Home Video

L’eredità della vipera: recensione del film con Josh Hartnett

Pubblicato

il

In una scena de L’eredità della vipera vediamo uno dei protagonisti, coinvolto fin dalla nascita nel malaffare, muoversi in bicicletta, in una provincia americana mai così tetra. La stessa sfrenata corsa in bicicletta che ha alimentato i sogni dei ragazzi a cavallo fra anni ’70 e ’80, in pietre miliari come E.T. l’extra-terrestre e I Goonies, è qui utilizzata dal regista Anthony Jerjen (alla sua opera prima) come mezzo per un ben più amaro diverbio fra fratelli, incapaci di mettersi alle spalle la tradizione malavitosa di famiglia. Da una parte, un semplice mezzo di locomozione, anche all’interno di un’anonima via di provincia, diventa un mezzo per sprigionare la fantasia dei ragazzi; dall’altra, quella stessa combinazione è perfettamente inserita in un contesto di desolazione e squallore morale. Un contrasto che è la perfetta sintesi de L’eredità della vipera e delle tensioni sociali che affliggono la regione dell’Appalachia, ambientazione del racconto.

L’eredità della vipera: l’opera prima di Anthony Jerjen

Anthony Jerjen ci trasporta nell’America degli hillbilly, affossata dalla crisi economica, da un tasso di disoccupazione sempre più alto e da un’epidemia più silenziosa, ma non meno letale, di quella che sta sconvolgendo il mondo intero: gli oppioidi e le morti a essi collegate. Si stima infatti che, dal 1999 al 2017, quasi 400 mila americani sono morti per overdose da oppioidi, con o senza regolare prescrizione medica. Un dato che fotografa sia la facilità con cui è possibile reperire, anche legalmente, queste sostanze, sia l’altissima richiesta di esse, strettamente correlata a un disagio sociale sempre più palpabile.

In questo sconfortante quadro, si muovono i tre fratelli Conley: Kip (Josh Hartnett), Josie (Margarita Levieva) e Boots (Owen Teague). Per loro, lo spaccio di stupefacenti non è solo l’unico mezzo con cui sopravvivere, sulla pelle di sventurati, ma anche un’eredità familiare che deriva da loro defunto padre. Ma mentre Josie è perfettamente calata in questa truce realtà, il veterano Kip, in procinto di diventare padre, desidera rompere questa spirale di violenza e sopraffazione. Al contrario, il fratello minore Boots smania dalla voglia di mettersi in proprio e costruire il suo piccolo impero. Tre diversi modi di approcciarsi al crimine, che a loro volta devono confrontarsi con i dissapori tipici delle piccole comunità e con un una miscela esplosiva di odio, angoscia e vendetta, pronta a deflagrare.

Fra inganni, tradimenti e brutalità, Anthony Jerjen mette in scena un thriller teso e cupo, in bilico fra dramma familiare e affresco sociale. Non esistono buoni o cattivi ne L’eredità della vipera, ma solo persone alle prese con un’esistenza priva di sbocchi e con un ineluttabile destino di sofferenza.

L’eredità della vipera: il dramma degli oppioidi negli Stati Uniti

L'eredità della vipera

Ciò che sorprende maggiormente di Anthony Jerjen, cittadino svizzero cresciuto a pane e cultura pop americana, è il suo sguardo lucido e disincantato su un segmento della società statunitense poco rappresentato nel panorama dell’intrattenimento contemporaneo. Lungi dal rendere L’eredità della vipera un manifesto politico, il regista compie una scelta netta e precisa, avviando il racconto in medias res, con una raggelante morte per overdose, e privando lo spettatore di un’introduzione testuale che circoscriva temporalmente e fisicamente la narrazione. L’impatto è straniante, e la sensazione di spaesamento è acuita dallo stile registico, fatto di lenti movimenti di macchina verso i personaggi, nonché dalle atmosfere da action-thriller anni ’70, che donano al racconto una dimensione quasi atemporale, nonostante l’urgenza dei temi trattati.

Ondeggiando fra trattato sociale e reminiscenze del cinema di William Friedkin, da cui trae la spietatezza dei personaggi e delle situazioni, Anthony Jerjen corre più volte il rischio di mettere in secondo piano il maggiore pregio de L’eredità della vipera, cioè i suoi personaggi. Josh Hartnett regala una delle sue migliori prove, trasfigurandosi in un uomo pieno di amarezza, sospeso fra un invisibile veleno che sembra propagarsi nella sua famiglia e una delle sue ultime possibilità di redenzione. Non da meno l’interpretazione di Margarita Levieva, capace sia di trasmettere l’ossessione del potere di Josie, sia lo sconforto che saltuariamente trapela per le decisioni che è costretta a prendere.

Fra questi due poli opposti e la pregevole prova di Bruce Dern, sempre magnifico nonostante i pochi minuti a disposizione, a essere sacrificato è soprattutto l’arco narrativo del personaggio di Owen Teague, intrappolato nel ruolo del ragazzo ribelle da lui interpretato anche in It e The Stand.

Sei disposto a tagliare un braccio per salvare il corpo?

L'eredità della vipera

Anthony Jerjen si concentra sui silenzi, sui dilemmi esistenziali e sul contesto sfibrante in cui si muovono, ma non scandaglia né l’esistenza dei suoi personaggi, né il dramma degli oppioidi che è alla base de L’eredità della vipera. Molte relazioni sono appena abbozzate (per esempio quella fra Josie e lo sceriffo locale e quella fra il personaggio di Bruce Dern e la famiglia Conley), ed è lo spettatore a dover riempire i vuoti sulla situazione degli oppiacei negli Stati Uniti, che il racconto si limita ad accennare. Più che la componente prettamente thriller dell’opera, a emergere è l’indeprecabile aura di corruzione e disperazione che attanaglia i Conley, impossibilitati a sfuggire al loro lignaggio.

«Sei disposto a tagliare un braccio per salvare il corpo?», viene chiesto a un disperato Kip. Una domanda inaccettabile, che sintetizza dolorosamente il messaggio di quest’opera imperfetta, ma capace di scavare lentamente nell’animo dello spettatore. Come certi veleni possono essere allontanati dal nostro corpo solo con gesti estremi, allo stesso modo l’unica maniera per lasciarsi definitivamente alle spalle il male a volte è quello di tagliare drasticamente i ponti col nostro passato, perché certi debiti non possono essere ripagati e determinate malevole tradizioni non possono essere eradicate. Ma si può davvero fuggire da chi siamo?

L’eredità della vipera è disponibile in Home Video e on demand dal 20 gennaio.

Overall
6.5/10

Verdetto

Anthony Jerjen mette in scena un’opera prima dal forte impatto emotivo, esaltata da attori di indubbio valore ma penalizzata dalla mancanza di approfondimento di alcune tematiche.

Home Video

C’è ancora domani e le altre uscite Home Video di giugno di CG Entertainment

Pubblicato

il

C'è ancora domani

Dopo il cammino trionfale in sala, il film di e con Paola Cortellesi C’è ancora domani arriva finalmente in Home Video. Lo fa grazie a CG Entertainment, che a partire dal 18 giugno propone il film ai collezionisti in due edizioni, DVD Collector’s Edition e Blu Ray Collector’s Edition (ed. Vision Distribution). Il DVD e il Blu Ray di C’è ancora domani sono racchiusi da uno slipcase di cartone con artwork alternativo; la confezione contiene inoltre un booklet di 28 pagine a cura di Lucia Pavan, intitolato Delia e le altre – Il lungo cammino verso la libertà. Completano l’edizione alcuni contenuti speciali esclusivi: Esordio alla regia, Il backstage, Il cast e La troupe, oltre al trailer del film.

Fra le altre uscite Home Video di giugno targate CG Entertainment ci sono anche altri recenti successi, come Enea di Pietro Castellitto (disponibile in DVD e Blu Ray ed. Vision), Caracas, diretto dal regista e interprete de L’immortale Marco D’Amore e Romeo è Giulietta, commedia romantica di Giovanni Veronesi con Sergio Castellitto e Pilar Fogliati. La riscoperta del mese è invece il cult anni ’80 The Wizard – Il piccolo grande mago dei videogames di Todd Holland (in Dvd e Blu Ray ed. CG/Universal).

Tutte le uscite Home Video di giugno di CG Entertainment

Home Video

Questo l’elenco completo delle nuove uscite di CG Entertainment, tutte disponibili a partire dal 18 giugno:

C’è ancora domani di Paola Cortellesi (Dvd Collector’s Edition – Blu Ray Collector’s Edition)
Enea di Pietro Castellitto (Dvd, Blu Ray e On Demand su CGtv.it)
Caracas di Marco D’Amore (Dvd e On Demand su CGtv.it)
Dieci minuti di Maria Sole Tognazzi (Dvd e On Demand su CGtv.it)
Romeo è Giulietta di Giovanni Veronesi (Dvd e On Demand su CGtv.it)
Una sterminata domenica di Alain Parroni (Dvd e On Demand su CGtv.it)
La guerra del Tiburtino III di Luna Gualano (Dvd e On Demand su CGtv.it)
Una bugia per due di Rudy Milstein (Dvd e On Demand su CGtv.it)
The Wizard – Il piccolo grande mago dei videogames di Todd Holland (Dvd e Blu Ray)

Continua a leggere

Home Video

Eagle Pictures: le uscite Home Video di giugno 2024

Pubblicato

il

Estranei

Sarà un giugno particolarmente carico di uscite in Home Video targate Eagle Pictures. Sono infatti in arrivo tanti nuovi film acclamati al momento dell’uscita in sala, adatti a tutti i gusti e a tutte le esigenze. Scopriamo subito cosa ci aspetta.

6 giugno – Emma e il giaguaro nero

Dal 6 giugno arriva in Home Video Emma e il giaguaro nero di Gilles de Maistre, disponibile in DVD e Blu-ray. Dopo i successi di Mia e il leone bianco e Il lupo e il leone, il regista torna a dirigere un’avventura dai risvolti sociali e ambientalisti, che unisce attori in carne e ossa e animali selvaggi. Un’avventura per tutta la famiglia, per riscoprire insieme l’amore per la natura e per il regno animale.

Le uscite Home Video di Eagle Pictures: 12 giugno – Estranei

Home Video

Il 12 giugno arriverà in Home Video Estranei di Andrew Haigh, disponibile in formato Blu-ray. Una struggente storia di amore e solitudine, tratta dal romanzo omonimo di Taichi Yamada, che vede protagonisti Andrew Scott e Paul Mescal, affiancati da Claire Foy e Jamie Bell. Un racconto in bilico fra un dolce passato e un triste presente, con sfumature fantastiche.

20 giugno – Imaginary

Home Video

Il 20 giugno arriva Imaginary di Jeff Wadlow, edito nei formati DVD, Blu-ray e 4K. Il regista di Obbligo o verità e Nickname: Enigmista dirige un horror targato Blumhouse su una famiglia alle prese con un inquietante giocattolo. Fra i protagonisti troviamo DeWanda Wise e Pyper Braun, nonché un sinistro orso di peluche.

Le uscite Home Video di Eagle Pictures: 20 giugno – Un altro Ferragosto

Home Video

Dal 20 giugno sarà disponibile anche Un altro Ferragosto di Paolo Virzì, disponibile nei formati DVD e Blu-ray. Sequel dell’acclamato Ferie d’agosto, il film ha per protagonisti Silvio Orlando, Sabrina Ferilli, Christian De Sica, Laura Morante, Andrea Carpenzano, Vinicio Marchioni, Emanuela Fanelli e Rocco Papaleo. Due tribù di villeggianti, due Italie apparentemente inconciliabili, destinate ad incontrarsi di nuovo a Ferragosto, per una sfida stavolta definitiva.

Continua a leggere

Home Video

Eagle Pictures: le uscite home video di maggio

Pubblicato

il

The Warrior - The Iron Claw

Anche per il mese di maggio, Eagle Pictures ha in serbo tante novità home video, che abbracciano le uscite recenti in sala, le serie televisive e i classici del passato. Vediamo subito cosa ci aspetta.

15 maggio: The Warrior: The Iron Claw

Eagle Pictures

A partire dal 15 maggio sarà disponibile The Warrior: The Iron Claw, struggente storia vera dei fratelli Von Erich, che nei primi anni ’80 hanno fatto la storia nel competitivo e violento mondo del wrestling professionistico. Nel cast anche Zac Efron e Jeremy Allen White. Il film sarà disponibile nei formati DVD e Blu-Ray.

Le uscite home video di Eagle Pictures del 22 maggio: Madame Web

Eagle Pictures

Appuntamento al 22 maggio per Madame Web, cinecomic di S.J. Clarkson edito nei formati DVD, Blu-Ray e Steelbook 4K, tutti contenenti un’esclusiva card da collezione e diversi contenuti extra. Dakota Johnson interpreta Cassandra Webb, un paramedico di Manhattan con poteri di chiaroveggenza. Costretta a confrontarsi con il suo passato, stringe un legame con tre giovani donne destinate a un futuro straordinario, che dovranno però sopravvivere a un presente pieno di minacce. Nel caso anche Sydney Sweeney, Isabela Merced, Emma Roberts e Adam Scott.

22 maggio: Mare fuori

Sempre il 22 maggio arriverà la quarta stagione completa di Mare fuori di Ivan Silvestrini, serie televisiva ambientata in un penitenziario minorile di Napoli, disponibile in formato DVD con all’interno tre photosticker, una cartolina e un foglio di adesivi. Un prodotto rivolto alla Generazione Z, in cui l’urlo dei giovani protagonisti si rivolge soprattutto agli adulti.

Le uscite home video di Eagle Pictures del 29 maggio: Lady Oscar

Eagle Pictures

Il 29 maggio sarà invece il turno di Lady Oscar – Parte 1, anime cult tratto dall’omonimo manga scritto e disegnato da Riyoko Ikeda, disponibile nei formati DVD e Blu-Ray. Ambientato in Francia negli ultimi anni dell’ancien régime, Lady Oscar racconta la vita alla corte di Versailles, attraverso la storia di Oscar François de Jarjayes, figlia di un generale al servizio di Luigi XV di Francia che voleva un figlio maschio.

Continua a leggere
Pubblicità

    Copyright © 2024 Lost in Cinema.