Shirley Knight: morta a 83 anni l’attrice statunitense

All’età di 83 anni, è morta per cause naturali l’attrice statunitense Shirley Knight, candidata due volte all’Oscar e vincitrice di numerosi premi per le sue performance, fra cui un Golden Globe, due Emmy e la prestigiosa Coppa Volpi della Mostra del Cinema di Venezia. A dare la notizia è l’Hollywood Reporter. La Knight si è spenta a casa di sua figlia Kaitlin Hopkins, anche lei attrice.

Shirley Knight: una lunga e poliedrica carriera

Dopo qualche piccola apparizione in serie televisive, Shirley Knight debutta sul grande schermo nel 1959, a 23 anni, in Cinque vie per l’inferno. Nello stesso anno si sposa con Eugene Persson, e dal loro matrimonio nasce la figlia Kaitlin. Gli anni ’60 sono indubbiamente il suo periodo più prolifico, sia in termini di quantità, sia in qualità. Nel 1960 recita ne Il buio in cima alle scale, per il quale ottiene una nomination all’Oscar e una al Golden Globe. Due anni dopo, replica successo e nomination con La dolce ala della giovinezza, in cui recita al fianco di Paul Newman e Geraldine Page. Due ruolo di giovani donne sfortunate e tormentate, che la proiettano nell’Olimpo di Hollywood. Dopo aver lavorato con Sidney Lumet ne Il gruppo, nel 1967 è in Intolleranza: il treno fantasma di Anthony Harvey. Un ruolo scomodo, corrosivo e fortemente simbolico, che la porta alla Coppa Volpi.

Nel 1968 e nel 1969 arrivano altre due importanti partecipazioni, in Petulia di Richard Lester e in Non torno a casa stasera di Francis Ford Coppola. Dopo il divorzio da Persson nel 1969 e il secondo matrimonio con l’attore John Hopkins nel 1970, dal quale nasce la seconda figlia Sophie, le sue apparizioni sul grande schermo si diradano, ma rimangono sempre di altissimo livello. La ricordiamo infatti in Juggernaut, ancora per Lester, Amore senza fine di Franco Zeffirelli e, in età più avanzata, in Qualcosa è cambiato. Mentre al cinema comincia a cimentarsi in ruoli sempre più auto ironici (Cocco di nonna, Il superpoliziotto del supermercato), continua a lavorare in televisione, con apparizioni in serie di prestigio come Dr. House – Medical Division e Desperate Housewives. Arrivano inoltre due Emmy per le sue prove in Thirtysomething e L’asilo maledetto.

Un’attrice mai in cerca della fama

Attiva fino agli ultimissimi anni di vita e sempre lontana dalla luce dei riflettori, si è spenta oggi, in un periodo che le impedisce di avere un doveroso elogio funebre. Le esequie verranno comunque celebrate nei primi mesi del 2021 a Los Angeles, ma è comunque possibile aderire alla campagna di raccolta fondi in sua memoria. Salutiamo per l’ultima volta Shirley Knight con le parole di una sua intervista del 2012, nella quale si espresse in questi termini a proposito della fama:

Ho un’intera teoria sulla fama. Non è davvero qualcosa a cui aspirare, nel senso che molte persone molto famose sono ridicole. Voglio dire, guardate le Kardashian. Ci sono persone in giro che non sanno chi fossero i Beatles. Ai miei studenti dico: “Se pensate che il vostro cibo sia diventare famosi, morirete di fame. Il vostro cibo deve essere quello di fare un buon lavoro e di diventare migliori in quello che fate”.

Marco Paiano

Marco Paiano

Fondatore di Lost in Cinema e collaboratore per N3rdcore. Amo il cinema in ogni sua forma, anche quelle meno riuscite. La prendo come viene.