Chi segna vince Chi segna vince

News

Chi segna vince: recensione del film di Taika Waititi

Pubblicato

il

Nello sport come nella vita, i concetti di vittoria e sconfitta sono relativi. C’è chi si dispera per un secondo posto ai Mondiali di calcio e chi invece si accontenterebbe di segnare un misero goal. È questo il caso della nazionale di calcio delle Samoa Americane, titolare del più scomodo dei record del calcio internazionale, ovvero la peggiore sconfitta di sempre, con il risultato di 31-0, avvenuta contro l’Australia l’11 aprile 2001. Un’onta che ha spinto la federazione a correre ai ripari, ingaggiando l’allenatore olandese Thomas Rongen, allora CT della Nazionale statunitense Under 20. Una storia vera di risalita e rivincita già narrata documentario del 2014 Next Goal Wins, che oggi diventa un film con Chi segna vince, diretto dal neozelandese Taika Waititi.

Chi segna vince è l’ultimo esponente del florido filone del racconto dell’inettitudine sportiva, che per l’Italia comprende esempi come Lo chiamavano Bulldozer o i vari progetti di Matti per il calcio di Volfango De Biasi, nella serialità attraversa successi come Ted Lasso e a livello internazionale abbraccia veri e propri cult come Che botte se incontri gli “Orsi” e Cool Runnings – Quattro sottozero, forse i due titoli con più punti di contatto con il lavoro di Taika Waititi. Chi porta ancora nel cuore il ricordo delle avventure della sgangherata squadra di bob giamaicano troverà atmosfere familiari in Chi segna vince, che condivide con il film del 1993 lo scenario esotico e lo scontro fra l’estrema competitività occidentale e un approccio alla vita e allo sport più rilassato, temi ben sfruttati da Taika Waititi.

Il regista amalgama infatti la sua reale conoscenza degli usi e costumi dell’Oceania con il suo approccio leggero e goliardico a temi solitamente più seriosi, già espresso in Vita da vampiro – What We Do in the Shadows, Jojo Rabbit e nei suoi Thor.

Chi segna vince: la spassosa rivincita della nazionale di calcio peggiore del mondo

Photo by Hilary Bronwyn Gayle. Courtesy of Searchlight Pictures.

A prestare corpo e volto a Thomas Rongen è Michael Fassbender, alle prese con toni comici per lui insoliti ma anche con gli scatti di ira del suo personaggio, causati da un doloroso passato. Il Purgatorio professionale a cui l’allenatore viene destinato è una piccola ma vitale isola, in cui anche i giocatori della Nazionale si arrabattano fra mille lavori per sbarcare il lunario. La squadra che deve risollevare non è solo scarsa e disorganizzata, ma anche rassegnata dopo anni di delusioni. In questo scenario si intrecciano diverse storie, come quella del portiere Nicky Salapu, considerato il più forte della storia della nazione ma ancora sconvolto per quel 31-0.

A dare profondità e attualità a Chi segna vince è però indubbiamente il personaggio di Jayah Saelua (interpretata da Kaimana), prima calciatrice transessuale della storia a fare parte di una nazionale di calcio. Nella tradizione samoana, Jayah è una fa’afafine, una sorta di terzo genere estremamente rispettato e dalle sfumature mistiche. Tale tradizione si scontra però inevitabilmente coi pregiudizi e i modi bruschi di Rongen, che nei momenti di nervosismo non esita a chiamare Jayah con il dead name Johnny, esacerbando ulteriormente gli animi.

Chi segna vince si appoggia però soprattutto a dinamiche ben rodate, che prevedono la messa in scena dell’incapacità, della frustrazione del professionista che si immerge in un ambiente dilettantesco e dei lenti ma progressivi miglioramenti, con effetti comici assicurati ma anche una certa prevedibilità di fondo. Waititi poi non lesina in citazionismo, spaziando ripetutamente fra Karate Kid e Ogni maledetta domenica, con risultati altalenanti.

Non solo sport

Chi segna vince
Photo by Hilary Bronwyn Gayle. Courtesy of Searchlight Pictures.

Questi elementi, insieme alla debole sottotrama che coinvolge gli sprecati Will Arnett ed Elisabeth Moss, appesantiscono un racconto di rivalsa e crescita personale che potrebbe facilmente reggersi sulle proprie gambe, senza bisogno di forzature. Al netto di ciò e di qualche inevitabile invenzione per fini narrativi, Chi segna vince adempie perfettamente al proprio compito di feel-good movie, fra risate e sprazzi di dramma verso la storica sfida fra le Samoa Americane e Tonga, decisiva per la sorte di Rongen e della sua squadra.

Il debordante Waikiki, che si ritaglia anche un immancabile cameo per se stesso nei panni di un santone-narratore, diventa un valore aggiunto soprattutto nella giocosa caratterizzazione della cultura samoana, che non sconfina mai nell’irrispettosa caricatura ma esalta invece le rivalità e le divergenze locali, concedendosi anche qualche punzecchiata agli australiani. Il risultato è un’opera tutt’altro che ambiziosa ma fondamentalmente riuscita, che accende il desiderio di sapere di più su questo piccolo angolo di mondo e sulla sua nazionale di calcio, ribadendo al tempo stesso il potere salvifico dello sport, a qualsiasi latitudine e in ogni categoria.

Chi segna vince è distribuito da Walt Disney Italia.

Dove vedere Chi segna vince in streaming

Overall
6/10

Verdetto

Al netto di qualche forzatura e delle ingenuità tipiche di questo filone, Chi segna vince adempie al proprio compito di feel-good movie, regalandoci un inedito Michael Fassbender comico e un appagante storia di mediocrità sportiva che si trasforma in rivincita personale.

In evidenza

Netflix: tutte le nuove uscite di luglio 2024

Pubblicato

il

Netflix uscite

Anche per luglio, Netflix ha in serbo diverse nuove uscite per i propri abbonati. Fra i titoli più attesi c’è sicuramente Un piedipiatti a Beverly Hills: Axel F, quarto capitolo della saga con protagonista Eddie Murphy. In arrivo anche il nuovo film di Renato De Maria Svaniti nella notte, con protagonista Riccardo Scamarcio, e The Decameron, serie statunitense in otto episodi ambientata nella Firenze del 1348 e ispirata alle celeberrime novelle di Giovanni Boccaccio.

Da menzionare inoltre i ritorni delle serie Vikings: Valhalla (giunta alla terza stagione), Cobra Kai (in uscita la prima parte della sesta stagione) ed Elite, arrivata all’ottavo ciclo di episodi. Per quanto riguarda i documentari originali della piattaforma, fari puntati su The Man with 1000 Kids, miniserie che esplora il lato oscuro delle cliniche internazionali per la fertilità. Di seguito, l’elenco completo delle nuove uscite in arrivo a luglio su Netflix.

Netflix: l’elenco completo delle uscite di luglio 2024

Netflix uscite
Giulia Parmigiani/Netflix © 2024

1 luglio – Le nuove uscite di Netflix

  • Percy Jackson e gli dei dell’Olimpo: Il mare dei mostri (film non originale)
  • The Rising of the Shield Hero (serie non originale, stagione 1)
  • La meglio gioventù (film non originale)
  • Io, noi e Gaber (film non originale)
  • I Croods 2 – Una nuova era (film non originale)
  • Ezio Bosso. Le cose che restano (film non originale)
  • Caccia all’uomo – Cesare Battisti, una vita in fuga (film non originale)

2 luglio

  • Bodies Bodies Bodies (film non originale)
  • SPRINT (serie originale, stagione 1)

3 luglio

  • Un piedipiatti a Beverly Hills: Axel F (film originale)
  • The Man with 1000 Kids (documentario originale)

4 luglio

  • Rhythm + Flow: Francia (reality show originale, stagione 3 episodi 1-4)

5 luglio – Le nuove uscite di Netflix

  • Fast & Furious 9 – The Fast Saga (film non originale)
  • L’immaginario (film originale)
  • Una parte di me (serie originale, stagione 1)
  • Goyo (film originale)
  • Gloria (serie non originale, stagione 1)

6 luglio

  • La ragazza della palude (film non originale)

9 luglio

  • M3GAN (film non originale)

10 luglio

  • Receiver (serie originale, stagione 1)

11 luglio – Le nuove uscite di Netflix

  • Rhythm + Flow: Francia (reality show originale, stagione 3 episodi 5-7)
  • Vikings: Valhalla (serie originale, stagione 3)
  • Svaniti nella notte (film originale)

12 luglio

  • Exploding Kittens (serie originale, stagione 1)

15 luglio

17 luglio

  • Simone Biles Rising: Verso le Olimpiadi (serie originale, stagione 1)

18 luglio

  • Rhythm + Flow: Francia (reality show originale, stagione 3 episodi 8-9)
  • Cobra Kai (serie originale, stagione 6 parte 1)

19 luglio – Le nuove uscite di Netflix

  • Sweet Home (serie originale, stagione 3)
  • Too Hot To Handle (reality show originale, stagione 6 episodi 1-4)
  • Find Me Falling – Un’isola dove innamorarsi (film originale)

21 luglio

  • Rhythm + Flow: Francia (reality show originale, stagione 3 episodio 10)
  • Babylon (film non originale)

22 luglio

  • L’immensità (film non originale)

25 luglio

  • The Decameron (serie originale, stagione 1)

26 luglio – Le nuove uscite di Netflix

  • Too Hot To Handle (reality show originale, stagione 6 episodi 5-7)
  • Elite (serie originale, stagione 8)
  • Il principe dei draghi (serie originale, stagione 6)
  • Come un gatto in tangenziale – Ritorno a Coccia di Morto (film non originale)
Continua a leggere

Disney+

Disney+: tutte le uscite di luglio 2024

Pubblicato

il

Disney+ uscite

Anche per il mese di luglio, Disney+ ha in serbo diverse nuove uscite per i propri abbonati. Appuntamento al 12 luglio per Descendants: L’ascesa di Red, nuovo capitolo del franchise musical/fantastico. Ad accompagnare l’uscita del film, arriveranno in catalogo anche gli speciali Descendants: Sing-Along, Descendants 2: Sing-Along e Descendants 3: Sing-Along. Il 10 luglio saranno invece disponibili tutti gli episodi di Under the Bridge, serie originale di genere thriller con Riley Keough e Lily Gladstone, basata sul romanzo di Rebecca Godfrey.

Per gli appassionati di animazione, sono inoltre in arrivo la dodicesima stagione di Futurama, la diciannovesima di American Dad e la prima di Bluey Minisodes, brevi episodi di pochi minuti che esplorano ulteriormente i personaggi e il mondo di Bluey. Di seguito, l’elenco completo di tutto quello che vedremo a luglio su Disney+.

Disney+: l’elenco completo delle uscite di luglio

Uscite Disney+

3 luglio – Le uscite su Disney+

  • Bluey Minisodes (serie originale, stagione 1)
  • Non sono ancora morta (serie originale, stagione 2)
  • American Dad (serie non originale, stagione 19)

10 luglio

  • Under the Bridge (serie originale, stagione 1)

12 luglio – Le uscite su Disney+

  • Descendants: L’ascesa di Red (film originale)
  • Descendants: Sing-Along (speciale originale)
  • Descendants 2: Sing-Along (speciale originale)
  • Descendants 3: Sing-Along (speciale originale)

17 luglio

  • Will Trent (serie non originale, stagione 2)

24 luglio – Le uscite su Disney+

  • It’s Always Sunny in Philadelphia (serie non originale, stagioni 1-8)

29 luglio

  • Futurama (serie non originale, stagione 12)

31 luglio

  • It’s Always Sunny in Philadelphia (serie non originale, stagioni 9-16)

Continua a leggere

Apple TV+

La donna del lago: il trailer della miniserie Apple TV+ con Natalie Portman

Pubblicato

il

La donna del lago

È online il trailer de La donna del lago, nuova miniserie Apple TV+ in sette puntate interpretata dalla vincitrice dell’Oscar e del Golden Globe Natalie Portman e dalla candidata all’Emmy Moses Ingram. La miniserie thriller è creata e diretta da Alma Har’el (Honey Boy) e basata sull’omonimo bestseller del New York Times, firmato dalla scrittrice Laura Lippman. Oltre a Natalie Portman e Moses Ingram, il cast può contare su Y’lan Noel, Brett Gelman, Byron Bowers, Noah Jupe, Josiah Cross, Mikey Madison e Pruitt Taylor Vince.

Oltre a essere protagonista, Natalie Portman è anche produttrice esecutiva insieme a Sophie Mas. Nathan Ross e il compianto Jean-Marc Vallée sono invece accreditati come produttori esecutivi per conto di Crazyrose, mentre Julie Gardner è produttrice esecutiva per conto di Bad Wolf America. Anche Layne Eskridge, Amy Kaufman, Boaz Yakin e la scrittrice Laura Lippmann sono produttori esecutivi della miniserie. Diamo un’occhiata a quello che ci aspetta.

Il trailer de La donna del lago

Questa la sinossi ufficiale della miniserie:

Quando la scomparsa di una giovane ragazza sconvolge la città di Baltimora nel giorno del Ringraziamento del 1966, le vite di due donne convergono in una rotta di collisione fatale. Maddie Schwartz (Portman) è una casalinga ebrea che cerca di liberarsi di un passato segreto e di reinventarsi come giornalista investigativa; Cleo Sherwood (Ingram) è una madre che naviga nel ventre politico della Baltimora nera, mentre si danna per mantenere la sua famiglia. All’inizio le loro vite sembrano scorrere in parallelo, ma quando Maddie si incaponisce sulla misteriosa morte di Cleo, si apre un baratro che mette in pericolo tutti coloro che le circondano. Dalla visionaria regista Alma Har’el, La donna del lago si rivela un febbrile thriller dai toni noir e un inaspettato racconto del prezzo che le donne pagano per inseguire i loro sogni.

In conclusione, il poster ufficiale della miniserie, che debutterà su Apple TV+ il 19 luglio con i primi due episodi, seguiti da nuovi episodi ogni venerdì, fino al 23 agosto.

La donna del lago

Continua a leggere
Pubblicità

    Copyright © 2024 Lost in Cinema.