Gli anni più belli: il film di Gabriele Muccino di nuovo al cinema dal 15 luglio

Gli anni più belli: il film di Gabriele Muccino di nuovo al cinema dal 15 luglio

Con le sale cinematografiche in faticosa ripresa dopo il lungo stop, torna in sala un film particolarmente amato dal pubblico, in grado di spingere nuovamente gli spettatori al cinema. Stiamo parlando dell’ultima fatica di Gabriele Muccino Gli anni più belli (qui la nostra recensione), che 01 Distribution riporterà in sala a partire dal 15 luglio. Prima della chiusura delle sale dovuta alla pandemia, il film con protagonisti Pierfrancesco FavinoMicaela RamazzottiKim Rossi StuartClaudio SantamariaNicoletta Romanoff, Emma Marrone e Alma Noce era riuscito a incassare più di 5 milioni di euro, ottimo risultato che potrebbe quindi essere ulteriormente migliorato.

Gli anni più belli: di nuovo in sala dal 15 luglio

Questa la sinossi ufficiale de Gli anni più belli:

Gli anni più belli è la storia di quattro amici Giulio (Pierfrancesco Favino), Gemma (Micaela Ramazzotti), Paolo, (Kim Rossi Stuart), Riccardo (Claudio Santamaria), raccontata nell’arco di quarant’anni, dal 1980 ad oggi, dall’adolescenza all’età adulta. Le loro speranze, le loro delusioni, i loro successi e fallimenti sono l’intreccio di una grande storia di amicizia e amore attraverso cui si raccontano anche l’Italia e gli italiani. Un grande affresco che racconta chi siamo, da dove veniamo e anche dove andranno e chi saranno i nostri figli. È il grande cerchio della vita che si ripete con le stesse dinamiche nonostante sullo sfondo scorrano anni e anche epoche differenti.

Il titolo riprende l’omonimo brano di Claudio Baglioni, uscito a gennaio 2020, mentre la colonna sonora del film è di Nicola Piovani. L’opera è un appassionato omaggio a C’eravamo tanto amati, film di Ettore Scola con protagonisti Vittorio Gassman, Nino Manfredi, Stefania Sandrelli, Stefano Satta Flores, Giovanna Ralli e Aldo Fabrizi.

Marco Paiano

Marco Paiano

Fondatore di Lost in Cinema e collaboratore per N3rdcore. Amo il cinema in ogni sua forma, anche quelle meno riuscite. La prendo come viene.