Agente 007 - Licenza di uccidere Agente 007 - Licenza di uccidere

Recensioni

Agente 007 – Licenza di uccidere: recensione del film con Sean Connery

Pubblicato

il

A nove anni di distanza dall’esordio sulla carta (Casino Royale di Ian Fleming, datato 1953) e dopo un poco esaltante passaggio in tv in un episodio della prima stagione della serie antologica Climax! (1954), il personaggio di James Bond arriva finalmente sul grande schermo. A dargli volto e corpo, contribuendo in maniera decisiva alla nascita di un vero e proprio mito cinematografico, non è né Cary Grant, fortemente voluto dai produttori Albert R. Broccoli e Harry Saltzman ma già 58enne, né Roger Moore, preso in considerazione ma scartato per un ruolo che successivamente interpreterà ben sette volte, né Peter Anthony, vincitore del concorso per l’assegnazione della parte, ma bensì lo scozzese Sean Connery, già al servizio del regista Terence Young  per Il bandito dell’Epiro. Il racconto che consegna Bond alla leggenda non è il già citato Casino Royale, ma Dr. No, adattato in italiano in Agente 007 – Licenza di uccidere.

Nasce così una saga che a novembre con No Time to Die arriverà a 25 capitoli ufficiali, un episodio “apocrifo” (Mai dire mai) e svariati tentativi di parodia o imitazione. E, come avvenuto per molte serie cinematografiche, nel primo episodio abbiamo già un’impronta riconoscibile, fatta di sfumature, personaggi e canovacci che ancora oggi contraddistinguono le avventure dell’Agente 007. Ci riferiamo all’ironia, alle atmosfere, che passano nel giro di pochi secondi dalla seriosità a un passo dal ridicolo, ad alcuni caratteri ricorrenti (qui conosciamo M, Miss Moneypenny e Felix Leiter) e soprattutto al machismo che caratterizza la saga e che porta Bond a sedurre una miriade di donne estremamente sensuali, spesso ulteriormente sessualizzate da nomi ammiccanti (in questo caso Honey Ryder, mentre in Agente 007 – Missione Goldfinger avremo Pussy Galore).

Non solo l’avvio di una lunga e avventurosa spy story, ma un termine di paragone per tutti i successivi episodi.

Agente 007 – Licenza di uccidere: il debutto dell’Agente 007

La prima missione di Bond ha inizio nel momento in cui in Giamaica viene ucciso in circostanze misteriose John Strangways, membro dei servizi segreti britannici. Convocato dal suo capo M, l’Agente 007 viene informato sulla sua prossima missione, che consiste nell’indagare sull’omicidio e sulla connessione fra Strangways e un caso di sabotaggio delle missioni spaziali americane. Giunto in Giamaica, Bond capisce ben presto che la sua strada è destinata a incrociarsi con quella del dottor Julius No (Joseph Wiseman), membro della multinazionale del crimine SPECTRE e mandante di numerose trappole ai suoi danni. Ad aiutarlo c’è la splendida cercatrice di conchiglie Honey Ryder (Ursula Andress), che ha a sua volta un conto in sospeso con il Dr. No.

Agente 007 – Licenza di uccidere si apre con un marchio di fabbrica della serie, la celeberrima sequenza gunbarrel, cioè l’inquadratura attraverso la canna di una pistola dello stesso James Bond (interpretato in questo caso dalla controfigura di Sean Connery, Bob Simmons), che si gira e spara. Solo il primo di una serie di eventi che ci fanno sentire dentro a un universo preciso, con propri codici e con particolari regole. 

Con un budget che per la prima e ultima volta nella serie è appena nella norma (solo 1 milione di dollari), Terence Young in regia e Sean Connery davanti alla macchina da presa riescono a creare un mondo, che oggi ci appare certamente datato per alcune dinamiche e determinate rappresentazioni, ma che è allo stesso tempo sempre coerente con se stesso e soprattutto tremendamente affascinante e coinvolgente. Se oggi abbiamo familiarità con l’Agente 007 e siamo certi che, presto o tardi, lo rivedremo sul grande schermo in una delle sue varie incarnazioni, è anche grazie alla formidabile miscela ottenuta in questo primo capitolo.

Agente 007 – Licenza di uccidere: l’importanza di Sean Connery e Terence Young

Agente 007 - Licenza di uccidere

«Bond, James Bond». Con una semplice battuta, pronunciata con eleganza e aria sorniona al tavolo da gioco, siamo già conquistati da un personaggio che Connery si cuce letteralmente addosso, tratteggiandone la personalità attraverso i gesti, la postura e le movenze. Aria da duro, distacco affettivo, una classe innata, in felice contrasto con l’atmosfera esotica, e infine pochi tocchi per cesellare il suo carattere, come la passione per i drink (il Vodka Martini rigorosamente agitato, non mescolato) e la capacità di anticipare le mosse dei nemici (esemplari in questo caso la comprensione delle cattive intenzioni del suo autista e il capello legato alla maniglia per capire se qualcuno rovista fra le sue cose).

Ma a funzionare è anche la regia di Young, che trae il massimo dalla scarsità di location (solo Londra e la Giamaica, un unicum nella serie), mantenendo sempre alto il ritmo del racconto e appoggiandosi a una colonna sonora risicata ma funzionale, che ruota sostanzialmente intorno al celeberrimo The James Bond Theme per le sequenze d’azione e all’eccentrica Under the Mango Tree per quelle più leggere. Bastano questi fondamentali pilastri per far chiudere volentieri gli occhi su molti risvolti più deboli della narrazione e della messa in scena, che oggi probabilmente farebbero imbestialire, ancora prima dell’uscita in sala, sia i cacciatori di buchi di sceneggiatura, sia i più attenti alla parità di genere e alla caratterizzazione delle varie etnie.

Agente 007 – Licenza di uccidere: fra ironia ed erotismo

Agente 007 - Licenza di uccidere

Ciò che salta maggiormente all’occhio è evidentemente la rappresentazione della donna, che quando va bene è solamente adulata da Bond (Miss Moneypenny) e quando va male è trattata come mero oggetto sessuale, come nel caso di Miss Taro, sedotta da 007 poco prima del suo prevedibile arresto. Ma non sono da meno la rappresentazione dei giamaicani come totali sprovveduti, in grado di scambiare per un drago un carro armato con lanciafiamme, e i whitewashing grazie ai quali il canadese (con taglio degli occhi orientale) Joseph Wiseman interpreta il Dr. No, di origine cinese, e la scelta della svizzera Ursula Andress per impersonare la giamaicana Honey Ryder. Agente 007 – Licenza di uccidere è però una delle più lampanti prove del fatto che la profondità di sguardo e l’equidistanza nella rappresentazione sono importanti, ma non quanto l’alchimia di un’opera deficitaria in molti suoi aspetti, ma dannatamente efficace nel suo insieme.

Tutte le ingenuità di scrittura spariscono infatti di fronte a battute fulminanti («Dominazione del mondo. Il solito sogno. I manicomi sono pieni di gente che crede di essere Napoleone. O Dio».), a un nemico cinico e perfettamente calato nella contemporaneità dell’epoca (l’incubo nucleare, la corsa spaziale), al lussuoso quartier generale del Dr. No creato da Ken Adam (poi fortemente voluto da Stanley Kubrick per il suo Il dottor Stranamore – Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba) e al palpabile erotismo di fondo, che trova il proprio apice nell’ormai leggendaria uscita dall’acqua di Ursula Andress, con un bikini bianco indelebilmente scolpito nella storia del cinema. Non la prima Bond girl in ordine temporale (Eunice Gayson e Zena Marshall compaiono prima di lei), ma sicuramente la prima a entrare nell’immaginario collettivo, come simbolo di avventurosa femminilità.

La nascita di un mito

Agente 007 - Licenza di uccidere

Nel suo imperfetto fascino, Agente 007 – Licenza di uccidere sintetizza il prodigioso fascino di una saga che, pur con doverose differenti declinazioni, ha mantenuto pressoché inalterati i propri punti di forza: intricate storie spionistiche e fantapolitiche, piccante ironia, location mozzafiato e una formidabile miscela di azione ed erotismo, arricchita nei capitoli successivi da gadget fantascientifici e auto da sogno. La nascita di un mito, che a quasi 60 anni dal suo debutto non accenna a smettere di intrattenerci e ammaliarci.

Overall
8/10

Verdetto

Il debutto cinematografico dell’Agente 007 sintetizza tutto il meglio e il peggio di ciò che vedremo nei successivi capitoli della saga: rappresentazioni quantomeno superficiali delle donne e delle minoranze etniche, ma anche un cocktail di azione, erotismo, humour e fascino che ha pochi eguali nella storia del cinema.

News

Dune – Parte due: recensione del film di Denis Villeneuve

Pubblicato

il

Dune - Parte due

Fin dal debutto del romanzo di Frank Herbert nel 1965, Dune ha influenzato indelebilmente il panorama fantascientifico. Prima sulla carta, grazie a un ciclo diventato nel corso degli anni un pilastro del genere, capace di plasmare sull’ambigua figura di Paul Atreides un racconto intriso in bilico fra ambientalismo, epica e critica sociale e politica. Dune ha poi segnato il cinema, prima in modo indiretto con Star Wars (per il quale è stato esplicita fonte di ispirazione), poi con il mancato adattamento ad opera di Alejandro Jodorowsky (raccontato in Jodorowsky’s Dune) e infine con il film diretto da David Lynch, rivelatosi un clamoroso fiasco commerciale. Dopo un lungo periodo di attesa, alimentato dai notevoli videogame Dune e Dune II e dalle dimenticabili miniserie televisive Dune – Il destino dell’universo e I figli di Dune, Denis Villeneuve ha rilanciato il franchise, prima con Dune poi con il seguito Dune – Parte due.

Un progetto ambizioso e radicale, che arriva in un momento in cui, fra il calo delle presenze per via del Covid e la crisi conclamata del cinecomic, Hollywood ha disperatamente bisogno di franchise in grado di attrarre pubblico. Dopo essersi confrontato con un’altra colonna portante della fantascienza in Blade Runner 2049 (sequel del capolavoro di Ridley Scott), con risultati deludenti dal punto di vista commerciale, Denis Villeneuve ha centrato un successo tutt’altro che scontato con il primo film, con oltre 430 milioni di dollari incassati in piena pandemia e il consenso pressoché unanime della critica, condito anche da 6 premi Oscar.

Un risultato figlio della presenza nel cast di star come Timothée Chalamet e Zendaya, ma anche della mano del regista, capace di condensare in immagini le necessarie spiegazioni sull’universo di Dune, di mettere in rilievo i parallelismi fra il racconto e il nostro presente e di fondere spettacolo e ambizione autoriale.

Dune – Parte due alza l’asticella dei blockbuster hollywoodiani

Dune - Parte due

Avevamo lasciato Paul Atreides (Timothée Chalamet) e sua madre Lady Jessica (Rebecca Ferguson) nel deserto di Arrakis insieme ai Fremen, nativi di Dune di cui fa parte Chani (Zendaya), ragazza vista più volte da Paul nei suoi sogni. Dune – Parte due inizia dallo stesso punto e si concentra sul percorso del giovane protagonista, in bilico fra i presagi che lo indicano come l’eletto che secondo le profezie guiderà il popolo (detto anche Kwisatz Haderach) e il desiderio di vendetta contro il barone Vladimir Harkonnen (Stellan Skarsgård) e l’imperatore Shaddam IV (Christopher Walken), responsabili del complotto ai danni della casa Atreides. Durante il suo viaggio, Paul si deve confrontare anche con la Principessa Irulan Corrino (Florence Pugh), figlia dell’imperatore, e con Feyd-Rautha Harkonnen (Austin Butler), temibile nipote del barone.

Libero dalle necessità di porre le basi della complessa mitologia dell’universo di Dune, Denis Villeneuve alza ulteriormente l’asticella produttiva e autoriale, dando vita al maestoso secondo capitolo di un’epopea fantascientifica che ci auguriamo prosegua ancora a lungo. Lo fa rimanendo in buona parte fedele al romanzo, mettendo ancora più in luce i personaggi femminili e soprattutto realizzando il miglior world building possibile per un blockbuster contemporaneo. Traendo il meglio dagli scenari della Giordania e di Abu Dhabi e dalla suggestiva fotografia di Greig Fraser, il cineasta canadese supera i già notevoli risultati di Dune, trasportandoci in un mondo cupo e crepuscolare, contraddistinto da inquietanti casate in perenne lotta fra loro, da un serpeggiante misticismo, dal contrasto fra tradizione e rivoluzione e dalla necessità di mettere le mani su poche e preziose materie prime.

Un lavoro impressionante sulle location e sui dettagli scenografici, che anche grazie alle roboanti musiche di Hans Zimmer e a un sonoro travolgente si trasforma in un’esperienza cinematografica di altissimo livello, in perfetto equilibrio fra avventura, azione e onirismo.

Dune – Parte due e il mondo contemporaneo

Dune - Parte due

Timothée Chalamet regala la migliore performance della sua ancora giovane carriera, dando vita a un perfetto Paul Atreides, eroe tormentato e per certi versi contraddittorio. Denis Villeneuve evidenzia le caratteristiche del protagonista, mostrandoci il suo ardore giovanile, il suo carisma e il suo lato più sentimentale, concentrando sul climax dell’atto conclusivo tutta la sua irruenza, che sfocia in attimi di vera e propria ferocia. Chi è a digiuno dell’opera di Herbert troverà nell’epilogo di Dune – Parte due la componente più incendiaria di questo racconto, che contiene numerose sfumature e complessità, presentandosi sotto molti aspetti come una sorta di antitesi del classico viaggio dell’eroe a cui Hollywood ci ha abituati. Il regista mantiene la linea del romanzo (pur con qualche svolta precipitosa) e riesce a salvaguardare tutte le asperità del protagonista, dimostrando così carisma e un’indipendenza più unica che rara per il cinema statunitense popolare contemporaneo, fatto di troppi signorsì.

Al tempo stesso, Denis Villenuve continua il percorso iniziato nel primo capitolo, mettendo in evidenza i vari punti di contatto fra il racconto e il nostro difficile presente. Le assonanze più palesi sono la “spezia” bramata dalle principali casate, che proprio come il petrolio è necessaria per gli spostamenti e ampiamente presente in scenari desertici, e l’imperialismo delle varie casate, disposte a tutto per estendere la loro influenza e saccheggiare le risorse dei popoli più deboli dal punto di vista militare. Ma nel sontuoso lavoro del regista c’è spazio anche per molto altro, come un nativismo mistico che richiama quello di molte popolazioni martoriate nel corso della storia e una fedele rappresentazione dei gangli del potere religioso, in grado di direzionare la politica e di spalancare la porta ai più pericolosi fondamentalismi.

Dune – Parte due: il sontuoso lavoro di Denis Villeneuve

Denis Villenuve si destreggia nel migliore dei modi fra questi diversi spunti, lavorando sui contrasti e sulle sfumature e rispettando anche la componente più visionaria del romanzo di Herbert, con momenti di grande impatto come la discussa e anticipata apparizione del personaggio di Anya Taylor-Joy. Merito di un lavoro certosino sulle immagini, capaci di trasformare in racconto e in senso concetti che a cineasti meno abili avrebbero richiesto lunghe, didascaliche e noiose spiegazioni. Denis Villeneuve dimostra invece di rispettare il cinema e il suo pubblico, consegnandoci anche un gruppo di villain degni di questo nome, fra i quali spicca un convincente e sinistro Austin Butler, diametralmente opposto alla sua imbellettata interpretazione di Elvis Presley in Elvis di Baz Luhrmann.

Il risultato è un’opera che riconcilia con il grande cinema hollywoodiano, fornendo agli spettatori un intrattenimento maturo e scevro da eccessivi manicheismi. Un lavoro che proprio come il riluttante Paul Atreides, leader suo malgrado, in caso di un positivo riscontro del pubblico potrebbe alzare l’asticella dei blockbuster statunitensi, spingendo gli studios a muoversi in direzione di produzioni ad altissimo budget ma comunque in grado di soddisfare gli spettatori più esigenti dal punto di vista artistico e cinematografico.

Lo Star Wars della Generazione Z

Dune - Parte due

Dal momento che la storia della narrazione è fatta di continue rielaborazione di racconti, miti archetipi, non sorprende che Dune – Parte due erediti proprio da una filiazione di Herbert come Star Wars alcune sfumature, come la rappresentazione delle truppe dei nemici di Paul Atreides o la caratterizzazione di quest’ultimo come una sorta di ibrido fra Luke e Anakin Skywalker. Grazie a queste reminiscenze e al desiderio di proporre un’epopea fantascientifica in grado di attrarre diverse fasce di pubblico, Dune – Parte due si candida ad affiancare la saga di George Lucas nell’immaginario collettivo dei prossimi anni e a diventare di fatto lo Star Wars della Generazione Z. Una generazione figlia di un mondo in declino e perciò in cerca di storie in grado di immergersi nel dolore e nella sofferenza, di mostrare scenari complessi e di evidenziare la necessità di prendere decisioni difficili, come nell’avvincente parabola di Paul Atreides.

Dune – Parte due arriverà nelle sale italiane il 28 febbraio, distribuito da Warner Bros. Il 27 febbraio avranno inoltre luogo numerose anteprime del film in tutta Italia.

Overall
8.5/10

Valutazione

Denis Villeneuve firma un sequel ancora più ambizioso e complesso del primo capitolo, in grado di cogliere le numerose sfumature del romanzo di Frank Herbert e di occupare nell’immaginario collettivo il posto che fu di Star Wars, chiaramente influenzato proprio dal Ciclo di Dune.

Continua a leggere

News

Bob Marley – One Love: recensione del film di Reinaldo Marcus Green

Pubblicato

il

Bob Marley - One Love

Dopo Freddie Mercury (Bohemian Rhapsody), Elton John (Rocketman) ed Elvis Presley (Elvis), il recente filone di biopic dedicati alle leggende della musica internazionale tocca anche Bob Marley. Al cantautore giamaicano è infatti dedicato Bob Marley – One Love, film diretto da Reinaldo Marcus Green (già dietro alla macchina da presa per Una famiglia vincente – King Richard) e che vede Kingsley Ben-Adir nei panni del più celebre esponente della musica reggae e Lashana Lynch in quelli di sua moglie Rita. Un progetto autorizzato e sostenuto dalla famiglia Marley (oltre a Rita, figurano come produttori anche i figli Ziggy e Cedella), che a pochi giorni dal debutto in sala ha già superato i 100 milioni di dollari di incasso in tutto il mondo, testimoniando così l’interesse ancora tangibile nei confronti della figura di Bob Marley, a oltre 40 anni dalla sua prematura morte.

Bob Marley – One Love si apre con il concerto Smile Jamaica del 1976, emblematico dell’attivismo sociale e politico del protagonista (in quel momento la Giamaica era vicina a nuove elezioni e sull’orlo della guerra civile) e crocevia del suo percorso personale, dal momento che due giorni prima dell’evento la star fu vittima di un attentato che mise a repentaglio la vita sua e della moglie Rita. Sull’onda emotiva di questi fatti, Bob Marley si trasferì insieme ai membri della sua band in Inghilterra, dove realizzò l’album Exodus, considerato da molti esperti e appassionati il vero capolavoro di una straordinaria discografia.

Da questo ben preciso momento della vita del protagonista, Bob Marley – One Love si allarga per tratteggiare la sua sfera privata, soffermandosi sull’assenza di una figura paterna, sulla sua adesione al rastafarianesimo e sul suo impegno politico in ottica pacifista, per poi affrontare il melanoma acrale che lo portò alla morte.

Bob Marley – One Love: la leggenda della musica rivive in un biopic anestetizzato

Bob Marley - One Love

Di fronte a una notevole mole di contenuti umani e artistici, Reinaldo Marcus Green (anche co-sceneggiatore insieme a Terence Winter, Frank E. Flowers e Zach Baylin) è costretto a fare sintesi e a espungere dal racconto numerosi aspetti della vita del protagonista. Aspetto che porta fin dai primi minuti Bob Marley – One Love in un terreno scivoloso dal punto di vista narrativo, in quanto a subire i maggiori tagli sono il periodo dell’infanzia del cantautore (ridotto a brevi e confusionari flashback) e quello della sua ascesa in ambito musicale. Il risultato è un’opera monca, che ci presenta un personaggio già formato e compiuto, affidandosi alla riconoscibilità del soggetto e all’ampia conoscenza collettiva del suo percorso umano e professionale per colmare le numerose lacune.

Il coinvolgimento della famiglia di Bob Marley, probabilmente necessario per avere le sue canzoni e per attingere a materiale altrimenti inaccessibile, non aiuta certo alla causa. Anche se il regista riesce a evitare la trappola dell’agiografia, sempre presente in queste operazioni, Bob Marley – One Love ci presenta una versione eccessivamente ripulita di un personaggio che non ha alcun bisogno di indulgenza: sono molto vaghi e superficiali sia i cenni alla sua conclamata poligamia, sia i passaggi sulla sua prole, composta nella realtà da 11 figli naturali più 2 adottati.

Ma l’approssimazione coinvolge anche altri aspetti della vita di Bob Marley, come la sua statura quasi sciamanica per il popolo giamaicano e la sua adesione al rastafarianesimo (religione presentata in modo frettoloso e macchiettistico). L’impegno politico del protagonista è annacquato a botte di frasi fatte; il suo rapporto con la musica e con il reggae viene dato per scontato; le stesse No Woman, No Cry e Redemption Song sembrano inserite a forza in un racconto che le doveva necessariamente includere.

La scelta di Kingsley Ben-Adir

Bob Marley - One Love

L’attitudine alla realizzazione di Bob Marley – One Love è sintetizzata dalla scelta dell’attore protagonista. Kingsley Ben-Adir fa un buon lavoro, è credibile nei momenti in studio e nei concerti e cerca di fare rivivere il mito attraverso alcune sue iconiche espressioni. Nonostante ciò, basta avere visto anche solo qualche minuto di filmati di repertorio di Bob Marley per rendersi conto che il suo interprete è molto più aggraziato, slanciato ed elegante, sia dal punto di vista fisico che per quanto riguarda il vestiario. L’imitazione passiva di una star non è garanzia di buon cinema (e il già citato Bohemian Rhapsody ne è la prova), ma il perfezionamento operato da Reinaldo Marcus Green sul protagonista snatura completamente il personaggio, al punto che quando durante i titoli di coda appare per qualche secondo il vero Bob Marley, il paragone in termini di carisma è improponibile.

Ancora meno comprensibile è l’approccio alla malattia di Bob Marley, che nella realtà ha segnato quasi 4 anni della sua vita, influenzando enormemente la sua produzione artistica. Bob Marley – One Love si concentra invece quasi esclusivamente sulla scoperta della malattia (in particolare sul noto episodio dell’alluce ferito durante una partita di calcio), sfumando nel momento in cui la malattia si aggrava. Reinaldo Marcus Green lascia così agli spettatori consapevoli il compito di tracciare un collegamento fra le condizioni di salute sempre peggiori del protagonista e la pubblicazione dell’album Uprising e in particolare della struggente Redemption Song, vero e proprio testamento spirituale, politico e artistico di Bob Marley. Il regista incappa così in uno dei pericoli insiti in ogni biopic, rendendo gli eventi raccontati e mostrati molto meno interessanti di quelli spiegati a parole sui titoli di testa e di coda.

Bob Marley – One Love: un’ottima occasione sprecata

Bob Marley – One Love si rivela così un bignami non esaustivo né soddisfacente sulla vita e sulla carriera di uno dei più grandi musicisti dello scorso secolo, sostenuto da un’ottima colonna sonora (e ci mancherebbe) e meritevole comunque di riportare in auge (soprattutto fra i più giovani) una figura fondamentale e determinante. Memori dell’operazione compiuta con il memorabile Rocketman, capace di addentrarsi fra le pieghe dell’artista e coglierne l’essenza umana senza filtri e compromessi, purtroppo resta la sensazione di essere di fronte a un’ottima occasione sprecata.

Bob Marley – One Love è disponibile nelle sale italiane dal 22 febbraio, distribuito da Eagle Pictures.

Overall
5/10

Valutazione

Bob Marley – One Love si prefigge il compito di cogliere l’essenza artistica e umana di una vera e propria leggenda della musica, ma finisce per dare vita a un racconto anestetizzato, parziale ed eccessivamente ripulito.

Continua a leggere

News

Talk to Me: recensione del film horror di Danny e Michael Philippou

Pubblicato

il

Talk to Me

I fratelli australiani Danny e Michael Philippou sono indubbiamente fra i volti più interessanti del panorama dell’intrattenimento contemporaneo. Attivi per anni come autori di cortometraggi su YouTube con lo pseudonimo RackaRacka, i due prima sono stati coinvolti nella produzione di Babadook, fra gli horror più originali e coinvolgenti dello scorso decennio, poi sono passati alla regia con la loro opera prima Talk to Me, che ha raggiunto un incasso di oltre 92 milioni di dollari in tutto il mondo, a fronte di un budget di circa 4,5 milioni. Un successo frutto del passaparola soprattutto fra gli spettatori più giovani, particolarmente coinvolti da un racconto capace di fondere l’intrattenimento con un’amara critica sociale.

Come il già citato Babadook, anche Talk to Me prende il via da un lutto, subito in questo caso dall’adolescente Mia (la sorprendente Sophie Wilde). Due anni dopo aver subito la perdita della madre, la ragazza va a una festa organizzata da suoi coetanei, durante la quale partecipa a una seduta spiritica decisamente particolare. I ragazzi coinvolti nella seduta devono infatti stringere un’inquietante mano mummificata, che si dice fosse di un medium. Una volta fatto ciò, i partecipanti chiedono all’entità di parlare e di entrare in loro, dando il via a una vera e propria possessione.

Per evitare che lo spirito prenda il totale controllo della persona coinvolta, è però obbligatorio interrompere la stretta entro 90 secondi. Smaniosi di farsi notare sui social, i ragazzi infrangono però la regola. A farne le spese sono Mia, la sua amica del cuore Jade (Alexandra Jensen) e il fratello di quest’ultima Riley (Joe Bird).

Talk to Me: elaborazione del lutto e disagio generazionale in un notevole horror soprannaturale

Talk to Me

Attraverso le dinamiche e le convenzioni dell’horror, Talk to Me tocca tematiche importanti e attuali, soprattutto fra i più giovani. Danny e Michael Philippou affrontano soprattutto il profondo disagio che vivono molti adolescenti contemporanei, afflitti dalle varie crisi del pianeta e da uno scontro generazionale sempre più forte coi genitori. Malessere a cui contribuiscono i social network, che spingono i ragazzi a cercare una fama inconsistente e del tutto transitoria, anche attraverso i filmati della loro partecipazione a pericolosissime sfide, nella speranza di diventare virali.

I 90 secondi che determinano la soglia di relativa sicurezza per la possessione in fondo sono un lasso di tempo paragonabile alla durata dei reel, dei video di Tik Tok e di altri contenuti social che quotidianamente scorrono sullo schermo dei nostri smartphone. Una soglia sufficiente per catturare l’attenzione e per la pura evasione, che separa però inevitabilmente dal vero approfondimento e dall’attaccamento a una tematica, a una passione o a una persona.

I registi si inseriscono in questa tematica con lucidità e con evidente perizia cinematografica, pescando a piene mani dalla lunga e florida tradizione del cinema di possessione, dosando gli inevitabili jump scare e regalando anche qualche notevole plot twist. Ci troviamo così davanti a un buon prodotto di genere, capace di amalgamare il mero intrattenimento con l’analisi sociale, che emerge in particolare nella caratterizzazione della protagonista e del suo viaggio attraverso il lutto.

Il ritratto di una generazione infelice e abbandonata

Quello che emerge da Talk to Me è il ritratto di una generazione tutt’altro che felice, abbandonata a se stessa e a un rapporto spesso malsano con la tecnologia, che può facilmente sfociare in tragedia. I registi sfruttano questo materiale per dare vita a un racconto cupo e inquietante, in cui la tensione derivante dai numerosi eventi soprannaturali si accompagna all’evidente malessere esistenziale dei protagonisti. Lo fanno senza inventare nulla di nuovo ma dosando bene i punti di forza a loro disposizione, senza mai scadere nella sbiadita copia o nella parodia involontaria.

Non mancano piccoli passaggi a vuoto e colpi di scena forzati, ampiamente compensati però da momenti di grande impatto visivo e cinematografico, da una gestione ottimale di un cast giovane e talentuoso e da un finale riuscito, che apre la porta a un più che probabile sequel. Un successo che testimonia la vitalità dell’horror e porta all’attenzione del pubblico internazionale due potenziali grandi autori, di cui ci auguriamo di parlare ancora a lungo.

Overall
7.5/10

Valutazione

I fratelli australiani Danny e Michael Philippou sfornano un horror riuscito e al passo coi tempi, che attraverso una storia abbastanza convenzionale di possessione demoniaca affronta temi sempre attuali come l’elaborazione del lutto e il disagio adolescenziale, regalando diversi momenti dal forte impatto emotivo.

Continua a leggere
Pubblicità

    Copyright © 2024 Lost in Cinema.