Venezia 2020 Venezia 2020

Eventi

Venezia 2020: tutti i film della 77ma edizione della Mostra del Cinema

Pubblicato

il

A poco più di un mese di distanza dall’inizio di Venezia 2020, il Presidente della Biennale Roberto Cicutto e il Direttore Artistico della Mostra Alberto Barbera hanno svelato il programma della manifestazione, che come previsto si svolgerà dal 2 al 12 settembre. Come prevedibile, la presenza di film americani, e nello specifico hollywoodiani, è ridotta al lumicino. Occasione perfetta per dare voce a più punti di vista possibili. Fra i 18 film del concorso di Venezia 2020, ben 8 sono diretti da donne. Rispetto a ciò che si poteva preventivare, i film italiani non hanno un’incidenza maggiore rispetto agli altri anni. Assenti come previsto Tre piani di Nanni Moretti, Diabolik e Freaks Out, a rappresentare l’Italia in concorso saranno le ultime fatiche di Emma Dante (Le sorelle Macaluso), Susanna Nicchiarelli (Miss Marx), Claudio Noce (Padrenostro) e Gianfranco Rosi (Notturno). Ma vediamo nel dettaglio cosa ci aspetta a Venezia 2020.

Cosa ci aspetta a Venezia 2020

Anna Foglietta

La madrina di Venezia 2020 Anna Foglietta

Concorso Venezia 77

  • In Between Dying di Hilal Baydarov (Azerbaijan, USA, 88′). Con Orkhan Iskandarli, Rana Asgarova, Maryam Naghiyeva, Murvat Abdulazizov, Kamran Huseynov, Samir Abbasov
  • Le sorelle Macaluso di Emma Dante (Italia, 94′). Con Viola Pusateri, Eleonora De Luca, Simona Malato, Susanna Piraino, Serena Barone, Maria Rosaria Alati, Anita Pomario, Donatella Finocchiaro
  • The World to Come di Mona Fastvold (USA, 98′). Con Katherine Waterston, Vanessa Kirby, Christopher Abbott, Casey Affleck
  • Nuevo Orden di Michel Franco (Messico, Francia, 88′). Con Naián González Norvind, Diego Boneta, Mónica Del Carmen, Fernando Cuautle, Darío Yazbek, Eligio Meléndez
  • Amants (Lovers) di Nicole Garcia (Francia, 102′). Con Pierre Niney, Stacy Martin, Benoît Magimel
  • Laila in Haifa di Amos Gitai (Israele, Francia, 99′). Con Maria Zreik, Khawla Ibraheem, Bahira Ablassi, Naama Preis, Tsahi Halevi, Makram J. Khoury
  • Und Morgen Die Ganze Welt di Julia Von Heinz (Germania, Francia, 101′). Con Mala Emde, Noah Saavedra, Tonio Schneider, Luisa-Céline Gaffron, Andreas Lust
  • Dorogie Tovarischi (Dear Comrades) di Andrei Konchalovsky (Russia, 116′). Con Julia Vysotskaya, Vladislav Komarov, Andrei Gusev, Yulia Burova, Sergei Erlish
  • Spy No Tsuma (Wife Of A Spy) di Kiyoshi Kurosawa (Giappone, 116′). Con Yu Aoi, Issey Takahashi
  • Khorshid (Sun Children) di Majid Majidi (Iran, 99′). Con Ali Nasirian, Javad Ezzati, Tannaz Tabatabaie, Rouhollah Zamani, Seyed Mohammad Mehdi Mousavi Fard, Shamila Shirzad
  • Pieces of a Woman di Kornél Mundruczó (Canada, Ungheria, 115′). Con Vanessa Kirby, Shia LaBeouf, Ellen Burstyn, Jimmie Fails, Molly Parker, Sarah Snook, Iliza Shlesinger, Benny Safdie
  • Miss Marx di Susanna Nicchiarelli (Italia, Belgio, 107′). Con Romola Garai, Patrick Kennedy, John Gordon Sinclair, Felicity Montagu, Karina Fernandez, Oliver Chris, Philip Gröning
  • Padrenostro di Claudio Noce (Italia, 120′). Con Pierfrancesco Favino, Mattia Garaci, Barbara Ronchi, Francesco Gheghi, Francesco Colella, Antonio Gerardi
  • Notturno di Gianfranco Rosi (Italia, Francia, Germania, 100′)
  • Never Gonna Snow Again di Malgorzata Szumowska e Michał Englert (Polonia, Germania, 113′). Con Alec Utgoff, Maja Ostaszewska, Agata Kulesza, Weronika Rosati, Katarzyna Figura, Andrzej Chyra
  • The Disciple di Chaitanya Tamhane (India, 127′). Con Aditya Modak, Arun Dravid, Sumitra Bhave, Kiran Yadnyopavit
  • Quo Vadis, Aida? di Jasmila Zbanic (Bosnia ed Erzegovina, Austria, Romania, Paesi Bassi, Germania, Polonia, Francia, Norvegia, 101′). Con Jasna Ðuričić, Izudin Bajrović, Boris Ler, Dino Bajrović, Boris Isaković
  • Nomadland di Chloé Zhao (USA, 108′). Con Frances McDormand, David Strathairn, Linda May, Charlene Swankie

Fuori concorso

Non Fiction

  • Sportin’ Life di Abel Ferrara (Italia, 65′). Con Abel Ferrara, Willem Dafoe, Cristina Chiriac, Anna Ferrara, Paul Hipp, Joe Delia
  • Crazy, Not Insane di Alex Gibney (117′).
  • Greta di Nathan Grossman (Svezia, 97′). Con Greta Thunberg
  • Salvatore, Shoemaker of dreams di Luca Guadagnino (120′)
  • Final Account di Luke Holland (Regno Unito, 90′)
  • La verità su La dolce vita di Giuseppe Pedersoli (Italia, 83′)
  • Molecole di Andrea Segre (Italia, 68′). Preapertura di Venezia 2020
  • Narciso em ferias di Renato Terra e Ricardo Calil (Brasile, 84′). Con Caetano Veloso
  • Paolo Conte, via con me di Giorgio Verdelli (Italia, 100′). Con Luca Zingaretti, Roberto Benigni, Caterina Caselli, Isabella Rossellini, Francesco De Gregori, Patrice Leconte
  • Hopper/Welles di Orson Welles (USA, 130′). Con Dennis Hopper e Orson Welles
  • City Hall di Frederick Wiseman (USA, 272′)

Fiction

  • Mandibules di Quentin Dupieux (Francia, Belgio, 77′). Con David Marsais, Grégoire Ludig, Adèle Exarchopoulos, India Hair, Roméo Elvis, Coralie Russier
  • Di Yi Lu Xiang (Love After Love) di Ann Hui (Cina, 144′). Con Sandra Ma, Faye Yu Eddie Peng, Ning Chang, Wei Fan, Isabella Leong
  • Lacci di Daniele Luchetti (Italia, 100′). Con Alba Rohrwacher, Luigi Lo Cascio, Laura Morante, Silvio Orlando, Giovanna Mezzogiorno, Adriano Giannini, Linda Caridi. Film di apertura di Venezia 2020.
  • Assandira di Salvatore Mereu (Italia). Con Gavino Ledda, Anna Koenig, Marco Zucca, Corrado Giannetti
  • The Duke di Robert Michell (Regno Unito, 96′). Con Jim Broadbent, Helen Mirren, Fionn Whitehead, Matthew Goode, Anna Maxwell Martin
  • Lasciami andare di Stefano Mordini (Italia, 98′). Con Stefano Accorsi, Valeria Golino, Maya Sansa, Serena Rossi, Antonia Truppo, Lino Musella. Film di chiusura di Venezia 2020
  • Nak-Won-Eui-Bam (Night in Paradise) di Park Hoon-Jung (Corea del Sud, 131′). Con Tae-goo Eom, Yeo-been Jeon, Seoung-won Cha, Ki-young Lee, Ho-san Park
  • Mosquito State di Filip Jan Rymsza (Polonia, 100′). Con Beau Knapp, Charlotte Vega, Jack Kesy, Olivier Martinez

Proiezioni speciali

  • 30 Monedas – Episodio 1 di Alex de la Iglesia (Spagna, 78′). Con Eduard Fernández, Megan Montaner, Miguel Ángel Silvestre, Macarena Gómez, Pepón Nieto, Manolo Solo
  • Princesse Europe di Camille Lotteau (108′)
  • Omelia Contadina di Alice Rohrwacher e Jr (Italia, Francia, 9′). Con Luciano Vergaro, Dario Sforza, Iris Pulvano, Emanuele La Barbera, Elisa Cortese, i contadini dell’Altopiano dell’Alfina

Orizzonti

Lungometraggi

  • La Troisieme Guerre di Giovanni Aloi (Francia, 92′). Con Anthony Bajon, Karim Leklou, Leïla Bekhti
  • Meel Patthar di Ivan Ayr (India, 98′). Con Suvinder Vicky, Lakshvir Saran
  • Dashte Khamoush (The Wasteland) di Ahmad Bahrami (Iran, 102′). Con Ali Bagheri, Farrokh Nemati, Majid Farhang, Mahdieh Nassaj, Touraj Alvand
  • The Man Who Sold His Skin di Kaouther Ben Hania (Tunisia, Francia, Germania, Belgio, Svezia, 140′). Con Yahya Mahayni, Dea Liane, Monica Bellucci, Koen de Bouw, Darina Al Joundi, Christian Vadim
  • I predatori di Pietro Castellitto (Italia, 109′). Con Massimo Popolizio, Manuela Mandracchia, Pietro Castellitto, Giorgio Montanini, Dario Cassini, Anita Caprioli
  • Mainstream di Gia Coppola (USA, 94′). Con Andrew Garfield, Maya Hawke, Nat Wolff, Jason Schwartzman
  • Guerra e pace di Martina Parenti, Massimo D’Anolfi (Italia, Svizzera, 128′)
  • Lahi, Hayop (Genus Pan) di Lav Diaz (Filippine, 150′). Con Bart Guingona, DMs Boongaling, Nanding Josef, Hazel Orencio, Joel Saracho, Noel Sto. Domingo
  • Zanka Contact di Ismaël el Iraki (Francia, Marocco, Belgio, 125′). Con Khansa Batma, Ahmed Hammoud, Saïd Bey, Abderrahmane Oubihem, Mourad Zaoui
  • La nuit des rois di Philippe Lacôte (Costa d’Avorio, Francia, Canada, 92′). Con Koné Bakary, Steve Tientcheu, Rasmané Ouédraogo, Issaka Sawadogo, Digbeu Jean Cyrille, Abdoul Karim Konaté
  • The Furnace di Roderick MacKay (Australia, 116′). Con Ahmed Malek, David Wenham
  • Jenayat-e Bi Deghat di Shahram Mokri (Iran, 139′). Con Babak Karimi, Razieh Mansouri, Abolfazl Kahani, Mohammad Sareban, Adel Yaraghi, Mahmoud Behraznia
  • Gaza mon amour di Tarzan Nasser, Arab Nasser (Palestina, Francia, Germania, Portogallo, Qatar, 87′). Con Salim Daw, Hiam Abbass, Maisa Abd Elhadi, George Iskandar, Hitham Al Omai, Manal Awad
  • Mila (Mele) di Christos Nikou (Grecia, Polonia, Slovenia, 90′). Con Aris Servetalis, Sofia Georgovasili
  • Selva tragica di Yulene Olaizola (Messico, Francia, Colombia, 96′). Con Indira Andrewin, Gilberto Barraza, Mariano Tun Xool, Lázaro Gabino Rodríguez, Eligio Meléndez
  • Nowhere Special di Uberto Pasolini (Italia, Romania, Regno Unito, 96′). Con James Norton, Daniel Lamont
  • Listen di Ana Rocha De Sousa (Regno Unito, Portogallo, 73′). Con Lúcia Moniz, Sophia Myles, Ruben Garcia, Maisie Sly, Kiran Sonia Sawar, James Felner
  • Bu Zhi Bu Xiu (The Best Is Yet To Come) di Wang Jing (Cina, 114′). Con Bai Ke, Miao Miao, Song Wenzhang, Fu Kesi, Jia Zhangke, Qin Hailu, Song Yang
  • Zheltaya Koshka (Yellow Cat) di Adilkhan Yerzhanov (Kazakistan, Francia, 90′). Con Azamat Nigmanov, Kamila Nugmanova, Sanjar Madi, Yerzhan Zhamankulov, Yerken Gubashev, Nurbek Mukushev

Cortometraggi

  • Nattaget (The Night Train) di Jerry Carlsson (15′)
  • The Shift di Laura Carreira (9′)
  • di Luca Ferri (19′)
  • Workshop di Judah Finnigan (16′)
  • Sogni al Campo di Magda Guidi e Mara Cerri (9′)
  • Was Wahrscheinlich Passiert Wäre, Wäre Ich Nicht Zuhause Geblieben di Willy Hans (20′)
  • Das Spiel di Roman Hodel (17′)
  • Miegamasis Rajonas di Vytautas Katkus (12′)
  • Anita di Sushma Khadepaun (17′)
  • The Return of Tragedy di Bertrand Mandico (20′)
  • A Fleur De Peau di Meriem Mesraoua (15′)
  • Entre Tu Y Milagros di Mariana Saffon (20′)
  • Being My Mom di Jasmine Trinca (12′)
  • Mây Nhu’ng Không Mu’a di Nghia Vu Minh (19′)

Biennale College Cinema

  • El Arte De Volver di Pedro Collantes (Spagna, 91′). Con Macarena García, Nacho Sánchez, Ingrid García-Jonsson, Mireia Oriol, Luka Peros, Lucía Juárez
  • Fucking With Nobody di Hannaleena Hauru (Finlandia, 95′). Con Hannaleena Hauru, Lasse Poser, Samuel Kujala, Pietu Wikström, Sara Melleri, Hanna-Kaisa Tiainen

Eventi

Cannes 2024: il programma della 77a edizione del Festival

Pubblicato

il

Furiosa: A Mad Max Saga

È stato annunciato il programma del Festival di Cannes 2024, che si terrà dal 14 al 25 maggio. Come anticipato dai vari rumor, si tratta di un’edizione arricchita dalla presenza di autori importantissimi del calibro di Francis Ford Coppola (in concorso con Megalopolis), David Cronenberg (in gara con The Shrouds), George Miller (fuori concorso con Furiosa: A Mad Max Saga) e Kevin Costner, in arrivo sulla Croisette con il primo capitolo del suo nuovo sontuoso progetto western, Horizon: An American Saga. In concorso ci saranno inoltre Yorgos Lanthimos con Kinds of Kindness e Paolo Sorrentino, presente con il suo nuovo film Parthenope, che al di là dei grandi nomi coinvolti (Gary Oldman, Isabella Ferrari, Silvio Orlando, Luisa Ranieri, Stefania Sandrelli) è ancora avvolto nel mistero.

Di seguito l‘elenco completo dei film selezionati per il concorso (la cui giuria sarà presieduta da Greta Gerwig), per un Certain Regard (con presidente di giuria Xavier Dolan) e per le altre sezioni.

Cannes 2024: il Concorso

  • The Apprentice (Ali Abbasi)
  • Motel Destino (Karim Aïnouz)
  • Bird (Andrea Arnold)
  • Emilia Perez (Jacques Audiard)
  • Anora (Sean Baker)
  • Megalopolis (Francis Ford Coppola)
  • The Shrouds (David Cronenberg)
  • The Substance (Coralie Fargeat)
  • Grand Tour (Miguel Gomes)
  • Marcello Mio (Christopher Honeré)
  • Feng Liu Yi Dai (Caught by the Tides) (Jia Zhang-Ke)
  • All We Imagine As Light (Payal Kapadia)
  • Kind of Kindness (Yorgos Lanthimos)
  • L’amour ouf (Gilles Lellouche)
  • Diamant Brut (Wild Diamond) (Agathe Riedinger)
  • Oh Canada (Paul Schrader)
  • Limonov – The Ballad (Kirill Serebrennikov)
  • Parthenope (Paolo Sorrentino)
  • Pigen Med Nålen (The Girl with the Needle) (Magnus Von Horn)
  • Le Deuxième Acte (The Second Act) (Quentin Dupieux) – Film d’apertura

Un Certain Regard

  • Norah (Tawfik Alzaidi)
  • The Shameless (Konstantin Bojanov)
  • Le Royaume (Julien Colonna)
  • Vingt Dieux! (Louise Courvoisier)
  • Les Procès du chien (Who Let the Dog Bite?) (Lætitia Dosch)
  • Gou Zhen (Black Dog) (Guan Hu)
  • The Village Netx to Paradise (Mo Harawe)
  • September Says (Ariane Labed)
  • L’histoire de souleymane (Boris Lojkine)
  • On Becoming a Guinea Fowl (Rungano Nyoni)
  • Boku No Ohisama (My Sunshine) (Hiroshi Okuyama)
  • Santosh (Sandhya Suri)
  • Viet and Nam (Truong Minh Quy)
  • Armand (Halfdan Ullman Tøndel)

Cannes 2024 – Fuori concorso

  • Furiosa: A Mad Max Saga (George Miller)
  • Horizon, An American Saga (Kevin Costner)
  • She’s got no name (Chan Peter Ho-Sun)
  • Rumours (Evan Johnson, Galen Johnson, Guy Maddin)

Midnight screenings

  • The Surfer (Lorcan Finnegan)
  • Les femmes au balcon (Noémie Merlant)
  • Twilight of the Warrior Walled In (Soi Cheang)
  • I, the executioner (Seung Wan Ryoo)

Cannes 2024 Première

  • Miséricorde (Alain Guiraudie)
  • C’est pas moi (Leos Carax)
  • Everybody loves Touda (Nabil Ayouch)
  • En Fanfare (The Matching Bang) (Emmanuel Courcol)
  • Rendez-vous avec pol pot (Rithy Panh)
  • Le roman de Jim (Arnaud Larrieu, Jean-Marie Larrieu)

Special screenings

  • La belle de Gaza (Yolande Zauberman)
  • Apprendre (Claire Simon)
  • L’invasion (The Invasion) (Sergei Loznista)
  • Ernest Cole, photographe (Ernest Cole, lost and found) (Raoul Peck)
  • Le fil (Daniel Auteuil)

Continua a leggere

Eventi

Oscar 2022: tutte le nomination per la notte più attesa dell’anno

Pubblicato

il

Oscar 2022

Sono state annunciate le nomination agli Oscar 2022, i riconoscimenti indubbiamente più attesi dell’annata cinematografica. A dominare su tutti è Il potere del cane di Jane Campion, che ha conquistato ben 12 nomination. A seguire, Dune di Denis Villeneuve con 10 e West Side Story e Belfast, appaiati a 7. Per quanto riguarda il comparto attoriale, non sono una sorpresa le nomination per Javier BardemBenedict CumberbatchAndrew GarfieldWill SmithDenzel Washington fra gli uomini, come quelle di Jessica Chastain e Kristen Stewart fra le donne. Stupisce invece l’assenza di Lady Gaga dalle candidature agli Oscar 2022. La sua prova in House of Gucci non è bastata a regalarle una nomination che in molti si aspettavano.

L’Italia ha buoni motivi per festeggiare: Paolo Sorrentino ha infatti conquistato la nomination per il miglior film internazionale grazie al suo È stata la mano di Dio, mentre Enrico Casarosa ha ottenuto la candidatura nella sezione dedicata al miglior film d’animazione con il suo Luca. Da non sottovalutare inoltre la nomination per Massimo Cantini Parrini, candidato per i costumi del musical Cyrano. Di seguito, l’elenco completo delle nomination agli Oscar 2022, che saranno assegnati il prossimo 27 marzo.

Oscar 2022: tutte le nomination

È stata la mano di Dio

Foto di Gianni Fiorito

Miglior film

  • Belfast (Kenneth Branagh)
  • I segni del cuore – CODA (Sian Heder)
  • Don’t Look Up (Adam McKay)
  • Drive My Car (Ryusuke Hamaguchi)
  • Dune (Denis Villeneuve)
  • Una famiglia vincente – King Richard (Reinaldo Marcus Green)
  • Licorice Pizza (Paul Thomas Anderson)
  • Nightmare Alley (Guillermo del Toro)
  • Il potere del cane (Jane Campion)
  • West Side Story (Steven Spielberg)

Migliore regista

  • Kenneth Branagh – Belfast
  • Ryusuke Hamaguchi – Drive My Car
  • Paul Thomas Anderson – Licorice Pizza
  • Jane Campion – Il potere del cane
  • Steven Spielberg – West Side Story

Migliore attrice protagonista

Miglior attore protagonista

  • Javier Bardem – Being the Ricardos
  • Benedict Cumberbatch – Il potere del cane
  • Andrew Garfield – Tick, Tick… BOOM!
  • Will Smith – Una famiglia vincente – King Richard
  • Denzel Washington – Macbeth

Migliore attrice non protagonista

  • Kirsten Dunst – Il potere del cane
  • Aunjanue Ellis – Una famiglia vincente – King Richard
  • Ariana DeBose – West Side Story
  • Jessie Buckley – The Lost Daughter
  • Judi Dench – Belfast

Miglior attore non protagonista

  • Kodi Smit-McPhee – Il potere del cane
  • Troy Kotsur – I segni del cuore – CODA
  • Ciarán Hinds – Belfast
  • J. K. Simmons – Being the Ricardos
  • Jesse Plemons – Il potere del cane

Miglior sceneggiatura originale

  • Belfast
  • Don’t Look Up
  • Una famiglia vincente – King Richard
  • Licorice Pizza
  • La persona peggiore del mondo

Miglior sceneggiatura non originale

  • I segni del cuore – CODA
  • Drive My Car
  • Dune
  • The Lost Daughter
  • Il potere del cane

Miglior film internazionale

  • Drive My Car (Ryūsuke Hamaguchi)
  • Flee (Jonas Poher Rasmussen)
  • È stata la mano di Dio (Paolo Sorrentino)
  • Lunana: A Yak in the Classroom (Pawo Choyning Dorji)
  • La persona peggiore del mondo (Joachim Trier)

Miglior film d’animazione

  • Encanto
  • Flee
  • Luca
  • I Mitchell contro le macchine
  • Raya e l’ultimo drago

Migliore fotografia

  • Dune
  • Nightmare Alley
  • Il potere del cane
  • Macbeth
  • West Side Story

Miglior montaggio

  • Don’t Look Up
  • Dune
  • Una famiglia vincente – King Richard
  • Il potere del cane
  • Tick, Tick… BOOM!

Migliore scenografia

  • Dune
  • Nightmare Alley
  • Il potere del cane
  • Macbeth
  • West Side Story

Migliore colonna sonora

  • Don’t Look Up
  • Dune
  • Encanto
  • Madres Paralelas
  • Il potere del cane

Miglior canzone originale

  • Be Alive (Una famiglia vincente – King Richard)
  • Dos Oroguitas (Encanto)
  • Down to Joy (Belfast)
  • No Time to Die (No Time to Die)
  • Somehow You Do (Four Good Days)

Migliori effetti visivi

  • Dune
  • Free Guy
  • No Time to Die
  • Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli
  • Spider-Man: No Way Home

Miglior sonoro

  • Belfast
  • Dune
  • No Time to Die
  • Il potere del cane
  • West Side Story

Migliori costumi

  • Crudelia (Jenny Beavan)
  • Cyrano (Massimo Cantini Parrini)
  • Dune (Jacqueline West and Bob Morgan)
  • Nightmare Alley (Luis Sequeira)
  • West Side Story (Paul Tazewell)

Miglior trucco e acconciatura

Miglior documentario

  • Ascension
  • Attica
  • Flee
  • Summer of Soul
  • Writing with Fire

Migliore cortometraggio documentario

  • Audible
  • Lead Me Home
  • The Queen of Basketball
  • Three Songs for Benazir
  • When We Were Bullies

Migliore cortometraggio

  • Ala Kachuu
  • The Dress
  • The Long Goodbye
  • On My Mind
  • Please Hold

Miglior cortometraggio d’animazione

  • Affair of the Art
  • Bestia
  • Robin Robin
  • Boxballet
  • The Windshield Wiper

Continua a leggere

Eventi

Razzie Awards 2022: le candidature per i peggiori film dell’anno

Pubblicato

il

Razzie Awards 2022

Sono state annunciate le nomination ai Razzie Awards 2022, riconoscimenti dedicati al peggio che il cinema ha saputo offrire nel corso dell’annata precedente. La cerimonia di consegna di questi temutissimi premi si terrà il 26 marzo cioè, come da tradizione, la sera prima degli Oscar. Non mancano le sorprese, come le diverse candidature per il film Netflix La donna alla finestra e per la sua protagonista Amy Adams, quelle a Jared Leto e Ben Affleck e a Space Jam: New Legends. Ma a meritare la palma di star più sbertucciata dell’annata è sicuramente Bruce Willis, che conquista addirittura una categoria dedicata solo alle sue performance nella passata stagione cinematografica. Di seguito, tutte le nomination ai Razzie Awards 2022.

Le nomination ai Razzie Awards

La donna alla finestra

Peggior film

  • Diana the Musical (adattamento Netflix)
  • Infinite
  • Karen
  • Space Jam: New Legends
  • La donna alla finestra

Peggior attore protagonista

  • Scott Eastwood (Dangerous)
  • Roe Hartrampf (Diana the Musical)
  • LeBron James (Space Jam: New Legends)
  • Ben Platt (Caro Evan Hansen)
  • Mark Wahlberg (Infinite)

Peggiore attrice protagonista

Peggiore attrice non protagonista 

  • Amy Adams (Caro Evan Hansen)
  • Sophie Cookson (Infinite)
  • Erin Davie (Diana the Musical)
  • Judy Kaye (Diana the Musical)
  • Taryn Manning (Every Last One of Them)

Peggior attore non protagonista

  • Ben Affleck (The Last Duel)
  • Nick Cannon (The Misfits)
  • Mel Gibson (Dangerous)
  • Gareth Keegan (Diana the Musical)
  • Jared Leto (House of Gucci)

Peggiore coppia sullo schermo

  • Ogni membro goffo del cast in qualsiasi numero musicale lirico (o coreografato) (Diana the Musical)
  • LeBron James e ogni personaggio Warner Cartoon (o prodotto Time-Warner) che dribbla nel film (Space Jam: New Legends)
  • Jared Leto con la sua faccia di lattice da 17 libbre, i suoi vestiti geek o il suo ridicolo accento (House of Gucci)
  • Ben Platt e qualsiasi altro personaggio che si comporta come lui, cantando tutto il giorno come se fosse normale (Caro Evan Hansen)
  • Tom & Jerry (aka Itchy & Scratchy) (Tom & Jerry the Movie)

Peggior prequel, remake, plagio o sequel

  • Karen (involontario remake di Crudelia)
  • Space Jam: New Legends
  • Tom & Jerry the Movie
  • Twist (remake in salsa rap di Oliver Twist)
  • La donna alla finestra (plagio de La finestra sul cortile)

Peggior regista 

  • Christopher Ashley (Diana the Musical)
  • Stephen Chbosky (Caro Evan Hansen)
  • Coke Daniels (Karen)
  • Renny Harlin (The Misfits)
  • Joe Wright (La donna alla finestra)

Peggior sceneggiatura

  • Joe DiPietro – Diana the Musical
  • Coke Daniels – Karen
  • Kurt Wimmer and Robert Henny – The Misfits
  • John Wrathall and Sally Collett – Twist
  • Tracy Letts – La donna alla finestra

Peggiore interpretazione di Bruce Willis in un film del 2021

  • Bruce Willis / American Siege
  • Bruce Willis / Apex
  • Bruce Willis / Cosmic Sin
  • Bruce Willis / Deadlock
  • Bruce Willis / Fortress
  • Bruce Willis / Midnight in the Switchgrass
  • Bruce Willis / Out of Death
  • Bruce Willis / Survive the Game

Per essere sempre aggiornati sui Razzie Awards, vi invitiamo a consultare il sito ufficiale.

Continua a leggere
Pubblicità

    Copyright © 2024 Lost in Cinema.