Black Widow

Disney+

Black Widow: recensione del film con Scarlett Johansson e Florence Pugh

Pubblicato

il

Da qualche anno, attraverso i suoi vari brand, Disney sta portando avanti un discorso tutt’altro che banale sulla famiglia. Famiglia che può essere accogliente e solido rifugio o fragile equilibrio. Una parentela di sangue o determinata dalle più disparate circostanze, persino dalla fantasia, come abbiamo visto in WandaVision. Abbiamo visto Rey scegliere di essere una Skywalker e non una Palpatine in Star Wars: L’ascesa di Skywalker e ci siamo commossi per il padre putativo Din Djarin in The Mandalorian. Ci siamo aggrappati al ricordo e all’aldilà con la Pixar in Coco e Onward – Oltre la magia, mentre abbiamo riscoperto negli Avengers una vera e propria famiglia disfunzionale, capace di ricompattarsi proprio quando il mondo sembrava finito in Avengers: Endgame. Proprio sulla famiglia della Avenger più ambigua e misteriosa, la Natasha Romanoff di Scarlett Johansson, si concentra Black Widow, nelle sale italiane dal 7 luglio e su Disney+ dal 9 luglio.

Ci troviamo poco dopo gli eventi di Captain America: Civil War, prima del totale sconvolgimento portato da Avengers: Infinity War e Avengers: Endgame. Natasha è quindi a tutti gli effetti una fuggitiva, intenta a fare perdere le proprie tracce attraverso continui spostamenti. Mentre l’eroina cerca di metabolizzare il disfacimento degli Avengers, il suo passato torna a bussare prepotentemente alla sua porta, con le sembianze di un nemico oscuro e sinistro, pronto a tutto pur di distruggerla. Occasione perfetta per una digressione sul personaggio del Marvel Cinematic Universe di cui sappiamo meno: dalla sua infanzia priva di serenità ai celeberrimi fatti di Budapest, passando per i bizzarri elementi della sua disfunzionale famiglia, cioè Melina (Rachel Weisz), Yelena (Florence Pugh) e il Guardiano Rosso Alexei (David Harbour). Spie come lei, costantemente in bilico fra vite diverse, fra violenza e sentimenti, a cui è Natasha è legata dal suo personalissimo concetto di parentela.

Black Widow: una origin story a sfondo spionistico

Photo by Jay Maidment. ©Marvel Studios 2021. All Rights Reserved.

Cate Shortland mette in scena un capitolo del Marvel Cinematic Universe denso di contenuti e sospeso fra diversi registri, che riesce a essere al tempo stesso toccante origin story, adrenalinico action movie e spassosa commedia, strizzando anche l’occhio al cinema di spionaggio alla James Bond (l’esplicita citazione a Moonraker – Operazione spazio non è un caso, come del resto la contemporanea presenza nel cast dell’ex Bond girl Olga Kurylenko e di Rachel Weisz, moglie nella vita reale dell’Agente 007 Daniel Craig). Con il passare dei minuti, emerge inoltre prepotentemente un forte messaggio femminista, esplicitato dal sinistro programma d’addestramento della Stanza Rossa, da cui cercano di fuggire Natasha, Yelena e tante altre ragazze. Un sistema che annulla la vitalità e la libertà delle donne, imponendo loro cosa fare e cosa pensare. Una simbologia forte e al passo coi tempi, che certifica nuovamente l’attenzione di Disney e Marvel a queste tematiche.

Con un’interpretazione di grande dolcezza e umanità, Scarlett Johansson celebra nel migliore dei modi il personaggio che ha contribuito a lanciarla definitivamente nell’immaginario collettivo, donando profondità e spessore alle sue azioni. Ciò che Natasha compie in Black Widow infatti non è soltanto una mera battaglia personale, ma anche un toccante tentativo di ricomposizione di tutto ciò che nella sua vita si è rotto. Un percorso continuato con il suo rientro nel gruppo di supereroi e concluso con il suo sacrificio in Avengers: Endgame, atto finale di un arco narrativo che possiamo comprendere pienamente solo grazie al lavoro di Cate Shortland.

Un eccellente cast

Photo by Jay Maidment. ©Marvel Studios 2021. All Rights Reserved.

Grazie al suo status e al peso garantitole dal ruolo di produttrice esecutiva di Black Widow, Scarlett Johansson ha la forza e la capacità di rielaborare il suo iconico personaggio, permettendosi anche il lusso di fare autoironia sulle pose che le abbiamo visto fare negli ultimi anni durante le sue innumerevoli battaglie. La scopriamo così tenera sorella maggiore acquisita di Florence Pugh (pronta a ereditare il suo ruolo nel Marvel Cinematic Universe), giovane adulta in cerca di quel briciolo di affetto che le può garantire solo la figura che per lei si avvicina più una madre, figlia ribelle e piena di risentimento verso una figura paterna palesemente inadeguata. Tutto questo senza trascurare la sua indole combattiva, che esibisce contro nemici meno potenti di Thanos, ma altrettanto insidiosi per lei, soprattutto dal punto di vista personale.

I meriti di Black Widow vanno però anche al resto del cast, decisamente ben assortito, e a un comparto tecnico di altissimo livello, come è lecito attendersi dalla Marvel. Fra l’appesantito David Harbour, a cui sono affidati diversi siparietti comici, non sempre efficaci, e l’ambigua e materna Rachel Weisz, che avrebbe meritato uno spazio maggiore, emerge soprattutto l’esuberanza di Florence Pugh, che regge perfettamente la scena insieme alle sue più celebrate colleghe e risulta il perfetto contraltare emotivo di Natasha. Yelena è la spia che non ha mai rinnegato le proprie azioni, la spietata assassina che ha lavorato silenziosamente nell’ombra, lontano dal glamour e dal clamore mediatico degli Avenger, la sorella minore tradita e con una smisurata voglia di rivalsa, pronta a prendersi il suo posto al sole. In un Marvel Cinematic Universe sempre più a guida femminile, il futuro è tutto dalla parte del personaggio della formidabile Florence Pugh.

Black Widow: un inno all’emancipazione femminile

Photo by Jay Maidment. ©Marvel Studios 2021. All Rights Reserved.

Ad accompagnare l’avvincente addio a Vedova nera è una colonna sonora avvolgente, in cui le musiche originali di Lorne Balfe si fondono con naturalezza con brani come la cover di Smells Like Teen Spirit firmata da Malia J., scelta come commento sonoro all’incisivo prologo. Le azzeccate location (fra le altre, anche la Norvegia, Budapest e il Marocco) conferiscono inoltre a Black Widow un respiro più ampio, dando alle avventure di Natasha un’ambientazione realistica e concreta. Un lavoro raffinato e imponente a livello produttivo, che è un piacere poter riassaporare finalmente sul grande schermo, dopo tanti mesi di titoli da discount casalingo.

Emancipazione femminile, inno alla sorellanza, dirompente azione e invito a cercare la nostra famiglia non necessariamente nel lignaggio e negli schemi prestabiliti, ma nelle persone con cui condividiamo esperienze e valori, anche quando ci scontriamo con loro. Questo e molto altro è Black Widow, il primo film della Fase 4 del Marvel Cinematic Universe, nonché il primo tassello di una saga tutta da (ri)scrivere, che ci accompagnerà nei prossimi anni. Forse non vedremo più Black Widow, ma dopo di lei ci sono tante altre donne da raccontare, vedove di una parte del loro passato ma mai più schiave.

Overall
7.5/10

Verdetto

Black Widow chiude il cerchio della storia di Natasha Romanoff, rispondendo a molte delle nostre domande e ponendo le basi per il futuro di Florence Pugh nel Marvel Cinematic Universe. Fra azione e ironia, emerge un messaggio femminista tutt’altro che banale, simbolo del nuovo corso Marvel.

Disney+

Disney+: tutte le uscite di febbraio 2024

Pubblicato

il

A differenza di quanto avvenuto in altri mesi, le uscite di febbraio 2024 su Disney+ non saranno numerose, ma fra i prodotti in arrivo in catalogo gli abbonati avranno sicuramente pane per i propri denti. Fra le novità più attese c’è sicuramente The Marvels, nuovo capitolo del Marvel Cinematic Universe con protagonista l’eroina interpretata da Brie Larson, disponibile dal 7 febbraio su Disney+. Il 9 febbraio sarà invece il turno di Suncoast, film originale Disney+ in bilico fra teen drama e attivismo, con protagonisti Nico Parker, Laura Linney e Woody Harrelson.

Diverse le novità anche per quanto riguarda le serie in arrivo sulla piattaforma. Il 21 febbraio è il giorno di Star Wars: The Bad Batch, con l’uscita della terza e ultima stagione della serie ambientata nella Galassia lontana lontana. Appuntamento invece al 27 febbraio per la prima stagione Shōgun, serie FX ambientata nel Giappone del 1600, all’alba di una sanguinosa guerra civile nipponica. Da segnalare infine l’arrivo in catalogo della quinta stagione della serie comica vampiresca What We do in the Shadows, fissato al 28 febbraio. Di seguito, l’elenco completo di tutte le nuove uscite che ci aspettano a febbraio 2024 nel catalogo di Disney+.

L’elenco completo delle uscite di febbraio 2024 su Disney+

Nico Parker, Ella Anderson, Ariel Martin and Daniella Taylor in SUNCOAST. Photo by Eric Zachanowich. Courtesy of Searchlight Pictures.

7 febbraio

  • The Marvels (film non originale)

9 febbraio – Le uscite su Disney+

  • Suncoast (film originale)

21 febbraio

27 febbraio

  • Shōgun (serie non originale, stagione 1)

28 febbraio – Le uscite su Disney+

  • What We do in the Shadows (serie non originale, stagione 5)

Dal 1° novembre, Disney+ ha introdotto il suo piano di abbonamento con pubblicità,
insieme a due opzioni senza inserzioni pubblicitarie, ofrendo ai clienti la fessibilità
di scegliere il piano più adatto alle loro esigenze. Ora i clienti possono scegliere
tra Standard con pubblicità a 5,99 € al mese, Standard a 8,99 € al mese o 89,90 €
all’anno e Premium a 11,99 € al mese o 119,90 €all’anno.

Continua a leggere

Disney+

Disney+: tutte le uscite di gennaio 2024

Pubblicato

il

Sarà un inizio anno scoppiettante quello di Disney+, con tante nuove uscite pronte a deliziare gli abbonati alla piattaforma. Appuntamento al 10 gennaio per il debutto di Echo, nuova serie Marvel Studios con protagonisti Maya Lopez, Vincent D’Onofrio e Charlie Cox. Dovremo invece aspettare il 17 gennaio per l’arrivo in catalogo di The Creator, film fantascientifico di Gareth Edwards con John David Washington e Gemma Chan. Ma le uscite di gennaio su Disney+ non si fermano certo qui. Per quanto riguarda la serialità, potremo infatti gustare la terza stagione di American Horror Stories e il primo ciclo di episodi di The Artful Dodger.

Da segnalare inoltre il debutto della docuserie A Real Bug’s Life – Megaminimondo e il ritorno di Welcome to Wrexham, docuserie sportiva che vede Ryan Reynolds alle prese con la gestione di un piccolo club di calcio inglese. Spazio anche al true crime con Betrayal: La doppia vita di mio marito, Demoni e redentori – La storia di Christina Boyer, Il ladro di gioielli e Never Let Him Go. Di seguito, l’elenco completo delle nuove uscite di gennaio 2024 su Disney+.

L’elenco completo delle uscite di gennaio 2024 su Disney+

Photo by Oren Soffer. © 2023 20th Century Studios. All Rights Reserved.

3 gennaio

Class of ‘09 (miniserie non originale)
Betrayal: La doppia vita di mio marito (docuserie non originale)

10 gennaio – Le nuove uscite su Disney+

Echo (serie originale, stagione 1)
Welcome to Wrexham (docuserie originale, stagione 2)
Demoni e redentori – La storia di Christina Boyer (docuserie non originale)

17 gennaio

The Creator (film non originale)
The Artful Dodger (serie originale, stagione 1)
Il ladro di gioielli (docuserie non originale)

19 gennaio

Cristóbal Balenciaga (serie originale, stagione 1)

24 gennaio – Le nuove uscite su Disney+

A Real Bug’s Life – Megaminimondo (docuserie originale, stagione 1)
American Horror Stories (serie originale, stagione 3)
Never Let Him Go (docuserie non originale)

Continua a leggere

Disney+

Disney+: tutte le nuove uscite in arrivo a febbraio 2022

Pubblicato

il

Mese decisamente promettente quello di febbraio per Disney+. La piattaforma streaming proporrà infatti ai propri abbonati un progetto particolarmente atteso, cioè Pam & Tommy, miniserie con Lily James e Sebastian Stan incentrata sulla clamorosa diffusione via internet di un sextape con protagonisti la diva di Baywatch Pamela Anderson e il marito Tommy Lee, batterista dei Mötley Crüe. I primi tre episodi della miniserie saranno disponibili su Disney+ a partire dal 2 febbraio.

Altre novità di punta per il prossimo mese sono sicuramente The French Dispatch di Wes Anderson e The King’s Man – Le origini di Matthew Vaughn, film che arrivano entrambi in streaming a brevissima distanza dal passaggio in sala. Da segnalare inoltre l’ingresso in catalogo della terza stagione di What We Do in the Shadows, serie comedy/horror basata sull’omonimo cult di Taika Waititi. Di seguito, l’elenco completo di quello che vedremo nelle prossime settimane su Disney+.

Tutto quello che vedremo a febbraio su Disney+

Photo by: Erin Simkin/Hulu

2 febbraio

  • Pam & Tommy (serie originale, stagione 1 primi 3 episodi)
  • Topolino – La casa del divertimento (serie originale, stagione 1 – 4 nuovi episodi)
  • Bob’s Burgers (serie non originale, stagione 10)
  • Black-Ish (serie non originale, stagione 7)

4 febbraio

  • L’ascesa dei ricordi (film non originale)

9 febbraio

  • Puppy Dog Pals (serie non originale, stagione 4, nuovi episodi)
  • Grown-Ish (serie non originale, stagione 3)

16 febbraio

  • The French Dispatch (film non originale)
  • Blackpink –Il film (film non originale)
  • What We Do in the Shadows (serie non originale, stagione 3)
  • Peppa Pig (serie non originale, stagione 8)

18 febbraio

  • Il meraviglioso inverno di Topolino (speciale animato originale)

21 febbraio

  • The Walking Dead (serie non originale, stagione 11, seconda parte)

23 febbraio

  • La Famiglia Proud: più forte e orgogliosa (serie originale, stagione 1)
  • The King’s Man – Le origini (film non originale)
  • I Griffin (serie non originale, stagione 18)
  • PJ Masks (serie non originale, stagione 5, 4 nuovi episodi)

25 febbraio

  • No Exit (film originale)
  • Mr. & Mrs. Smith (film non originale)

Continua a leggere
Pubblicità
Exit mobile version