El Camino - Il film di Breaking Bad El Camino - Il film di Breaking Bad

Netflix

El Camino – Il film di Breaking Bad: recensione dell’epilogo di un’epopea

Pubblicato

il

Vince Gilligan ci ha dimostrato coi suoi lavori di essere capace di qualsiasi miracolo televisivo. Trasformare un ordinario professore di chimica in un novello Scarface, costruire un intero episodio sulla caccia a una mosca, estrapolare un singolo macchiettistico personaggio dalla sua meravigliosa creatura Breaking Bad e trasformarlo in una tragica e furbesca maschera dell’0ssessione per il successo e per l’accettazione. Con El Camino – Il film di Breaking Bad, pubblicato proprio oggi su Netflix, Gilligan osa però ancora di più, mettendo addirittura mano al sublime finale della serie per dare una conclusione più approfondita al personaggio di Jesse Pinkman, socio in affari dell’iconico Walter White.

L’ultima avventura di Jesse Pinkman
El Camino - Il film di Breaking Bad

Quanta vita vera e sincera c’era in quel finale, con Jesse e Walter che si accomiatavano senza svilenti parole, ma solo con un loquace sguardo di intesa, preludio al commovente ultimo saluto di White ai suoi strumenti di lavoro e alla liberatoria fuga di Pinkman a bordo della Chevrolet El Camino su cui lo ritroviamo in questa appendice. Un finale di rara raffinatezza, perfetto nel dare una conclusione a ciò che doveva essere chiuso e a lasciare giustamente più sfumato ciò che invece poteva essere affidato alla fantasia dello spettatore, che diventa paradossalmente una zavorra difficile da sostenere per El Camino – Il film di Breaking Bad.

Intendiamoci, Gilligan si dimostra una volta di più un maestro nel montare un’asfissiante tensione sul nulla o quasi, a cesellare pensieri e stati d’animo con efficaci dialoghi e a delineare i lati più oscuri dell’animo umano, dando vita a un intenso road movie dalla matrice thriller, arricchito dal continuo passaggio fra diversi piani temporali e capace di sconfinare apertamente, come già Breaking Bad, nel western contemporaneo, con Albuquerque trasformata in terra di frontiera dove il confine fra Bene e Male è estremamente sottile e i confronti con le armi da fuoco sono all’ordine del giorno.

Fin dai primi momenti di El Camino – Il film di Breaking Bad si percepisce però che l’intento di chiudere la personale odissea di Jesse Pinkman è in contrasto con la natura stessa del personaggio di Aaron Paul, che, nonostante la maturazione a cui l’ha costretto una vita difficile, nell’animo è ancora quell’avventato spacciatore di quartiere incapace di ragionare prima di agire e incline a fare precipitare la sua già precaria situazioni con scelte affrettate.

El Camino – Il film di Breaking Bad: il tentativo di dare una chiusura al personaggio di Jesse Pinkman

El Camino - Il film di Breaking Bad

Come si può dare una chiusura efficace ed esaustiva a un’anima in perenne tormento, che per sfortuna o per propria colpa ha perso la stima dei suoi genitori, la sua amata Jane, il suo socio/nemico Walter White e infine anche il suo proverbiale spirito libero? Gilligan opta per mettere in scena un’ultima grande avventura di Jesse, lavorando sia sulla nostalgia per luoghi, eventi e personaggi cari ai fan della serie (che apprezzeranno i diversi eccellenti camei di vecchie conoscenze), sia sull’approfondimento di un personaggio di cui abbiamo imparato a conoscere ogni sfumatura, che vediamo subire torture e umiliazioni nei flashback sulla sua prigionia, ma anche cercare una via per la salvezza, forse per la prima volta in totale autonomia, con ineluttabile certezza: è impossibile rimettere totalmente a posto le cose, e troveremo sempre i cocci dei vasi che abbiamo rotto sul nostro cammino.

Torna alla mente il Carlito Brigante di Carlito’s Way e il suo Non me la vado certo a cercare io questa merda, è lei che viene da me, nel vedere Jesse precipitare di nuovo nei bassifondi dell’umanità ogni volta che prova timidamente ad alzare la testa. El Camino – Il film di Breaking Bad non fa infatti che confermare la versione cupa e pessimista del mondo di Gilligan, dove ogni cosa bella è destinata a sfiorire e in cui ogni repentina ascesa è solo il prodromo a un’altrettanto brusca caduta. Più che una chiusura definitiva a un memorabile racconto, questa operazione, fortemente voluta da tutte le personalità coinvolte, diventa solo una nuova ultima puntata di una storia che potenzialmente potrebbe proseguire all’infinito. Un prodotto appagante, lontano sia dalla mera operazione commerciale sia da un semplice revival nostalgico, che però non ci dice molto di più di quanto già sapevamo.

El Camino – Il film di Breaking Bad: la prima tappa di una nuova era?

El Camino - Il film di Breaking Bad

Che cosa ci resta dunque di El Camino – Il film di Breaking Bad? Forse non il nuovo travolgente capitolo che molti aspettavano e probabilmente neanche l’epilogo totale e definitivo per cui era stato ideato questo progetto. Oltre a un racconto avvincente, che si pone indubbiamente fra le migliori produzioni originali Netflix, e alle reminiscenze di uno show cardine della golden age della TV di inizio millennio, ci rimane certamente la consapevolezza che questo piccolo universo è ben lontano dalla saturazione, e può ancora essere esplorato in molteplici direzioni. Solo il tempo ci dirà se questo prolungamento di due ore è stato solo un’avvincente ma evitabile coda o la prima tappa di un’ulteriore espansione del mondo di Breaking Bad.

El Camino – Il film di Breaking Bad è disponibile dall’11 ottobre su Netflix.

Overall
6/10

Verdetto

El Camino – Il film di Breaking Bad non aggiunge nulla di essenziale a ciò che era stato detto e fatto nel memorabile show di Vince Gilligan, ma riesce comunque a mettere in scena una nuova appagante avventura nel sinistro universo di Albuquerque.

Focus

Netflix: tutte le nuove uscite che vedremo a novembre 2021

Pubblicato

il

Netflix

Un mese decisamente scoppiettante quello di novembre per Netflix, che proporrà ai propri abbonati diversi contenuti particolarmente attesi. Per quanto riguarda i film, spiccano sicuramente il toccante lavoro di Rebecca Hall Due donne – Passing, con protagoniste Tessa Thompson e Ruth Negga, e Red Notice, blockbuster d’azione con protagonisti Dwayne Johnson, Gal Gadot e Ryan Reynolds. Importanti arrivi su Netflix anche per quanto riguarda le serie: a novembre potremo infatti ammirare la seconda stagione della serie true crime Tiger King, la seconda parte di Masters of the Universe: Revelation e la prima serie animata di Zerocalcare Strappare lungo i bordi. Di seguito, tutto quello che ci aspetta il prossimo mese su Netflix.

Tutto ciò che vedremo a novembre 2021 su Netflix

Tiger King

1 novembre

  • Men in Black II (film non originale)
  • Our Ladies (film non originale)
  • La Famiglia Claus (film originale)
  • Un Weekend da bamboccioni (film non originale)
  • People Places Things – Come ridisegno la mia vita (film non originale)
  • I cannoni di Navarone (film non originale)
  • Saawariya (film non originale)
  • Ritoccàti (serie non originale)
  • Spookley la zucca quadrata: Natale con i gattini (animazione non originale)
  • Sotto coperta: Mediterraneo (serie non originale, stagione 3)
  • Angry Birds (serie non originale, stagione 4)

2 novembre

  • Spontaneous (film non originale)
  • Camp Confidential: nazisti in America (film originale)
  • Buddy Games (film non originale)
  • Ridley Jones: La paladina del museo (serie animata originale, stagione 2)

3 novembre

  • The Harder They Fall (film originale)
  • Straight on Till Morning (film non originale)
  • I Re della Truffa (film originale)
  • Baxter (film non originale)
  • Dita Von Teese al Crazy Horse (show non originale)
  • La tragedia del capitano Scott (film non originale)
  • Mauvaise foi (film non originale)
  • I ragazzi del retrobottega (film non originale)
  • Il mistero di Cambridge (film non originale)
  • A Run for Your Money (film non originale)
  • Un alibi troppo perfetto (film non originale)
  • Filles uniques (film non originale)

4 novembre

  • Creed (film non originale)
  • Creed II (film non originale)
  • Amina (film non originale)
  • Caccia ai Killer (serie true crime originale, stagione 1)

5 novembre

  • Yara (film originale)
  • Big Mouth (serie originale, stagione 5)
  • Narcos: Messico (serie originale, stagione 3)
  • Love Hard (film originale)
  • The Unlikely Murder (serie originale, stagione 1)
  • Max (film non originale)
  • Il momento per crescere (film originale)
  • Zero to Hero (film originale)
  • A Cop Movie (film originale)
  • Meenakshi Sundareshwar – Tempio d’amore (film originale)
  • The Club (serie originale, parte 1)
  • Glòria (serie originale, stagione 1)
  • The Unlikely Murderer (miniserie originale)

6 novembre

  • Arcane (serie originale, stagione 1)

7 novembre

  • Natale con il babbo (film originale)

9 novembre

  • Your Life Is A Joke (serie originale, stagione 1)
  • The Kitchen (film non originale)
  • Swap Shop: mercatino alla radio (reality show originale, stagione 1)

10 novembre

  • Gentefied (serie originale, stagione 2)
  • Happiness Ever After (film originale)
  • Due donne – Passing (film originale)
  • Jumanji: The Next Level (film non originale)
  • Ancora più bello (film non originale)
  • Animal: il meraviglioso regno animale (serie documentario originale, stagione 1)

11 novembre

  • 7 Prisioneiros (film originale)
  • Love Never Lies (reality show originale, stagione 1)

12 novembre

  • Red Notice (film originale)

15 novembre

  • Kuroko’s Basketball Movie: Last Game (film non originale)
  • Mentiras (serie originale, stagione 1)

16 novembre

  • BlacKKKlansman (film non originale)
  • StoryBots: Laugh, Learn, Sing (serie animata originale, stagione 1)

17 novembre

  • Strappare lungo i bordi (serie originale, stagione 1)
  • Mi chiamo Francesco Totti (film non originale)
  • Tiger King (serie originale, stagione 2)
  • Christmas Flow – Gli opposti si innamorano (serie originale, stagione 1)
  • La regina del Flow (serie originale, stagione 2)

18 novembre

  • Nei panni di una principessa: inseguendo la stella (film originale)

19 novembre

  • L’arte soffiata: Aria di Natale (serie originale, stagione 1)
  • Hellbound (serie originale, stagione 1)
  • tick, tick…BOOM! (film originale)
  • Cowboy Bebop (serie originale, stagione 1)

23 novembre

  • Masters of the Universe: Revelation (serie originale parte 2)
  • Piccole donne (film non originale)

24 novembre

  • Bruised – Lottare per vivere (film originale)
  • Un pettirosso di nome Patty (film originale)
  • True Story (serie originale, stagione 1)

25 novembre

  • F is for Family (serie originale, stagione 5)
  • Super ladri (serie originale, stagione 1)

26 novembre

  • Un castello per Natale (film originale)

27 novembre

  • Bohemian Rhapsody (film non originale)

30 novembre

  • La vetta degli dei (film originale)
Continua a leggere

Focus

Netflix: tutte le nuove uscite che vedremo a ottobre 2021

Pubblicato

il

The Guilty

Con la stagione che entra nel vivo, Netflix è pronta a stupirci con tanti interessanti progetti che popoleranno il catalogo di ottobre 2021. Tanti i titoli da non perdere d’occhio: da The Guilty con Jake Gyllenhaal ad Army of Thieves, prequel di Army of the Dead. Grande attesa anche per la seconda stagione di Locke & Key e per la terza di You, oltre che per il film interattivo In fuga da Undertaker, con protagonista l’ex star della WWE. Di seguito, tutto quello che ci aspetta questo mese su Netflix.

Tutto ciò che vedremo a ottobre 2021 su Netflix

Netflix

Dall’1 ottobre su Netflix

  • MAID (serie originale, stagione 1)
  • Forever Rich – Storia di un rapper (film originale)
  • The Seven Deadly Sins: Cursed by Light (anime originale)
  • Seinfeld (serie non originale, stagioni 1-9)
  • Nightmare – Dal Profondo della notte (film non originale)
  • Nightmare 5 – Il mito (film non originale)
  • The Promised Neverland (serie non originale, stagione 2)
  • The Guilty (film originale)
  • Diana: Il Musical (film originale)
  • Swallow (film originale)
  • Anatomy (film non originale)
  • L’età dell’innocenza (film non originale)
  • Love You to Death (film non originale)
  • Gatte per magia (serie originale, stagione 1)
  • Oats Studios (serie di cortometraggi originali, stagione 1)
  • Sword Art Online (serie anime non originale, stagione 4)
  • Paik’s Spirit (show originale)
  • Colonia Dignidad: una setta tedesca in Cile (serie documentario originale)

2 ottobre

  • Non si scherza col fuoco (film non originale)

3 ottobre

  • Scissor Seven (serie originale, stagione 3)

4 ottobre

  • On My Block (serie originale, stagione 1)

5 ottobre

  • Remember You (serie non originale, stagione 1)
  • In fuga da Undertaker (film interattivo originale)

6 ottobre

  • Il lato oscuro dello sport (documentario originale)
  • Baking Impossible (serie originale, stagione 1)
  • C’è qualcuno in casa tua (film originale)
  • Il cardellino (film non originale)
  • Les Carabiniers (film non originale)
  • La tortura del silenzio (film non originale)
  • La vendetta delle Juana (serie originale, stagione 1)
  • Il lato oscuro dello sport (serie documentario originale originale, stagione 1)

7 ottobre

  • Sexy Beasts (serie originale, stagione 1)
  • Il codice da un miliardo di dollari (miniserie originale)
  • L’ingegno dello yakuza casalingo (serie non originale, stagione 2)

8 ottobre

  • Pretty Smart (serie originale, stagione 1)
  • Mio fratello, mia sorella (film originale)
  • Rancore (film originale)
  • Angeliena (film non originale)
  • Altro che caffè (serie originale, stagione 3)
  • Pretty Smart (serie originale, stagione 1)
  • In una notte buia e spaventosa (serie animata non originale, stagione 1)
  • House of Secrets: The Burari Deaths (miniserie documentario)

9 ottobre

  • Hometown Cha-Cha-Cha (serie originale, stagione 1)
  • Blue Period (serie anime originale, stagione 1)

10 ottobre

  • Il sogno di Crumb (film non originale)
  • La famiglia Van Paemel (film non originale)
  • Lee & Cindy C. (film non originale)
  • Mira (film non originale)
  • Peter Bell 2 (film non originale)
  • The Sacrament (film non originale)
  • The Seventh Heaven (film non originale)
  • La magia del diario di Anna Frank (documentario originale)

11 ottobre

  • Il club delle babysitter (serie originale, stagione 1)

12 ottobre

  • Convergence: il coraggio nella crisi (film originale)
  • Bright: Samurai Soul (film originale)
  • Convergence: il coraggio nella crisi (documentario originale)
  • Dietro le quinte di Malinche: un documentario di Nacho Cano (documentario originale)
  • I film della nostra infanzia (serie documentario originale, stagione 3)

13 ottobre

  • Distanza di sicurezza (film originale)
  • Operation Hyacinth (film originale)
  • Violet Evergarden: Il film (anime non originale)

14 ottobre

  • Another Life (serie originale, stagione 2)
  • Slashers (film non originale)
  • One Night in Paris (stand-up comedy originale)

15 ottobre

  • You (serie originale, stagione 3)
  • Little Things (serie originale, stagione 1)
  • Io, tu, lui e lei (film originale)
  • Il mondo di Karma (serie originale, stagione 1)
  • La battaglia dimenticata (film originale)
  • The Trip (film originale)
  • My Name (serie originale, stagione 1)
  • Sharkdog: Un Halloween squaloso (speciale animato originale)

16 ottobre

  • Misfit – Fuori posto: La serie (serie originale, stagione 1)

19 ottobre

  • La casa delle bambole di Gabby (serie originale, stagione 3)

20 ottobre

  • Night Teeth (film originale)
  • 8 Rue de l’Humanité (film originale)
  • Found: Ritrovate (film originale)
  • Night Teeth (film originale)
  • Found: Ritrovate (documentario originale)

21 ottobre

  • Cowboy Bebop (anime non originale)
  • Life’s a Glitch with Julien Bam (serie originale, stagione 1)
  • Sesso, amore e goop (serie originale, stagione 1)
  • Flip a Coin -ONE OK ROCK Documentary (documentario originale)
  • Sesso, amore e goop (reality originale)

22 ottobre

  • Locke & Key (serie originale, stagione 2)
  • Rick and Morty (serie non originale, stagione 5)
  • Inside Job (serie originale, stagione 1)
  • More than Blue: La serie (serie originale, stagione 1)
  • Maya e i tre guerrieri (miniserie animata originale)

23 ottobre

  • The Office (serie non originale, stagioni 1-9)

24 ottobre

  • One Piece Stampede (film originale)

27 ottobre

  • Sintonia (serie originale, stagione 2)

28 ottobre

  • Luis Miguel – La serie (serie originale, stagione 3)

29 ottobre

  • Dynasty (serie originale, stagione 4)
  • Il tempo che ti do (serie originale, stagione 1)
  • Colin in bianco e nero (serie originale, stagione 1)
  • Army of Thieves (film originale)
Continua a leggere

Netflix

Il potere del cane: recensione del film di Jane Campion

Pubblicato

il

Il potere del cane

Dopo il successo di Bright Star del 2009, Jane Campion, prima regista a vincere la Palma d’oro per Lezioni di piano al Festival di Cannes del 1993, e una delle sole sette donne al mondo candidate agli Oscar come miglior regista, torna ai lungometraggi con Il potere del cane, presentato in concorso durante la 78a edizione della Mostra del Cinema di Venezia

Tratto dal libro di Thomas Savage, Il potere del cane è interpretato da Benedict Cumberbatch (Phil Burbank), Kirsten Dunst (Rose Gordon), Jesse Plemons (George Burbank) e Kodi Smit-McPhee (Peter Gordon). 

1925. I fratelli Burbank sono ricchi allevatori del Montana. Phil Burbank ha un fascino crudele, lo sguardo severo, gli occhi diafani. Durante una tappa al ristorante Red Mill lui e suo fratello incontrano la proprietaria vedova Rose con il figlio Peter. Mentre Phil si comporta in modo così crudele da spingere madre e figlio alle lacrime, il fratello George consola Rose e poi decide di sposarla. Quando il fratello porta la nuova moglie e il figlio di lei a vivere al ranch di famiglia, Phil li tormenta e continua a prendersi gioco di Rose nella penombra. Eppure a un certo punto Phil sembra voler prendere il ragazzo sotto la sua ala. 

Il potere del cane: il film di Jane Campion con Benedict Cumberbatch

Il potere del cane

Il potere del cane è un’opera di perdita e di cambiamenti; cambiamenti evidenti e strutturali in quegli anni come le automobili che cominciano a sostituire i cavalli, come l’industria che ha sempre più margine all’interno della società, la meccanizzazione del lavoro, l’elettricità e non solo; esistono cambiamenti percepibili anche nel territorio, diviso tra due mondi, uno fatto di pianure deserte, agricoltura, un altro circondato dal filo spinato, dalle ferrovie, in cui coesistono nativi americani, pregiudizi, pionierismo e ingiustizia sociale. 

Il potere del cane, che come ogni film che guarda o si proietta nel gusto e nell’immaginario western, affonda il suo sguardo sul confine, sul travalicamento di un limite, di un’estremità, di un luogo. Phil Burbank vive una contraddizione quotidiana in ogni contesto e ogni luogo, e abitare la casa significa subire gli spazi degli altri, le convenzioni sociali a cui non sa sottomettersi – come quella di doversi lavare per essere presentabile – abitare il ranch significa dover costruire un’immagine di sé che possa essere ben spesa e ben definita, un’immagine da uomo fiero, virile. Sembra non esistere un posto che possa accogliere la sua complessità, se esiste è un luogo abitato dai fantasmi. 

Se c’è una cosa che il film esamina e scompone perfettamente è la costruzione sociale della mascolinità. E per tutto il film è impossibile non porsi determinate domande. Cos’è la mascolinità? Come si esprime? Perché spesso viene resa nella sua peggiore declinazione ovvero quella tossica? Esiste una mascolinità indulgente? Che conosce i propri limiti e sceglie di esprimersi attraverso di essi?

Il potere del cane è un’opera di perdita e di cambiamenti

Il potere del cane

Il potere del cane è composto di versi feroci, violenti, di personaggi che non temono di praticare la propria brutalità, di innescare il proprio istinto animalesco e viscerale e di spenderlo nel mondo. Il personaggio sicuramente più complesso, più irrisolto, brillante e spaventoso allo stesso tempo è quello di Phil Burbank, un uomo che vive la contraddizione, vive il paradosso di essere da un lato meschino, ostile, un maschio alfa super omofobo, e dall’altro sensibile, creativo, tormentato, solo e omosessuale. La sua creatività si innesta attraverso la manualità artigiana dell’intaglio del cuoio, come anche il suo incredibile istinto musicale e la padronanza della sella. 

Il potere del cane non guarda da vicino solo la contemporaneità, ma la modernità di tutto ciò che stava sopraggiungendo nell’America degli anni ’20, un momento di grandi rivoluzioni, di strade che si intrecciano, vite che vengono spese all’interno di limiti assoluti e prestabiliti, e misteri che sorgono tra i silenzi e le espressioni del reale. 

Come nel capolavoro di John Ford, Sentieri selvaggi, in cui la soglia diventa un limite invalicabile, anche qui Phil Burbank, come Ethan Edwards, abita la soglia tra ciò che deve essere e ciò che non può più essere, e questo più che mai rende Il potere del cane una storia di fantasmi, una storia di un uomo crudele eppure fragile, che proietta la sua felicità nell’unica direzione in cui è esistita, nel passato, chiudendola nei ricordi dell’unica persona che è onnipresente eppure assente dalla scena: Bronco Henry. Un uomo che vive unicamente attraverso i sentimenti e i pensieri di Phil. 

Jane Campion dirige una storia rude, ispida e disadorna come il cuoio

Benedict Cumberbatch è perfetto nel rendere reale un personaggio così denso di sfumature, di ombre e di voragini, che colpisce per la sua personalità capovolgente, iraconda, ostile, dando un’impronta feroce a questo ruolo, un uomo degli anni ’20 del Novecento che si affaccia alla vita e alla modernità con gli strumenti che possiede, con le mani sporche di terra e di sangue, che ora si impegnano a castrare il bestiame, ora intrecciano il cuoio, ora suonano il banjo. Phil fin dall’inizio si palesa in tutta la sua carica virile da ranchero con una tensione erotica che verrà ampiamente indagata all’interno della narrazione.

Il potere del cane è capace di condividere ed esternare il desiderio maschile, l’erotismo, all’interno di una cornice espressamente americana e ranchera, come accade in Brokeback Mountain (non a caso Campion ha incontrato la scrittrice Annie Proulx, autrice del racconto da cui è tratto I segreti di Brokeback Mountain di Ang Lee), che tratteggia la storia del rapporto sentimentale fra due cowboy. Jane Campion dirige una storia rude, ispida e disadorna come il cuoio, intrappolata, paradossale e sporca come il desiderio ostile e inenarrabile di Phil, una storia fragile e potente come il Montana. 

Il potere del cane esordisce al cinema a novembre e sarà disponibile su Netflix dall’1 dicembre 2021. 

Overall
6.5/10

Verdetto

Jane Campion dirige una storia rude, ispida e disadorna come il cuoio, intrappolata, paradossale e sporca come il desiderio ostile e inenarrabile di Phil, una storia fragile e potente come il Montana. 

Continua a leggere
Pubblicità