Si vive una volta sola: il film di Carlo Verdone al cinema nel 2021

Si vive una volta sola: il film di Carlo Verdone al cinema nel 2021

Non c’è pace per Si vive una volta sola, il nuovo lavoro di Carlo Verdone. Dopo essere stato uno dei primi film a subire un rinvio a causa della pandemia, Si vive una volta sola aveva trovato una collocazione in sala per il 26 novembre. Come sappiamo, la chiusura forzata delle sale cinematografiche ha bloccato un’altra volta il film, che ha fra i suoi protagonisti lo stesso regista, Anna Foglietta, Max Tortora e Rocco Papaleo. A spegnere ogni possibilità per un’uscita in sala a Natale è stato lo stesso Verdone, nel corso del Festival del cinema europeo di Lecce. Queste le dichiarazioni del regista romano, riportate da Cinecittà News:

Fare uscire in sala sotto Natale Si vive una volta sola sarebbe un azzardo e un’utopia vista la crescita dei contagi. Speriamo invece di uscire tra fine gennaio e febbraio. Abbiamo aspettato un anno, faremo il possibile per essere in sala visto che il film è stato concepito per il grande schermo. Se avessimo voluto uscire sulle piattaforme, l’avremmo già fatto.

Carlo Verdone: i prossimi progetti dopo Si vive una volta sola

Carlo Verdone sta lavorando al soggetto del prossimo film, che non sarà incentrato sulla pandemia, anche se, secondo le parole dello stesso regista, sarà impossibile non citarla. Verdone sta inoltre ultimando per Amazon Prime Video la scrittura dei primi 10 episodi della serie Vita di Carlo, sua autobiografia romanzata. Le riprese dovrebbero cominciare a marzo. A metà febbraio invece Verdone arriverà in libreria, con un libro il cui titolo provvisorio è La carezza della memoria, che conterrà ricordi dell’adolescenza e dell’università, concentrandosi anche sul presente. In conclusione, ecco la sinossi ufficiale di Si vive una volta sola, che ci auguriamo di vedere al più presto sul grande schermo:

Un quartetto di medici tanto abili in sala operatoria – visto che persino il Papa si affida alle loro cure – quanto inaffidabili, fragili e maldestri nella vita privata. Sono i protagonisti di Si vive una volta sola, il nuovo film di Carlo Verdone, il suo ventisettesimo da regista, sceneggiato da Verdone con Giovanni Veronesi e Pasquale Plastino, le cui riprese, iniziate il 27 maggio, si svolgono interamente in Puglia per otto settimane. Da Bari a Monopoli, da San Vito di Polignano a Otranto e in provincia di Lecce, la troupe si sposterà a Castro, Sant’Andrea, Porto Badisco, Santa Cesarea Terme, Serrano.

Il Professor Umberto Gastaldi (Carlo Verdone) guida una formidabile équipe medica composta dalla strumentista Lucia Santilli (Anna Foglietta), dall’anestesista Amedeo Lasalandra (Rocco Papaleo) e dal suo assistente Corrado Pezzella (Max Tortora): un team di eccellenti professionisti della medicina ma anche e soprattutto un gruppo di insospettabili e implacabili maestri della beffa, sorprendenti nel gioco di squadra e insuperabili nel partorire scherzi spietati, specialmente se la vittima di turno è il loro amico Amedeo. Ma la vita è piena di sorprese e durante uno sconclusionato viaggio on the road verso i mari del Sud d’Italia – fra incontri surreali, stupefacenti rivelazioni ed esilaranti avventure – i quattro amici inciamperanno in un’esperienza che non dimenticheranno mai, un colpo di scena che potrebbe cambiare per sempre le loro vite.

Perché tutto può succedere se sotto un camice bianco, dietro uno stetoscopio, batte un cuore da adolescente. Si vive una volta sola è una irresistibile, beffarda radiografia dei nostri tempi del regista romano che ancora una volta ci regala uno spaccato del presente attraverso il suo sguardo acuto, dissacrante e sempre originale.

Marco Paiano

Marco Paiano