David di Donatello 2020 David di Donatello 2020

News

David di Donatello 2019: tutti i premi del cinema italiano, domina Dogman

Pubblicato

il

In serata si è tenuta la cerimonia di assegnazione dei David di Donatello 2019, i prestigiosi premi del cinema italiano organizzati dall’Accademia del Cinema Italiano. A dominare su tutti è stato Dogman, il film di Matteo Garrone scelto come rappresentante dell’Italia per la scorsa edizione degli Oscar (ma non incluso nella cinquina finale dei nominati). Dogman ha conquistato ben 9 premi, incluso quello riservato al miglior film. Fra questi non c’è però il riconoscimento riservato al migliore attore protagonista, che è andato invece ad Alessandro Borghi per la sua toccante interpretazione di Stefano Cucchi in Sulla mia pelle (meritevole di 4 premi in totale). Soddisfazioni anche per Luca Guadagnino e il suo Chiamami col tuo nome (premiato per la migliore canzone e per la migliore sceneggiatura non originale) e per Nanni Moretti e il suo prezioso documentario Santiago, Italia.

Di seguito l’elenco dei nominati e dei vincitori (in grassetto) dei David di Donatello 2019.

David di Donatello 2019: l’elenco dei premi più prestigiosi del cinema italiano

Miglior film

  • Chiamami col tuo nome (Luca Guadagnino)
  • Dogman (Matteo Garrone)
  • Euforia (Valeria Golino)
  • Lazzaro felice (Alice Rohrwacher)
  • Sulla mia Pelle (Alessio Cremonini)

Miglior regia

  • Matteo Garrone (Dogman)
  • Luca Guadagnino (Chiamami col tuo nome)
  • Valeria Golino (Euforia)
  • Alice Rohrwacher (Lazzaro felice)
  • Mario Martone (Capri-Revolution)

Miglior attore protagonista

  • Marcello Fonte (Dogman)
  • Luca Marinelli (Fabrizio De Andrè – Principe Libero)
  • Toni Servillo (Loro)
  • Alessandro Borghi (Sulla mia pelle)
  • Riccardo Scamarcio (Euforia)

Migliore attrice protagonista

  • Marianna Fontana (Capri-Revolution)
  • Elena Sofia Ricci (Loro)
  • Pina Turco (Il vizio della speranza)
  • Anna Foglietta (Un giorno all’improvviso)
  • Alba Rohrwacher (Troppa grazia)

Miglior attore non protagonista

  • Massimo Ghini (A casa tutti bene)
  • Edoardo Pesce (Dogman)
  • Ennio Fantastichini (Fabrizio De André – Principe Libero)
  • Fabrizio Bentivoglio (Loro)
  • Valerio Mastandrea (Euforia)

Migliore attrice non protagonista

  • Donatella Finocchiaro (Capri-Revolution)
  • Marina Confalone (Il vizio della speranza)
  • Kasia Smutniak (Loro)
  • Jasmine Trinca (Sulla mia pelle)
  • Nicoletta Braschi (Lazzaro Felice)

Miglior regista esordiente (premio Gian Luigi Rondi)

  • Alessio Cremonini (Sulla mia pelle)
  • Luca Facchini (Fabrizio De Andrè – Principe libero)
  • Simone Spada (Hotel Gagarin)
  • Damiano e Fabio D’Innocenzo (La terra dell’abbastanza)
  • Valerio Mastandrea (Ride)

Miglior film straniero

  • Bohemian Rhapsody (Bryan Singer e Dexter Fletcher)
  • Cold War (Pawel Pawlikowski)
  • Il filo nascosto (Paul Thomas Anderson)
  • Roma (Alfonso Cuarón)
  • Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Martin McDonagh)

Miglior sceneggiatura originale

  • Dogman (Matteo Garrone, Massimo Gaudioso e Ugo Chiti)
  • Euforia (Francesca Marciano, Valia Santella e Valeria Golino)
  • La terra dell’abbastanza (Damiano e Fabio D’Innocenzo)
  • Lazzaro felice (Alice Rohrwacher)
  • Sulla mia pelle (Alessio Cremonini e Lisa Nur Sultan)

Miglior sceneggiatura non originale

  • Chiamami col tuo nome (James Ivory, Luca Guadagnino, Walter Fasano)
  • Ella & John – The Leisure Seeker (Stephen Amidon, Francesca Archibugi, Francesco Piccolo e Paolo Virzì)
  • Sono tornato (Nicola Guaglianone e Luca Miniero)
  • Il testimone invisibile (Stefano Mordini e Massimiliano Catoni)
  • La profezia dell’armadillo (Valerio Mastandrea, Johnny Palomba, Zerocalcare e Oscar Glioti)

Miglior produttore

  • Luca Guadagnino, Emilie Georges, Peter Spears, Marco Morabito, Rodrigo Teizeira, James Ivory, Howard Rosenman (Chiamami col tuo nome)
  • Archimede, Le Pacte, Rai Cinema (Dogman)
  • Cinemaundici, Lucky Red (Sulla mia pelle)
  • Rai Cinema, Agostino, Giuseppe e Maria Grazia Saccà di Pepito Produzioni (La terra dell’abbastanza)
  • Carlo Cresto-Dina per Tempesta, con Rai Cinema in coproduzione con Amka Films Productions, Ad Vitam Production, KNM, Pola Pandora (Lazzaro Felice)

Miglior documentario

  • Santiago, Italia (Nanni Moretti)
  • Arrivederci Saigon (Wilma Labate)
  • Friedkin Uncut (Francesco Zippel)
  • L’arte viva di Julian Schnabel (Pappi Corsicato)
  • La strada dei Samouni (Stefano Navona)

Miglior autore della fotografia

  • Michele D’Attanasio (Capri-Revolution)
  • Sayombhu Mukdeeprom (Chiamami col tuo nome)
  • Nicolaj Bruel (Dogman)
  • Paolo Carnera (La terra dell’abbastanza)
  • Helene Louvart (Lazzaro felice)

Migliori effetti visivi

  • Sara Paesani e Rodolfo Migliari (Capri-Revolution)
  • Rodolfo Migliari (Dogman)
  • Victor Perez (Il ragazzo invisibile – Seconda generazione)
  • Simone Coco e James Woods (Loro)
  • Giuseppe Squillaci (Michelangelo – Infinito)

Miglior musicista

  • Nicola Piovani (A casa tutti bene)
  • Nicola Tescari (Euforia)
  • Apparat e Philipp Thimm (Capri-Revolution)
  • Lele Marchitelli (Loro)
  • Mokadelic (Sulla mia pelle)

Miglior canzone originale

  • L’invenzione di un poeta, di A casa tutti bene: musica di Nicola Piovani, testo di Aisha Cerami e Nicola Piovani, interpretata da Tosca
  • Araceae, di Capri Revolution: musica di Sascha Ring e Philipp Thimm, testo di Simon Brambell, interpretata da Sascha Ring
  • Mistery of Love, di Chiamami col tuo nome: musica, testo e interpretazione di Sufjan Stevens
  • ‘A speranza, de Il vizio della speranza: musica, testo e interpretazione di Enzo Avitabile
  • ‘Na gelosia, di Loro: musica di Lele Marchitelli, testo di Peppe Servillo, interpretata da Toni Servillo

Miglior montatore

  • Chiara Vullo (Sulla mia pelle)
  • Marco Spoletini (Dogman)
  • Walter Fasano (Chiamami col tuo nome)
  • Jacopo Quadri e Natalie Cristiani (Capri-Revolution)
  • Giogiò Franchini (Euforia)

Miglior suono

  • Capri-Revolution: Presa diretta: Alessandro Zanon; Microfonista: Alessandro Palmerini; Montaggio: Marta Billingsley; Creazione suoni: Stefano Grosso, Marzia Cordò e Giancarlo Rutigliano; Mix: Paolo Segat
  • Chiamami col tuo nome: Presa diretta e Microfonista: Yves-Marie Omnes; Montaggio: Davide Favargiotti; Creazione suoni: Studio 16 sound group; Mix: Jean-Pierre Laforce
  • Dogman: Presa diretta: Maricetta Lombardo; Microfonista: Alessandro Molaioli; Montaggio: Davide Favargiotti; Creazione suoni: Mauro Eusepi e Mirko Perri; Mix: Michele Mazzucco
  • Lazzaro Felice: Presa diretta: Christophe Giovannoni; Microfonista: Julien D’Esposito; Montaggio: Marta Billingsley; Mix: Francois Musy
  • Loro: Presa diretta: Emanuele Cecere; Microfonista: Francesco Sabez e Paolo Testa; Montaggio: Silvia Moraes, Alessandro Feletti e Alessandro Quaglio; Creazione suoni: Mirko Perri e Mauro Eusepi; Mix: Marco Saitta

Migliore scenografia

  • Giancarlo Muselli (Capri-Revolution)
  • Stefania Cella (Loro)
  • Samuel Deshors (Chiamami col tuo nome)
  • Dimitri Capuani (Dogman)
  • Emita Frigato (Lazzaro Felice)

Migliore costumista

  • Giulia Piersanti (Chiamami col tuo nome)
  • Ursula Patzak (Capri-Revolution)
  • Massimo Cantini Parrini (Dogman)
  • Loredana Buscemi (Lazzaro Felice)
  • Carlo Poggioli (Loro)

Miglior truccatore

  • Alessandro D’Anna (Capri-Revolution)
  • Fernanda Perez (Chiamami col tuo nome)
  • Dalia Colli e Lorenzo Tamburini (Dogman)
  • Roberto Pastore (Sulla mia pelle)
  • Maurizio Silvi (Loro)

Miglior acconciatore

  • Gaetano Panico (Capri-Revolution)
  • Manolo Garcia (Chiamami col tuo nome)
  • Aldo Signoretti (Loro)
  • Daniela Tartari (Dogman)
  • Massimo Gattabrusi (Moschiettieri del re – la penultima missione)

David di Donatello 2019 dello spettatore

A casa tutti bene (Gabriele Muccino)

David di Donatello 2019 alla carriera

Tim Burton

David di Donatello 2019 giovani

Sulla mia pelle (Alessio Cremonini)

David di Donatello 2019 al miglior cortometraggio

Frontiera (Alessandro Di Gregorio)

David di Donatello 2019 speciali

Dario Argento
Uma Thurman
Francesca Lo Schiavo

Pubblicità

News

Bob Odenkirk: il protagonista di Better Call Saul è cosciente e fuori pericolo

Pubblicato

il

Netflix

Dopo un’intera giornata di tensione e preoccupazione, possiamo tirare un sospiro di sollievo a proposito Bob Odenkirk. Come vi abbiamo riportato qualche ora fa, l’attore statunitense era stato ricoverato d’urgenza dopo un malore sul set di Better Call Saul. Poco fa, TMZ ha riportato che Bob Odenkirk è cosciente e fuori pericolo in un ospedale di Albuquerque, città dove sono ambientate sia Breaking Bad che Better Call Saul. La testata americana riporta anche che l’attore ha avuto un problema cardiaco, e che durante le prime ore in ospedale si trovava in stato di incoscienza. Fortunatamente, la situazione ora sembra essersi stabilizzata.

I ringraziamenti di Bob Odenkirk

Bob Odenkirk

Dopo la notizia del suo malore, i fan hanno riversato sui social tutto il loro affetto nei confronti di Odenkirk. Parole che non sono passate inosservate, dal momento che lo stesso Odenkirk, attraverso il suo rappresentante, ha ringraziato tutti per il sostegno con questo messaggio:

Bob e la sua famiglia desiderano esprimere gratitudine per gli incredibili medici e infermieri che si stanno prendendo cura di lui, nonché per il cast, la troupe e i produttori che sono rimasti al suo fianco. Gli Odenkirk desiderano anche ringraziare tutti per le manifestazioni di affetto e chiedono di rispettare la loro privacy in questo momento, mentre Bob sta lavorando per la sua guarigione.

Poco dopo la notizia del malore di Odenkirk, il protagonista di Breaking Bad Bryan Cranston aveva omaggiato l’amico e collega con un post su Instagram in cui scriveva:

Oggi mi sono svegliato con una notizia che mi ha messo in ansia tutta la mattina. Il mio amico, Bob Odenkirk, è svenuto ieri sera sul set di Better Call Saul. È in ospedale ad Albuquerque e riceve le cure mediche di cui ha bisogno, ma le sue condizioni non sono ancora note al pubblico. Per favore, prendetevi un momento della vostra giornata per pensare a lui e inviargli pensieri positivi e preghiere, grazie.

Auguriamo quindi a Bob Odenkirk una pronta guarigione, con l’auspicio di rivederlo il più presto possibile in Better Call Saul e negli altri progetti che lo vedranno protagonista.

Continua a leggere

Home Video

Ammonite: arriva in home video il film con Kate Winslet e Saoirse Ronan

Pubblicato

il

Dopo aver saltato l’uscita in sala ed essere stato distribuito direttamente on demand, arriva finalmente anche in home video Ammonite – Sopra un’onda del mare (qui la nostra recensione), film di Francis Lee con protagoniste Kate Winslet e Saoirse Ronan che racconta la storia della paleontologa Mary Anning e della geologa Charlotte Murchison. Ammonite – Sopra un’onda del mare è disponibile da oggi solamente in formato DVD, distribuito da Eagle Pictures.

L’opera seconda di Francis Lee è ambientata nell’Inghilterra del 1840, in cui Mary Anning (Kate Winslet) è impegnata nella sua attività di ricerca, studio e vendita dei fossili, che compie lungo la costa della Cornovaglia. La sua vita dimessa e priva di emozioni extralavorative è improvvisamente scombussolata dall’arrivo nel suo studio del noto geologo Roderick Impey Murchison insieme alla moglie Charlotte (Saoirse Ronan). Ammirato dal lavoro di Mary, l’uomo le propone di prendersi cura della moglie, in profonda crisi interiore. Inizialmente, i diversi caratteri di Mary e Charlotte portano le due donne a scontrarsi. Con il passare dei giorni, nasce però un’amicizia sincera e complice, che si trasforma poi in qualcosa di più.

Quella che nasce fra Mary e Charlotte non è solamente passione, ma un legame salvifico che le porta a emanciparsi dalla prigione emotiva in cui vivono. La paleontologa comprende che si trova in una società e in un settore lavorativo classista e maschilista. Charlotte trova invece la forza di uscire dalla prigione dorata in cui la costringe il marito, che la considera degna solo del ruolo di madre, senza curarsi dei suoi desideri e delle sue aspirazioni. Nessuna di loro sarà mai più come prima.

Ammonite: il DVD di Eagle Pictures

Ammonite

L’edizione home video di Ammonite – Sopra un’onda del mare rende giustizia a un racconto metaforico e allo stesso tempo moderno, sintomatico delle disparità di genere nelle società di ogni epoca. Il video in formato 1.85:1, di notevole nitidezza, ci permette di cogliere dettagli e sfumature delle scenografie degli interni e degli spazi marittimi in cui si muovono le protagoniste. Due ambienti che sono anche simboli di stati d’animo contrapposti, che si confrontano costantemente. Notevole anche il comparto audio, con il sonoro (italiano, inglese e russo in Dolby Digital 5.1) che permette di cogliere pienamente i rumori ambientali dell’acqua, vero e proprio personaggio aggiuntivo del film.

Presenti anche due brevi ma importanti contenuti extra, cioè Il making of di Ammonite, ricco di interviste ai membri del cast, e I costumi del film, che si concentra invece su uno degli elementi più caratteristici dell’opera di Francis Lee. Importanti in questo senso sono soprattutto le parole delle protagoniste Kate Winslet e Saoirse Ronan, che raccontano il modo in cui si sono approcciate ai rispettivi personaggi e i segreti dietro alle loro eccellenti interpretazioni. In un periodo che per troppo tempo ci ha provato della gioia di assaporare un film sul grande schermo, il DVD di Ammonite – Sopra un’onda del mare è essenziale per gustare nel migliore modo possibile uno dei lavori che ha fatto più discutere nel corso dell’ultima annata, anche senza passaggio in sala.

Il DVD di Ammonite – Sopra un’onda del mare è già disponibile per l’acquisto su Amazon.

Continua a leggere

News

Bob Odenkirk in ospedale dopo un malore sul set di Better Call Saul

Pubblicato

il

Netflix

Ore di paura e preoccupazione per Bob Odenkirk. Secondo quanto riporta TMZ, il 58enne attore statunitense ha avuto un malore mentre si trovava impegnato sul set dell’ultima stagione di Better Call Saul in New Mexico. Immediatamente soccorso dalla troupe e dal resto del cast della serie, Bob Odenkirk è stato trasportato d’urgenza in ospedale, dove sta ancora ricevendo cure mediche. Per la testata americana, al momento non è ancora chiaro se durante il trasporto in ospedale l’attore fosse privo di conoscenza.

Paura e preoccupazione per Bob Odenkirk

Bob Odenkirk

La porta di ingresso sul mondo dello spettacolo per Bob Odenkirk è stato il Saturday Night Live, per cui ha lavorato come scrittore dal 1987 al 1991. Ha cominciato poi ad appassionarsi alla recitazione, quasi sempre in ruoli secondari. Dopo anni di gavetta fra cinema e televisione, la grande occasione per lui arriva quando Vince Gilligan lo scrittura per la parte dell’avvocato Saul Goodman di Breaking Bad, fondamentale per gli equilibri di una delle serie più amate di sempre. Il successo ottenuto con questa parte conduce alla creazione della serie prequel/spin-off Better Call Saul, la cui sesta e ultima stagione è attualmente in lavorazione. Poche settimane fa, l’attore statunitense è arrivato al cinema come protagonista di Io sono nessuno, un action figlio di John Wick ed estremamente godibile, per il quale l’attore si è cimentato in sequenze particolarmente impegnative dal punti di vista fisico e atletico.

Non mancheremo di aggiornarvi sulle condizioni di salute di Bob Odenkirk.

Continua a leggere
Pubblicità