Richard Donner Richard Donner

News

Richard Donner è morto: addio al regista de I Goonies e Arma letale

Pubblicato

il

All’età di 91 anni, è morto il regista statunitense Richard Donner, noto per aver diretto diversi film scolpiti nell’immaginario collettivo, come Il presagio, Superman, Ladyhawke, I Goonies e la saga di Arma letale. A dare la notizia è Deadline, che riporta anche la conferma del decesso da parte della moglie Lauren Schuler Donner. Al momento, non è stata rivelata la causa del decesso.

Addio a Richard Donner
I Goonies

Nato il 24 aprile 1930 nel Bronx, a New York, Richard Donner si avvicina al mondo dello spettacolo fin da giovane, con l’intento dichiarato di diventare un attore. Ben presto, vira decisamente verso la regia, dirigendo già all’inizio degli anni ’60 alcuni episodi di popolari show televisivi, fra cui I racconti del West, Ricercato vivo o morto e The Rifleman. Nella fase iniziale della carriera, la televisione è la sua dimensione ideale: nel giro di pochi anni, prende infatti parte ad alcune delle serie televisive più apprezzate dell’epoca, come Undicesima ora, Ai confini della realtà (dove dirige il celebre episodio Nightmare at 20,000 Feet, uno dei più amati della serie), Organizzazione U.N.C.L.E., L’isola di GilliganPerry Mason, Selvaggio west e Squadra speciale anticrimine.

Richard Donner si dedica però con profitto anche al grande schermo. Nel 1961, dirige la sua opera prima Il leggendario X-15, con Charles Bronson fra i protagonisti, che segue il regista anche in Twinky, del 1969. La svolta arriva nel 1976, quando segna indelebilmente la storia del cinema horror con The Omen (in italiano Il presagio), con protagonista il demoniaco bambino Damien. Appena due anni dopo, Donner firma uno dei primi cinecomic, cioè Superman, dirigendo giganti del calibro di Christopher ReeveGene HackmanMarlon Brando. Confermato alla regia per il sequel Superman II, a causa di dissidi con la produzione viene sostituito in corsa da Richard Lester, avvenimento che gli provoca profondo dispiacere.

Passata la delusione, Richard Donner firma alcuni dei film più amati degli anni ’80. Dal 1985 al 1988, dirige infatti un’impressionante serie di film di culto: il fantasy Ladyhawke, con Rutger HauerMichelle Pfeiffer, l’avventura per ragazzi I Goonies, manifesto dell’epoca, l’action poliziesco Arma letale, perpetuando il mito di Mel Gibson e dando il via a una saga da lui stesso portata avanti, e S.O.S. fantasmi, rilettura di Canto di Natale di Charles Dickens con protagonista un sontuoso Bill Murray.

Gli ultimi anni

Richard Donner

A cavallo fra anni ’80 e ’90, Richard Donner si districa fra cinema e televisione, firmando tre episodi de I racconti della cripta e alcuni film non altrettanto noti, ma comunque apprezzati dal pubblico come MaverickAssassinsIpotesi di complotto, portando avanti un vero e proprio sodalizio artistico con Mel Gibson, che dirige per ben sei volte. Parallelamente, Donner porta avanti una florida carriera come produttore, contribuendo alla realizzazione di Free Willy – Un amico da salvare, Ogni maledetta domenica e X-Men di Bryan Singer. Lascia la moglie Lauren Schuler Donner, che aveva sposato nel 1986.

Pubblicità

Eventi

Trieste Science+Fiction Festival: al via la 21° edizione

Pubblicato

il

Trieste Science+Fiction Festival

Si apre oggi la 21° edizione del Trieste Science+Fiction Festival, la più importante manifestazione italiana dedicata alla fantascienza e a tutte le declinazioni del fantastico. La rassegna proseguirà fino a mercoledì 3 novembre, e sarà possibile seguirla in modalità ibrida. Tre le sale dedicate all’evento: il Politeama Rossetti e il Cinema Ariston, entrambi a Trieste e la Sala Web di SciFiClub, piattaforma streaming permanente curata dal Science+Fiction su MYmovies.

La serata di inaugurazione del Festival si terrà mercoledì 27 ottobre alle 20.00 al Politeama Rossetti: dopo la cerimonia inaugurale, sarà proiettato in anteprima italiana il film di apertura della 21° edizione del Trieste Science+Fiction Festival, cioè The Last Journey di Romain Quirot, con protagonista Jean Reno, film francese di fantascienza che affronta importanti tematiche ambientali. Alle 22.30, il programma prevede invece l’anteprima di Night Raiders di Danis Goulet, con protagonista Amanda Plummer, che sarà disponibile anche sulla piattaforma streaming SciFiClub su MYmovies. Si tratta di un dramma distopico al femminile che parla di resilienza, coraggio e amore.

Trieste Science+Fiction Festival:il meglio della fantascienza in sala e in streaming

Organizzato da La Cappella Underground, il Trieste Science+Fiction porta nel capoluogo giuliano, e per il secondo anno consecutivo anche in streaming, le migliori produzioni di genere fantastico, con oltre 40 anteprime cinematografiche mondiali, internazionali e nazionali suddivise tra film, cortometraggi e documentari in tre concorsi principali: il Premio Asteroide e i due concorsi Méliès d’argent della MIFF, la federazione europea Méliès dei festival di cinema fantastico (Méliès International Festivals Federation). La sezione Spazio Italia, infine, raccoglie il meglio dell’underground del cinema fantastico italiano.

Sarà presente al Trieste Science+Fiction anche la regista, sceneggiatrice e attrice Sabina Guzzanti, che presenterà il suo romanzo d’esordio 2119. La disfatta dei sapiens al pubblico del festival domenica 31 ottobre alle 17.30 presso il Cinema Ariston. Si tratta di un’opera che guarda alla grande letteratura distopica classica (da 1984 a Fahrenheit 451) e affronta temi di straordinaria modernità, quali il mutamento climatico, la concentrazione della ricchezza, la dipendenza dalla tecnologia: un debutto letterario ironico, visionario e appassionante. Sabina Guzzanti sarà presente alla manifestazione triestina anche in veste di giurata del Premio Asteroide, riconoscimento internazionale che ogni anno il festival dedica al miglior film di genere fantascienza, horror e fantasy in concorso realizzato da registi emergenti.

Continua a leggere

News

Petite Maman: recensione del film di Céline Sciamma

Pubblicato

il

Petite Maman

Dopo il successo planetario di Ritratto della giovane in fiamme, Céline Sciamma torna dietro la macchina da presa con una pellicola suggestiva, politica e intima, Petite Maman, applaudita all’ultimo Festival di Berlino. Distribuita in Italia da Teodora Film e MUBI, Petite Maman è stata presentata in anteprima durante Alice nella Città, sezione autonoma e parallela della Festa del Cinema di Roma. 

Da sempre attenta al mondo dei giovanissimi e al tema dell’identità femminile, Sciamma torna alle atmosfere di Tomboy, uno dei suoi film più amati, dimostrando ancora una volta una sensibilità fuori dal comune. Petite Maman ha per protagonista Nelly, una bambina di otto anni che dopo la morte della nonna passa qualche giorno nella casa di campagna dove è cresciuta la madre, Marion. Nelly esplora la casa e il bosco che la circonda, dove sua madre giocava da bambina e dove aveva costruito la casetta di legno di cui aveva sentito tanto parlare. Dopo che la madre va via all’improvviso, Nelly incontra nel bosco una bambina della sua età che si chiama proprio Marion e sta costruendo una casetta di legno. 

Petite Maman: recensione del film di Céline Sciamma

Céline Sciamma

Céline Sciamma confeziona una storia delicata che si sublima nell’incontro tra due bambine, due specchi umani, due individui, Nelly e Marion. Quel che seduce della storia così particolare che ha scritto e diretto Sciamma è una pervicacia dell’assenza che si insinua in ogni fotogramma: nelle scene, soprattutto quelle girate negli interni, si percepisce la mancanza di qualcosa, il silenzio lambisce e incornicia la storia, e lo sguardo della regista si focalizza ora sulle bambine, ora sulla casa vicino il bosco che ospita Nelly, una dimora abitata da una presenza-assenza, da un sentimento, da un lutto, da un realismo magico che pervade anche l’intero film. 

Petite Maman è un lavoro che imperversava nella mente della regista mentre girava Ritratto della giovane in fiamme. Ma è stato poi girato dopo il primo lockdown. L’elemento più detonante è l’aspetto dell’incontro, del viaggio temporale, che diventa una strada da percorrere: “Vengo dalla strada dietro di te”, dice Nelly prima di rivelare la verità. Una strada che la conduce dalla sua vita, dal suo tempo, ad un momento diverso, in cui sua mamma, Marion, ha la sua stessa età e vive in quella stessa dimora. Lo spazio si contrappone, si sovrappone, come anche i colori, gli spazi, i luoghi, i giochi, le abitudini, gli interni, che sono visibilmente cambiati, e le due bambine si ritrovano come due amiche che hanno solo il desiderio di giocare, di tracciare un vissuto, una ritualità, di colmare un vuoto. 

Inventare un’amicizia per sottrarsi al vuoto

“Tu non hai inventato la mia tristezza”, dice Marion a Nelly. Una frase potentissima che rimanda alle sensazioni che vivono e provano i bambini, come anche le paure: una delle paure più forti che pervade questo film è la tristezza degli adulti, quando i grandi che entrano in scena. La regista unisce due sguardi, quello femminile e quello infantile, che in fondo sono personaggi che non riescono quasi mai a dimostrare o a vivere la loro integrale individualità, e lo fa eliminando le gerarchie, creando una sorta di equilibrio, una genealogia orizzontale, tra madre e figlia. C’è un’intimità dello spazio, dell’infanzia stessa, ed è uno spazio e un tempo che non ha una connotazione precisa, uno spazio intimo, politico, evocativo, in cui l’immaginazione serve per compiere un viaggio nel tempo, per superare un lutto, inventare un’amicizia, imprevista, spontanea, per sottrarsi al vuoto. 

Non c’è magia, non ci sono varchi, solo una strada che si percorre che lega due mondi, due tempi diversi. 

Overall
8/10

Verdetto

Dopo il successo planetario di Ritratto della giovane in fiamme, Céline Sciamma torna dietro la macchina da presa con una pellicola suggestiva, politica e intima. 

Continua a leggere

News

Dune: confermato il sequel del film di Denis Villeneuve

Pubblicato

il

Dune

Come auspicato dalla stragrande maggioranza del pubblico e degli addetti ai lavori, Dune di Denis Villeneuve avrà un sequel per il grande schermo. A confermarlo è la stessa Legendary Pictures sui propri account social, a cui hanno fatto seguito quelli dei principali interpreti coinvolti nel progetto. «Questo è solo l’inizio… Grazie a coloro che hanno visto Dune finora e a coloro che lo vedranno nei giorni e nelle settimane a venire. Siamo entusiasti di continuare il viaggio!», si legge nel tweet.

Appuntamento a ottobre 2023 per il sequel di Dune


Deadline ha fornito ulteriori dettagli sul progetto, che arriverà nelle sale il 20 ottobre 2023 e vedrà ancora coinvolto Denis Villeneuve come produttore, regista e co-sceneggiatore. Questa la dichiarazione del regista:

Ho appena ricevuto la notizia da Legendary che stiamo ufficialmente andando avanti con Dune: Part Two. Era un mio sogno adattare Dune di Frank Herbert, e devo ringraziare i fan, il cast e la troupe, Legendary e Warner Bros. per aver supportato questo sogno. Questo è solo l’inizio.

Questo invece il commento di Toby Emmerich, Presidente di Warner Bros Picture Group:

Denis Villeneuve ha realizzato un film che è sia visivamente straordinario che emotivamente coinvolgente, come dimostra il suo successo globale di critica e al botteghino Siamo entusiasti di continuare questo viaggio con Denis, il suo cast e la troupe, e i nostri partner di Legendary, e non vediamo l’ora di portare il prossimo capitolo di questo racconto epico nelle sale nell’ottobre 2023.

Ricordiamo che Dune è stato presentato fuori concorso durante Venezia 78 (qui la nostra recensione). Nel momento in cui scriviamo, il film ha incassato oltre 220 milioni di dollari nelle sale di tutto il mondo. Un risultato discreto, considerando il periodo pandemico e l’uscita posticipata negli Stati Uniti, dove Dune ha debuttato solo il 22 ottobre,

Continua a leggere
Pubblicità