Daria Nicolodi è morta: addio alla stella di Profondo rosso

Daria Nicolodi è morta: addio alla stella di Profondo rosso

All’età di 70 anni è morta l’attrice e sceneggiatrice Daria Nicolodi, nota soprattutto per per il suo sodalizio sentimentale e artistico con Dario Argento, per cui recitò in Profondo rosso, Suspiria, Inferno, Tenebre, Phenomena, Opera e La terza madre. La notizia è stata confermata dalla figlia Asia Argento, tramite il suo profilo Instagram, con queste parole:

Riposa in pace mamma adorata. Ora puoi volare libera con il tuo grande spirito e non dovrai più soffrire. Io cercherò di andare avanti per i tuoi amati nipoti e soprattutto per te che mai mi vorresti vedere così addolorata. Anche se senza di te mi manca la terra sotto i piedi, e sento di aver perso il mio unico vero punto di riferimento. Sono vicina a tutti quelli che l’hanno conosciuta e l’hanno amata. Io sarò per sempre la tua Aria, Daria.

Addio a Daria Nicolodi: il toccante messaggio della figlia Asia Argento:

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da asiaargento (@asiaargento)


Nata a Firenze il 19 giugno del 1950, Daria Nicolodi ha esordito sul grande schermo nel 1970, in Uomini contro di Francesco Rosi. Dopo altre esperienze teatrali e cinematografiche, come quelle in Salomè di Carmelo BeneLa proprietà non è più un furto di Elio Petri, incontra durante il provino per Profondo rosso Dario Argento, con cui inizia una  relazione professionale e sentimentale andata avanti per molti anni, dalla quale nel 1975 nasce Asia Argento. Entra nell’immaginario collettivo per la sua interpretazione della reporter Gianna Brezzi, coinvolta nella scia di delitti alla base del giallo del maestro italiano.

Attrice magnetica e sceneggiatrice talentuosa e originale, a Daria Nicolodi si deve buona parte del successo di Suspiria e Inferno, basati su alcuni racconti di sua nonna. Al di fuori della cinematografia di Dario Argento, la ricordiamo anche in Schock di Mario Bava, Il minestrone di Sergio Citti, Maccheroni di Ettore Scola, Paganini Horror di Luigi Cozzi e La setta di Michele Soavi

Marco Paiano

Marco Paiano