Emmy 2020 Emmy 2020

Eventi

Emmy 2020: tutte le nomination per i prestigiosi premi per la TV

Pubblicato

il

Sono state annunciate le nomination per gli Emmy 2020, prestigiosa manifestazione dedicata al meglio della televisione americana, che si terrà il 20 settembre. Fra le serie più nominate, spiccano Watchmen e Succession di HBO, Ozark di Netflix e La fantastica signora Maisel di Prime Video. Vediamo nel dettaglio chi si contenderà gli Emmy 2020 nelle varie categorie.

Emmy 2020: tutte le nomination

Succession

Una scena di Succession

Emmy 2020 per la Miglior Serie Drama

Emmy 2020 per la Miglior Serie Comedy

  • Curb Your Enthusiasm
  • Dead to Me
  • The Good Place
  • Insecure
  • Il metodo Kominsky
  • La fantastica signora Maisel
  • Schitt’s Creek
  • What We Do in the Shadows

Miglior Miniserie

Miglior film TV

Miglior Talk show/Varietà

  • The Daily Show with Trevor Noah
  • Full Frontal with Samantha Bee
  • Jimmy Kimmel Live!
  • Last Week Tonight with John Oliver
  • The Late Show with Stephen Colbert

Miglior Varietà di sketch

  • A Black Lady Sketch Show
  • Drunk History
  • Saturday Night Live

Migliore Competizione

  • The Masked Singer
  • Nailed It!
  • RuPaul’s Drag Race
  • Top Chef
  • The Voice

Migliore Attrice Protagonista in una serie Drama

  • Jennifer Aniston, The Morning Show
  • Olivia Colman, The Crown
  • Jodie Comer, Killing Eve
  • Laura Linney, Ozark
  • Sandra Oh, Killing Eve
  • Zendaya, Euphoria

Migliore Attore Protagonista in una serie Drama

  • Jason Bateman, Ozark
  • Sterling K. Brown, This Is Us
  • Steve Carell, The Morning Show
  • Brian Cox, Succession
  • Billy Porter, Pose
  • Jeremy Strong, Succession

Miglior Attrice Protagonista di una serie Comedy

  • Christina Applegate, Dead to Me
  • Rachel Brosnahan, La fantastica signora Maisel
  • Linda Cardellini, Dead to Me
  • Catherine O’Hara, Schitt’s Creek 
  • Issa Rae, Insecure
  • Tracee Ellis Ross, Black-ish

Miglior Attore Protagonista di una serie Comedy

  • Anthony Anderson, Black-ish
  • Don Cheadle, Black Monday
  • Ted Danson, The Good Place
  • Michael Douglas, Il metodo Kominsky
  • Eugene Levy, Schitt’s Creek
  • Ramy Youssef, Ramy

Migliore Attrice protagonista di un film o una serie limitata

  • Cate Blanchett, Mrs. America
  • Shira Haas, Unorthodox
  • Regina King, Watchmen
  • Octavia Spencer, Self Made
  • Kerry Washington, Little Fires Everywhere

Migliore Attore protagonista di un film o una serie limitata

  • Jeremy Irons, Watchmen
  • Hugh Jackman, Bad Education
  • Paul Mescal, Normal People
  • Jeremy Pope, Hollywood
  • Mark Ruffalo, Un volto, due destini – I Know This Much Is True

Miglior Attrice non Protagonista in una serie Drama

  • Helena Bonham Carter, The Crown
  • Laura Dern, Big Little Lies
  • Julia Garner, Ozark
  • Thandie Newton, Westworld
  • Fiona Shaw, Killing Eve
  • Sarah Snook, Succession
  • Meryl Streep, Big Little Lies
  • Samira Wiley, The Handmaid’s Tale

Miglior Attore non Protagonista in una serie Drama

  • Nicholas Braun, Succession
  • Billy Crudup, The Morning Show
  • Kieran Culkin, Succession
  • Mark Duplass, The Morning Show
  • Giancarlo Esposito, Better Call Saul
  • Matthew Macfadyen, Succession
  • Bradley Whitford, The Handmaid’s Tale
  • Jeffrey Wright, Westworld

Miglior Attrice non Protagonista di una serie Comedy

  • Alex Borstein, La fantastica signora Maisel
  • D’Arcy Carden, The Good Place
  • Betty Gilpin, GLOW
  • Marin Hinkle, La fantastica signora Maisel
  • Kate McKinnon, Saturday Night Live
  • Annie Murphy, Schitt’s Creek
  • Yvonne Orji, Insecure
  • Cecily Strong, Saturday Night Live

Miglior Attore non Protagonista di una serie Comedy

  • Mahershala Ali, Ramy
  • Alan Arkin, Il metodo Kominsky
  • Andre Braugher, Brooklyn Nine-Nine
  • Sterling K. Brown, La fantastica signora Maisel
  • William Jackson Harper, The Good Place
  • Daniel Levy, Schitt’s Creek
  • Tony Shalhoub, La fantastica signora Maisel
  • Kenan Thompson, Saturday Night Live

Migliore Attrice non protagonista di un film o una serie limitata

  • Uzo Aduba, Mrs. America
  • Toni Collette, Unbelievable
  • Margo Martindale, Mrs. America
  • Jean Smart, Watchmen
  • Holland Taylor, Hollywood
  • Tracey Ullman, Mrs. America

Migliore Attore non protagonista di un film o una serie limitata

  • Yahya Abdul-Mateen II, Watchmen
  • Jovan Adepo, Watchmen
  • Tituss Burgess, Unbreakable Kimmy Schmidt: Kimmy vs. The Reverend
  • Louis Gossett Jr., Watchmen
  • Dylan McDermott, Hollywood
  • Jim Parsons, Hollywood

Miglior Guest Star femminile di una serie drama

  • Cicely Tyson, How To Get Away with Murder
  • Laverne Cox, Orange Is the New Black
  • Cherry Jones, Succession
  • Harriet Walter, Succession
  • Alexis Bledel, The Handmaid’s Tale
  • Phylicia Rashad, This is Us

Miglior Guest Star maschile di una serie drama

  • Andrew Scott, Black Mirror
  • James Cromwell, Succession
  • Giancarlo Esposito, The Mandalorian
  • Martin Short, The Morning Show
  • Jason Bateman, The Outsider
  • Ron Cephas Jones, This is Us

Miglior Guest Star femminile di una serie comedy

  • Angela Bassett, A Black Lady Sketch Show
  • Maya Rudolph, Saturday Night Live
  • Phoebe Waller-Bridge, Saturday Night Live
  • Maya Rudolph, The Good Place
  • Wanda SykesLa fantastica signora Maisel
  • Bette Midler, The Politician

Miglior Guest Star maschile di una serie comedy

  • Fred Willard, Modern Family
  • Dev Patel, Modern Love
  • Brad Pitt, Saturday Night Live
  • Adam Driver, Saturday Night Live
  • Eddie Murphy, Saturday Night Live
  • Luke Kirby, La fantastica signora Maisel

Miglior Regia per una serie Drama

  • The Crown (Episodio: “Aberfan”), Benjamin Caron
  • The Crown (Episodio: “Cri de Coeur”), Jessica Hobbs
  • Homeland (Episodio: “Prisoners of War”), Lesli Linka Glatter
  • The Morning Show (Episodio: “The Interview”), Mimi Leder
  • Ozark (Episodio: “Fire Pink”), Alik Sakharov
  • Ozark (Episodio: “Su Casa Es Mi Casa”), Ben Semanoff
  • Succession (Episodio: “Hunting”), Andrij Parekh
  • Succession (Episodio: “This Is Not for Tears”), Mark Mylod

Miglior Regia per una serie Comedy

  • The Great (Episodio: “The Great (Pilot)”), Matt Shakman
  • La fantastica signora Maisel (Episodio: “It’s Comedy or Cabbage”), Amy Sherman-Palladino
  • La fantastica signora Maisel (Episodio: “Marvelous Radio”), Daniel Palladino
  • Modern Family (Episodio: “Finale Part 2”), Gail Mancuso
  • Ramy (Episodio: “Miakhalifa.mov”), Ramy Youssef
  • Schitt’s Creek (Episodio: “Happy Ending”), Andrew Cividino e Daniel Levy
  • Will & Grace (Episodio: “We Love Lucy”), James Burrows

Miglior Regia per un film o serie limitata

  • Little Fires Everywhere (Episodio: “Find a Way”), Lynn Shelton
  • Normal People (Episodio: “Episode 5”), Lenny Abrahamson
  • Unorthodox, Maria Schrader
  • Watchmen (Episodio: “It’s Summer and We’re Running out of Ice”), Nicole Kassell
  • Watchmen (Episodio: “Little Fear of Lightning”), Steph Green
  • Watchmen (Episodio: “This Extraordinary Being”), Stephen Williams

Miglior Regia per una serie varietà

  • A Black Lady Sketch Show (Episodio: “Born at Night, But Not Last Night”), Dime Davis
  • The Daily Show with Trevor Noah (Episodio: Dr. Fauci Answers Trevor’s Questions About Coronavirus), David Paul Meyer
  • Last Week Tonight with John Oliver (Episodio: “Episode 629”), Paul Pennolino e Christopher Werner
  • The Late Show with Stephen Colbert (Episodio: “Live Show; Chris Christie; Nathaniel Rateliff), Jim Hoskinson
  • Saturday Night Live (Episodio: “Host: Eddie Murphy”), Don Roy King
  • Tiffany Haddish Presents: They Ready (Episodio: “Flame Monroe”), Linda Mendoza

Migliore Sceneggiatura per una serie Drama

  • Better Call Saul (Episodio: “Bad Choice Road”), Thomas Schnauz
  • Better Call Saul (Episodio: “Bagman”), Gordon Smith
  • The Crown (Episodio: “Aberfan”), Peter Morgan
  • Ozark (Episodio: “All In”), Chris Mundy
  • Ozark (Episodio: “Boss Fight”), John Shiban
  • Ozark (Episodio: “Fire Pink”), Miki Johnson
  • Succession (Episodio: “This Is Not for Tears”), Jesse Armstrong

Migliore Sceneggiatura per una serie Comedy

  • The Good Place (Episodio: “Whenever You’re Ready”), Michael Schur
  • The Great (Episodio: “The Great”), Tony McNamara
  • Schitt’s Creek (Episodio: “Happy Ending”), Daniel Levy
  • Schitt’s Creek (Episodio: “The Presidential Suite”), David West Reade
  • What We Do in the Shadows (Episodio: “Collaboration”), Sam Johnson e Chris Marcil
  • What We Do in the Shadows (Episodio: “Ghosts”), Paul Simms
  • What We Do in the Shadows (Episodio: “On the Run”), Stefani Robinson

Migliore Sceneggiatura per un film o serie limitata

  • Mrs. America (Episodio: “Shirley”), Tanya Barfield
  • Normal People (Episodio: “Episode 3”), Sally Rooney e Alice Birch
  • Unbelievable (Episodio: “Episode 1”), Susannah Grant, Michael Chabon e Ayelet Waldman
  • Unorthodox (Episodio: “Part 1”), Anna Winger
  • Watchmen (Episodio: “This Extraordinary Being”), Damon Lindelof e Cord Jefferson

Migliore Sceneggiatura per una serie Varietà

  • The Daily Show with Trevor Noah
  • Full Frontal with Samantha Bee
  • Last Week Tonight with John Oliver
  • Late Night with Seth Meyers
  • The Late Show with Stephen Colbert
Pubblicità

Eventi

Venezia 78: la selezione ufficiale della prossima Mostra del Cinema

Pubblicato

il

Venezia 78

Si apre il sipario su Venezia 78, edizione della Mostra del Cinema ricca di opere dal fortissimo richiamo sul pubblico e sugli addetti ai lavori. Fra gli altri, vedremo infatti Madres Paralelas di Pedro AlmodóvarThe Power of the Dog di Jane CampionSpencer di Pablo Larraín, Freaks Out di Gabriele Mainetti, È stata la mano di Dio di Paolo Sorrentino, Halloween Kills di David Gordon Green, The Last Duel di Ridley ScottDune di Denis VilleneuveLast Night in Soho di Edgar Wright. Di seguito, l’elenco completo di quello che vedremo durante la prossima Mostra del Cinema, guidata da Alberto Barbera.

Venezia 78: la selezione ufficiale

Concorso ufficiale di Venezia 78

  • Madres Paralelas di Pedro Almodóvar (film di apertura di Venezia 78)
  • Mona Lisa and the Blood Moon di Ana Lily Amirpour
  • Un autre monde di Stéphane Brizé
  • The Power of the Dog di Jane Campion
  • America latina di Damiano e Fabio D’Innocenzo
  • L’événement di Audrey Diwan
  • Competencia Oficial di Gaston Duprat e Mariano Cohn
  • Il buco di Michelangelo Frammartino
  • Sundown di Michel Franco
  • Illusions perdues di Xavier Giannoli
  • The Lost Daughter di Maggie Gyllenhaal
  • Spencer di Pablo Larraín
  • Freaks Out di Gabriele Mainetti
  • Qui rido io di Mario Martone
  • On the Job: The Missing 8 di Erik Matti
  • Leave No Traces di Jan P. Matuszyński
  • Captain Volkonogov Escaped di Natasha Merkulova e Aleksey Chupov
  • The Card Counter di Paul Schrader
  • È stata la mano di Dio di Paolo Sorrentino
  • Reflection di Valentyn Vasyanovych
  • La Caja di Lorenzo Vigas

Venezia 78 – Fuori concorso

Fiction

  • Il bambino nascosto di Roberto Andò (film di chiusura di Venezia 78)
  • Les Choses Humaines di Yvan Attal
  • Ariaferma di Leonardo di Costanzo
  • Halloween Kills di David Gordon Green
  • La scuola cattolica di Stefano Mordini
  • Old Henry di Potsy Ponciroli
  • The Last Duel di Ridley Scott
  • Dune di Denis Villeneuve
  • Last Night in Soho di Edgar Wright

Non-fiction

  • Life of Crime 1984-2020 di Jon Alpert
  • Tranchées di Loup Bureau
  • Viaggio nel crepuscolo di Augusto Contento
  • Republic of Silence di Diana El Jeiroudi
  • Halleluja: Leonard Cohen, A Journey, A Song di Daniel Geller e Dayna Goldfine
  • DeAndré#DeAndré, Storia di un impiegato di Roberta Lena
  • Django & Django di Luca Rea
  • Ezio Bosso. Le cose che restano di Giorgio Verdelli

Serie TV

  • Scenes from a marriage di Hagai Levi

Cortometraggi

  • Plastic semiotic di Radu Jude
  • The Night di Tsai Ming-Lang
  • Sad Film di Vasili

Proiezioni speciali

  • Le 7 giornate di Bergamo di Simona Ventura
  • La Biennale di Venezia: il cinema al tempo del Covid di Andrea Segre

Biennale College Cinema

  • Al Oriente di José María Avilés
  • La tana di Beatrice Baldacci
  • Nuestros dias mas felices di Sol Berruezo Pichon-Rivière
  • La santa piccola di Silvia Brunelli
  • The Cathedral di Ricky D’Ambrose
  • Mon père, le diable di Ellie Foumbi
  • Lavrynthos di Fabito Rychter e Amir Admoni

Venezia 78 Orizzonti

  • Atlantide di Yuri Ancarani
  • Miracol di Bogdan George Apetri
  • Piligrimai di Laurynas Bareisa
  • Il Paradiso del pavone di Laura Bispuri
  • Pu Bu di Mong-hong Chung
  • El Hoyo en la cerca di Joaquin Alejandro del Paso Puente
  • Amira di Mohamed Diab
  • Les Promesses di Thomas Kruithof
  • À plein temps di Eric Gravel
  • Cenzorka di Peter Kerekes
  • Wela di Jakrawal Nilthamrong
  • El otro Tom di Rodrigo Plà
  • Vera Andrron Detin di Kaltrina Krasniqi
  • Bodeng Sar di Kavich Neang
  • El gran movimiento di Kiro Russo
  • Once upon a time in Calcutta di Aditya Vikram Sengupta
  • Nosorih di Oleh Sentsov
  • True Things di Harry Wootliff
  • Inu-oh di Masaaki Yuasa

Orizzonti Extra

  • Land of Dreams di Shirin Neshat e Shoja Azari
  • Costa Brava di Mounia Akl
  • Mama, Ya Doma di Vladimir Bitokov
  • Ma nuit di Antoinette Boulat
  • La ragazza ha volato di Wilma Labate
  • 7 Prisioneiros di Alexandre Moratto
  • The blind man who did not want to see Titanic di Teemu Nikki
  • La macchina delle immagini di Alfredo C. di Roland Sejko
Continua a leggere

Eventi

Green Pass: dal 6 agosto sarà obbligatorio per andare al cinema

Pubblicato

il

Green Pass

Con una nota ufficiale, il governo italiano, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio Mario Draghi, ha diramato le regole e le linee guida che disciplineranno l’accesso a eventi e luoghi all’aperto e al chiuso, fra cui le sale cinematografiche. A partire dal 6 agosto, per poter andare al cinema sarà necessario il Green Pass, che si può ottenere dopo aver ricevuto almeno la prima dose vaccinale Sars-CoV-2, con l’attestazione della guarigione dal Covid-19 da al massimo 6 mesi o con l’effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus, con validità di 48 ore. Il Green Pass sarà necessario per accedere alle seguenti attività o ambiti:

  • Servizi per la ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per consumo al tavolo al chiuso
  • Spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi
  • Musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre
  • Piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso
  • Sagre e fiere, convegni e congressi
  • Centri termali, parchi tematici e di divertimento
  • Centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, i centri estivi e le relative attività di ristorazione
  • Attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò
  • Concorsi pubblici

Green Pass: le regole sulla capienza, al chiuso e all’aperto

Le nuove regole disciplinano anche le norme di distanziamento e la capienza degli ambienti. Queste le indicazioni del governo:

In zona bianca e in zona gialla, gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali o spazi anche all’aperto, sono svolti esclusivamente con posti a sedere preassegnati e a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, sia per il personale, e l’accesso è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi Covid-19.

Nella zona bianca, la capienza consentita non può essere superiore al 50 per cento di quella massima autorizzata all’aperto e al 25 per cento al chiuso nel caso di eventi con un numero di spettatori superiore rispettivamente a 5.000 all’aperto e 2.500 al chiuso.

In zona gialla la capienza consentita non può essere superiore al 50 per cento di quella massima autorizzata e il numero massimo di spettatori non può comunque essere superiore a 2.500 per gli spettacoli all’aperto e a 1.000 per gli spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala. Le attività devono svolgersi nel rispetto di linee guida adottate.

Infine, ecco le sanzioni per la violazione delle norme sul Green Pass:

I titolari o i gestori dei servizi e delle attività autorizzati previa esibizione del Green pass sono tenuti a verificare che l’accesso a questi servizi e attività avvenga nel rispetto delle prescrizioni. In caso di violazione può essere elevata una sanzione pecuniaria da 400 a 1000 euro sia a carico dell’esercente sia dell’utente. Qualora la violazione fosse ripetuta per tre volte in tre giorni diversi, l’esercizio potrebbe essere chiuso da 1 a 10 giorni.

Continua a leggere

Eventi

Venezia 78: la composizione delle giurie internazionali

Pubblicato

il

Venezia 78

Con la conferenza stampa di presentazione di Venezia 78 ormai alle porte (appuntamento per lunedì 26 luglio alle 11 sul sito de La Biennale e sui canali social), continuano gli annunci riguardanti la prossima edizione della Mostra del Cinema. L’ultima novità riguarda la composizione delle giurie internazionali. Oltre al presidente di giuria Bong Joon-ho, il concorso ufficiale potrà contare anche su colei che ha conquistato l’ultimo Oscar per la migliore regia, cioè Chloé Zhao. Insieme a loro, altre personalità di spicco come il regista italiano Saverio Costanzo e la star hollywoodiana Cynthia Erivo. Di seguito, la composizione delle giurie.

Le giurie di Venezia 78

Venezia 2020

Un’immagine di Nomadland di Chloé Zhao

Concorso Venezia 78

  • Bong Joon-ho – presidente (Corea del Sud), regista e sceneggiatore premio Oscar, è una delle voci più originali del cinema contemporaneo. È autore di pietre miliari del cinema coreano quali Memories of Murder (2003), The Host (2006) e Mother (2009). Ha ottenuto la consacrazione definitiva a livello internazionale nel 2019 grazie a Parasite, vincitore di una lunga serie di prestigiosi riconoscimenti tra cui la Palma d’oro a Cannes, un Golden Globe, un Critics Choice Award, due BAFTA e quattro Oscar per il miglior film, miglior film internazionale, miglior regista e miglior sceneggiatura originale.
  • Saverio Costanzo (Italia), regista e sceneggiatore, ha presentato a Venezia La solitudine dei numeri primi (2010), il suo terzo film, tratto dal romanzo omonimo di Paolo Giordano, nonché Hungry Hearts (2014) con Alba Rohrwacher e Adam Driver, che si sono aggiudicati le due Coppe Volpi per le migliori interpretazioni femminile e maschile
  • Virginie Efira (Belgio/Francia), attrice, ha interpretato Tutti gli uomini di Victoria, presentato nel 2016 a Cannes alla Settimana della Critica, ricevendo gli elogi della critica. Ha quindi preso parte al pluripremiato Elle (2016) di Paul Verhoeven e a Un amour impossible (2018) di Catherine Corsini, per il quale è stata nominata come miglior attrice ai César. 
  • Cynthia Erivo (Gran Bretagna) è attrice teatrale e cinematografica, cantante e compositrice. Per la sua interpretazione nello spettacolo Il colore viola ha ottenuto numerosi riconoscimenti tra cui un Tony Award, un Grammy Award e un Daytime Emmy Award. Nel 2018 ha esordito al cinema con 7 sconosciuti a El Royale di Drew Goddard.
  • Sarah Gadon (Canada), attrice e produttrice canadese, ha ottenuto visibilità internazionale grazie a A Dangerous Method di David Cronenberg, presentato in concorso a Venezia nel 2011. Ha proseguito la collaborazione con Cronenberg nei successivi Cosmopolis (2012) e Maps to the Stars (2014).
  • Alexander Nanau (Romania), regista fra i più significativi del cinema rumeno, ha diretto a oggi quattro documentari presentati nei più importanti festival internazionali.
  • Chloé Zhao (Cina) è una regista, sceneggiatrice, montatrice e produttrice cinese. È nata a Pechino ed è cresciuta anche a Brighton, Inghilterra. Dopo essersi trasferita negli Stati Uniti, ha studiato Scienze politiche al Mount Holyoke College e Film Production alla NYU. Il suo debutto nel cinema, Songs My Brothers Taught Me, è stato presentato nel 2015 al Sundance. La sua opera seconda The Rider era nel 2017 alla Quinzaine di Cannes e ha ottenuto l’Art Cinema Award. Il suo lavoro più recente, Nomadland, ha avuto nel 2020 l’anteprima a Venezia, dove ha vinto il Leone d’Oro.

La Giuria di Venezia 78 assegnerà ai lungometraggi in Concorso i seguenti premi ufficiali: Leone d’Oro per il miglior film, Leone d’Argento – Gran Premio della Giuria, Leone d’Argento – Premio per la migliore regia, Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile, Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile, Premio Speciale della Giuria, Premio per la migliore sceneggiatura, Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore o attrice emergente.

Orizzonti

  • Jasmila Žbanić – presidente (Bosnia ed Erzegovina), regista e sceneggiatrice, è nata a Sarajevo nel 1974. Agli inizi ha lavorato come marionettista e come clown. Con il suo lungometraggio d’esordio Grbavica si è aggiudicata l’Orso d’oro alla Berlinale 2006, così come il premio dell’American Film Institute e altri. I suoi film, presentati ai più importanti festival e distribuiti in tutto il mondo, sono prodotti da Deblokada, un’associazione artistica di sua fondazione. Nel 2020 ha presentato in concorso a Venezia Quo Vadis, Aida? da lei scritto e diretto, nominato agli Oscar e ai Bafta come miglior film internazionale.
  • Mona Fastvold (Norvegia), regista e sceneggiatrice, ha diretto il suo primo lungometraggio The Sleepwalker nel 2014, presentato in anteprima al Sundance. Il film è co-sceneggiato da Brady Corbet con il quale collabora anche in L’infanzia di un capo (2015), vincitore del premio Orizzonti per la miglior regia e del premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis” a Venezia. Ha scritto le sceneggiature di Vox Lux (2018), insieme al regista Brady Corbet, e di The Mustang (2019), insieme alla regista Laure de Clermont-Tonnerre. Nel 2020 ha presentato in concorso a Venezia The World to Come.
  • Shahram Mokri (Iran), regista, sceneggiatore e critico cinematografico, ha diretto il suo primo lungometraggio nel 2008, Ashkan, the Charmed Ring and other Stories, presentato al festival di Pusan. Nel 2013 il successivo Fish & Cat ha vinto il Premio Speciale Orizzonti per il contenuto innovativo a Venezia. Ha presentato Invasion a Berlino, nel 2018. Nel 2020 è tornato a Venezia con il suo terzo film, Careless Crime.
  • Josh Siegel (USA) è curatore della sezione cinematografica del MoMA di New York, per il quale ha organizzato numerose mostre. Nel 2007 ha ricevuto il MoMA’s Lee Tenenbaum Award. Per il MoMA si è occupato dell’acquisizione di molti film e numerose installazioni artistiche, entrate a far parte della collezione permanente del museo. Josh Siegel ha co-fondato To Save and Project: The MoMA International Festival of Film Preservation, un festival che presenta film restaurati da parte di filmmaker, distributori, studios e archivi di tutto il mondo.
  • Nadia Terranova (Italia), scrittrice, è autrice di numerosi romanzi e libri per ragazzi tra cui: Gli anni al contrario (Einaudi 2015, premio Bagutta Opera Prima e The Bridge Book Award), Addio fantasmi (Einaudi 2018, finalista al premio Strega 2019) e Omero è stato qui (Bompiani 2019, selezionato nella dozzina del Premio Strega Ragazzi). I suoi libri sono stati tradotti in tutto il mondo.

La Giuria Orizzonti assegnerà – senza possibilità di ex-aequo – i seguenti premi: Premio Orizzonti per il miglior film, Premio Orizzonti per la migliore regia, Premio Speciale della Giuria Orizzonti, Premio Orizzonti per la miglior interpretazione femminile, Premio Orizzonti per la migliore interpretazione maschile, Premio Orizzonti per la miglior sceneggiatura, Premio Orizzonti per il miglior cortometraggio.

Premio Venezia 78 Opera Prima “Luigi De Laurentiis” – Leone del Futuro

  • Uberto Pasolini – presidente (Italia), regista, sceneggiatore e produttore, ha esordito alla regia con Machan (2008), vincitore di numerosi premi internazionali. Still Life (2013) ha ottenuto il premio per la miglior regia nella sezione Orizzonti, a Venezia nel 2013. Il suo film più recente è Nowhere Special, con James Norton, anch’esso presentato a Venezia nella sezione Orizzonti nel 2020. Pasolini ha fondato nel 1993 la Red Wave Films, casa di produzione cinematografica con la quale ha prodotto nel 1997 il film The Full Monty, straordinario successo di pubblico in tutto il mondo.
  • Martin Schweighofer (Austria), critico cinematografico, docente e direttore di festival, dal 1992 ha diretto per tre anni il festival cinematografico Diagonale di Salisburgo ed è stato poi direttore esecutivo della AFC Austrian Films. Dal 2013 al 2019 è stato prima vice-presidente e poi presidente della European Film Promotion (EFP).
  • Amalia Ulman (Argentina), artista e regista, ha presentato installazioni e opere di video arte alla Tate Modern, al New Museum, alla Frieze Art Fair, alla Evelyn Yard e alla Whitechapel Gallery. Il suo lungometraggio di debutto El Planeta, è stato acclamato dalla critica e presentato in anteprima al Sundance nel gennaio 2021.

La Giuria del Premio Venezia Opera Prima assegnerà senza possibilità di ex aequo, tra tutte le opere prime di lungometraggio presenti nelle diverse sezioni competitive della Mostra (Selezione ufficiale e Sezioni Autonome e Parallele), il Leone del Futuro – Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis”, e un premio di 100.000 USD, messi a disposizione da Filmauro, che sarà suddiviso in parti uguali tra il regista e il produttore.

Continua a leggere
Pubblicità