsto un abbinamento esclusivo che riguarda il formato Steelbook 4K, contenente una card e gadget da collezione, fra cui il fumetto originale Marvel di 320 pagine Noi siamo The Marvels, edito da Panini Comics. In questo capitolo del Marvel Cinematic Universe, seguiamo un trio di supereroine capitanato dalla Carol Danvers di Brie Larson, in un mix di azione e umorismo.

Columbia Classics – Vol. 4 – 6 marzo

Il 6 marzo è in arrivo anche Columbia Classics – Vol.4, nuovo prezioso cofanetto da collezione che contiene sei indimenticabili titoli della Columbia Pictures completamente rimasterizzati in 4K Ultra HD. Il cofanetto è composto da 14 dischi (8 UHD e 6 BD) e contiene oltre 30 ore di contenuti speciali. I titoli proposti sono La signora del venerdì, Indovina chi viene a cena?, Kramer contro Kramer, Starman, Insonnia d’amore e Ubriaco d’amore.

Diabolik, chi sei? dal 14 marzo in home video grazie a Eagle Pictures

Eagle Pictures

Il 14 marzo arriva Diabolik, chi sei?, ultimo capitolo della trilogia dedicata al Re del terrore dei Manetti Bros. Il film sarà disponibile in DVD, Blu-ray e in un’edizione Combo con fumetto. Per il sito Film&More è inoltre disponibile un’edizione ricca di gadget: oltre al doppio disco Blu-ray e DVD, questa edizione esclusiva contiene infatti anche una card e spille da collezione, insieme a una copia del fumetto omonimo da cui il film è tratto. Diabolik, chi sei? ha per protagonisti Giacomo Gianniotti nei panni di Diabolik, Miriam Leone in quelli di Eva Kant, Valerio Mastandrea che interpreta l’Ispettore Ginko, insieme a Monica Bellucci, Carolina Crescentini e Paolo Calabresi.

Ferrari dal 21 marzo in home video grazie a Eagle Pictures

Eagle Pictures

Il 21 marzo Eagle Pictures propone Ferrari di Michael Mann, edito in DVD, Blu-ray, 4k e Steelbook sempre 4K, contenente 5 card esclusive da collezione. In questo biopic sul celebre ex pilota e costruttore delle auto più famose al mondo Enzo Ferrari, il protagonista è Adam Driver, supportato dalla straordinaria Penelope Cruz nel ruolo della moglie Laura Garello. Nel cast anche Shailene Woodley per la parte dell’amante Lina Lardi e Patrick Dempsey che veste i panni del pilota Piero Taruffi.

I cavalieri dello zodiaco – 21 marzo

Eagle Pictures

Sempre il 21 marzo arriva I cavalieri dello zodiaco di Kōzō Morishita e Kazuhito Kikuchi, disponibile in una nuova edizione da collezione a tiratura limitata nei formati DVD e per la prima volta anche in Blu-ray, con nuovi materiali rimasterizzati in HD con doppiaggio italiano integrale, con incluse anche scene mancanti dal doppiaggio storico dell’epoca. Entrambi i formati contengono anche un imperdibile booklet da collezione di 32 pagine con tantissime curiosità sul celebre anime.

Wish – 28 marzo

Il 28 marzo arriva infine Wish di Chris Buck e Fawn Veerasunthorn, edito nei formati DVD, Blu-Ray e Steelbook 4K. Il film ha celebrato i 100 anni dei Walt Disney Animation Studios con una storia ricca di fascino e magia con protagonista la brillante sognatrice Asha, che esprime un desiderio così potente da essere accolto da una forza cosmica, una piccola sfera di sconfinata energia chiamata Star. Insieme, i due dovranno salvare la comunità e dimostrare la forza della volontà degli esseri umani.

Continua a leggere

Disney+

Disney+: tutte le uscite di marzo 2024

Pubblicato

il

Disney+ uscite

Marzo è alle porte e con lui tante nuove uscite pronte ad arricchire il già florido catalogo di Disney+. Fra le novità più attese della piattaforma c’è indubbiamente Taylor Swift | The Eras Tour (Taylor’s Version), il film concerto della cantautrice statunitense che ha incassato oltre 260 milioni di dollari al botteghino mondiale. A partire dal 15 marzo, gli abbonati a Disney+ avranno a loro disposizione la versione integrale del film, che include il brano Cardigan e quattro canzoni acustiche aggiuntive. Fra le nuove uscite in arrivo in catalogo c’è anche Morte e altri dettagli, nuova serie mystery con protagonisti Violett Beane (God Friended Me) e Mandy Patinkin (La storia fantastica, Homeland – Caccia alla spia).

Per gli amanti dei Marvel Studios, è in arrivo anche X-Men ‘97, serie animata che costituisce il seguito dell’amato classico degli anni ‘90 X-Men: The Animated Series. Da segnalare inoltre l’imminente uscita della seconda stagione di Extraordinary e il debutto di Nell – Rinnegata, nuova serie con protagonista Louisa Harland che mescola fantasy e briganti nell’Inghilterra del XVIII secolo. Di seguito, l’elenco completo di tutte le nuove uscite che ci aspettano su Disney+ nel corso del mese di marzo 2024.

L’elenco completo delle uscite di marzo 2024 su Disney+

5 marzo

  • Morte e altri dettagli (serie non originale, stagione 1)
  • Queens: Le regine della natura (serie originale, stagione 1)

6 marzo – Le uscite Disney+

  • Extraordinary (serie originale, stagione 2)
  • I Simpson (serie non originale, stagione 34)

13 marzo

  • Genius: MLK/X (serie originale, stagione 1)

15 marzo

  • Taylor Swift | The Eras Tour (Taylor’s Version) (film originale)

19 marzo

  • Photographer (serie non originale, stagione 1)

20 marzo – Le uscite Disney+

  • X-Men ‘97 (serie originale, stagione 1)
  • What We Do in the Shadows (serie non originale, stagione 5)

27 marzo

  • In Groenlandia con Alex Honnold (serie non originale, stagione 1)

29 marzo – Le uscite Disney+

  • Nell – Rinnegata (serie originale, stagione 1)
  • Madu (film originale)
Continua a leggere

News

As Bestas – La terra della discordia: recensione del film di Rodrigo Sorogoyen

Pubblicato

il

As Bestas - La terra della discordia

Dopo la splendida escursione in ambito televisivo con la serie Antidisturbios: Unità Antisommossa (disponibile su Disney+), il cineasta spagnolo Rodrigo Sorogoyen torna al grande schermo con As Bestas – La terra della discordia, film del 2022 vincitore di ben 9 premi Goya e del prestigioso César per il miglior film straniero. Un lavoro cupo e teso, incentrato sulle piccole comunità rurali, sui pregiudizi che le muovono e sui conflitti che le attraversano. Un thriller a tratti sconvolgente, sostenuto da una scrittura tagliente e da un notevole cast, forte di nomi come Marina Foïs, Luis Zahera, Diego Anido e soprattutto Denis Ménochet, universalmente conosciuto per il suo piccolo ruolo nei minuti iniziali di Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino.

Al centro della vicenda ci sono Vincent (Denis Ménochet) e Olga (Marina Foïs), coniugi francesi che si spostano in Spagna, per la precisione in un paesino rurale della Galizia. Nella loro nuova residenza, i due si dividono fra un’attività agricola sostenibile e quella di ristrutturazione di edifici ormai abbandonati, con l’intento di aumentare la popolazione e il turismo del paese. Nonostante le loro nobili intenzioni, i coniugi vivono ben presto sulla propria pelle tutta l’ostilità della popolazione del luogo. Una diffidenza frutto dell’atavica resistenza nei confronti dello straniero, ma anche dell’opposizione da parte di Vincent alla possibile costruzione di un impianto di energia eolica, che porterebbe introiti ai proprietari del terreno ma danneggerebbe indirettamente il suo progetto di comunità. Dalle battute si passa ben presto alle provocazioni, che sfociano poi in vere e proprie vessazioni, orchestrate soprattutto dai vicini dei coniugi, i fratelli Xan (Luis Zahera) e Lorenzo (Diego Anido).

As Bestas – La terra della discordia: il raggelante thriller rurale di Rodrigo Sorogoyen

As Bestas - La terra della discordia

As Bestas – La terra della discordia è un’opera dolorosa e angosciante, in quanto fin dai primi minuti contrappone ai protagonisti dei nemici sinistri, respingenti ma dannatamente comuni e realistici, in particolare per chi vive o ha vissuto la vita di provincia. I coniugi fanno di tutto per essere e restare dalla parte giusta: resistono alle trappole verbali e non, insistono nella ricerca del dialogo, chiariscono in maniera pacata le loro posizioni sui temi di contrasto. Tutto questo inutilmente, perché la legge e la dialettica del branco assomigliano molto al celeberrimo piccione che gioca a scacchi, vanificando così ogni possibile punto di incontro. Rodrigo Sorogoyen scava in questo contrasto, tratteggiando i rozzi e illetterati abitanti del paesino in maniera tanto aspra quanto credibile, al punto che è facile associare i principali oppositori di Vincent e Olga ai personaggi più inquietanti di Un tranquillo weekend di paura.

La tensione si fa sempre più insostenibile, nonostante gli sforzi di Vincent. Il regista mette in luce gli istinti più primordiali dell’animo umano, sottolineando l’astio da parte dei locali per la consapevolezza che uno straniero pesa esattamente quanto loro nella votazione sulla costruzione dell’impianto e trasformando ogni scena e diversi tipologie di ambiente in un presagio di ciò che potrebbe succedere. È questo il caso dell’apparentemente innocuo punto di ritrovo del paese, che assume invece i contorni di una base di una vera e propria setta, ma anche dei piccoli boschi galiziani, inquadrati come scenari per un potenziale agguato. La dinamica del gruppo che cerca di sottomettere il singolo d’altronde è già dichiarata nell’emblematica sequenza iniziale, che mostra alcuni uomini intenti a bloccare con la forza il muso di un cavallo, con l’intento di frenare ogni suo tentativo di resistenza.

La formidabile prova di Denis Ménochet

As Bestas - La terra della discordia

Denis Ménochet si conferma interprete di grande caratura, lavorando in sottrazione e trasmettendo la personalità sempre più turbata di Vincent, fermo sulle proprie posizioni e mosso dalle migliori intenzioni, ma al tempo stesso sempre più preoccupato per una deflagrazione di violenza a danno suo e della sua famiglia. Rodrigo Sorogoyen lavora anche sulla fisicità del protagonista, contrapponendo la sua pacifica imponenza ai volti scarnificati e ai corpi spigolosi dei suoi vicini, sempre più in preda alla rabbia e alla cieca sete di vendetta. Un contrasto che si acuisce in una delle scene più pesanti e crudeli di As Bestas – La terra della discordia, che richiama a sua volta il già citato incipit del film.

In questo momento il racconto sterza bruscamente in un’altra direzione, cambiando prospettiva e di conseguenza anche lo sguardo di noi spettatori. A occupare uno spazio sempre maggiore è infatti il personaggio di Marina Foïs, perfettamente in linea con il punto di vista morale del marito e capace di resistere a dolori sempre più grandi e a soprusi sempre più insopportabili, con la dignità di chi sa di essere dalla parte giusta e con la lucida follia di chi ormai ha poco da perdere. Un approccio che inserisce il racconto in una prospettiva ancora più ampia, mostrando che anche all’interno di una comunità asfittica e chiusa in se stessa è possibile portare avanti idee progressiste e all’insegna della pacifica convivenza.

As Bestas – La terra della discordia: la potenza dell’immagine

Fra thriller rurale e dramma familiare, fra critica sociale e istanze ambientaliste, Rodrigo Sorogoyen firma un’opera che resta impressa nel cuore e nell’animo dello spettatore, firmando momenti in cui l’ironia si fonde indissolubilmente con l’amarezza (come nel caso dell’insistito dialogo fra gli zotici abitanti del luogo, quasi tarantiniano per modalità e linguaggio) e affidandosi sempre alla potenza delle immagini, sia dal punto di vista espressivo che da quello concettuale: è infatti proprio l’immagine uno dei pochi punti di forza a favore dei coniugi, sotto forma di filmati ripresi da una videocamera per documentare le malefatte dei locali. Una delle tante finezze di un racconto che mette costantemente in discussione le nostre certezze e il nostro punto di vista, lasciandoci scossi ma anche più consapevoli della forza delle nostre idee.

Overall
8/10

Valutazione

Rodrigo Sorogoyen firma un thriller rurale cupo e angosciante, in cui lato più torbido delle piccole comunità incontra il coraggio di chi crede nel dialogo e nella forza delle proprie idee.

Continua a leggere
Pubblicità

    Copyright © 2024 Lost in Cinema.