Tre piani Tre piani

News

Tre piani: recensione del film di Nanni Moretti

Pubblicato

il

Dopo l’accoglienza glaciale ricevuta durante lo scorso Festival di Cannes, è arrivato nelle sale italiane Tre piani, tredicesimo lungometraggio di finzione di Nanni Moretti. Il primo progetto del regista basato su un soggetto non suo (si tratta di un adattamento dell’omonimo romanzo di Eshkol Nevo), ma anche il film successivo a Mia madre, che chiudeva idealmente il cerchio del suo cinema più personale e autobiografico. Questi spunti lasciavano già presagire un’opera aliena nella filmografia di Moretti, ma Tre piani va oltre ogni previsione, diventando potenzialmente respingente anche per gli appassionati più sfegatati del cineasta romano. Tanto per cominciare, per la prima volta nel cinema di Moretti non c’è il minimo spunto comico e anche la speranza, che animava persino le opere più tragiche del regista, è ridotta al lumicino, soffocata da un’atmosfera lugubre ed eticamente misera.

Inoltre, è sorprendentemente fuori dal quadro la politica, che affiora soltanto in una breve sequenza ambientata in un centro di accoglienza per i migranti, in una delle tante deviazioni dall’opera originale, che affronta invece le complessità della società israeliana. Ultimo ma non meno importante punto è l’apporto dello stesso Moretti davanti alla macchina da presa, limitato a un personaggio secondario e quasi mai in scena, che il regista caratterizza con una recitazione cantilenante e quasi robotica, totalmente inespressiva.

Tre piani: squallore, distacco e solitudine nel nuovo film di Nanni Moretti

I tre piani del titolo sono quelli di una palazzina romana, in cui vivono altrettante famiglie alle prese con un grave disagio. Il primo piano è quello di Lucio e Sara (Riccardo Scamarcio ed Elena Lietti), genitori che hanno l’abitudine di affidare la loro figlia agli anziani dirimpettai. Quando uno dei vicini si perde insieme alla bambina, Lucio diventa letteralmente ossessionato dalla possibilità che sua figlia abbia subito una violenza, mentre l’adolescente nipote dei dirimpettai manifesta interesse per lui. Il secondo piano è quello di Monica (Alba Rohrwacher), madre lasciata costantemente sola dal marito Giorgio (Adriano Giannini) e costretta ad affrontare quotidianamente la solitudine e la sua fragile psiche. Al terzo piano risiedono infine Dora (Margherita Buy) e Vittorio (Nanni Moretti), giudici costretti a confrontarsi con un omicidio stradale commesso dal loro figlio in stato di ebbrezza.

Nanni Moretti modifica radicalmente l’impostazione del romanzo, intrecciando storie che originariamente erano separate e scandendo la narrazione con bruschi salti temporali di 5 anni. Non è un caso che l’intersezione fra le storie cominci con un funerale, che è al tempo stesso una ideale prosecuzione della morte della madre del protagonista del già citato Mia madre e il simbolo dell’atmosfera funerea che attraversa Tre piani. La morte e il distacco alimentano un racconto che ragiona sul passaggio di testimone fra diverse generazioni, con quelle più adulte che si dimostrano sempre inadeguate, immobili, immutate persino nel trucco nonostante il passare degli anni, mentre i giovani si rivelano malleabili, progressisti, capaci di accettare e superare gli errori dei propri genitori e persino i traumi subiti.

«Te lo meriti», urla il figlio di Vittorio mentre lo prende a calci, citando il Michele Apicella di Ecce bombo e scaricando contemporaneamente su un’intera generazione il peso dei propri sbagli.

Un’opera fredda e lugubre
Tre piani

Proprio nel Riccardo Scamarcio uguale a se stesso nonostante il passare del tempo, in contrapposizione ai giovani che cambiano addirittura interprete, nella recitazione fredda e assente dello stesso Moretti, o in quegli interni così asettici e anonimi, tipici di una dozzinale fiction televisiva, risiede il senso ultimo di Tre piani, che cerca di trasformare la forma in contenuto per fare cadere la maschera di finta felicità e falsa rettitudine che indossano i suoi personaggi. Anche se l’intento è chiaro e per certi versi nobile, non basta per nascondere i limiti di un’opera che si accartoccia sempre più su se stessa, prigioniera del suo ostentato minimalismo e della voluta piattezza della sua messa in scena, oltre che moralmente ambigua nella rappresentazione di un abuso ai danni di una minorenne.

Anche i pochi spunti più tipicamente morettiani, come gli inserti onirici con protagonista Alba Rohrwacher (suo è il personaggio meno risolto e paradossalmente più umano di Tre piani) e la milonga per le strade, non bastano a risollevare un’opera che nell’intento di svuotare i propri protagonisti finisce purtroppo per svuotare anche se stessa. Un racconto che, a dispetto del titolo e della stessa carriera di Moretti, finisce per annullare i propri molteplici potenziali piani di lettura, abbandonandosi a una mesta e sfiancante rappresentazione di una società sempre più chiusa in se stessa e sempre più priva di collegamenti umani, nella quale non si intravede però né una via di uscita, né un qualsiasi spunto di analisi o dibattito.

Tre piani è la ciambella senza buco di Nanni Moretti

Tre piani

Siamo noi i primi a essere amareggiati nel valutare negativamente l’ultimo lavoro di una colonna portante del cinema italiano, a cui va tutto il nostro immutato affetto e la nostra più profonda devozione, ma Tre piani è purtroppo una rumorosa battuta di arresto in una carriera che ci auguriamo si risollevi già a partire dal prossimo film. La ciambella senza buco di un autore che vogliamo continuare ad amare e ammirare per il suo sguardo lucido, disincantato ma sempre umano sulla società e non per questo spaccato lacerante, ma al tempo stesso freddo e amorfo, dei nostri tempi.

Overall
4.5/10

Valutazione

Purtroppo, Tre piani rappresenta un passaggio a vuoto in una carriera che ha scritto pagine indelebili del nostro cinema come quella di Nanni Moretti. Un’opera talmente fredda e minimale da risultare vuota e incapace di comunicare una qualsivoglia emozione allo spettatore.

In evidenza

Captain America: Brave New World: il trailer del film Marvel

Pubblicato

il

Captain America: Brave New World

È online il trailer ufficiale di Captain America: Brave New World, nuovo film Marvel diretto da Julius Onah, con protagonisti Anthony Mackie, Danny Ramirez, Shira Haas, Xosha Roquemore, Carl Lumbly, Giancarlo Esposito, Liv Tyler, Tim Blake Nelson e Harrison Ford. Il film arriverà nelle sale italiane il prossimo 12 febbraio, distribuito da Disney. Gustiamoci una piccola anteprima di quello che ci aspetta.

Il trailer ufficiale di Captain America: Brave New World

Questa la sinossi ufficiale del film:

Dopo aver incontrato il neoeletto Presidente degli Stati Uniti Thaddeus Ross, interpretato da Harrison Ford al suo debutto nel Marvel Cinematic Universe, Sam si ritrova nel bel mezzo di un incidente internazionale. Deve scoprire le ragioni di un efferato complotto globale prima che il mondo intero sia costretto a vedere rosso.

Questo nuovo capitolo del franchise presenta Anthony Mackie nei panni di Capitan America. Falcon, interpretato da Mackie nei precedenti film dell’MCU, ha assunto ufficialmente il ruolo di Capitan America nel finale di The Falcon and The Winter Soldier, serie originale disponibile su Disney+. Il film è prodotto da Kevin Feige e Nate Moore, mentre Louis D’Esposito e Charles Newirth sono i produttori esecutivi.

In conclusione, ecco il poster ufficiale del film che, lo ricordiamo, arriverà nelle sale italiane il 12 febbraio.

Continua a leggere

In evidenza

Shelley Duvall è morta: l’attrice statunitense aveva 75 anni

Pubblicato

il

Shelley Duvall

All’età di 75 anni, è morta l’attrice statunitense Shelley Duvall, universalmente conosciuta per il ruolo di Wendy Torrance in Shining e per il suo lungo sodalizio artistico con Robert Altman. A dare la notizia è Variety, che riporta come fonte il partner di Shelley Duvall, Dan Gilroy. Il decesso dell’attrice è dovuto a complicazioni del diabete di cui soffriva. Dan Gilroy ha così omaggiato la sua memoria:

La mia cara, dolce, meravigliosa vita, compagna e amica ci ha lasciato la scorsa notte. Troppa sofferenza ultimamente, ora è libera. Vola via, bellissima Shelley.

La carriera di Shelley Duvall

Shelley Duvall

Shelley Duvall debutta sul grande schermo nel 1970 grazie proprio a Robert Altman, che la scrittura per il suo Anche gli uccelli uccidono. Il regista statunitense la ingaggia anche per i suoi successivi film I compari, Gang, Nashville, Buffalo Bill e gli indiani, Tre donne (grazie al quale l’attrice conquista il prestigioso Prix d’Interprétation féminine al Festival di Cannes) e Popeye – Braccio di Ferro, in cui Shelley Duvall recita accanto a Robin Williams nell’iconica parte di Olivia, la fidanzata di Braccio di ferro.

Nel mentre, prende parte a Io e Annie di Woody Allen e soprattutto al film che diventerà la sua croce e delizia, Shining di Stanley Kubrick. Nel capolavoro tratto dall’omonimo romanzo di Stephen King, Shelley Duvall consegna alla storia del cinema un’interpretazione struggente e disperata, in cui sfoggia tutta la sua espressività, reggendo il confronto con un sontuoso Jack Nicholson. La sua prova è però stata ottenuta attraverso comportamenti al limite della violenza psicologica da parte del regista, che ha costretto l’attrice a un numero spropositato di ciak, spingendola deliberatamente al limite fisico e mentale. Durante un’intervista all’Hollywood Reporter, la stessa interprete ha raccontato le conseguenze indelebili sulla sua salute mentale dello stress causato dalla lavorazione di Shining.

Nonostante ciò, Shelley Duvall riesce a lavorare anche con Terry Gilliam (I banditi del tempo), Tim Burton (Frankenweenie), Steven Soderbergh (Torbide ossessioni) e Jane Campion (Ritratto di signora), prima del definitivo allontanamento dalle scene interrotto solo dalla partecipazione al B-movie The Forest Hills, ultima sua apparizione sul grande schermo.

Continua a leggere

In evidenza

Il Gladiatore II: trailer e poster del film di Ridley Scott

Pubblicato

il

Il Gladiatore II

È online il trailer de Il Gladiatore II, che arriverà nelle sale italiane a novembre 2024. Il film è il sequel del fortunato Il gladiatore, diretto da Ridley Scott e con protagonisti Russell Crowe, Joaquin Phoenix e Connie Nielsen. Per l’occasione, Ridley Scott torna dietro alla macchina da presa, dirigendo Paul Mescal, Pedro Pascal, Joseph Quinn, Fred Hechinger, Lior Raz, Derek Jacobi, Connie Nielsen e Denzel Washington. La sceneggiatura è di David Scarpa, mentre i produttori sono Douglas Wick, Ridley Scott, Lucy Fisher, Michael Pruss e David Franzoni. Diamo un’occhiata a quello che ci aspetta.

Il trailer ufficiale de Il Gladiatore II

Questa la sinossi ufficiale del film:

Diretto dal leggendario regista Ridley Scott, il Gladiatore II continua raccontare la straordinaria saga di potere, intrighi e vendetta nell’antica Roma. Anni dopo aver assistito alla tragica morte del venerato eroe Massimo per mano del suo perfido zio, Lucio (Paul Mescal) si trova costretto a combattere nel Colosseo dopo che la sua patria viene conquistata da parte di due tirannici imperatori, che ora governano Roma. Con il cuore ardente di rabbia e il destino dell’Impero appeso a un filo, Lucio deve affrontare pericoli e nemici, riscoprendo nel suo passato la forza e l’onore necessari per riportare la gloria di Roma al suo popolo. Preparatevi per un viaggio epico di coraggio e vendetta nella sanguinosa arena del Colosseo.

In conclusione, il poster ufficiale del film che, lo ricordiamo, arriverà nelle sale italiane a novembre 2024, distribuito da Eagle Pictures.

Continua a leggere
Pubblicità

    Copyright © 2024 Lost in Cinema.