News

Oscar 2019: l’Academy ci ripensa, tutti i premi saranno assegnati in diretta

Pubblicato

il

Dopo le polemiche dei giorni scorsi scaturite dalla controversa decisione di assegnare i premi di ben 4 categorie degli Oscar 2019 (fra cui fotografia e montaggio) durante le pause pubblicitarie, in modo da accorciare la durata della cerimonia, l’Academy è tornata sui propri passi, permettendo alle fondamentali professionalità coinvolte in queste categorie di ricevere i meritati riconoscimenti in diretta televisiva.

A ufficializzare la scelta è un comunicato della stessa Academy: “L’Academy ha ascoltato il feedback dei suoi membri in merito alla presentazione di quattro premi Oscar: Fotografia, Montaggio, Cortometraggio Live Action e Trucco e acconciatura. Tutti gli Academy Awards saranno presentati senza modifiche, nel nostro formato tradizionale. Non vediamo l’ora degli Oscar di domenica, 24 febbraio”.

Oscar 2019: tutti i premi saranno consegnati in diretta TV

A influire su questa retromarcia da parte dell’Academy può essere stata la lettera aperta firmata da diverse celebrità hollywoodiane (che vi abbiamo riportato nel dettaglio in questo articolo). Ciò che è sicuro è che questa decisione mette fine a una polemica che aveva profondamente scosso il panorama cinematografico internazionale, a pochi giorni dalla consegna di quelli che, nel bene e nel male, sono i premi più conosciuti del settore. Le persone che si occuperanno della gestione della diretta televisiva dell’evento dovranno così trovare altri espedienti per portare la durata della trasmissione dalle vecchie quattro ore alle tre ore che l’Academy si è fissata come obiettivo, senza intaccare la dignità e la professionalità delle persone che lavorano in aspetti fondamentali per la buona riuscita di un film.

Con questa polemica alle spalle, possiamo adesso concentrarci sulla notte cinematografica più attesa dell’anno, che dista ormai appena otto giorni. Nell’attesa di conoscere i vincitori degli Oscar 2019, vi invitiamo quindi a rivedere le nomination ufficiali di tutte le categorie, che vi abbiamo scrupolosamente riportato all’interno di questo articolo.

News

Nine Perfect Strangers: il trailer ufficiale della serie Amazon

Pubblicato

il

Nine Perfect Strangers

Amazon Prime Video ha pubblicato oggi il trailer dell’attesissima serie in otto episodi Nine Perfect Strangers, che sarà disponibile dal 20 agosto in tutto il mondo, eccetto Stati Uniti e Cina. Basata sull’omonimo romanzo dell’autrice australiana Liane Moriarty – bestseller del New York Times - Nine Perfect Strangers è prodotto dal team di Big Little Lies e interpretato da Nicole Kidman e Melissa McCarthy, al loro primo progetto insieme. I primi tre episodi della serie debutteranno su Amazon Prime Video il 20 agosto. Gli episodi successivi saranno disponibili a cadenza settimanale. Gustiamoci subito una piccola anteprima di quello che vedremo sul piccolo schermo.

Nicole Kidman nel trailer di Nine Perfect Strangers

Questa la sinossi di Nine Perfect Strangers:

Girata in Australia, la serie drama è ambientata in un wellness resort di lusso che promette un processo di guarigione e trasformazione. La storia ruota intorno a nove personaggi stressati che vivono in città e provano a seguire un percorso per avere un migliore stile di vita. A sorvegliarli durante i dieci giorni di permanenza è la direttrice del centro Masha (Kidman), una donna la cui missione è quella di ritemprare le loro menti e i loro corpi. Ma questi nove estranei non hanno idea di ciò che li aspetta.

Il cast include anche Luke Evans, Tiffany Boone, Bobby Cannavale, Melvin Gregg, Regina Hall, Manny Jacinto, Asher Keddie, Michael Shannon, Grace Van Patten e Samara Weaving. La serie vede come executive producer Nicole Kidman e Per Saari per Blossom Films, Bruna Papandrea, Jodi Matterson e Steve Hutensky per Made Up Stories, David E Kelley, Melissa McCarthy, John Henry Butterworth, Samantha Strauss, Jonathan Levine, Molly Allen e Liane Moriarty. La serie è scritta da David E Kelley e John Henry Butterworth, ed è diretta da Jonathan Levine. Questo il poster ufficiale della serie.

Continua a leggere

News

The Bad Guy: prima immagine della serie dark comedy italiana di Amazon

Pubblicato

il

The Bad Guy

Amazon annuncia che sono cominciate le riprese di The Bad Guy, la nuova serie Amazon Original che sarà disponibile in esclusiva su Prime Video in Italia e in oltre 240 Paesi e territori nel mondo nel corso del 2022. A vestire i panni del protagonista della serie, cioè il pubblico ministero Nino Scotellaro, sarà Luigi Lo Cascio (noto per i suoi ruoli ne Il traditore, La meglio gioventù e I cento passi), mentre la parte della protagonista femminile Luvi è affidato a Claudia Pandolfi (Tutta colpa di Freud, Quando la notte, Due partite).

The Bad Guy: la prima immagine ufficiale della serie Amazon

The Bad Guy

Foto di Paolo Ciriello

La serie è di Ludovica Rampoldi, Davide Serino e Giuseppe G. Stasi, diretta da Giancarlo Fontana e Giuseppe G. Stasi e prodotta da Nicola Giuliano, Francesca Cima e Carlotta Calori per Indigo Film.

Di seguito, la sinossi della serie:

The Bad Guy unisce il crime con la dark comedy e racconta l’incredibile storia di Nino Scotellaro, pubblico ministero siciliano che ha dedicato tutta la sua vita alla lotta contro la mafia e che improvvisamente viene accusato di essere uno di coloro che ha sempre combattuto: un mafioso. Dopo la condanna, senza più nulla da perdere, Nino decide di mettere a segno un machiavellico piano di vendetta, diventando il “bad guy” in cui è stato ingiustamente trasformato.

Continua a leggere

Eventi

Green Pass: dal 6 agosto sarà obbligatorio per andare al cinema

Pubblicato

il

Green Pass

Con una nota ufficiale, il governo italiano, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio Mario Draghi, ha diramato le regole e le linee guida che disciplineranno l’accesso a eventi e luoghi all’aperto e al chiuso, fra cui le sale cinematografiche. A partire dal 6 agosto, per poter andare al cinema sarà necessario il Green Pass, che si può ottenere dopo aver ricevuto almeno la prima dose vaccinale Sars-CoV-2, con l’attestazione della guarigione dal Covid-19 da al massimo 6 mesi o con l’effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus, con validità di 48 ore. Il Green Pass sarà necessario per accedere alle seguenti attività o ambiti:

  • Servizi per la ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per consumo al tavolo al chiuso
  • Spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi
  • Musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre
  • Piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso
  • Sagre e fiere, convegni e congressi
  • Centri termali, parchi tematici e di divertimento
  • Centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, i centri estivi e le relative attività di ristorazione
  • Attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò
  • Concorsi pubblici

Green Pass: le regole sulla capienza, al chiuso e all’aperto

Le nuove regole disciplinano anche le norme di distanziamento e la capienza degli ambienti. Queste le indicazioni del governo:

In zona bianca e in zona gialla, gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali o spazi anche all’aperto, sono svolti esclusivamente con posti a sedere preassegnati e a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, sia per il personale, e l’accesso è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi Covid-19.

Nella zona bianca, la capienza consentita non può essere superiore al 50 per cento di quella massima autorizzata all’aperto e al 25 per cento al chiuso nel caso di eventi con un numero di spettatori superiore rispettivamente a 5.000 all’aperto e 2.500 al chiuso.

In zona gialla la capienza consentita non può essere superiore al 50 per cento di quella massima autorizzata e il numero massimo di spettatori non può comunque essere superiore a 2.500 per gli spettacoli all’aperto e a 1.000 per gli spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala. Le attività devono svolgersi nel rispetto di linee guida adottate.

Infine, ecco le sanzioni per la violazione delle norme sul Green Pass:

I titolari o i gestori dei servizi e delle attività autorizzati previa esibizione del Green pass sono tenuti a verificare che l’accesso a questi servizi e attività avvenga nel rispetto delle prescrizioni. In caso di violazione può essere elevata una sanzione pecuniaria da 400 a 1000 euro sia a carico dell’esercente sia dell’utente. Qualora la violazione fosse ripetuta per tre volte in tre giorni diversi, l’esercizio potrebbe essere chiuso da 1 a 10 giorni.

Continua a leggere
Pubblicità