Jungle Cruise Jungle Cruise

Disney+

Jungle Cruise: nuovo trailer del film con Dwayne Johnson ed Emily Blunt

Pubblicato

il

È stato pubblicato il nuovo trailer di Jungle Cruise, film Disney diretto da Jaume Collet-Serra e con protagonisti Dwayne Johnson ed Emily Blunt, che debutterà il 28 luglio nelle sale italiane e dal 30 luglio su Disney+ con Accesso VIP. Le due star hollywoodiane interpreteranno lo spericolato capitano Frank Wolff e un’intrepida ricercatrice, la dottoressa Lily Houghton, in un racconto ispirato alla celebre attrazione di Disneyland. Gustiamoci una piccola anteprima di quello che vedremo sul grande schermo.

Dwayne Johnson ed Emily Blunt nel nuovo trailer di Jungle Cruise

Jungle Cruise è diretto da Jaume Collet-Serra e interpretato da Dwayne Johnson, Emily Blunt, Edgar Ramirez e Jack Whitehall, con Jesse Plemons e Paul Giamatti. Il film è prodotto da John Davis e John Fox di Davis Entertainment, Dwayne Johnson, Hiram Garcia e Dany Garcia di Seven Bucks Productions, e Beau Flynn di Flynn Picture Co., mentre Scott Sheldon e Doug Merrifield sono i produttori esecutivi. La sceneggiatura è firmata da Michael Green e Glenn Ficarra & John Requa, da un soggetto di John Norville & Josh Goldstein e Glenn Ficarra & John Requa. Questa la sinossi ufficiale:

Da Londra, in Inghilterra, Lily parte per la foresta amazzonica e recluta Frank per guidarla lungo il corso del fiume con La Quila, la sua barca diroccata ma affascinante. Lily è determinata a scoprire un antico albero con straordinarie capacità curative, in grado di cambiare il futuro della medicina. Durante questa epica ricerca, l’improbabile duo incontra innumerevoli pericoli e forze soprannaturali, nascosti nell’ingannevole bellezza della rigogliosa foresta pluviale. Ma quando vengono svelati i segreti dell’albero perduto, la posta in gioco per Lily e Frank diventa sempre più alta e il loro destino e quello dell’umanità sono appesi a un filo.

Disney+

The Greatest Hits: recensione del film con Lucy Boynton

Pubblicato

il

The Greatest Hits

Prima il gioiellino Sing Street, poi Bohemian Rhapsody (in cui interpretava la fidanzata di Freddie Mercury, Mary Austin) e adesso The Greatest Hits. Quando si parla di musica e del suo potere salvifico, il luminoso e allo stesso tempo fragile sguardo di Lucy Boynton è evidentemente un punto di forza narrativo ed espressivo. La trentenne britannica è in questo caso alle prese con un racconto sentimentale a sfumature fantascientifiche, con cui Ned Benson torna alla regia dopo La scomparsa di Eleanor Rigby, struggente anatomia di una coppia montata da diversi punti di vista (Him, Her e Them) con Jessica Chastain e James McAvoy. Un dramma sull’elaborazione del lutto e sulla necessità di lasciarsi in qualche modo alle spalle una perdita, dalle notevoli ambizioni ma penalizzato da una scrittura non sempre a fuoco.

Al centro di The Greatest Hits c’è la giovane Harriet (Lucy Boynton), che scopre di avere il potere di tornare indietro nel tempo e rivivere i suoi ricordi con l’ex fidanzato Max (David Corenswet), tramite l’ascolto di alcune canzoni. Una dinamica che destabilizza la sua già tormentata personalità, portandola a chiudersi a riccio. Tutto cambia quanto Harriet nel presente conosce David (Justin H. Min), ragazzo segnato da un lutto con cui intreccia un legame sempre più profondo. In bilico fra due amori, la protagonista non può fare a meno di interrogarsi sulla possibilità di cambiare il passato e su quali possano essere le conseguenze sul presente.

The Greatest Hits: il potere salvifico della musica fra lutti e viaggi nel tempo

Il cinema non deve essere per forza il terreno del realismo. Abbiamo visto e amato le storie più fantasiose e improbabili, fra creature mitologiche, galassie lontane lontane e supereroi intenti a lottare fra di loro con bizzarri costumi. Un risultato garantito non solo dalla sospensione dell’incredulità, ma da una scrittura attenta a creare mondi con propri specifici dettagli, con determinate regole e con rapporti di forza ben delineati, a cui abbandonarsi nonostante la loro implausibilità. Anche film sentimentali come Questione di tempo e Un amore all’improvviso (entrambi con Rachel McAdams) hanno rispettato questa regola non scritta, che invece Ned Benson (anche sceneggiatore di The Greatest Hits) decide deliberatamente di mettere in secondo piano.

Harriet non ha solo ricordi del suo passato con Max, ma è in grado di andare fisicamente indietro nel tempo e può interagire con le persone che incontra, il tutto con la consapevolezza degli eventi che ha nel presente. Anche senza addentrarsi in riflessioni troppo cerebrali sui paradossi temporali (che ancora oggi accompagnano le discussioni più accese su Ritorno al futuro), questo potere apre diverse questioni, la più importante delle quali è ovviamente la possibilità di cambiare il corso degli eventi. Un potere che sarebbe fondamentale per la stessa Harriet, che tuttavia vive i suoi viaggi temporali prevalentemente in modo passivo, limitandosi a catalogare le canzoni che hanno effetto su di lei e a creare una sorta di timeline degli eventi principali del suo passato con Max.

The Greatest Hits: il problema della musica

Lucy Boynton in una scena di The Greatest Hits, disponibile dal 12 aprile su Disney+.

La scelta di sceneggiatura di Ned Benson è motivata dalla necessità di lasciare spazio al sentimento nascente fra la ragazza e David, ma il risultato è quello di minare dalle fondamenta The Greatest Hits. Come possiamo credere a un personaggio che non usa un potere soprannaturale nel modo in cui chiunque al suo posto farebbe immediatamente?

Un peccato originale che riverbera su altri elementi della caotica sceneggiatura, come la personalità contraddittoria della protagonista (prima chiusa in se stessa, poi lanciata in una nuova storia, poi ancora desiderosa di cambiare il suo passato) e l’elemento che dovrebbe essere portante in The Greatest Hits ovvero la musica. Riuscite a immaginare film con al centro la musica come Alta fedeltà, School of Rock, I Love Radio Rock e il già citato Sing Street senza una colonna sonora studiata approfonditamente in termini qualitativi e contenutistici? The Greatest Hits fa esattamente questo, affidandosi a una scaletta sbiadita e svogliata, in cui il brano più rilevante per la narrazione è incomprensibilmente I’m Like a Bird di Nelly Furtado (autrice anche di un cameo altrettanto sciatto nei panni di se stessa).

Un vero peccato, perché quando Ned Benson sceglie di addentrarsi nell’incontro di dolori e solitudini dei personaggi sa regalare anche momenti toccanti, che mettono in luce la caducità della nostra esistenza e la possibilità di superare anche i traumi più laceranti aprendo la porta al futuro e al prossimo.

Un film mal pensato e mal scritto

Justin H. Min e Lucy Boynton in una scena di The Greatest Hits, disponibile dal 12 aprile su Disney+.

Ned Benson ondeggia con tatto, sensibilità e inclusività fra i suoi personaggi (emblematico il personaggio nero e gay di Austin Crute, migliore amico di Harriet), per poi arrivare atterrare precipitosamente sul tema portante dell’intero racconto, ovvero la possibilità di cambiare il passato. Ne nasce un epilogo abbastanza originale e coerente, che tuttavia arriva quando i buoi sono già scappati, nonostante la bravura e l’espressività di Lucy Boynton, capace di colmare con il suo carisma molti vuoti del suo personaggio ma non di salvare un film mal pensato e mal scritto.

The Greatest Hits è disponibile dal 12 aprile su Disney+.

Overall
5/10

Valutazione

Nonostante la buona prova di Lucy Boynton, The Greatest Hits vanifica i suoi ottimi spunti con una sceneggiatura sciatta e una colonna sonora sbiadita.

Continua a leggere

Disney+

Disney+: tutte le uscite di aprile 2024

Pubblicato

il

Disney+ uscite

Anche ad aprile, Disney+ ha in serbo tante nuove uscite in grado di soddisfare tutti i propri abbonati. Dopo il passaggio in sala, arriva nel catalogo della piattaforma Wish, 62º classico Disney che celebra il 100º anniversario dei Walt Disney Animation Studios. Un racconto incentrato sui desideri e sulla forza di volontà, durante il quale Asha e Star affrontano un temibile nemico per salvare la loro comunità. Per quanto riguarda le produzioni originali della piattaforma, vedremo invece The Greatest Hits, film con Lucy Boynton con protagonista una giovane donna in grado di viaggiare nel tempo attraverso le canzoni, e Thank You, Goodnight: The Bon Jovi Story, docu-serie in quattro episodi sulla celebre rock band e sul suo leggendario frontman.

In occasione della Giornata della Terra, fra le uscite di Disney+ il 22 aprile troveremo la docu-serie I segreti del polpo, diretta da James Cameron, insieme al documentario Tiger, narrato da Priyanka Chopra Jonas, e al film Tiger – Behind the Scenes, dedicati entrambi a uno degli animali più affascinanti del pianeta. Da non perdere infine le nuove serie originali Iwájú: City of Tomorrow e Ci vediamo in un’altra vita. Di seguito, l’elenco completo di tutte le nuove uscite che ci aspettano ad aprile 2024 su Disney+.

L’elenco completo delle uscite di aprile 2024 su Disney+

Disney+ uscite

1 aprile

  • Vanderpump Villa (serie originale)

3 aprile

  • Wish (film non originale)

10 aprile

  • Iwájú: City of Tomorrow (serie originale)

12 aprile

  • The Greatest Hits (film originale)

17 aprile

  • Ci vediamo in un’altra vita (serie originale)

22 aprile – Le uscite su Disney+

  • I segreti del polpo (docuserie originale)
  • Tiger (documentario originale)
  • Tiger – Behind the Scenes (film non originale)

24 aprile – Le uscite su Disney+

  • Tracker (serie originale)
  • American Dad (serie non originale, stagione 24)

26 aprile

  • Thank You, Goodnight: The Bon Jovi Story (docuserie non originale)

Continua a leggere

Disney+

Taylor Swift: The Eras Tour (Taylor’s Version), il trailer del film concerto

Pubblicato

il

Taylor Swift: The Eras Tour (Taylor's Version)

Il prossimo 15 marzo debutterà in esclusiva su Disney+Taylor Swift | The Eras Tour (Taylor’s Version), il film concerto di Taylor Swift per la prima volta nella sua versione integrale, che include il brano Cardigan e altre quattro canzoni acustiche aggiuntive, non presenti nella versione cinematografica. Una vera e propria esperienza musicale e cinematografica incentrata sul tour dell’artista 14 volte vincitrice ai Grammy Taylor Swift. Taylor Swift | The Eras Tour (Taylor’s Version) è diretto da Sam Wrench e ha incassato più di 260 milioni di dollari in tutto il mondo, diventando così il film concerto con il più alto incasso al botteghino di tutti i tempi. Gustiamoci una piccola anteprima di quello che ci aspetta attraverso il trailer ufficiale del progetto.

Il trailer ufficiale di Taylor Swift: The Eras Tour (Taylor’s Version)

Fra i brani eseguiti dalla cantautrice statunitense nel corso del film concerto ci sono Cruel Summer, Shake It Off, Anti-Hero, You Belong With Me, Blank Space, Love Story, I Knew You Were Trouble, We Are Never Ever Getting Back Together, Bad Blood e Look What You Made Me Do, rappresentativi di una carriera e di un fenomeno senza precedenti all’interno del panorama musicale mondiale. Nel dicembre 2023, Taylor Swift ha battuto il record di Elvis Presley, diventando l’artista solista con il maggior numero di settimane al numero 1 nella classifica degli album USA (ben 68).

Il CEO di Disney Bob Iger ha così commentato l’arrivo nel catalogo di Disney+ del film concerto:

L’Eras Tour è stato un vero e proprio fenomeno che ha entusiasmato e continua a entusiasmare i fan di tutto il mondo, e siamo davvero felici di portare questo elettrizzante concerto al pubblico ovunque si trovi, in esclusiva su Disney+.

Il film concerto di Taylor Swift arriverà in esclusiva su Disney+ il 15 marzo. In conclusione, ecco il poster ufficiale italiano del film concerto.

Continua a leggere
Pubblicità

    Copyright © 2024 Lost in Cinema.