The Blues Brothers The Blues Brothers

News

The Blues Brothers: Dan Aykroyd e John Landis raccontano le riprese

Pubblicato

il

Dopo 40 anni dall’uscita, il fascino di The Blues Brothers non accenna a scemare. Fra le tante celebrazioni di questo vero e proprio film di culto, che riesce a fondere musica e ironia con un’irresistibile carica sovversiva, non poteva mancare un commento di due dei principali artefici di questo successo, cioè il regista John Landis e il protagonista Dan Aykroyd. Nel corso di un’intervista al Guardian, i due hanno raccontato qualche aneddoto del dietro le quinte di The Blues Brothers. Fra i tanti aneddoti divertenti, John Landis e Dan Aykroyd non si sono tirati indietro rispetto alla situazione all’epoca delle riprese del loro compianto collega John Belushi, già alle prese con problemi di dipendenza dalla droga.

The Blues Brothers: i ricordi di Dan Aykroyd

The Blues Brothers

Questa la dichiarazione di Dan Aykroyd, che di The Blues Brothers è anche sceneggiatore, insieme a John Landis:

La mia sceneggiatura originale si chiamava Il ritorno dei Blues Brothers, ed era sostanzialmente composta da due film in uno. John Landis là trasformò in 150 pagine, più gestibili. È stata la chiave di volta del progetto, ha tenuto tutto insieme.

Landis ha scritto la scena “quattro polli fritti e una coca cola” dopo aver visto John Belushi mangiare veramente quattro polli fritti. Il toast liscio di Elwood proveniva dai tempi della mia infanzia a Ottawa: il mio tostapane era un appendiabiti su un fornello. Quello era un vecchio trucco. Siamo stati ispirati dal disco House of the Blues di John Lee Hooker: aveva quell’abito e quegli occhiali da sole. Chi non vorrebbe apparire così figo? Abbiamo messo insieme giacca e cravatta e abbiamo finito per sembrare agenti dell’FBI. Era un look universale, che funzionava così bene.

Ricordo di essere entrato nella tavola calda, con i ballerini di Aretha Franklin, mentre stavamo girando il suo numero, Think. Le mie gambe, lo stomaco e il plesso solare si sono trasformati in gelatina quando ha iniziato a cantare. Onestamente, non sapevo come avrei fatto ad alzarmi dallo sgabello e fare le mie mosse.

Abbiamo perso John una notte. Ma non era perché era fatto, era perché aveva fame e non gli piaceva quello che c’era da mangiare sul set. Non riuscivo a trovarlo da nessuna parte. Alla fine ho seguito un percorso attraverso un parcheggio e ho raggiunto un quartiere vicino. Il quartiere era buio, tranne per una casa. Busso alla porta e dico: “Scusi, stiamo girando un film e manca uno dei nostri attori”. Il ragazzo dice: “Oh, Belushi? È arrivato circa un’ora fa, ha fatto irruzione nel mio frigorifero e si è schiantato sul mio divano”.

A quel tempo, la cocaina era una valuta. Per alcuni membri della troupe che lavoravano la notte, era quasi come il caffè. Non mi è mai piaciuta, ma non volevo fare il poliziotto sul comportamento degli altri. Abbiamo fatto impazzire John Landis. A volte non sapeva se ci saremmo presentati per lavoro dopo le feste, ma Belushi era un professionista ed era impossibile che non ce la facesse.

I cinema del sud non volevano proiettare il film per la presenza degli artisti afroamericani, ma quando è diventato un successo si sono aperti e la gente l’ha visto. Agisce come conservazione culturale. Ci siamo assicurati che gli autori del materiale mantenessero i loro diritti di pubblicazione. John e io abbiamo preso solo i diritti degli artisti. Ognuna di quelle canzoni che abbiamo registrato ha remunerato gli artisti originali al 100% delle vendite degli album. È stata una decisione etica e gli autori ne hanno tratto beneficio.

The Blues Brothers

Queste invece le parole del regista di The Blues Brothers John Landis:

Mia moglie (la costumista Deborah Nadoolman) ha disegnato il look di Jake ed Elwood. Durante il Saturday Night Live – dove i personaggi erano diventati famosi – avevano sempre indossato vecchi cappelli e occhiali da sole, ma lei disse: No, Ray-Ban. Ma avevano smesso di produrli, quindi trovarli è stata un’impresa ardua. Andavamo nei dime store e cercavamo tra pile di occhialini he erano lì da 30 anni. Alla fine ne abbiamo trovato circa 140 coppie e, ovviamente, John aveva l’abitudine di darli alle ragazze. Il regista Paul Brickman ha visitato il nostro set e gli abbiamo regalato circa 30 paia di occhiali. Ha realizzato Risky Business, e Tom Cruise indossava quegli occhiali.

Quando stavamo girando, John era diventato dipendente dalla cocaina. La cocaina ti fa bere, e bere ti fa assumere più cocaina. Gli sconosciuti lo vedevano e gli davano droghe. Era difficile tenerli lontani. È quasi morto durante le riprese. Per me, la più grande tragedia è che in Animal House era al 100%, in The Blues Brothers nei momenti migliori è al 75%. Ma era eccezionale, quindi la maggior parte delle persone non se ne accorge.

È stato fantastico girare The Blues Brothers, ma anche complicato. Molte storie selvagge provengono dal film stesso: non puoi semplicemente girare 42 macchine che vanno a 110 miglia all’ora nel centro di Chicago. In quelle scene, non c’è nessun filmato accelerato. Ciò ha richiesto molto lavoro e cooperazione con la polizia. Avevamo un negozio di auto aperto 24 ore al giorno. Ci sono leggende sul fatto che abbiamo usato centinaia di macchine, ma no: quando vedete quei cumuli, sappiate che abbiamo preso le stesse 20 macchine e le abbiamo riparate. Probabilmente abbiamo distrutto 25 veicoli in tutto il film.

Ho messo l’intera faccenda della “missione da Dio” in omaggio a Dan perché era assolutamente evangelico sulla musica. È difficile da credere, ma nel 1979 il ritmo, il blues e la Motown erano in declino, e la musica popolare era quella da discoteca. Le persone mi chiedono: “Come hai ottenuto tutti quegli incredibili spettacoli?” Li abbiamo chiamati! Il punto centrale del film era mostrare questi artisti straordinari.

The Blues Brothers è una testimonianza della passione di John e Dan per il blues. Hanno approfittato della loro celebrità per focalizzare l’attenzione sulla musica soul. Ne sono orgoglioso, ma penso anche che sia un film totalmente folle. Ci sono molti motivi per fare un film e hai successo o no su molti livelli diversi. A livello del proselitismo che Dan voleva fare su questa musica, fu un enorme successo. Ha dato la loro vendetta a tutte le persone coinvolte nel film.

 

Pubblicità

News

Ghostbusters: Legacy, il nuovo trailer italiano del film

Pubblicato

il

Ghostbusters: Legacy

Sony Pictures ha pubblicato il nuovo trailer ufficiale di Ghostbusters: Legacy, nuovo capitolo della saga degli acchiappafantasmi diretto da Jason Reitman, figlio del creatore della saga Ivan Reitman. I protagonisti del film sono Carrie Coon, Finn Wolfhard (già in Stranger Things e It: Capitolo due), Mckenna Grace e Paul Rudd, che si affiancheranno a Bill Murray, Dan Aykroyd, Ernie Hudson, Annie Potts e Sigourney Weaver, tutti di ritorno nei rispettivi ruoli. Vediamo subito cosa ci aspetta.

Il nuovo spettacolare trailer italiano di Ghostbusters: Legacy

Ghostbusters: Legacy arriverà nelle sale italiane l’11 novembre, distribuito da Warner Bros. Il film arriva a ben 37 anni di distanza da Ghostbusters – Acchiappafantasmi, primo indimenticabile capitolo della saga. Dopo il capostipite, sono arrivati anche Ghostbusters II – Acchiappafantasmi II nel 1989 e Ghostbusters del 2016, tentativo di reboot con un cast composto solo da donne, che purtroppo non ha ottenuto il successo sperato. Sarà quindi questo nuovo capitolo ad avere il compito di donare nuova linfa a una saga che ha indelebilmente segnato l’immaginario collettivo degli anni ’80. Questa la sinossi ufficiale del film.

Arrivati in una piccola città, una madre single e i suoi due figli iniziano a scoprire la loro connessione con gli Acchiappafantasmi originali e la segreta eredità lasciata dal nonno. Ghostbusters: Legacy è scritto da Jason Reitman & Gil Kenan.

Continua a leggere

Netflix

È stata la mano di Dio di Paolo Sorrentino in concorso a Venezia 78

Pubblicato

il

È stata la mano di Dio

Dopo l’annuncio che il film sarà presentato in concorso a Venezia 78, sono arrivate le prime immagini di È stata la mano di Dio, nuovo film scritto e diretto da Paolo Sorrentino e prodotto da The Apartment, società del gruppo Fremantle. Dopo la presentazione a Venezia, È stata la mano di Dio sarà distribuito su Netflix e in cinema selezionati, nel corso del 2021. Il nuovo film di Sorrentino attingerà sia dalla sua conclamata passione per Diego Armando Maradona, mancato pochi mesi fa, sia da alcuni risvolti della stessa vita del regista. Un’opera intima e personale, che avrà per protagonisti Toni Servillo, Filippo Scotti, Teresa Saponangelo, Marlon Joubert, Luisa Ranieri, Renato Carpentieri, Massimiliano Gallo, Betti Pedrazzi, Biagio Manna, Ciro Capano, Enzo Decaro, Lino Musella e Sofya Gershevich. Ecco le prime immagini ufficiali.

Le prime foto di È stata la mano di Dio
È stata la mano di Dio

Foto di Gianni Fiorito

Questa la sinossi ufficiale di È stata la mano di Dio:

Dal regista e sceneggiatore Premio Oscar Paolo Sorrentino (Il Divo, La grande bellezza, The Young Pope) la storia di un ragazzo nella tumultuosa Napoli degli anni Ottanta. Una vicenda costellata da gioie inattese, come l’arrivo della leggenda del calcio Diego Maradona, e una tragedia altrettanto inattesa. Ma il destino trama dietro le quinte e gioia e tragedia s’intrecciano, indicando la strada per il futuro di Fabietto. Sorrentino torna nella sua città natale per raccontare la sua storia più personale, un racconto di destino e famiglia, sport e cinema, amore e perdita.

L’immagine di copertina dell’articolo è di Gianni Fiorito.

Continua a leggere

News

L’esorcista: in arrivo una nuova trilogia con Ellen Burstyn

Pubblicato

il

L'esorcista

La storia de L’esorcista non è ancora finita. Come riporta il New York Times, è infatti in arrivo una nuova trilogia della saga, che proseguirà la storia iniziata da William Friedkin. Universal Pictures e i partner dello studio hanno siglato un accordo che prevede un esborso di circa 400 milioni di dollari, simile a quello chiuso da Netflix per due sequel di Knives Out. A dirigere la trilogia sarà David Gordon Green, che recentemente ha già riportato in auge il franchise di Halloween con una trilogia reboot.

La vincitrice dell’Oscar Ellen Burstyn riprenderà il suo ruolo di Chris MacNeil (la madre della bambina posseduta Regan), impegnata a supportare il padre di un bambino indemoniato, che sarà invece impersonato da Leslie Odom Jr. Il primo film della nuova trilogia de L’esorcista dovrebbe arrivare al cinema nel mese di ottobre 2023. I sequel potrebbero invece essere distribuiti direttamente su Peacock, piattaforma di proprietà NBC Universal in cerca di contenuti che le permettano di battagliare con l’agguerrita concorrenza.

L’esorcista: i piani per la nuova trilogia

Una scena de L’esorcista

La nuova trilogia de L’esorcista sarà prodotta da Blumhouse e David Robinson, attraverso la sua Morgan Creek Entertainment. Il CEO di Blumhouse Jason Blum ha concesso questa dichiarazione a Variety:

Blumhouse ha sempre avuto incredibili collaborazioni con il team della Universal, e sono grato a Donna Langley e Jimmy Horowitz per aver creduto nella visione del film di David e per aver avuto la lungimiranza di essere flessibile con la distribuzione, in modo da garantire al team un supporto di prim’ordine per tutto l’arco di vita del film. Si sono impegnati per una distribuzione cinematografica e serviranno anche bene gli spettatori in streaming, portando anche su Peacock un entusiasmante franchise come quello de L’esorcista. Sono grato di lavorare con David Robinson e il grande team di Morgan Creek su questo franchise iconico.

Continua a leggere
Pubblicità