Emmy 2020 Emmy 2020

Eventi

Emmy 2020: tutte le nomination per i prestigiosi premi per la TV

Pubblicato

il

Sono state annunciate le nomination per gli Emmy 2020, prestigiosa manifestazione dedicata al meglio della televisione americana, che si terrà il 20 settembre. Fra le serie più nominate, spiccano Watchmen e Succession di HBO, Ozark di Netflix e La fantastica signora Maisel di Prime Video. Vediamo nel dettaglio chi si contenderà gli Emmy 2020 nelle varie categorie.

Emmy 2020: tutte le nomination

Succession

Una scena di Succession

Emmy 2020 per la Miglior Serie Drama

Emmy 2020 per la Miglior Serie Comedy

  • Curb Your Enthusiasm
  • Dead to Me
  • The Good Place
  • Insecure
  • Il metodo Kominsky
  • La fantastica signora Maisel
  • Schitt’s Creek
  • What We Do in the Shadows

Miglior Miniserie

Miglior film TV

Miglior Talk show/Varietà

  • The Daily Show with Trevor Noah
  • Full Frontal with Samantha Bee
  • Jimmy Kimmel Live!
  • Last Week Tonight with John Oliver
  • The Late Show with Stephen Colbert

Miglior Varietà di sketch

  • A Black Lady Sketch Show
  • Drunk History
  • Saturday Night Live

Migliore Competizione

  • The Masked Singer
  • Nailed It!
  • RuPaul’s Drag Race
  • Top Chef
  • The Voice

Migliore Attrice Protagonista in una serie Drama

  • Jennifer Aniston, The Morning Show
  • Olivia Colman, The Crown
  • Jodie Comer, Killing Eve
  • Laura Linney, Ozark
  • Sandra Oh, Killing Eve
  • Zendaya, Euphoria

Migliore Attore Protagonista in una serie Drama

  • Jason Bateman, Ozark
  • Sterling K. Brown, This Is Us
  • Steve Carell, The Morning Show
  • Brian Cox, Succession
  • Billy Porter, Pose
  • Jeremy Strong, Succession

Miglior Attrice Protagonista di una serie Comedy

  • Christina Applegate, Dead to Me
  • Rachel Brosnahan, La fantastica signora Maisel
  • Linda Cardellini, Dead to Me
  • Catherine O’Hara, Schitt’s Creek 
  • Issa Rae, Insecure
  • Tracee Ellis Ross, Black-ish

Miglior Attore Protagonista di una serie Comedy

  • Anthony Anderson, Black-ish
  • Don Cheadle, Black Monday
  • Ted Danson, The Good Place
  • Michael Douglas, Il metodo Kominsky
  • Eugene Levy, Schitt’s Creek
  • Ramy Youssef, Ramy

Migliore Attrice protagonista di un film o una serie limitata

  • Cate Blanchett, Mrs. America
  • Shira Haas, Unorthodox
  • Regina King, Watchmen
  • Octavia Spencer, Self Made
  • Kerry Washington, Little Fires Everywhere

Migliore Attore protagonista di un film o una serie limitata

  • Jeremy Irons, Watchmen
  • Hugh Jackman, Bad Education
  • Paul Mescal, Normal People
  • Jeremy Pope, Hollywood
  • Mark Ruffalo, Un volto, due destini – I Know This Much Is True

Miglior Attrice non Protagonista in una serie Drama

  • Helena Bonham Carter, The Crown
  • Laura Dern, Big Little Lies
  • Julia Garner, Ozark
  • Thandie Newton, Westworld
  • Fiona Shaw, Killing Eve
  • Sarah Snook, Succession
  • Meryl Streep, Big Little Lies
  • Samira Wiley, The Handmaid’s Tale

Miglior Attore non Protagonista in una serie Drama

  • Nicholas Braun, Succession
  • Billy Crudup, The Morning Show
  • Kieran Culkin, Succession
  • Mark Duplass, The Morning Show
  • Giancarlo Esposito, Better Call Saul
  • Matthew Macfadyen, Succession
  • Bradley Whitford, The Handmaid’s Tale
  • Jeffrey Wright, Westworld

Miglior Attrice non Protagonista di una serie Comedy

  • Alex Borstein, La fantastica signora Maisel
  • D’Arcy Carden, The Good Place
  • Betty Gilpin, GLOW
  • Marin Hinkle, La fantastica signora Maisel
  • Kate McKinnon, Saturday Night Live
  • Annie Murphy, Schitt’s Creek
  • Yvonne Orji, Insecure
  • Cecily Strong, Saturday Night Live

Miglior Attore non Protagonista di una serie Comedy

  • Mahershala Ali, Ramy
  • Alan Arkin, Il metodo Kominsky
  • Andre Braugher, Brooklyn Nine-Nine
  • Sterling K. Brown, La fantastica signora Maisel
  • William Jackson Harper, The Good Place
  • Daniel Levy, Schitt’s Creek
  • Tony Shalhoub, La fantastica signora Maisel
  • Kenan Thompson, Saturday Night Live

Migliore Attrice non protagonista di un film o una serie limitata

  • Uzo Aduba, Mrs. America
  • Toni Collette, Unbelievable
  • Margo Martindale, Mrs. America
  • Jean Smart, Watchmen
  • Holland Taylor, Hollywood
  • Tracey Ullman, Mrs. America

Migliore Attore non protagonista di un film o una serie limitata

  • Yahya Abdul-Mateen II, Watchmen
  • Jovan Adepo, Watchmen
  • Tituss Burgess, Unbreakable Kimmy Schmidt: Kimmy vs. The Reverend
  • Louis Gossett Jr., Watchmen
  • Dylan McDermott, Hollywood
  • Jim Parsons, Hollywood

Miglior Guest Star femminile di una serie drama

  • Cicely Tyson, How To Get Away with Murder
  • Laverne Cox, Orange Is the New Black
  • Cherry Jones, Succession
  • Harriet Walter, Succession
  • Alexis Bledel, The Handmaid’s Tale
  • Phylicia Rashad, This is Us

Miglior Guest Star maschile di una serie drama

  • Andrew Scott, Black Mirror
  • James Cromwell, Succession
  • Giancarlo Esposito, The Mandalorian
  • Martin Short, The Morning Show
  • Jason Bateman, The Outsider
  • Ron Cephas Jones, This is Us

Miglior Guest Star femminile di una serie comedy

  • Angela Bassett, A Black Lady Sketch Show
  • Maya Rudolph, Saturday Night Live
  • Phoebe Waller-Bridge, Saturday Night Live
  • Maya Rudolph, The Good Place
  • Wanda SykesLa fantastica signora Maisel
  • Bette Midler, The Politician

Miglior Guest Star maschile di una serie comedy

  • Fred Willard, Modern Family
  • Dev Patel, Modern Love
  • Brad Pitt, Saturday Night Live
  • Adam Driver, Saturday Night Live
  • Eddie Murphy, Saturday Night Live
  • Luke Kirby, La fantastica signora Maisel

Miglior Regia per una serie Drama

  • The Crown (Episodio: “Aberfan”), Benjamin Caron
  • The Crown (Episodio: “Cri de Coeur”), Jessica Hobbs
  • Homeland (Episodio: “Prisoners of War”), Lesli Linka Glatter
  • The Morning Show (Episodio: “The Interview”), Mimi Leder
  • Ozark (Episodio: “Fire Pink”), Alik Sakharov
  • Ozark (Episodio: “Su Casa Es Mi Casa”), Ben Semanoff
  • Succession (Episodio: “Hunting”), Andrij Parekh
  • Succession (Episodio: “This Is Not for Tears”), Mark Mylod

Miglior Regia per una serie Comedy

  • The Great (Episodio: “The Great (Pilot)”), Matt Shakman
  • La fantastica signora Maisel (Episodio: “It’s Comedy or Cabbage”), Amy Sherman-Palladino
  • La fantastica signora Maisel (Episodio: “Marvelous Radio”), Daniel Palladino
  • Modern Family (Episodio: “Finale Part 2”), Gail Mancuso
  • Ramy (Episodio: “Miakhalifa.mov”), Ramy Youssef
  • Schitt’s Creek (Episodio: “Happy Ending”), Andrew Cividino e Daniel Levy
  • Will & Grace (Episodio: “We Love Lucy”), James Burrows

Miglior Regia per un film o serie limitata

  • Little Fires Everywhere (Episodio: “Find a Way”), Lynn Shelton
  • Normal People (Episodio: “Episode 5”), Lenny Abrahamson
  • Unorthodox, Maria Schrader
  • Watchmen (Episodio: “It’s Summer and We’re Running out of Ice”), Nicole Kassell
  • Watchmen (Episodio: “Little Fear of Lightning”), Steph Green
  • Watchmen (Episodio: “This Extraordinary Being”), Stephen Williams

Miglior Regia per una serie varietà

  • A Black Lady Sketch Show (Episodio: “Born at Night, But Not Last Night”), Dime Davis
  • The Daily Show with Trevor Noah (Episodio: Dr. Fauci Answers Trevor’s Questions About Coronavirus), David Paul Meyer
  • Last Week Tonight with John Oliver (Episodio: “Episode 629”), Paul Pennolino e Christopher Werner
  • The Late Show with Stephen Colbert (Episodio: “Live Show; Chris Christie; Nathaniel Rateliff), Jim Hoskinson
  • Saturday Night Live (Episodio: “Host: Eddie Murphy”), Don Roy King
  • Tiffany Haddish Presents: They Ready (Episodio: “Flame Monroe”), Linda Mendoza

Migliore Sceneggiatura per una serie Drama

  • Better Call Saul (Episodio: “Bad Choice Road”), Thomas Schnauz
  • Better Call Saul (Episodio: “Bagman”), Gordon Smith
  • The Crown (Episodio: “Aberfan”), Peter Morgan
  • Ozark (Episodio: “All In”), Chris Mundy
  • Ozark (Episodio: “Boss Fight”), John Shiban
  • Ozark (Episodio: “Fire Pink”), Miki Johnson
  • Succession (Episodio: “This Is Not for Tears”), Jesse Armstrong

Migliore Sceneggiatura per una serie Comedy

  • The Good Place (Episodio: “Whenever You’re Ready”), Michael Schur
  • The Great (Episodio: “The Great”), Tony McNamara
  • Schitt’s Creek (Episodio: “Happy Ending”), Daniel Levy
  • Schitt’s Creek (Episodio: “The Presidential Suite”), David West Reade
  • What We Do in the Shadows (Episodio: “Collaboration”), Sam Johnson e Chris Marcil
  • What We Do in the Shadows (Episodio: “Ghosts”), Paul Simms
  • What We Do in the Shadows (Episodio: “On the Run”), Stefani Robinson

Migliore Sceneggiatura per un film o serie limitata

  • Mrs. America (Episodio: “Shirley”), Tanya Barfield
  • Normal People (Episodio: “Episode 3”), Sally Rooney e Alice Birch
  • Unbelievable (Episodio: “Episode 1”), Susannah Grant, Michael Chabon e Ayelet Waldman
  • Unorthodox (Episodio: “Part 1”), Anna Winger
  • Watchmen (Episodio: “This Extraordinary Being”), Damon Lindelof e Cord Jefferson

Migliore Sceneggiatura per una serie Varietà

  • The Daily Show with Trevor Noah
  • Full Frontal with Samantha Bee
  • Last Week Tonight with John Oliver
  • Late Night with Seth Meyers
  • The Late Show with Stephen Colbert
Pubblicità

Eventi

Venezia 2024: Sveva Alviti madrina dell’81ª Mostra del Cinema

Pubblicato

il

Sveva Alviti

L’attrice Sveva Alviti condurrà le serate di apertura e di chiusura dell’81. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia, diretta da Alberto Barbera. Sarà lei ad aprire l’81. Mostra nella serata di mercoledì 28 agosto 2024 in occasione della cerimonia di inaugurazione e a guidare la cerimonia di chiusura sabato 7 settembre, in occasione della quale saranno annunciati i Leoni e gli altri premi ufficiali.

Nata a Roma, Sveva Alviti inizia precocemente a studiare recitazione, portando avanti in parallelo la carriera da modella, che la porta presto a New York. Nel 2009 debutta a Broadway come protagonista dello spettacolo teatrale The Interrogation e nel 2011 partecipa alla 68. edizione della Mostra di Venezia con il cortometraggio Alice, diretto da Roberto de Paolis. Nel 2012 recita in Niente può fermarci di Luigi Cecinelli e Buongiorno Papà di Edoardo Leo. L’anno successivo è in Cam Girls di Mirca Viola e porta al Teatro Quirino di Roma uno spettacolo interamente dedicato a Monica Vitti, ispirato al film Dramma della gelosia.


Nel 2017 è protagonista di Dalida, biopic di Lisa Azuelos sulla celebre icona francese, ruolo che le è valso la nomination come miglior attrice emergente ai Cesar 2018. Nel 2018 Sveva Alviti è invece la protagonista femminile del film Lukas, accanto a Jean Claude Van Damme. Recita poi in Love Addict con Michael Madsen, in Tra le onde di Marco Amenta e in Entres les Vagues di Anaïs Volpé. Dopo il debutto alla regia con il cortometraggio Les jour d’après, è nel film Netflix AKA, in cui interpreta la protagonista femminile.

Sveva Alviti condurrà le serate di apertura e di chiusura di Venezia 2024

La madrina dell’81ª Mostra del Cinema Sveva Alviti. Credits: Raffaele Mariniello.
La madrina dell’81ª Mostra del Cinema Sveva Alviti. Credits: Raffaele Mariniello

Questa la dichiarazione di Sveva Alviti:

«Il cinema per me è quanto di più vero possa esistere per raccontare le persone, le loro storie e per aiutarci a guardare nel profondo la quotidianità che stiamo vivendo. Sono sinceramente onorata di poter essere la madrina dell’81ª Mostra del Cinema e vorrei ringraziare la Biennale di Venezia il Direttore Alberto Barbera con il Presidente Pierangelo Buttafuoco per avermi voluto al loro fianco».

Dal 15 settembre sarà nella seconda stagione di Nudes, prodotta da Rai Fiction, e nell’autunno 2024 prenderà parte a un progetto americano sul MeToo, intitolato The other side of Fame. L’attrice si appresta inoltre a dirigere Walking Through the fire, documentario nel quale si parlerà di donne, di dipendenze e di depressione.

Continua a leggere

Eventi

Mostra del Cinema di Venezia: Alberto Barbera confermato direttore fino al 2026

Pubblicato

il

Il Consiglio di Amministrazione della Biennale di Venezia, presieduto da Pietrangelo Buttafuoco, ha confermato Alberto Barbera Direttore Artistico del Settore Cinema per gli anni 2025 e 2026. Si rinnova così un sodalizio che continua ininterrottamente dal 2012, impreziosito da un ulteriore triennio di direzione fra il 1999 e il 2001. Un riconoscimento che certifica l’ottimo lavoro svolto da Alberto Barbera negli ultimi anni, grazie a cui la Mostra del Cinema di Venezia è diventata un punto fermo per la stagione cinematografica e per la corsa ai principali premi, arrivando a battagliare alla pari con il Festival di Cannes.

Alberto Barbera direttore artistico per altri due anni

Alberto Barbera
Alberto Barbera sul red carpet della Mostra del Cinema di Venezia

Il Presidente della Biennale Pietrangelo Buttafuoco ha così commentato la notizia:

«Ho provato immediata sintonia con Alberto Barbera e ho grande rispetto per la competenza, la professionalità e la passione da lui dimostrate negli anni alla conduzione della Mostra d’Arte Cinematografica tali da riuscire ad accrescere il prestigio del più antico festival al mondo. Sono vivamente lieto che La Biennale di Venezia possa proseguire con lui questo percorso».

Alberto Barbera nel 2022 ha ottenuto il Tributo speciale dai Gotham Awards di New York. Nel 2021 gli è stato invece conferito dalla storica rivista Variety l’International Achievement in Film Award. Entrambi i riconoscimenti sono stati attribuiti allo stesso tempo a La Biennale di Venezia. Dal 2020 fa inoltre parte dell’Academy of Motion Pictures Arts and Sciences, che attribuisce i premi Oscar. Dal 2019 è stato inserito da Variety fra le 500 persone più influenti al mondo dell’industria dello spettacolo. Nel 2000 è stato insignito del titolo di Chevalier des Arts et des Lettres, riconoscimento culturale della Repubblica Francese. A partire dal 1982 ha iniziato la collaborazione con il Festival Internazionale Cinema Giovani (oggi Torino Film Festival), diventandone poi Direttore dal 1989 al 1998. Nel 2002 è divenuto consulente per il Museo Nazionale del Cinema di Torino e da giugno 2004 sino a dicembre 2016 ne è stato il Direttore.

Continua a leggere

Eventi

Venezia 2024: Peter Weir riceverà il Leone d’Oro alla carriera

Pubblicato

il

Peter Weir in Kleparz, Lesser Poland. Author Piotr Drabik - Creative Commons Attribution

Il 79enne regista e sceneggiatore australiano Peter Weir riceverà il prestigioso Leone d’Oro alla carriera della 81. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, che si terrà dal 28 agosto al 7 settembre 2024. Lo rende noto la Biennale di Venezia, che ha fatto propria la proposta del Direttore della Mostra Alberto Barbera. Peter Weir è universalmente conosciuto per aver firmato opere entrate nell’immaginario collettivo, come Picnic ad Hanging Rock (Il lungo pomeriggio della morte), L’ultima onda, Witness – Il testimone, Mosquito Coast, L’attimo fuggente, The Truman Show e Master & Commander – Sfida ai confini del mare.

Venezia 2024: le dichiarazioni di Peter Weir e Alberto Barbera

Una scena de L'attimo fuggente, capolavoro del Leone d'Oro alla carriera di Venezia 2024 Peter Weir.

Peter Weir ha così commentato la notizia:

«La Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia e il suo Leone d’Oro fanno parte dell’immaginario del nostro mestiere. Essere premiati per il lavoro di una vita come registi è un grande onore».

Questa invece la dichiarazione di Alberto Barbera:

«Con soli 13 film realizzati nell’arco di quarant’anni, Peter Weir si è assicurato un posto nel firmamento dei grandi registi del cinema moderno. Alla fine degli anni Settanta, si era affermato come l’autore principale della rinascita del cinema australiano in virtù di due lavori, Le macchine che distrussero Parigi e Picnic ad Hanging Rock, il secondo dei quali acquisterà nel corso degli anni lo statuto di film culto. Il successo internazionale dei due film successivi, Gli anni spezzati e Un anno vissuto pericolosamente, gli aprirono le porte del cinema hollywoodiano, del quale divenne in breve uno dei principali protagonisti, fautore di un cinema in grado di coniugare la riflessione su tematiche personali e l’esigenza di rivolgersi ad un pubblico il più vasto possibile.

Pur nella diversità dei soggetti affrontati, non è difficile rinvenire nel suo cinema, insieme audace, rigoroso e spettacolare, la costante di una sensibilità che gli consente di affrontare tematiche eminentemente moderne, come il fascino per la natura e i suoi misteri, la crisi degli adulti nelle società consumiste, le difficoltà dell’educazione dei giovani alla vita, la tentazione dell’isolamento fisico e culturale, ma anche il richiamo degli slanci avventurosi e l’istinto della salutare ribellione.

Celebrando il gusto del racconto e l’innato romanticismo, Weir è riuscito nell’impresa di rafforzare il proprio ruolo nell’establishment hollywoodiano pur rimarcando una distanza piuttosto netta con l’industria del cinema americano. Witness – Il testimone, Mosquito Coast, L’attimo fuggente, Fearless – Senza paura, The Truman Show e Master & Commander sono le tappe principali di un percorso artistico che ha saputo conservare la sua integrità di fondo sin dentro il successo commerciale dei film realizzati».

Continua a leggere
Pubblicità

    Copyright © 2024 Lost in Cinema.