Norman Lloyd è morto: fu il Preside Nolan ne L’attimo fuggente

Norman Lloyd è morto: fu il Preside Nolan ne L’attimo fuggente

All’età di 106 anni, è morto Norman Lloyd, vero e proprio decano dell’industria cinematografica. A dare la notizia è Deadline, che riporta anche che l’attore, produttore e regista statunitense si è spento nel sonno, nella sua casa di Los Angeles. Fra i tanti film a cui ha partecipato, ricordiamo Sabotatori di Alfred Hitchcock, Luci della ribalta di Charlie Chaplin e L’attimo fuggente di Peter Weir, che l’ha definitivamente proiettato nell’immaginario collettivo per la sua interpretazione dello spregevole Preside Nolan, strenuo oppositore dell’umanità e della vitalità del Prof. Keating, impersonato da Robin Williams.

La carriera di Norman Lloyd
L'attimo fuggente

Nato a Jersey City l’8 novembre 1914, Norman Lloyd muove i primi passi nel mondo dello spettacolo già alla fine degli anni ’30, quando debutta nel film per la TV The Streets of New York. Dopo aver abbandonato Quarto potere durante la travagliata produzione del capolavoro di Orson Welles, debutta sul grande schermo nel 1942 grazie ad Alfred Hitchcock, nel già citato Sabotatori. È l’inizio di un periodo particolarmente fortunato, durante il quale Norman Lloyd è diretto da registi del calibro di Jean Renoir (L’uomo del sud), Lewis Milestone (Salerno, ora X) e Jacques Tourneur (La leggenda dell’arciere di fuoco). Nei decenni successivi, si presta per l’amico Charlie Chaplin nel già menzionato Luci della ribalta e ottiene ottimi risultati anche alla regia, dirigendo, producendo e recitando in diversi episodi delle serie Alfred Hitchcock presenta e The Alfred Hitchcock Hour.

Artista poliedrico e versatile, Norman Lloyd vive una seconda giovinezza fra anni ’80 e ’90, quando prende parte, oltre a L’attimo fuggente, anche al popolare show A cuore aperto, a L’età dell’innocenza di Martin Scorsese e ad alcuni episodi de La signora in giallo, diventando un volto familiare per diverse generazioni di spettatori. Ormai ultracentenario, prende parte nel 2015 a Un disastro di ragazza di Judd Apatow, l’ultimo ruolo di una carriera lunga e ricca di soddisfazioni.

Marco Paiano

Marco Paiano