Caro Evan Hansen Caro Evan Hansen

News

Caro Evan Hansen: recensione del film diretto da Stephen Chbosky

Pubblicato

il

Caro Evan Hansen (Dear Evan Hansen) è un film diretto da Stephen Chbosky, adattamento cinematografico del musical Dear Evan Hansen di Steven Levenson e Pasek & Paul, che ha vinto sei Tony Awards e il Grammy Award al miglior album di un musical teatrale. Caro Evan Hansen è interpretato da Ben PlattAmy Adams, Julianne Moore, Kaitlyn Dever, Amandla Stenberg, Colton Ryan, Nik Dodani, DeMarius Copes e Danny Pino. 

Evan Hansen è un adolescente affetto da fobia sociale che un giorno trova un’inaspettata popolarità quando una sua bugia detta per confortare dei genitori in lutto gli sfugge di mano.

Caro Evan Hansen: il film diretto da Stephen Chbosky

Caro Evan Hansen è un musical, un’opera pensata per il teatro e riletta e tradotta per il cinema, impreziosito da melodie e canzoni – come You Will Be Found, Waving Through a Window, For Forever e Words Fail – non a caso premiate e riconosciute per la loro meravigliosa versatilità, che ci accompagnano nel corso nella narrazione: a cantare la sua vita è un ragazzo, un outsider che racconta la sua fobia sociale, e che scrive lettere a se stesso come forma di cura individuale, come atto terapeutico; in quei momenti di scrittura vive una tregua dal mondo, non sente le pressioni, le aspettative sociali, il suo impaccio, la sua paura del confronto, e può liberarsi dai tanti fardelli che pesano e lo accompagnano quotidianamente.

Non possiamo non riconoscere la meraviglia e la difficoltà estrema nel voler raccontare una storia di questo tipo, in cui si parla di sanità mentale, adolescenza, rapporti intergenerazionali, incomunicabilità e sofferenza, in un mondo sempre più verticalizzato e accentrato sulla velocità, sulla superficialità, sul rendimento e il profitto. Ma scegliere le giuste tematiche, in un momento in cui è necessario che sempre più narrazioni guardino e parlino di sanità mentale, di interiorità, di depressione, non significa che bisogna dimenticarsi che determinati temi necessitano, a maggior ragione, di uno sguardo plurale, e una storia che ne discuta e indaghi la complessità, la complessità reale della fobia sociale, dall’inizio alla fine, senza perdersi durante il tragitto. Restituire complessità, restituire dramma e anche bellezza, non è impossibile. 

Caro Evan Hansen è un prodotto che esordisce con i migliori presupposti: la musica giusta, il protagonista giusto, le giuste tematiche. Tutto sembra prevedere e indicare che la storia che si sta affacciando sullo schermo abbia davvero qualcosa da dire e che il regista sappia raccontarla con la giusta pluralità di prospettive. Purtroppo Caro Evan Hansen dissipa quasi tutti i presupposti iniziali. Quello che è a tutti gli effetti un musical ineccepibile dal punto di vista melodico, manca di una tessitura drammatica che rispetti un arco di trasformazione del personaggio degno di questo nome: l’evoluzione, il viaggio di Evan Hansen si perde nei battiti finali, sembra completamente dimenticarsi dei passi che ha compiuto, del suo percorso, dell’importanza di tracciare una linea tra la sua vita e i suoi infingimenti, tra il paradosso che si trova a vivere, la sua mistificazione, e la realtà. 

Caro Evan Hansen, canto la mia vita da outsider

 

Caro Evan Hansen è una lettera aperta, un romanzo epistolare, e visivo, che tenta non solo di raccontare la storia di Evan, ma di inserire e trattare il disagio e le difficoltà, reali, di altre due persone: Connor Murphy e Alana Beck. Se per Connor Murphy viene lasciato più spazio all’interno dell’economia visiva del film, per motivi che non possiamo rivelare, resta comunque un personaggio che ha un suo luogo e un suo tempo, la cui complessità non viene mai veramente affrontata e sviscerata; cosa che accade anche e soprattutto per il personaggio di Alana Beck, che resta al margine della storia, e che viene considerata un token – quel fenomeno o pratica che porta a “fare concessioni formali a minoranze o a gruppi sottorappresentati (per dare l’impressione di equità e rispetto delle pari opportunità)” – la cui presenza è più una concessione narrativa che altro.

Il personaggio di Alana Beck risulta monodimensionale e scritto in un modo che non permette di procedere in profondità: la sua presenza è uno sforzo, inutile e superficiale, per includere e raccontare il dramma interiore di una ragazza afroamericana che vive i suoi disagi, la sua sofferenza e le sue pressioni sociali: purtroppo non è abbastanza, la superficie viene solo graffiata. Della sua storia non sappiamo nulla ed è così per tutta la durata della narrazione. 

Questo non dovrebbe essere più ammissibile in un prodotto visivo: non è possibile che dei personaggi, che sono già ampiamente poco rappresentati nei film e nelle serie tv, vengano tenuti al margine delle storie, inseriti come co-protagonisti, e creati per servizio di trama. Per quanto Caro Evan Hansen resti un’opera apprezzabile dal punto musicale, che sa colpire ed emozionare, non può che deludere dal punto di vista drammatico.

Caro Evan Hansen arriverà nelle sale italiane il 2 dicembre, distribuito da Universal Pictures.

Overall
6.5/10

Verdetto

Caro Evan Hansen è una lettera aperta, un prodotto che esordisce con i migliori presupposti, un musical ineccepibile dal punto di vista melodico, che però manca di una solida tessitura drammatica. 

Eventi

Oscar 2022: tutte le nomination per la notte più attesa dell’anno

Pubblicato

il

Sono state annunciate le nomination agli Oscar 2022, i riconoscimenti indubbiamente più attesi dell’annata cinematografica. A dominare su tutti è Il potere del cane di Jane Campion, che ha conquistato ben 12 nomination. A seguire, Dune di Denis Villeneuve con 10 e West Side Story e Belfast, appaiati a 7. Per quanto riguarda il comparto attoriale, non sono una sorpresa le nomination per Javier BardemBenedict CumberbatchAndrew GarfieldWill SmithDenzel Washington fra gli uomini, come quelle di Jessica Chastain e Kristen Stewart fra le donne. Stupisce invece l’assenza di Lady Gaga dalle candidature agli Oscar 2022. La sua prova in House of Gucci non è bastata a regalarle una nomination che in molti si aspettavano.

L’Italia ha buoni motivi per festeggiare: Paolo Sorrentino ha infatti conquistato la nomination per il miglior film internazionale grazie al suo È stata la mano di Dio, mentre Enrico Casarosa ha ottenuto la candidatura nella sezione dedicata al miglior film d’animazione con il suo Luca. Da non sottovalutare inoltre la nomination per Massimo Cantini Parrini, candidato per i costumi del musical Cyrano. Di seguito, l’elenco completo delle nomination agli Oscar 2022, che saranno assegnati il prossimo 27 marzo.

Oscar 2022: tutte le nomination

Foto di Gianni Fiorito

Miglior film

  • Belfast (Kenneth Branagh)
  • I segni del cuore – CODA (Sian Heder)
  • Don’t Look Up (Adam McKay)
  • Drive My Car (Ryusuke Hamaguchi)
  • Dune (Denis Villeneuve)
  • Una famiglia vincente – King Richard (Reinaldo Marcus Green)
  • Licorice Pizza (Paul Thomas Anderson)
  • Nightmare Alley (Guillermo del Toro)
  • Il potere del cane (Jane Campion)
  • West Side Story (Steven Spielberg)

Migliore regista

  • Kenneth Branagh – Belfast
  • Ryusuke Hamaguchi – Drive My Car
  • Paul Thomas Anderson – Licorice Pizza
  • Jane Campion – Il potere del cane
  • Steven Spielberg – West Side Story

Migliore attrice protagonista

Miglior attore protagonista

  • Javier Bardem – Being the Ricardos
  • Benedict Cumberbatch – Il potere del cane
  • Andrew Garfield – Tick, Tick… BOOM!
  • Will Smith – Una famiglia vincente – King Richard
  • Denzel Washington – Macbeth

Migliore attrice non protagonista

  • Kirsten Dunst – Il potere del cane
  • Aunjanue Ellis – Una famiglia vincente – King Richard
  • Ariana DeBose – West Side Story
  • Jessie Buckley – The Lost Daughter
  • Judi Dench – Belfast

Miglior attore non protagonista

  • Kodi Smit-McPhee – Il potere del cane
  • Troy Kotsur – I segni del cuore – CODA
  • Ciarán Hinds – Belfast
  • J. K. Simmons – Being the Ricardos
  • Jesse Plemons – Il potere del cane

Miglior sceneggiatura originale

  • Belfast
  • Don’t Look Up
  • Una famiglia vincente – King Richard
  • Licorice Pizza
  • La persona peggiore del mondo

Miglior sceneggiatura non originale

  • I segni del cuore – CODA
  • Drive My Car
  • Dune
  • The Lost Daughter
  • Il potere del cane

Miglior film internazionale

  • Drive My Car (Ryūsuke Hamaguchi)
  • Flee (Jonas Poher Rasmussen)
  • È stata la mano di Dio (Paolo Sorrentino)
  • Lunana: A Yak in the Classroom (Pawo Choyning Dorji)
  • La persona peggiore del mondo (Joachim Trier)

Miglior film d’animazione

  • Encanto
  • Flee
  • Luca
  • I Mitchell contro le macchine
  • Raya e l’ultimo drago

Migliore fotografia

  • Dune
  • Nightmare Alley
  • Il potere del cane
  • Macbeth
  • West Side Story

Miglior montaggio

  • Don’t Look Up
  • Dune
  • Una famiglia vincente – King Richard
  • Il potere del cane
  • Tick, Tick… BOOM!

Migliore scenografia

  • Dune
  • Nightmare Alley
  • Il potere del cane
  • Macbeth
  • West Side Story

Migliore colonna sonora

  • Don’t Look Up
  • Dune
  • Encanto
  • Madres Paralelas
  • Il potere del cane

Miglior canzone originale

  • Be Alive (Una famiglia vincente – King Richard)
  • Dos Oroguitas (Encanto)
  • Down to Joy (Belfast)
  • No Time to Die (No Time to Die)
  • Somehow You Do (Four Good Days)

Migliori effetti visivi

  • Dune
  • Free Guy
  • No Time to Die
  • Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli
  • Spider-Man: No Way Home

Miglior sonoro

  • Belfast
  • Dune
  • No Time to Die
  • Il potere del cane
  • West Side Story

Migliori costumi

  • Crudelia (Jenny Beavan)
  • Cyrano (Massimo Cantini Parrini)
  • Dune (Jacqueline West and Bob Morgan)
  • Nightmare Alley (Luis Sequeira)
  • West Side Story (Paul Tazewell)

Miglior trucco e acconciatura

Miglior documentario

  • Ascension
  • Attica
  • Flee
  • Summer of Soul
  • Writing with Fire

Migliore cortometraggio documentario

  • Audible
  • Lead Me Home
  • The Queen of Basketball
  • Three Songs for Benazir
  • When We Were Bullies

Migliore cortometraggio

  • Ala Kachuu
  • The Dress
  • The Long Goodbye
  • On My Mind
  • Please Hold

Miglior cortometraggio d’animazione

  • Affair of the Art
  • Bestia
  • Robin Robin
  • Boxballet
  • The Windshield Wiper
Continua a leggere

Eventi

Razzie Awards 2022: le candidature per i peggiori film dell’anno

Pubblicato

il

Sono state annunciate le nomination ai Razzie Awards 2022, riconoscimenti dedicati al peggio che il cinema ha saputo offrire nel corso dell’annata precedente. La cerimonia di consegna di questi temutissimi premi si terrà il 26 marzo cioè, come da tradizione, la sera prima degli Oscar. Non mancano le sorprese, come le diverse candidature per il film Netflix La donna alla finestra e per la sua protagonista Amy Adams, quelle a Jared Leto e Ben Affleck e a Space Jam: New Legends. Ma a meritare la palma di star più sbertucciata dell’annata è sicuramente Bruce Willis, che conquista addirittura una categoria dedicata solo alle sue performance nella passata stagione cinematografica. Di seguito, tutte le nomination ai Razzie Awards 2022.

Le nomination ai Razzie Awards

Peggior film

  • Diana the Musical (adattamento Netflix)
  • Infinite
  • Karen
  • Space Jam: New Legends
  • La donna alla finestra

Peggior attore protagonista

  • Scott Eastwood (Dangerous)
  • Roe Hartrampf (Diana the Musical)
  • LeBron James (Space Jam: New Legends)
  • Ben Platt (Caro Evan Hansen)
  • Mark Wahlberg (Infinite)

Peggiore attrice protagonista

Peggiore attrice non protagonista 

  • Amy Adams (Caro Evan Hansen)
  • Sophie Cookson (Infinite)
  • Erin Davie (Diana the Musical)
  • Judy Kaye (Diana the Musical)
  • Taryn Manning (Every Last One of Them)

Peggior attore non protagonista

  • Ben Affleck (The Last Duel)
  • Nick Cannon (The Misfits)
  • Mel Gibson (Dangerous)
  • Gareth Keegan (Diana the Musical)
  • Jared Leto (House of Gucci)

Peggiore coppia sullo schermo

  • Ogni membro goffo del cast in qualsiasi numero musicale lirico (o coreografato) (Diana the Musical)
  • LeBron James e ogni personaggio Warner Cartoon (o prodotto Time-Warner) che dribbla nel film (Space Jam: New Legends)
  • Jared Leto con la sua faccia di lattice da 17 libbre, i suoi vestiti geek o il suo ridicolo accento (House of Gucci)
  • Ben Platt e qualsiasi altro personaggio che si comporta come lui, cantando tutto il giorno come se fosse normale (Caro Evan Hansen)
  • Tom & Jerry (aka Itchy & Scratchy) (Tom & Jerry the Movie)

Peggior prequel, remake, plagio o sequel

  • Karen (involontario remake di Crudelia)
  • Space Jam: New Legends
  • Tom & Jerry the Movie
  • Twist (remake in salsa rap di Oliver Twist)
  • La donna alla finestra (plagio de La finestra sul cortile)

Peggior regista 

  • Christopher Ashley (Diana the Musical)
  • Stephen Chbosky (Caro Evan Hansen)
  • Coke Daniels (Karen)
  • Renny Harlin (The Misfits)
  • Joe Wright (La donna alla finestra)

Peggior sceneggiatura

  • Joe DiPietro – Diana the Musical
  • Coke Daniels – Karen
  • Kurt Wimmer and Robert Henny – The Misfits
  • John Wrathall and Sally Collett – Twist
  • Tracy Letts – La donna alla finestra

Peggiore interpretazione di Bruce Willis in un film del 2021

  • Bruce Willis / American Siege
  • Bruce Willis / Apex
  • Bruce Willis / Cosmic Sin
  • Bruce Willis / Deadlock
  • Bruce Willis / Fortress
  • Bruce Willis / Midnight in the Switchgrass
  • Bruce Willis / Out of Death
  • Bruce Willis / Survive the Game

Per essere sempre aggiornati sui Razzie Awards, vi invitiamo a consultare il sito ufficiale.

Continua a leggere

News

Douglas Trumbull è morto: il regista ed effettista ci lascia a 79 anni

Pubblicato

il

«Mio padre, Douglas Trumbull, è morto la notte scorsa dopo un’importante battaglia di due anni contro il cancro, un tumore al cervello e un ictus. Era un genio assoluto e un mago e i suoi contributi all’industria del cinema e degli effetti speciali vivranno per decenni e oltre. Ha creato gli effetti speciali visivi per il 2001 Odissea nello spazio, Incontri ravvicinati del terzo tipo, Blade Runner, Star Trek e The Tree of Life. Ha diretto Silent Running e Brainstorm. Mia sorella Andromeda ed io lo abbiamo visto sabato e gli abbiamo detto che lo amiamo, invitandolo a godersi e abbracciare il suo viaggio nel Grande Oltre. Ti voglio bene papà, mi mancherai di sicuro!». Con questo commosso e appassionato post su Facebook, la figlia Amy ha annunciato la scomparsa a 79 anni di Douglas Trumbull, celebre regista ed effettista statunitense.

Fra i tanti lavori di Trumbull, si annoverano pietre miliari della fantascienza, come 2001: Odissea nello spazio, Incontri ravvicinati del terzo tipo e Blade Runner, capolavori per i quali ha contribuito agli effetti speciali, permettendo a registi del calibro di Stanley Kubrick, Steven Spielberg e Ridley Scott di firmare opere scolpite indelebilmente nell’immaginario collettivo.

Douglas Trumbull: addio a un maestro degli effetti speciali

In una carriera a Hollywood concentrata soprattutto fra anni ’60 e anni ’80, Douglas Trumbull si è distinto come uno degli effettivi più abili, capace di diventare davvero un valore aggiunto per i progetti a cui ha preso parte. Da non sottovalutare inoltre il suo contributo come regista, per cult come 2002: la seconda odissea e Brainstorm – Generazione elettronica. La fantascienza era il suo habitat naturale, perché gli permetteva di sprigionare tutta la sua fantasia e il suo genio visionario, senza però rinunciare al realismo che contraddistingueva la sua opera. A lui dobbiamo la sontuosa scena della Porta delle Stelle di 2001: Odissea nello spazio, ma anche alcune delle trovate visive più efficaci di Blade Runner.

Dopo essersi allontanato dall’industria cinematografica, si dedica alla sperimentazione nell’ambito dei luna park e dei parchi a tema, sviluppando attrazioni che nel corso degli anni hanno intrattenuto centinaia di migliaia di persone, fra le quali citiamo il Back to the Future Ride degli Universal Studios di Los Angeles. Prima della malattia e della prematura scomparsa, Douglas Trumbull riesce a collaborare con un altro maestro come Terrence Malick, con cui firma The Tree of LifeVoyage of Time, progetti che gli permettono nuovamente di dare vita a tutta la sua creatività.

Una carriera che è già storia del cinema, suggellata da 3 nomination all’Oscar (per gli effetti speciali di Incontri ravvicinati del terzo tipo, Star Trek e Blade Runner) e da due statuette per il merito tecnico-scientifico (nel 1993) e per il Premio Gordon E. Sawyer nel 2012. Oggi finisce il suo viaggio nel cinema, ma comincia quello fra le stelle che ha più volte intrapreso coi suoi film.

Continua a leggere
Pubblicità