Olivia de Havilland è morta: ci lascia a 104 anni Melania di Via col vento

Olivia de Havilland è morta: ci lascia a 104 anni Melania di Via col vento

Poche settimane dopo il suo 104esimo compleanno ci ha lasciato Olivia de Havilland, indimenticabile interprete di Melania Hamilton in Via col vento, nonché due volte premio Oscar per le sue interpretazioni in A ciascuno il suo destino e L’ereditiera. A dare la notizia è l’Hollywood Reporter, che specifica che l’attrice britannica naturalizzata statunitense si è spenta per cause naturali nella sua casa di Parigi, dove ha vissuto per 60 anni. Olivia de Havilland era la sorella maggiore di Joan Fontaine, anch’essa due volte vincitrice dell’Oscar e scomparsa nel 2013, con cui visse un rapporto difficile, sfociato in una vera e propria rivalità lavorativa.

Addio a Olivia de Havilland

Olivia de Havilland ha vissuto l’età d’oro di Hollywood, prendendo parte a circa 60 film dagli anni ’30 agli anni ’80, quando ha abbandonato progressivamente le scene. Oltre ai già menzionati ruoli da Oscar, la ricordiamo anche in opere come Capitan Blood, La carica dei seicento, La leggenda di Robin Hood, Gli avventurieri e La storia del generale Custer. A consegnarla alla storia è però il ruolo di Melania Hamilton, cugina di Rossella O’Hara e sposa promessa del da lei amato Ashley Wilkes, nel capolavoro di Victor Fleming Via col vento.

Olivia Mary de Havilland è nata a Tokyo nel 1916 da Walter Augustus de Havilland, avvocato inglese, e Lilian Augusta Ruse, attrice nota col nome d’arte di Lilian Fontaine. All’età di 3 anni, de Havilland andò con sua madre e sua sorella a vivere in California. Dopo il liceo, si iscrisse al Mills College di Oakland, dove cominciò ad avvicinarsi alla recitazione. Olivia de Havilland ottenne il primo ruolo cinematografico di successo nella trasposizione dello shakespeariano Sogno di una notte di mezza estate (1935) di Max Reinhardt e William Dieterle.

La celebrità mondiale giunse quando nel 1939 interpretò il personaggio di Melania Hamilton in Via col vento (1939) di Victor Fleming, accanto a Clark Gable, Vivien Leigh e Leslie Howard. De Havilland ottenne poi riconoscimenti ed elogi dalla critica e dal pubblico per le sue interpretazioni in A ciascuno il suo destino (1946) di Mitchell Leisen, Lo specchio scuro (1946) di Robert Siodmak, La fossa dei serpenti (1948) di Anatole Litvak e L’ereditiera (1949) di William Wyler. 

Dalla metà degli anni ’50, de Havilland viveva a Parigi con suo marito, il giornalista francese Pierre Galante. Lei e Pierre Galante sono stati sposati dal 1955 fino alla sua morte nel 1979. In precedenza era stata sposata con lo sceneggiatore e romanziere Marcus Goodrich, dal 1946 fino al loro divorzio nel 1953. Dal primo matrimonio nacque nel 1949 il figlio Benjamin, che divenne matematico e morì nel 1991, affetto dal morbo di Hodgkin, dal secondo matrimonio è nata la figlia Gisèle. 

Marco Paiano

Marco Paiano